Biografie

Emma Bonino

Emma Bonino
Emma Bonino nelle opere letterarie

Biografia Impegno appassionato e sincero

Deputata al Parlamento Europeo, già Commissaria EU per gli aiuti umanitari, la politica dei consumatori e la pesca, Emma Bonino da oltre trent'anni si occupa di politica con metodi che spesso hanno suscitato controversie. La sua carriera è infatti iniziata verso la metà degli anni '70 con la lotta per la legalizzazione dell'aborto in Italia e successivamente per l'affermazione del divorzio e la legalizzazione delle droghe leggere.

Nata il 9 marzo del 1948 a Bra (Cuneo), si è laureata all'Università Bocconi di Milano in lingue e letterature straniere, Emma Bonino, dopo aver iniziato la sua militanza nel Partito Radicale accanto a Marco Pannella, fonda nel 1975 il Cisa (Centro informazione, sterilizzazione e aborto) e un anno dopo viene eletta alla Camera dei Deputati. Per l'attività del Cisa, a causa della mentalità ancora arretrata relativamente a queste tematiche nell'Italia del tempo, subisce un arresto.

Nel 1979 diventa deputato del Parlamento Europeo (carica che sarà riconfermata nel 1984), e si fa portatrice in prima persona di numerose battaglie referendarie promosse dai radicali, soprattutto sui temi dei diritti civili.

Dalla metà degli anni Ottanta si fa anche promotrice, fra i pochissimi in Europa (essendo la contesa politca Italiana più concentrata sugli aspetti interni), di una serie di campagne internazionali per la difesa dei diritti umani, civili e politici nei Paesi dell'est Europeo. Nel 1991 diventa presidente del Partito Radicale transnazionale e transpartitico e nel '93 segretaria del Partito. Nel 1994, su indicazione del Governo Berlusconi, viene nominata commissario europeo alla Politica dei consumatori e agli Aiuti umanitari. Una scelta che, solo per il fatto di esser stata caldeggiata da leader di Forza Italia, ha suscitato numerose controversie, in quanto molti ritennero la collaborazione con l'industriale come un tradimento della politica radicale. Ma Emma interpreta la missione con passione e coraggio e conquista grazie alle sue capacità una notorietà internazionale.

Il 27 settembre del 1997 viene sequestrata dai Talebani in un ospedale di Kabul in Afghanistan dove era andata a verificare il funzionamento degli aiuti umanitari europei. Viene rilasciata dopo quattro ore e denuncia in tutto il mondo le terribili condizioni di vita delle donne afghane.

Nel 1999 si è autocandidata alla presidenza della Repubblica. Una posizione singolare e improbabile (non c'è l'elezione diretta del presidente), sostenuta però da una campagna martellante che l'ha aiutata ad avere un inatteso successo nelle elezioni europee dello stesso anno con un ragguardevole 9 per cento. Malgrado ciò, non ce l'ha fatta ad essere confermata nella nuova Commissione europea, presieduta da Prodi, le viene preferito Mario Monti. Si ributta sulla scena nazionale, sempre a fianco di Pannella, ma alle elezioni regionali del 16 aprile 2000 la Lista Bonino perde gran parte dei consensi fermandosi al 2 per cento.

Emma Bonino, carattere di ferro, non si scoraggia. Anzi, insieme all'inossidabile Pannella, promuove una serie di referendum su vari temi, che spaziano dal mercato del lavoro ai sindacati, dalla magistratura al sistema elettorale. Iniziative lodevoli e coraggiose che però non vengono premiate dagli elettori: il 21 maggio 2000, infatti, i referendum naufragano inesorabilmente a causa del mancato raggiungimento del quorum. Un fallimento che farà pronunciare parole amare alla Bonino, convinta che con quello sia anche finita una precisa stagione politica, quella che faceva appunto leva sui referendum e il coinvolgimento dei cittadini. Ad ogni modo, sono incombenti le politiche del 2001, a cui la Lista Bonino si presenta da sola ottenendo consensi per la verità non molto incoraggianti, solo il 2,3 per cento dei voti.

