Biografie

Giangiacomo Feltrinelli

Giangiacomo Feltrinelli
Giangiacomo Feltrinelli nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Giangiacomo Feltrinelli

Biografia La pubblicazione delle idee

Giangiacomo Feltrinelli, detto Osvaldo, nasce il 19 giugno del 1926 a Milano, da una delle famiglie più ricche d'Italia: il padre, Carlo Feltrinelli, è Marchese di Gargnano, e presidente di diverse società (Edison e Credito Italiano, tra le altre), oltre che proprietario di Ferrobeton Spa (società di costruzioni), Bastogi e Feltrinelli Legnami, impegnata nel commercio di legname con l'Urss. Carlo muore quando Giangiacomo ha solo nove anni: sua mamma, Gianna Elisa Gianzana, si risposerà nel 1940 con Luigi Barzini, celebre inviato del "Corriere della Sera".

Lasciata, durante la guerra, la villa di Gargnano (che diventerà residenza di Mussolini), Feltrinelli si sposta sull'Argentario, prima di arruolarsi, nel 1944, nel Gruppo di Combattimento Legnano, decidendo di prendere parte in maniera attiva alla lotta anti-fascista dopo un dialogo con Antonello Trombadori. L'anno successivo aderisce al Partito Comunista, che contribuisce a sostenere con ingenti somme di denaro; dopodiché, comincia a raccogliere informazioni a proposito della storia delle idee (a partire dall'illuminismo) e del movimento operario: a Milano nasce così la Biblioteca Feltrinelli, uno degli istituti di ricerca dedicati alla storia sociale più importanti d'Europa, che diventerà in seguito Fondazione.

Nel 1954 Giangiacomo Feltrinelli fonda l'omonima casa editrice, che pubblica, tra gli altri, libri di fondamentale rilevanza come "Il Gattopardo", di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, l'autobiografia di Nehru, primo ministro indiano, e soprattutto "Il dottor Zivago", la cui traduzione in italiano viene affidata a Pietro Zvetermich. L'opera di Boris Pasternak è edita nel 1957, e nel giro di tre anni vende oltre 150mila copie: l'autore, nel 1958, grazie ad essa conquisterà il Premio Nobel per la Letteratura. "Il dottor Zivago", tuttavia, provoca diversi problemi a Feltrinelli, che vede la propria tessera del Pci ritirata dal partito, che in Italia aveva condotto una prepotente campagna diffamatoria verso il libro.

Dopo aver conosciuto, nel 1958, la tedesca Inge Schoenthal, destinata a diventare sua moglie, nel 1964 Giangiacomo si reca a Cuba, dove conosce Fidel Castro, leader della rivoluzione e sostenitore dei movimenti di liberazione del Sud America; pochi anni dopo incontra in Bolivia Regis Debray, che vive nel Paese da clandestino. Feltrinelli, quindi, viene arrestato dopo un intervento dei servizi segreti statunitensi insieme con Roberto Quintanilla. Una volta rilasciato, ottiene "Diario in Bolivia", opera di Che Guevara, e soprattutto la foto "Guerrillero Heroico", scattata il 5 marzo 1960 da Alberto Korda, divenuta poi celebre in tutto il mondo rendendo iconografico il volto del Che.

Nel 1968, Feltrinelli entra in contatto in Sardegna con ambienti dell'indipendentismo sardo e della sinistra: il suo sogno è quello di rendere l'isola una Cuba del Mar Mediterraneo, sulla scia dell'azione compiuta da Fidel Castro e secondo gli ideali di Che Guevara. Il suo obiettivo è quello di affidare al bandito Graziano Mesina, ai tempi latitante, le truppe ribelli: Mesina, tuttavia, rinuncia su intervento del Sid, che tramite Massimo Pugliese ostacola l'azione di Feltrinelli.

