Biografie

Camillo Pellizzi

Camillo Pellizzi
Camillo Pellizzi nelle opere letterarie

Biografia Tra sociologia e politica

Camillo Pellizzi nasce a Collegno (Torino) da genitori emiliani il 24 agosto 1896. Compie gli studi medi ed universitari a Pisa, dove il padre è professore di psichiatria e, per un periodo, rettore dell'università. Mobilitato in anticipo di leva, è combattente nella prima guerra mondiale.

Si laurea a Pisa in Giurisprudenza, nel gennaio 1917, durante una licenza invernale.

Recatosi in Inghilterra per i suoi studi, diviene assistente presso la cattedra di Studi italiani all'University College, tenuta da Antonio Cippico (1920), poi lettore nel 1925 e nel 1931 reader. Nello stesso anno consegue la libera docenza; nel 1934, è nominato titolare della cattedra, quale successore del professor Edmund G. Gardner, con cui collabora dal 1925. Mantiene nominalmente il posto fino al 1943, ma di fatto fino al luglio del 1939.

In Italia, nel 1938, Camillo Pellizzi vince il concorso universitario di Storia e dottrina del fascismo all'Università di Messina, dove però non si reca, in quanto chiede di essere chiamato a Firenze. Prende servizio presso la Facoltà di scienze politiche "C. Alfieri" dell'Università di Firenze solo nell'ottobre 1939.

Nella primavera del 1921 è tra i fondatori del Fascio di Londra. Un anno dopo, il Duce lo incarica di assumere la corrispondenza da Londra del "Popolo d'Italia", che mantiene fino al 1929. In quello stesso periodo collabora a "Critica fascista" e a "Gerarchia"; successivamente, dal 1929 al 1943, al "Corriere della sera". Nell'autunno del 1922 viene nominato Delegato statale pei Fasci di Gran Bretagna e Irlanda, e si adopera alla fondazione dei Fasci di Glasgow, Edimburgo, Newcastle, Cardiff, Liverpool e Dublino. Mantiene tale incarico fino al 1925. E' inoltre dal 1932 al 1940 il delegato a Londra della "Dante Alighieri".

In contatto con maestri e discepoli della scuola idealista, Pelizzi intreccia relazioni amichevoli con Armando Carlini e con Giovanni Gentile. Il 5 dicembre 1922 viene nominato ufficialmente membro del Gruppo di Competenza nazionale dell'Istruzione. La sua attività di rilievo nel periodo fascista è la presidenza dell'Istituto nazionale di cultura fascista, nella successione a Gentile e a De Francisci. Mantiene questa carica dal 4 aprile 1940 al 7 luglio 1943.

Epurato prima dalla Repubblica sociale italiana, alla quale non aderisce, poi dal Consiglio dei ministri nel 1945-46, finalmente nel 1949 sia la IV sezione del Consiglio di Stato, sia la sezione speciale per l'epurazione accolgono i suoi ricorsi, giudicando che i fatti addebitati, o non esistevano, o non cadevano nel disposto della legge.

Tra il 1945 e il 1949 Camillo Pellizzi vive di stenti, riuscendo a mandare avanti la propria famiglia grazie al lavoro di traduttore dall'inglese per le case editrici Longanesi, Bompiani, Laterza e Mondadori, e a quello di articolista per "Cronache", "L'Ora d'Italia", "Il Lavoro italiano", "La Fiera letteraria", ed altre testate, firmandosi molte volte con degli pseudonimi.

Nel 1950 riprende l'insegnamento universitario con l'istituzione di una nuova cattedra, quella di Sociologia all'Università di Firenze. Dal 1948 collabora regolarmente a "Il Tempo" e "La Nazione". Per ben due volte, nel 1940 e nel 1942, gli era stato proposto di assumere la direzione di quest'ultimo giornale, ma Mussolini non gli aveva permesso di dimettersi dalla sua carica all'Istituto nazionale di cultura fascista.

Nell'ottobre del 1951 il Consiglio direttivo della Associazione italiana di scienze politiche e sociali lo chiama in qualità di membro effettivo dell'associazione stessa. Dietro proposta di Giorgio Del Vecchio, negli anni accademici 1950-51 e 1951-52 tiene il corso di sociologia alla scuola di perfezionamento in filosofia del diritto della Università degli studi di Roma. Sempre in questi anni gli viene proposto, da parte di Roberto Suster, di far parte del Fronte nazionale e, da parte di Oddo Occhini, di diventare membro del Comitato culturale del Movimento sociale italiano. Ma Pellizzi declina entrambi gli inviti, avendo deciso sin dal 1943 di non partecipare in alcun modo alle attività di movimenti o partiti politici.