D'altronde, le posizioni espresse da Emma Bonino raramente sono concilianti ed anzi spesso fanno a pugni con quella che si vorrebbe sia la sensibilità comune, specie in un paese come l'Italia. Ad esempio, di recente si è opposta al Vaticano per la decisione della Chiesa cattolica contro la sperimentazioni sulle cosiddette cellule staminali (che darebbero speranza di guarigione a persone affette da diverse patologie), manifestando davanti a S. Pietro con cartelli contenente slogan da qualcuno ritenuti blasfemi come "No Taliban. No Vatican".

Di contro, non si contano le iniziative internazionali altamente apprezzate nel mondo. Sempre di recente, si è recata con Marco Pannella a Zagabria dove il Ministro Tonino Picula gli ha consegnato le onorificenze per l'impegno da loro dimostrato nel 1991 quando sostennero la lotta croata per l'indipendenza. Da Zagabria sono poi partiti per Tirana al Congresso del Partito Radicale da dove Emma Bonino si è poi spostata al Cairo dove vive da qualche tempo.

Grazie alle sue posizioni fortemente liberali, Emma Bonino si trova insomma ad incarnare, insieme a tutto il partito radicale e al suo leader Marco Pannella, una delle più interessanti, seppur minoritarie e poco ascoltate, alternative politiche presenti in Europa. Emma Bonino inoltre rappresenta la straordinaria forza delle donne nella politica: il suo impegno, la sua dedizione, la sua passione hanno contribuito ad un enorme accrescimento del paese sul piano dei diritti umani e civili.

Nel maggio 2006 viene nominata Ministro per gli Affari europei nel Governo Prodi.

In occasione delle elezioni politiche ad aprile 2008 si candidata e viene eletta al Senato come capolista del Partito Democratico nella circoscrizione Piemonte, in base ad un accordo fra democratici e Radicali, all'interno della delegazione Radicale nel PD. Il 6 maggio 2008 è eletta vicepresidente del Senato della Repubblica.

Successivamente cura e pubblica un libro sull'innalzamento e l'equiparazione dell'età pensionabile delle donne, dal titolo "Pensionata sarà lei - Le donne, la parità e la crisi economica" (marzo 2009).

Nel 2010 lancia la propria candidatura alla presidenza della Regione Lazio, appoggiata dai Radicali e successivamente dal Partito Democratico e altri partiti di centro-sinistra. Le elezioni la vedono sconfitta per soli 1,7 punti percentuali da Renata Polverini, candidata del Popolo della Libertà.

Alla fine di aprile del 2013 Emma Bonino viene nominata Ministro degli Esteri per il governo Letta.

Frasi di Emma Bonino

3 fotografie

Foto e immagini di Emma Bonino

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Emma Bonino ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Emma Bonino nelle opere letterarie

15 biografie

Nati lo stesso giorno di Emma Bonino

Israele

Israele

Stato
α 14 maggio 1948
Carlo principe di Galles

Carlo principe di Galles

Reale inglese
α 14 novembre 1948
Al Gore

Al Gore

Politico statunitense, premio Nobel
α 31 marzo 1948
Aldo Busi

Aldo Busi

Scrittore italiano
α 25 febbraio 1948
Alice Cooper

Alice Cooper

Cantante rock statunitense
α 4 febbraio 1948
Arthur Bloch

Arthur Bloch

Scrittore e umorista statunitense
α Anno 1948
Beppe Grillo

Beppe Grillo

Comico italiano, politico e fondatore del Movimento 5 Stelle
α 21 luglio 1948
Brian Eno

Brian Eno

Compositore, musicista e produttore discografico inglese
α 15 maggio 1948
Catherine Breillat

