Biografie

Buster Keaton

Buster Keaton
Buster Keaton nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Buster Keaton

Biografia Una maschera a due facce

Buster Keaton nasce a Piqua, Kansas (Usa) il 4 ottobre 1895. Le sue doti eccezionali ed il suo stile unico e inimitabile come interprete hanno in parte oscurato il suo talento come regista cinematografico, qualità queste che possono in parte essere attribuite al fatto che fin dall'infanzia si trovò a dover risolvere problemi di messa in scena. Figlio di acrobati, Buster Keaton crebbe nell'ambiente del music-hall e del vaudeville (i suoi genitori viaggiavano in un "medicine show"), e all'età di tre anni Keaton si unì a loro come interprete di un numero.

Quando il padre si diede all'alcool e il team si sciolse, Keaton entrò a soli vent'anni, nel mondo del cinema come spalla-antagonista (dal 1917 al 1919 in ben quindici cortometraggi, con eccezione degli ultimi mesi di guerra durante i quali Keaton dovette prestar servizio militare) di Fatty Arbuckle. Nel 1920 aprì un suo studio, fidando sulle doti atletiche maturate nell'infanzia e su un minimo di conoscenze tecniche; circondatosi di persone fidate, iniziò a produrre con la loro collaborazione cortometraggi comici, fra i quali, tanto per citarne alcuni, "One week", "Neighbours" e "Convict 13".

Mano a mano che i suoi ruoli diveniva più importante il suo stile si raffinava. Nel 1919 Joseph Schenck formò una compagnia per la produzione di cortometraggi interpretati, scritti e diretti da Keaton. Il primo fu "The high sign" (1920), al quale seguì una lunga serie di film a "due bobine" che fu il meglio delle comiche di quei tempi a Hollywood, fra cui, sempre restringendo per questioni di sapzio i titoli citati, "The goat", "The Playhouse" e "The boat".

Nel 1920 Keaton recitò in un lungometraggio per la Metro, "The Saphead", tratto dalla commedia teatrale "The new Henrietta"; solo tre anni più tardi iniziò una produzione propria di lungometraggi con "L'amore attraverso i secoli" (1923). La serie di film che seguirono avevano una consistenza di stile e delle qualità tecniche che rivelano il controllo creativo di Keaton. Tra i suoi film più significativi: "Accidenti che ospitalità" (1923), "La palla n. 13" (1924), "Il navigatore" (1924), "Seven Chances" (1925), "Io e la vacca" (1925), "Battling Butler" (1926), "Il Generale" (1926), "College" (1927) e "Io e il ciclone" (1928).

Keaton era al tempo stesso regista, sceneggiatore e attore. La maschera era quindi soltanto una delle componenti della sua arte; come sceneggiatore invece attende a soggetti in cui le gag discendono l'una dall'altra, secondo una data logica narrativa; come regista sfrutta trucchi di montaggio ed effetti ottici.

Con l'avvento del sonoro, Keaton si trovò legato alle nuove organizzazioni industriali di quei tempi, e dovette produrre attraverso la MGM. I metodi di lavoro dei grandi studi non gli furono congeniali e dopo la realizzazione di due altri film muti ("Io e la scimmia (1928) e "Spite marriage"(1929) ), la sua carriera iniziò a declinare anche se il suo talento rimase intatto. Dopo qualche film sonoro, cercò lavoro dove poteva senza fare grandi distinzioni. Keaton viene ridotto a attore comico di film dozzinali, e poi a spalla di altri attori. Di pari passo declina la sua vita privata: divorzi, dissesti economici, alcool. Trascorse un anno in una clinica psichiatrica. Per una dozzina di anni Keaton si aggira come un fantasma per gli studios di Hollywood, dirigendo, sceneggiando, interpretando, nell'anonimato o quasi.

Nel dopoguerra alcune brevi ma intense interpretazioni di alta classe lo riportano alla ribalta: il giocatore di poker di "Sunset boulevard" (Billy Wilder), il vecchio pianista di "Limelights" (Charlie Chaplin) e soprattutto l'uomo che cancella sé stesso in "Film" (l'unico cortometraggio del drammaturgo Samuel Beckett). La disperata assurdità del teatro di Beckett si sposa con la muta nevrosi della maschera keatoniana: Keaton nasconde lo specchio, straccia le sue fotografie, ed è solo nel vuoto (chiuso in una camera, ha orrore di sé stesso.

Solo verso la fine dei suoi anni, il riconoscimento della nuova generazione risollevò il suo spirito. La sua ultima interpretazione avvenne nel 1966 in "Dolci vizi al foro".

