Biografie

Emile Zola

Emile Zola
Emile Zola nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Naturali esperimenti in cicli

Émile Zola nasce a Parigi il 2 aprile del 1840 ma si trasferisce presto a Aix-en-provence, dove il padre, Francesco, un ingegnere italiano, lavora alla costruzione del canale. Il padre muore quando Emile ha solo sette anni ed inizia un periodo di grande miseria. Grazie ad una borsa di studio, compie i suoi studi in un collegio, dove incontra e diventa amico di Paul Cézanne.

Nel 1858, a diciotto anni, raggiunge la madre a Parigi e tenta di farsi riconoscere inutilmente un indennizzo dalla società presso la quale lavorava il padre. Viene respinto per due volte all'esame di maturità e questo fallimento lo induce ad abbandonare gli studi. Per circa tre anni non riesce a trovare neanche un impiego, vivendo nella miseria più nera. Questi però sono anche gli anni in cui comincia a scrivere poesie e racconti con protagonista la sua amata ed idealizzata Provenza.

Finalmente nel 1862 Zola trova un impiego presso la casa editrice Hachette, dove rimane fino al 1866. Grazie a questo lavoro intesse molte relazioni letterarie e inizia anche l'attività di giornalista, che sarà per lui sempre una sorta di secondo lavoro. Scrive una rubrica di cronaca letteraria per l'"Evènement" e collabora con: "Le Figaro", il "Globe", "La Cloche", il "Sémaphore" di Marsiglia, e il "Messager de l'Europe".

Il suo primo romanzo, "Thérèse Raquin", viene pubblicato nel 1867 e, traendo ispirazione da "La Commedie humaine" di Honoré de Balzac, comincia a progettare una epopea romanzesca basata sulle vicende che coinvolgono una intera famiglia: i Rougon-Macquart. Scrive due testi che fungono da prefazione al suo progetto: "La fortuna dei Rougon" (1870) e "Il romanzo sperimentale" (1880). Con questi due testi-prefazione delimita il tema dei suoi ben venti romanzi: le vicende di una famiglia francese del Secondo Impero; vicende attraverso le quali si ripromette di raccontare anche una intera epoca.

Emile Zola legge i romanzi realisti, si avvicina al positivismo e alla ricerca scientifica grazie soprattutto alla lettura di "L'introduzione allo studio della medicina sperimentale" di Claude Bernard. Grazie a questi studi elabora il progetto di un romanzo sperimentale guidato dagli stessi criteri di obiettività che dominano la ricerca scientifica. I suoi romanzi però non sono una pedissequa descrizione del mondo e dell'ambiente prescelto. Rimane un creatore che scrive seguendo sempre lo stesso filo conduttore rappresentato dal concetto di ereditarietà: tutti i membri della famiglia sono cioè vessati da una tara ereditaria che ha il suo primo rappresentante nella pazzia della capostipite, la zia Dide.

Il ciclo inizia con: "La fortuna dei Rougon" (1871) e prosegue con diciannove romanzi, tra cui: "La cuccagna" (1872), " Il ventre di Parigi" (1874), "La conquista di Plassans" (1875), "L'Ammazzatoio" (1877), "Nanà" (1880), "Germinal" (1885), "La Bestia umana" (1890), "Il dottor Pascal" (1893).

Al centro del suo universo letterario vi sono la pazzia, la furia dell'accumulo di denaro, l'istinto di auto-distruzione, la follia omicida, il perseguimento del piacere a tutti i costi, la corruzione e la corruttibilità femminili.

Nel 1870 lo scrittore francese si sposa e il successo dei Rougon-Macquart gli permette di raggiungere quell'indipendenza economica che sogna da tempo. I lavori a cui si dedica dopo il ciclo dei Rougon-Macquart, seguono la stessa idea del romanzo ciclico. I nuovi romanzi hanno come protagoniste le città di Roma (1895), Lourdes (1894) e Parigi (1898). Il protagonista vive un ritorno allo spiritualismo, che sarà lo spunto per il successivo ciclo di romanzi basati sull'idea dei Quattro vangeli. Zola scrive: "Fecondità" (1899), "Lavoro" (1900), "Verità" (1902), purtroppo l'ultimo "Giustizia" resta incompiuto.

Nel 1888 conosce Jeanne Rozerot, che diventa la sua amante e dalla quale ha due figli. Jeanne è una delle cameriere della moglie, e quando i due si incontrano ha solo 21 anni, mentre Zola ne ha 48. Per conquistarla dimagrisce andando in bicicletta e, grazie a lei, conosce per la prima volta le gioie della paternità. La moglie Alexandrine, scoperta la relazione nel 1891, gli impone di abbandonare l'amante. Emile promette di farlo, ma decide poi di vivere una doppia vita che, come lui stesso confessa, è fonte di grande disperazione. La caratteristica che accomuna le due donne è la grande devozione nei suoi confronti.

Dopo la morte dello scrittore, le due si incontreranno. Jeanne presenterà i suoi figli ad Alexandrine e i due bambini, dal 1906, potranno portare il cognome paterno.

La vita di Zola viene sconvolta oltre che da Jeanne, anche dall'affaire Dreyfus. Egli si schiera dalla parte del capitano Dreyfus accusato di alto tradimento, ma in realtà vittima di una violenta ondata di antisemitismo. Scrive il 6 gennaio del 1898 la famosa lettera intitolata: "J'accuse, lettera aperta al presidente della Repubblica". La sua lettera sarà la causa del deflagrare di un vero e proprio scandalo: Zola accusa infatti una serie di capi militari di essere i complici del crimine giudiziario di cui è vittima il capitano Dreyfus.

A causa della sua presa di posizione, l'ultimo periodo della sua vita è funestato da due processi e alcuni mesi di esilio a Londra, accompagnati da odi e calunnie nei suoi confronti.

Émile Zola muore a Parigi il 29 settembre del 1902 a causa delle esalazioni di una stufa, anche se, a causa dell'affaire Dreyfus, non verrà mai fugato il sospetto che possa essersi trattato di omicidio.

Frasi di Emile Zola

3 fotografie

Foto e immagini di Emile Zola

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Emile Zola ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Emile Zola nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

9 biografie

Nati lo stesso giorno di Emile Zola

Ferdinando VII di Spagna

Ferdinando VII di Spagna

Monarca spagnolo
α 14 ottobre 1784
ω 29 settembre 1833
Angelo Poliziano

Angelo Poliziano

Umanista italiano
α 14 luglio 1454
ω 29 settembre 1494
Wystan Hugh Auden

Wystan Hugh Auden

Poeta e scrittore inglese
α 21 febbraio 1907
ω 29 settembre 1973
Auguste Rodin

Auguste Rodin

Scultore e pittore francese
α 12 novembre 1840
ω 17 novembre 1917
Claude Monet

Claude Monet

Pittore francese
α 14 novembre 1840
ω 5 dicembre 1926
Giovanni Verga

Giovanni Verga

Scrittore italiano
α 2 settembre 1840
ω 27 gennaio 1922
Pyotr Ilyich Tchaikovsky

Pyotr Ilyich Tchaikovsky

Compositore russo
α 7 maggio 1840
ω 6 novembre 1893
Thomas Hardy

Thomas Hardy

Poeta e scrittore inglese
α 2 giugno 1840
ω 11 gennaio 1928
Levi Strauss

Levi Strauss

Imprenditore tedesco-statunitense, fondatore del brand d'abbigliamento Levi Strauss & Co.
α 26 febbraio 1829
ω 26 settembre 1902