Quest'ultimo torna a Milano dopo aver appreso dalla radio la notizia dell'attentato di piazza Fontana, nel 1969. Egli però sceglie di darsi alla clandestinità, dopo aver appreso che la casa editrice è presidiata da forze dell'ordine: temendo un colpo di Stato di origine neo-fascista, infatti, egli aveva finanziato diversi gruppi di estrema sinistra, entrando anche in contatto con Alberto Franceschini e Renato Curcio, i fondatori delle Brigate Rosse, e attirando l'attenzione della polizia. Feltrinelli spiega la decisione della clandestinità alla rivista "Compagni" e in una lettera spedita ai suoi colleghi della casa editrice, evidenziando che secondo lui dietro le bombe non ci sono gli anarchici - come pensano tutti, a quel tempo, incluso il Partito Comunista -, ma direttamente lo Stato. In conseguenza della cosiddetta "Strategia della tensione" (termine che egli usa per primo), giunge quindi a scelte estreme, come quella di fondare, nel 1970, i Gruppi d'Azione Partigiana. I Gap sono gruppi paramilitari che si basano sul principio che Palmiro Togliatti aveva deliberatamente bloccato la rivoluzione comunista in Italia nel 1946, ingannando così i partigiani.

Il 14 marzo del 1972, all'età di 45 anni, Feltrinelli muore alla base di un traliccio dell'alta tensione situato a Segrate, alle porte di Milano. Il suo corpo viene ritrovato dilaniato in conseguenza di un'esplosione, ma le cause della morte non sono chiare: c'è chi parla di un incidente occorso mentre Giangiacomo stava organizzando un'azione di sabotaggio, mentre secondo altri si tratta di un omicidio compiuto con la collaborazione della Cia e dei servizi segreti italiani. La tesi dell'omicidio viene sostenuta, tra l'altro, da Eugenio Scalfari e Camilla Cederna: nel 1979, tuttavia, in occasione del processo contro ex esponenti dei Gap, gli imputati - compreso Renato Curcio - dichiarano che "Osvaldo era caduto combattendo", dando adito così alla tesi dell'incidente. La ricostruzione ufficiale sostiene che Feltrinelli era arrivato a Segrate su un furgone adibito a camper insieme a due compagni, trasportando trecento milioni di lire che sarebbero stati consegnati al "Manifesto" in seguito: soldi che tuttavia non sono mai stati trovati.

Anche le Brigate Rosse svolgono un'inchiesta sulla vicenda: dalla loro indagine emerge che il timer della bomba che ha ucciso Giangiacomo era del tipo "Lucerne", già impiegato nell'attentato avvenuto ad Atene nei confronti dell'ambasciata americana nel 1970. Anche in quel caso, gli attentatori erano rimasti uccisi a causa del cattivo funzionamento della bomba.

Citazioni di Giangiacomo Feltrinelli

8 fotografie

Foto e immagini di Giangiacomo Feltrinelli

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Giangiacomo Feltrinelli ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Giangiacomo Feltrinelli nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Giangiacomo Feltrinelli

10 biografie

Nati lo stesso giorno di Giangiacomo Feltrinelli

Akira Yoshizawa

Akira Yoshizawa

Artista giapponese, maestro dell'origami
α 14 marzo 1911
ω 14 marzo 2005
Hans Georg Gadamer

Hans Georg Gadamer

Filosofo tedesco
α 11 febbraio 1900
ω 14 marzo 2002
Howard Hathaway Aiken

Howard Hathaway Aiken

Matematico e informatico statunitense
α 9 marzo 1900
ω 14 marzo 1976
Karl Marx

Karl Marx

Filosofo tedesco
α 5 maggio 1818
ω 14 marzo 1883
Roberto Murolo

Roberto Murolo

Cantante napoletano
α 19 gennaio 1912
ω 14 marzo 2003
Elisabetta II

Elisabetta II

Regina britannica
α 21 aprile 1926
Kriyananda

Kriyananda

Maestro spirituale
α 19 maggio 1926
ω 21 aprile 2013
Alan Greenspan

Alan Greenspan

Economista statunitense
α 6 marzo 1926
Alfredo Di Stefano

Alfredo Di Stefano

Calciatore argentino e spagnolo
α 4 luglio 1926
ω 7 luglio 2014
Allen Ginsberg

Allen Ginsberg

Poeta beat statunitense
α 3 giugno 1926
ω 5 aprile 1997
Arnaldo Pomodoro

Arnaldo Pomodoro

Scultore italiano
α 23 giugno 1926
Carlo Fruttero

Carlo Fruttero

Scrittore italiano
α 19 settembre 1926
ω 15 gennaio 2012
Chuck Berry

Chuck Berry

Cantante e chitarrista rock statunitense
α 18 ottobre 1926
ω 18 marzo 2017
Claudio Villa