Spesso, nelle interviste che l'attore ha concesso, gli è stata chiesta la ragione della sua inossidabile serietà. Lui, serissimo, snocciolava il seguente aneddoto: "Uno degli uomini più comici che io abbia mai conosciuto era un attore del vaudeville. Si presentava al pubblico come "il grande uomo triste". Non ne ho mai visti di più divertenti". Per quelli che non si accontentavano della spiegazione Keaton aveva in serbo una chiosa: "Realizzare film comici è un lavoro serio. Se un attore si mette a ridere sullo schermo è come se dicesse allo spettatore che non deve credere a quello che vede, in quanto non è serio. Io ho esordito nel varietà, dove a furia di beccare torte in faccia ho capito una cosa, che quanto più mi mostravo indifferente e quasi stupito dell'ilarità del pubblico, tanto più quello rideva. Insomma, c'è il tipo di comico che cerca di entrare in confidenza col pubblico, di far ridere il pubblico con sé. Per quel che mi riguarda, il pubblico ride di me", tornando alla domanda iniziale: "Non ci trovo proprio niente da ridere".

Filmografia selezionata:

- Come vinsi la guerra

- Io e la vacca

- Navigatore

The three ages (1923)

Our hospitality (1924)

The general (1926)

The cameraman (1928)

Speak easily (1932)

Sunset boulevard (1950), attore

Limelight (1952), attore

Film, di Samuel Beckett, attore

Aforismi di Buster Keaton

3 fotografie

Foto e immagini di Buster Keaton

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Buster Keaton ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Buster Keaton nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Buster Keaton

8 biografie

Nati lo stesso giorno di Buster Keaton

Gian Carlo Menotti

Gian Carlo Menotti

Compositore italiano
α 7 luglio 1911
ω 1 febbraio 2007
Mary Shelley

Mary Shelley

Scrittrice inglese
α 30 agosto 1797
ω 1 febbraio 1851
Piet Mondrian

Piet Mondrian

Pittore olandese
α 7 marzo 1872
ω 1 febbraio 1944
Wislawa Szymborska

Wislawa Szymborska

Poetessa polacca, premio Nobel
α 2 luglio 1923
ω 1 febbraio 2012
Giorgio VI del Regno Unito

Giorgio VI del Regno Unito

Monarca britannico
α 14 dicembre 1895
ω 6 febbraio 1952
Babe Ruth

Babe Ruth

Leggenda del baseball statunitense
α 6 febbraio 1895
ω 16 agosto 1948
Dino Grandi

Dino Grandi

Gerarca fascista e politico italiano
α 4 giugno 1895
ω 21 maggio 1988
Ernst Jünger

Ernst Jünger

Scrittore tedesco
α 29 marzo 1895
ω 17 febbraio 1998
Giuseppe Bottai

Giuseppe Bottai

Gerarca fascista e politico italiano
α 3 settembre 1895
ω 9 gennaio 1959
Jean Giono

Jean Giono

Scrittore francese
α 30 marzo 1895
ω 9 ottobre 1970
Jiddu Krishnamurti

Jiddu Krishnamurti

Filosofo apolide
α 12 maggio 1895
ω 18 febbraio 1986
John Edgar Hoover

John Edgar Hoover

Funzionario statunitense, storico capo dell'FBI
α 1 gennaio 1895
ω 2 maggio 1972
Paul Eluard

Paul Eluard

Poeta francese
α 14 dicembre 1895
ω 18 novembre 1952
Rodolfo Valentino

Rodolfo Valentino

Attore italiano
α 6 maggio 1895
ω 23 agosto 1926
Sergej Esenin

Sergej Esenin

Poeta russo
α 3 ottobre 1895
ω 27 dicembre 1925
Alberto Giacometti

Alberto Giacometti

Scultore e artista svizzero
α 10 ottobre 1901
ω 11 gennaio 1966
André Breton

André Breton

Poeta, saggista e critico d'arte francese
α 19 febbraio 1896
ω 28 settembre 1966
Anna Johnson Pell Wheeler

Anna Johnson Pell Wheeler

Matematica statunitense
α 5 maggio 1883
ω 26 marzo 1966
Elio Vittorini

Elio Vittorini

Scrittore italiano
α 23 luglio 1908
ω 12 febbraio 1966
Elizabeth Arden

Elizabeth Arden

Imprenditrice canadese
α 31 dicembre 1878
ω 19 ottobre 1966
Evelyn Waugh

Evelyn Waugh

Scrittore inglese
α 28 ottobre 1903
ω 10 aprile 1966
Gilberto Govi

Gilberto Govi

Attore italiano
α 22 ottobre 1885
ω 28 aprile 1966
Stanislaw Jerzy Lec

Stanislaw Jerzy Lec

Scrittore e aforista polacco
α 6 marzo 1909
ω 7 maggio 1966
Walt Disney

Walt Disney

Disegnatore statunitense
α 5 dicembre 1901
ω 15 dicembre 1966