Biografie

Ernesto Pellegrini

Ernesto Pellegrini
Ernesto Pellegrini nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Ernesto Pellegrini

Biografia Non solo di calcio si ciba l'uomo

Ernesto Pellegrini nasce il 14 dicembre del 1940 a Milano. Ottenuto il diploma di ragioniere, comincia a lavorare come contabile alla ditta Bianchi; in seguito, sale di ruolo e diventa capocontabile, per poi arrivare alla carica di responsabile del servizio di ristorazione.

Proprio svolgendo tale mansione si rende conto che la ristorazione sul posto di lavoro è destinata a conoscere una fase di crescita e di sviluppo notevoli: in Italia sono gli anni del boom economico, che coincide con un aumento dell'occupazione e con un cambiamento delle abitudini alimentari.

Imprenditore nel campo della ristorazione

Nel 1965, quindi, Ernesto Pellegrini fonda l'Organizzazione Mense Pellegrini: l'azienda dapprima si occupa di ristorazione collettiva, e in seguito si amplia anche ai settori dei buoni pasto, dei servizi integrati, dei servizi e della distribuzione automatica.

Nel 1970 è il promotore e principale fautore della nascita dell'Associazione Nazionale Gestori Mense, ente di cui diventa il primo presidente. Con il passare degli anni, l'impresa di Pellegrini cresce sempre di più: nel 1975 la Pellegrini Spa conta, insieme con la Pellegrini Catering Overseas Spa (che opera in Nigeria, in Mozambico, nello Yemen, in Libia, in Congo, in Camerun e in Angola), circa 7500 dipendenti.

Gli anni '80

Nel 1982 l'imprenditore crea la Pefin Spa Finanziaria e ne diventa presidente: ad essa fanno capo otto aziende, per un totale di 500 miliardi di lire di fatturato, 4mila dipendenti e 230mila pasti serviti ogni giorno.

Nel 1984 (anno in cui pubblica il libro "La Mensa", nel quale traccia un bilancio dei suoi primi venti anni di attività) Ernesto Pellegrini decide di tentare l'avventura nel mondo del calcio.

Ernesto Pellegrini presidente dell'Inter

L'8 gennaio 1984 acquista per una somma vicina ai dieci miliardi di lire la società F.C. Inter, fino a quel momento appartenuta a Ivanoe Fraizzoli. Per i primi due mesi è in carica come vicepresidente; poi, a partire dal 12 marzo, ne diventa ufficialmente il presidente.

Nel corso della sua gestione, il team nerazzurro acquisterà - tra gli altri - i tedeschi Karl-Heinz Rummenigge, Lothar Matthaeus, Jurgen Klinsmann e Andreas Brehme. La prima stagione, 1983/84, si rivela subito soddisfacente: dopo un pessimo inizio - ancora con la gestione Fraizzoli - la squadra recupera diverse posizioni, conquistando il quarto posto in classifica (anche grazie alla bravura del nuovo portiere Walter Zenga) che le permette di qualificarsi alla Coppa Uefa dell'anno successivo.

La stagione 1984/85 vede Ilario Castagner in panchina; le cessioni di Salvatore Bagni, Hansi Mueller ed Evaristo Beccalossi vengono compensate dall'arrivo di Rummenigge, protagonista tra l'altro di una doppietta contro la Juve. In campionato, i nerazzurri lottano per lo scudetto contro il Napoli di Maradona, l'Udinese di Zico e il Verona (che vincerà lo scudetto), piazzandosi terzi in classifica; in Coppa Italia, raggiungono la semifinale, dove vengono battuti dal Milan; e anche in Coppa Uefa il percorso si ferma in semifinale, contro il Real Madrid.

L'anno successivo Pellegrini compra Marco Tardelli e Pietro Fanna, confermando in panchina Castagner (che nel corso della stagione verrà sostituito da Mario Corso): la squadra chiuderà il campionato al sesto posto, mentre in Coppa Uefa verrà fermata ancora una volta in semifinale dal Real Madrid; non andrà meglio in Coppa Italia, con l'eliminazione ai quarti a opera della Roma. Per la stagione 1986/86, il presidente sceglie come allenatore Giovanni Trapattoni, in arrivo dalla Juventus: con il tecnico di Cusano Milanino, arriva il terzo posto in campionato, con eliminazione ai quarti in Coppa Italia (con la non irresistibile Cremonese) e in Coppa Uefa (contro gli svedesi del Goteborg).

Per l'anno seguente, Ernesto Pellegrini conferma Trapattoni e compra il centrocampista Vincenzo Scifo: la classifica finale di Serie A vede i milanesi al quinto posto, mentre in Coppa Italia è la Sampdoria a impedire l'accesso in finale ai "bauscia".

Nel 1989 l'Inter di Pellegrini vince lo scudetto (il tredicesimo della storia del club nerazzurro), in un campionato da record (in 34 partite disputate sono ben 58 i punti ottenuti, in un'epoca in cui la vittoria vale ancora due punti). Nello stesso anno, la squadra milanese si aggiudica anche la Supercoppa Italiana.

Gli anni '90

Nel 1990, mentre l'imprenditore lombardo viene nominato Cavaliere del Lavoro, l'Inter - che ha comprato Klinsmann - giunge terza in campionato e viene eliminata in Coppa Italia addirittura nella fase ai giorni. Anche l'esperienza in Coppa dei Campioni si conclude presto, per mano del Malmo allenato da Roy Hodgson.

Nel 1991 la bacheca di Pellegrini e della sua Inter si arricchisce di un altro trofeo: la Coppa Uefa, conquistata grazie al successo in una finale tutta italiana contro la Roma. La stagione 1991/92 è da bollino nero, con il cambio in panchina tra Corrado Orrico e Luis Suarez, mentre nel 1993 con l'arrivo di Osvaldo Bagnoli e l'acquisto di Darko Pancev il campionato viene concluso al secondo posto.