Catherine Breillat

Regista e scrittrice francese
α 13 luglio 1948
Donna Summer

Donna Summer

Cantante statunitense
α 31 dicembre 1948
ω 17 maggio 2012
Edwige Fenech

Edwige Fenech

Attrice e produttrice italiana di origine francese
α 24 dicembre 1948
Elsa Fornero

Elsa Fornero

Economista e accademica italiana
α 7 maggio 1948
Ezio Mauro

Ezio Mauro

Giornalista italiano
α 24 ottobre 1948
Frank Abagnale

Frank Abagnale

Consulente finanziario statunitense, ex truffatore
α 27 aprile 1948
George R. R. Martin

George R. R. Martin

Scrittore di fantascienza e fantasy, sceneggiatore e autore statunitense
α 20 settembre 1948
Gerard Depardieu

Gerard Depardieu

Attore francese
α 27 dicembre 1948
Giampiero Ventura

Giampiero Ventura

Allenatore di calcio italiano
α 14 gennaio 1948
Gino Strada

Gino Strada

Chirurgo italiano, fondatore di Emergency
α 21 aprile 1948
Ian McEwan

Ian McEwan

Scrittore inglese
α 21 giugno 1948
James Ellroy

James Ellroy

Scrittore statunitense
α 4 marzo 1948
Jean Reno

Jean Reno

Attore francese
α 30 luglio 1948
Jeremy Irons

Jeremy Irons

Attore inglese
α 19 settembre 1948
John Carpenter

John Carpenter

Regista statunitense
α 16 gennaio 1948
Kathy Bates

Kathy Bates

Attrice statunitense
α 28 giugno 1948
Laura Bush

Laura Bush

Ex first lady statunitense
α 4 novembre 1948
Marcello Lippi

Marcello Lippi

Allenatore italiano
α 12 aprile 1948
Marco Tronchetti Provera

Marco Tronchetti Provera

Imprenditore e manager italiano
α 18 gennaio 1948
Mario Lavezzi

Mario Lavezzi

Cantautore italiano
α 8 maggio 1948
Maurizio Nichetti

Maurizio Nichetti

Regista italiano
α 8 maggio 1948
Olivia Newton-John

Olivia Newton-John

Cantante e attrice australiana
α 26 settembre 1948
Ozzy Osbourne

Ozzy Osbourne

Cantante inglese
α 3 dicembre 1948
Paola Severino

Paola Severino

Giurista e accademica italiana
α 22 ottobre 1948
Patty Pravo

Patty Pravo

Cantante italiana
α 9 aprile 1948
Peppino Impastato

Peppino Impastato

Giornalista e attivista italiano, vittima di mafia
α 5 gennaio 1948
ω 9 maggio 1978
Peter Kodwo Appiah Turkson

Peter Kodwo Appiah Turkson

Cardinale e arcivescovo cattolico ghanese
α 11 ottobre 1948
Raffaele Morelli

Raffaele Morelli

Medico, psichiatra e scrittore italiano
α 5 novembre 1948
Robert Plant

Robert Plant

Cantante e musicista inglese, Led Zeppelin
α 20 agosto 1948
Robert Langer

Robert Langer

Scienziato statunitense
α 29 agosto 1948
Samuel L. Jackson

Samuel L. Jackson

Attore statunitense
α 21 dicembre 1948
Sergio Chiamparino

Sergio Chiamparino

Politico italiano
α 1 settembre 1948
Steven Tyler

Steven Tyler

Cantante rock statunitense, Aerosmith
α 26 marzo 1948
Terry Pratchett

Terry Pratchett

Scrittore britannico
α 28 aprile 1948
ω 12 marzo 2015
Toni Capuozzo

Toni Capuozzo

Giornalista e conduttore tv italiano
α 7 dicembre 1948
Tony Iommi

Tony Iommi

Chitarrista inglese, Black Sabbath
α 19 febbraio 1948
William Gibson

William Gibson

Scrittore Cyberpunk statunitense
α 17 marzo 1948