Biografie

Buenaventura Durruti

Buenaventura Durruti
Buenaventura Durruti nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Al centro della guerra civile spagnola

Buenaventura Durruti nasce il 14 luglio 1896 da una famiglia proletaria a Leon (Spagna), piccola città clericale e fortemente monarchica. L'aria che si respira è di un conservatorismo senza speranza e la classe operaia ha una limitata rappresentanza politica. I pochi e sparuti repubblicani già sembrano dei pericolosi eversivi. Suo padre è un ferroviere di fede socialista, mentre la madre è una casalinga assai impegnata visto che deve allevare nove bambini. Durruti studia fino all'età di 14 anni. A scuola va bene e ama molto la lettura, è dotato di una mente brillante e curiosa che si scontra fin dall'adolescenza con il limite soffocante delle tradizioni di Leon.

Interrompe la scuola per lavorare nel laboratorio di Melchor Martinez, un piccolo artigiano metalmeccanico. La sera frequenta alcuni corsi e si specializza nel lavoro di meccanico, in seguito viene assunto presso la Compagnia ferroviaria della Spagna del nord.

La sua prima azione di protesta politica si svolge durante uno sciopero generale della UGT del 1917 in cui numerose persone vengono uccise e ferite. Le persecuzioni successive della Guardia Civil che aveva caricato pesantemente la folla lo costringono a lasciare Leon, anche perché si è distinto durante lo sciopero come uno dei più attivi nel contrastare i militari e viene, quindi, segnalato e licenziato dalla Compagnia ferroviaria. Si trasferisce allora a Gijon, nelle Asturie dove l'attività anarco-sindacale è molto vivace e dove la CNT, "Confederacion nacional de los trabajatores", sindacato anarchico fondato nel 1910, ha una delle sue sedi più attive.

A Gijon Durruti conosce Manuel Buenacasa, segretario generale della CNT e teorico del sindacalismo anarchico; fra i due nasce un'amicizia che gli permetterà di approfondire le sue teorie sullo sfruttamento proletario e sui metodi di lotta contro i proprietari delle fabbriche che si stavano organizzando per contrastare i sindacati spagnoli.

Partecipa al movimento anarchico entrando a far parte della CNT ma senza ricoprire, per sua scelta, incarichi dirigenziali ma partecipando all'attività di propaganda e di lotta. Aderisce anche al gruppo "Los Justicieros" in cui incontra due persone che saranno i suoi compagni di lotta per molti anni: Joan Oliver e Francisco Ascaso. Con entrambi Durruti partecipa a molte attività violente per contrastare la politica oppressiva dei gruppi imprenditoriali, quest'ultimi infatti avevano assoldato dei criminali chiamati Pistoleros che organizzavano agguati per uccidere i rappresentanti sindacali.

I militari della Guardia Civil spiccano un mandato di arresto nei suoi confronti e nei confronti dei suoi amici. Buenaventura scappa all'estero e dopo un periodo di latitanza viene arrestato in Francia insieme a Francisco Ascaso e a Gregorio Jover. Nel 1927 grazie ad una mobilitazione internazionale viene rilasciato insieme ai suoi compagni e proprio a Parigi conosce Emilienne Morin anarchica e sua futura compagna di vita. Torna in Spagna e riprende la sua attività anarchica lavorando all'interno della CNT e cercando di realizzare un'unione fra CNT e FAI, Federacion Anarchica Iberica. La sua attività politica non passa inosservata e viene imprigionato fino al 1935 nel carcere delle Canarie.

Per un anno, fino al 1936, ritorna a lavorare all'organizzazione della CNT che è diventato il più grande sindacato anarchico spagnolo e che raccoglie militanti e simpatizzanti in tutta la penisola. La sua base operativa è Barcellona e quando il 19 luglio si solleva la guarnigione militare della città per portare a termine il colpo di stato che si sta realizzando ovunque la CNT respinge i militari e prende il potere in tutta la Catalogna. Durruti, insieme ai suoi compagni, si dimostra uno dei migliori combattenti e organizza una propria colonna formata da 10.000 uomini che attraversa l'Aragona, riportando numerose vittorie, e giunge fino a Madrid.

Durante il tragitto vengono conquistati molti villaggi. La pratica normale è bruciare chiese e conventi, eliminare i registri catastali che determinano le proprietà, riunire i contadini e spiegare loro la pratica dell'esproprio e della condivisione comunista dei beni. Molte atrocità vengono compiute contro borghesi, proprietari terrieri e preti.