Claudio Villa

Cantante e attore italiano
α 1 gennaio 1926
ω 7 febbraio 1987
Dario Fo

Dario Fo

Drammaturgo italiano, premio Nobel
α 24 marzo 1926
ω 13 ottobre 2016
Fidel Castro

Fidel Castro

Rivoluzionario e politico cubano
α 13 agosto 1926
ω 26 novembre 2016
Hugh Hefner

Hugh Hefner

Editore statunitense, fondatore di Playboy
α 9 aprile 1926
Ingvar Kamprad

Ingvar Kamprad

Imprenditore svedese, fondatore di Ikea
α 30 marzo 1926
Ivan Illich

Ivan Illich

Sociologo e filosofo austriaco
α 4 settembre 1926
ω 2 dicembre 2002
Jerry Lewis

Jerry Lewis

Comico statunitense
α 16 marzo 1926
John Coltrane

John Coltrane

Musicista jazz statunitense
α 23 settembre 1926
ω 17 luglio 1967
Luigi Veronelli

Luigi Veronelli

Gastronomo, enologo e scrittore italiano
α 2 febbraio 1926
ω 29 novembre 2004
Marilyn Monroe

Marilyn Monroe

Attrice statunitense
α 1 giugno 1926
ω 5 agosto 1962
Mel Brooks

Mel Brooks

Regista e attore statunitense
α 28 giugno 1926
Michel Foucault

Michel Foucault

Filosofo e storico francese
α 15 ottobre 1926
ω 26 giugno 1984
Miles Davis

Miles Davis

Trombettista jazz statunitense
α 26 maggio 1926
ω 28 settembre 1991
Mirko Tremaglia

Mirko Tremaglia

Politico italiano
α 17 novembre 1926
ω 30 dicembre 2011
Roger Corman

Roger Corman

Regista e produttore cinematografico statunitense
α 5 aprile 1926
Sathya Sai Baba

Sathya Sai Baba

Maestro spirituale indiano
α 23 novembre 1926
ω 24 aprile 2011
Tiberio Mitri

Tiberio Mitri

Pugile e attore italiano
α 12 luglio 1926
ω 12 febbraio 2001
Tony Bennett

Tony Bennett

Cantante statunitense
α 3 agosto 1926
Valéry Giscard d'Estaing

Valéry Giscard d'Estaing

20° Presidente della Repubblica francese
α 2 febbraio 1926
Vittorio Bachelet

Vittorio Bachelet

Giurista e politico italiano
α 20 febbraio 1926
ω 12 febbraio 1980
Antonio Segni

Antonio Segni

Quarto Presidente della Repubblica Italiana
α 2 febbraio 1891
ω 1 dicembre 1972
Dino Buzzati

Dino Buzzati

Scrittore italiano
α 16 ottobre 1906
ω 28 gennaio 1972
Ennio Flaiano

Ennio Flaiano

Scrittore, sceneggiatore e giornalista italiano
α 5 marzo 1910
ω 20 novembre 1972
Ezra Pound

Ezra Pound

Poeta statunitense
α 30 ottobre 1885
ω 1 novembre 1972
Harry Truman

Harry Truman

33° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 8 maggio 1884
ω 26 dicembre 1972
Igor Sikorsky

Igor Sikorsky

Ingegnere pioniere dell'aviazione russo, naturalizzato statunitense
α 25 maggio 1889
ω 26 ottobre 1972
John Edgar Hoover

John Edgar Hoover

Funzionario statunitense, storico capo dell'FBI
α 1 gennaio 1895
ω 2 maggio 1972
Luigi Calabresi

Luigi Calabresi

Commissario italiano
α 14 novembre 1937
ω 17 maggio 1972
Maurits Escher

Maurits Escher

Pittore olandese
α 17 giugno 1898
ω 27 marzo 1972