Nel 1994, i nerazzurri ottengono un'altra Coppa Uefa, in finale contro il Salisburgo: è quello l'epilogo vincente di Pellegrini alla guida dell'Inter, che l'anno successivo viene ceduta a Massimo Moratti, figlio dell'ex presidente Angelo.

Dopo il calcio

Successivamente Ernesto Pellegrini continua a guidare la sua azienda; nel 2011 viene insignito del Premio Ernst&Young per la categoria Food & Services come imprenditore dell'anno.

Nel 2013, l'imprenditore milanese dà vita alla Fondazione Ernesto Pellegrini Onlus, con lo scopo di favorire lo sviluppo di risposte e idee in un contesto economico critico, e più concretamente con l'obiettivo di fornire un aiuto a persone in condizioni economiche e sociali difficili.

Il 27 ottobre del 2014, grazie alla fondazione, apre nella periferia ovest di Milano, tra il Giambellino e Lorenteggio, "Ruben", primo ristorante solidale che offre pasti completi dal lunedì al venerdì al costo simbolico di un euro: un locale destinato non solo ai clochard e ai senzatetto, ma a tutti coloro che si trovano in difficoltà, dai profughi ai disoccupati.

Frasi di Ernesto Pellegrini

3 fotografie

Foto e immagini di Ernesto Pellegrini

Video Ernesto Pellegrini

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Ernesto Pellegrini ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Ernesto Pellegrini nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Ernesto Pellegrini

7 biografie

Nati lo stesso giorno di Ernesto Pellegrini

Pele'

Pele'

Calciatore brasiliano
α 23 ottobre 1940
Mina

Mina

Cantante italiana
α 25 marzo 1940
Al Pacino

Al Pacino

Attore statunitense
α 25 aprile 1940
Al Jarreau

Al Jarreau

Cantante statunitense
α 12 marzo 1940
ω 12 febbraio 2017
Brian De Palma

Brian De Palma

Regista statunitense
α 11 settembre 1940
Bruce Lee

Bruce Lee

Attore statunitense, leggenda del kung fu
α 27 novembre 1940
ω 20 luglio 1973
Bruce Chatwin

Bruce Chatwin

Scrittore inglese
α 13 maggio 1940
ω 8 gennaio 1989
Carlo Taormina

Carlo Taormina

Avvocato, giurista e politico italiano
α 17 dicembre 1940
Chuck Norris

Chuck Norris

Attore statunitense, campione di Karate
α 10 marzo 1940
Dario Argento

Dario Argento

Regista italiano
α 7 settembre 1940
Fabrizio De André

Fabrizio De André

Cantautore italiano
α 18 febbraio 1940
ω 11 gennaio 1999
Fausto Bertinotti

Fausto Bertinotti

Politico italiano
α 22 marzo 1940
Francesco Guccini

Francesco Guccini

Cantautore e scrittore italiano
α 14 giugno 1940
Frank Zappa

Frank Zappa

Chitarrista statunitense
α 21 dicembre 1940
ω 4 dicembre 1993
George Romero

George Romero

Regista statunitense
α 4 febbraio 1940
ω 16 luglio 2017
Gigi Proietti

Gigi Proietti

Attore italiano
α 2 novembre 1940
Giorgio Moroder

Giorgio Moroder

Compositore e discografico italiano
α 26 aprile 1940
Herbie Hancock

Herbie Hancock

Musicista statunitense jazz, fusion e funky
α 12 aprile 1940
Iva Zanicchi

Iva Zanicchi

Cantante e presentatrice tv italiana
α 18 gennaio 1940
James Caan

James Caan

Attore statunitense
α 26 marzo 1940
John Lennon

John Lennon

Cantante e musicista inglese, Beatles
α 9 ottobre 1940
ω 8 dicembre 1980
John Gotti

John Gotti

Criminale statunitense di origini italiane
α 27 ottobre 1940
ω 10 giugno 2002
Martin Sheen

Martin Sheen

Regista e attore statunitense
α 3 agosto 1940
Maurizio Mosca

Maurizio Mosca

Giornalista e opinionista sportivo italiano
α 24 giugno 1940
ω 3 aprile 2010
Max Mosley

Max Mosley

Manager inglese, Presidente FIA
α 13 aprile 1940
Muhammad Yunus

Muhammad Yunus

Economista bengalese, Premio Nobel
α 28 giugno 1940
Nick Nolte

Nick Nolte

Attore statunitense
α 8 febbraio 1940
Paolo Borsellino

Paolo Borsellino

Magistrato italiano, vittima di mafia
α 19 gennaio 1940
ω 19 luglio 1992
Paolo Limiti

Paolo Limiti

Autore e conduttore tv italiano
α 8 maggio 1940
ω 27 giugno 2017
Patrick Stewart

Patrick Stewart

Attore inglese
α 13 luglio 1940
Pina Bausch

Pina Bausch

Coreografa tedesca
α 27 luglio 1940
ω 30 giugno 2009
Pippo Franco

Pippo Franco

Attore, cabarettista e conduttore tv italiano
α 2 settembre 1940
Placido Domingo

Placido Domingo

Tenore spagnolo
α 21 gennaio 1940
Raquel Welch

Raquel Welch

Attrice statunitense
α 5 settembre 1940
Renato Pozzetto

Renato Pozzetto

Attore e comico italiano
α 14 luglio 1940
Ringo Starr

Ringo Starr

Musicista inglese, Beatles
α 7 luglio 1940
Roberto Cavalli

Roberto Cavalli

Stilista italiano
α 15 novembre 1940