Buenaventura Durruti muore a Madrid il 20 novembre 1936, all'età di 40 anni. La causa della morte non è stata mai definitivamente acclarata ma sembra, secondo un testimone oculare, che scendendo dall'auto gli sia partito, dal fucile, un colpo accidentale. Altre versioni dicono che sia stato ucciso dai franchisti. Al di là di questo, ma sembra che la prima versione sia quella vera, al suo funerale partecipò una folla immensa consacrandolo eroe della Guerra Civile spagnola.

Aforismi di Buenaventura Durruti

3 fotografie

Foto e immagini di Buenaventura Durruti

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Buenaventura Durruti ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Buenaventura Durruti nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

8 biografie

Nati lo stesso giorno di Buenaventura Durruti

Benedetto Croce

Benedetto Croce

Filosofo, storico, scrittore e politico italiano
α 25 febbraio 1866
ω 20 novembre 1952
Ennio Flaiano

Ennio Flaiano

Scrittore, sceneggiatore e giornalista italiano
α 5 marzo 1910
ω 20 novembre 1972
Francisco Franco

Francisco Franco

Dittatore spagnolo
α 4 dicembre 1892
ω 20 novembre 1975
Giorgio De Chirico

Giorgio De Chirico

Pittore italiano
α 10 luglio 1888
ω 20 novembre 1978
Leonardo Sciascia

Leonardo Sciascia

Scrittore italiano
α 8 gennaio 1921
ω 20 novembre 1989
Lev Tolstoj

Lev Tolstoj

Scrittore russo
α 9 settembre 1828
ω 20 novembre 1910
Robert Altman

Robert Altman

Regista statunitense
α 20 febbraio 1925
ω 20 novembre 2006
André Breton

André Breton

Poeta, saggista e critico d'arte francese
α 19 febbraio 1896
ω 28 settembre 1966
Antonin Artaud

Antonin Artaud

Commediografo, scrittore attore e regista teatrale francese
α 4 settembre 1896
ω 4 marzo 1948
Camillo Pellizzi

Camillo Pellizzi

Scrittore e giornalista italiano
α 24 agosto 1896
ω 9 dicembre 1979
Eugenio Montale

Eugenio Montale

Poeta italiano, premio Nobel
α 12 ottobre 1896
ω 12 settembre 1981
Francis Scott Fitzgerald

Francis Scott Fitzgerald

Scrittore statunitense
α 24 settembre 1896
ω 21 dicembre 1940
Giuseppe Tomasi di Lampedusa

Giuseppe Tomasi di Lampedusa

Scrittore italiano
α 23 dicembre 1896
ω 23 luglio 1957
Italo Balbo

Italo Balbo

Politico, militare e aviatore italiano
α 6 giugno 1896
ω 28 giugno 1940
La Gazzetta dello Sport

La Gazzetta dello Sport

Quotidiano nazionale italiano
α 3 aprile 1896
Sandro Pertini

Sandro Pertini

Settimo Presidente della Repubblica Italiana
α 25 settembre 1896
ω 24 febbraio 1990
Bruno Misefari

Bruno Misefari

Anarchico italiano
α 17 gennaio 1892
ω 12 giugno 1936
Edward Bach

Edward Bach

Medico gallese
α 24 settembre 1886
ω 27 novembre 1936
Federico Garcia Lorca

Federico Garcia Lorca

Poeta spagnolo
α 5 giugno 1898
ω 19 agosto 1936
Gilbert Keith Chesterton

Gilbert Keith Chesterton

Scrittore e giornalista inglese
α 29 maggio 1874
ω 14 giugno 1936
Grazia Deledda

Grazia Deledda

Scrittrice italiana, premio Nobel
α 27 settembre 1871
ω 15 agosto 1936
Ivan Pavlov

Ivan Pavlov

Medico fisiologo russo
α 4 settembre 1849
ω 27 febbraio 1936
Karl Kraus

Karl Kraus

Giornalista satirico austriaco
α 28 aprile 1874
ω 12 giugno 1936
Louis Blériot

Louis Blériot

Aviatore pioniere e imprenditore francese
α 1 luglio 1872
ω 2 agosto 1936
Luigi Pirandello

Luigi Pirandello

Drammaturgo, scrittore e poeta italiano, premio Nobel
α 28 giugno 1867
ω 10 dicembre 1936
Paul Bourget

Paul Bourget

Scrittore e saggista francese
α 2 settembre 1852
ω 25 dicembre 1936
Rudyard Kipling

Rudyard Kipling

Scrittore inglese, premio Nobel
α 30 dicembre 1865
ω 18 gennaio 1936