Biografie

Alberto La Marmora

Alberto La Marmora
Alberto La Marmora nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Soldato e scienziato

Dal matrimonio fra il capitano Celestino Ferrero, marchese della Marmora, e Raffaella, figlia del marchese Nicola Amedeo Argentero di Rasezio, avvenuto nel 1780, nascono ben sedici figli, tre dei quali morti in tenerissima età. Dei restanti tredici, otto maschi e cinque femmine, il terzogenito Alberto è, insieme a Carlo Emanuele, Alessandro ed Alfonso, fra quelli che si distingueranno nella carriera militare e negli studi, e che contribuiranno a dare prestigio e lustro alla famiglia.

Conte di Boriana, Beatino e Pralormo, Alberto La Marmora nasce a Torino il 7 aprile 1789. A diciassette anni entra nella scuola militare di Fontainebleau dove, nel 1807, acquisisce il grado di sottotenente dando così inizio ad una brillante carriera. Partecipa alle ultime campagne dell'impero napoleonico e, dopo la sua caduta e la conseguente Restaurazione, rientra nei ranghi dell'esercito piemontese. Nel 1819 si reca per la prima volta in Sardegna per cacciare e studiare uccelli, e ne rimane affascinato. L'isola diverrà una delle sue grandi passioni, tanto che le dedicherà due libri: "Voyage en Sardaigne" e "Itineraires de l'ile de Sardaigne".

I moti rivoluzionari del 1821, effetto dell'impeto risorgimentale, lo vedono al seguito dell'eroico Santorre di Santarosa e dello stesso Carlo Alberto di Savoia (anche se il principe reale viene meno proprio alla vigilia dell'insurrezione). Sedati i moti, Alberto viene dispensato dal servizio attivo e mandato in esilio in Sardegna per essere tuttavia richiamato quattro anni dopo ed incaricato presso lo Stato Maggiore del vicerè.

Appassionato studioso di archeologia, nel 1829 entra nell'Accademia delle Scienze di Torino e nel 1832 nell'Accademia Geologica di Firenze. Promosso generale, nel 1836 è nominato Ispettore delle miniere in Sardegna e, nel 1841, gli viene affidato il comando della Scuola di marina di Genova. Nel 1848 riceve dal re Carlo Alberto, cui è sempre stato fedele, la nomina di senatore; nello stesso anno è inviato in Veneto per organizzare i volontari nella prima guerra d'indipendenza. Il 3 marzo 1849, dopo l'armistizio di Salasco, assume il Regio Commissariato ed il Comando generale della Divisione militare di Sardegna, carica che lascerà nel 1851.

Il suo spessore di uomo di studi e di cultura lo porta ad essere, inoltre, Socio corrispondente dell'Istituto lombardo di scienze e lettere di Milano, Socio corrispondente della Società agraria ed economica di Cagliari, Membro residente della Deputazione di storia patria di Torino, Socio corrispondente della Società reale di Napoli e Vicepresidente dell'Accademia delle scienze di Torino.

Alberto La Marmora si spegne in Torino il 18 maggio 1863, all'età di 74 anni.

Dalla sua commemorazione al Senato, il 18 maggio 1863: "… Sono poche settimane che egli inviava al Senato l'ultimo suo libro, col quale prese ad un tempo congedo dalle lettere e dalla vita, e questo libro era dedicato alla studiosa gioventù militare italiana; lascito prezioso che ci confidiamo sarà raccolto con pia venerazione e con profonda riconoscenza da quella eletta gioventù che saprà di non fallire nel cammino di gloria che le è aperto, se muoverà sulle orme di quattro fratelli di questa cospicua stirpe, Carlo, Alberto, Alessandro ed Alfonso, nomi oramai incancellabilmente segnati nelle più gloriose pagine della storia dell'indipendenza e del risorgimento d'Italia".

Aforismi di Alberto La Marmora

3 fotografie

Foto e immagini di Alberto La Marmora

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Alberto La Marmora ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Alberto La Marmora nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

14 biografie

Nati lo stesso giorno di Alberto La Marmora

Chris Cornell

Chris Cornell

Cantante statunitense
α 20 luglio 1964
ω 18 maggio 2017
Edoardo Sanguineti

Edoardo Sanguineti

Poeta e scrittore italiano
α 9 dicembre 1930
ω 18 maggio 2010
Enzo Tortora

Enzo Tortora

Conduttore TV italiano
α 30 novembre 1928
ω 18 maggio 1988
George Meredith

George Meredith

Scrittore e poeta inglese
α 12 febbraio 1828
ω 18 maggio 1909
Gustav Mahler

Gustav Mahler

Compositore e direttore d'orchestra austriaco
α 7 luglio 1860
ω 18 maggio 1911
Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais

Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais

Drammaturgo e polemista francese
α 24 gennaio 1732
ω 18 maggio 1799
Pietro Cascella

Pietro Cascella

Scultore e pittore italiano
α 2 febbraio 1921
ω 18 maggio 2008
Pietro Pomponazzi

Pietro Pomponazzi

Filosofo italiano
α 16 settembre 1462
ω 18 maggio 1525
Georg Ohm

Georg Ohm

Fisico tedesco
α 16 marzo 1789
ω 6 luglio 1854
James Fenimore Cooper

James Fenimore Cooper

Scrittore statunitense
α 15 settembre 1789
ω 14 settembre 1851
Silvio Pellico

Silvio Pellico

Patriota, scrittore e poeta italiano
α 24 giugno 1789
ω 31 gennaio 1854
Alfred de Vigny

Alfred de Vigny

Scrittore, drammaturgo e poeta francese
α 27 marzo 1797
ω 17 settembre 1863
Eugène Delacroix

Eugène Delacroix

Pittore francese
α 26 aprile 1798
ω 13 agosto 1863
Giovan Pietro Vieusseux

Giovan Pietro Vieusseux

Scrittore ed editore italiano di origini svizzere
α 28 settembre 1779
ω 28 aprile 1863
Giuseppe Gioachino Belli

Giuseppe Gioachino Belli

Poeta italiano
α 7 settembre 1791
ω 21 dicembre 1863
William Makepeace Thackeray

William Makepeace Thackeray

Scrittore inglese
α 18 luglio 1811
ω 24 dicembre 1863