Nel settembre 1952 si vede conferito il premio giornalistico Marzotto per la sua lunga attività pubblicistica. Dal 1954 al 1958 è direttore a Parigi del Dipartimento italiano dell'Organizzazione europea per la cooperazione economica (Oece). E' inoltre presidente del Comitato studi e programmi (Csp) dell'Ordine dei Cavalieri del Lavoro, tra il 1953 e il 1959, nonché del Gruppo italiano di sociolinguistica aderente alla sezione di sociolinguistica della International Sociological association (Isa), negli anni 1967-1969.

Sul finire della sua carriera accademica, tiene anche la cattedra di Storia e teoria delle scienze dell'uomo all'Istituto superiore di scienze sociali di Urbino ed è membro del Comitato tecnico per la ristrutturazione dell'Istituto stesso (1968-1970).

Nel 1959 fonda a Firenze la rivista "Rassegna italiana di sociologia", della quale rimane direttore fino alla sua morte (9 dicembre 1979).

Frasi di Camillo Pellizzi

4 fotografie

Foto e immagini di Camillo Pellizzi

Loading...

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Camillo Pellizzi ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Camillo Pellizzi nelle opere letterarie

9 biografie

Nati lo stesso giorno di Camillo Pellizzi

Antonio Salandra

Antonio Salandra

Politico italiano
α 13 agosto 1853
ω 9 dicembre 1931
Antoon van Dyck

Antoon van Dyck

Pittore belga
α 22 marzo 1599
ω 9 dicembre 1640
Franco Franchi

Franco Franchi

Attore comico
α 18 settembre 1928
ω 9 dicembre 1992
Mary Leakey

Mary Leakey

Paleoantropologa e archeologa inglese
α 6 febbraio 1913
ω 9 dicembre 1996
André Breton

André Breton

Poeta, saggista e critico d'arte francese
α 19 febbraio 1896
ω 28 settembre 1966
Antonin Artaud

Antonin Artaud

Commediografo, scrittore attore e regista teatrale francese
α 4 settembre 1896
ω 4 marzo 1948
Buenaventura Durruti

Buenaventura Durruti

Sindacalista e rivoluzionario anarchico spagnolo
α 14 luglio 1896
ω 20 novembre 1936
Eugenio Montale

Eugenio Montale

Poeta italiano, premio Nobel
α 12 ottobre 1896
ω 12 settembre 1981
Francis Scott Fitzgerald

Francis Scott Fitzgerald

Scrittore statunitense
α 24 settembre 1896
ω 21 dicembre 1940
Giuseppe Tomasi di Lampedusa

Giuseppe Tomasi di Lampedusa

Scrittore italiano
α 23 dicembre 1896
ω 23 luglio 1957
Italo Balbo

Italo Balbo

Politico, militare e aviatore italiano
α 6 giugno 1896
ω 28 giugno 1940
La Gazzetta dello Sport

La Gazzetta dello Sport

Quotidiano nazionale italiano
α 3 aprile 1896
Sandro Pertini

Sandro Pertini

Settimo Presidente della Repubblica Italiana
α 25 settembre 1896
ω 24 febbraio 1990
Boris Giuliano

Boris Giuliano

Ufficiale di polizia italiano, vittima di mafia
α 22 ottobre 1930
ω 21 luglio 1979
Gio Ponti

Gio Ponti

Architetto e designer italiano
α 18 novembre 1891
ω 16 settembre 1979
Giorgio Ambrosoli

Giorgio Ambrosoli

Avvocato italiano, vittima di mafia
α 17 ottobre 1933
ω 11 luglio 1979
Giuseppe Meazza

Giuseppe Meazza

Calciatore italiano
α 23 agosto 1910
ω 27 ottobre 1979
John Wayne

John Wayne

Attore statunitense
α 26 maggio 1907
ω 11 giugno 1979
Josef Mengele

Josef Mengele

Medico militare nazista
α 16 marzo 1911
ω 24 gennaio 1979
Mario Francese

Mario Francese

Giornalista italiano, vittima di mafia
α 6 febbraio 1925
ω 26 gennaio 1979
Nelson Rockefeller

Nelson Rockefeller

Industriale e politico statunitense
α 8 luglio 1908
ω 27 gennaio 1979
Nino Rota

Nino Rota

Compositore italiano
α 3 dicembre 1911
ω 10 aprile 1979
Peggy Guggenheim

Peggy Guggenheim

Collezionista d'arte statunitense
α 26 agosto 1898
ω 23 dicembre 1979
Sante Pollastri

Sante Pollastri

Noto criminale italiano
α 14 agosto 1899
ω 30 aprile 1979
Sid Vicious

Sid Vicious

Musicista punk inglese, Sex Pistols
α 10 maggio 1957
ω 2 febbraio 1979
Tommaso Landolfi

Tommaso Landolfi

Scrittore e poeta italiano
α 9 agosto 1908
ω 8 luglio 1979