Biografie

Giovanni Sartori

Giovanni Sartori
Giovanni Sartori nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia La complessità della politica contemporanea

Giovanni Sartori nasce a Firenze il giorno 13 maggio 1924. Consegue la laurea in Scienze Politiche presso l'Università di Firenze nel 1946. Alcuni anni più tardi, nella stessa università, diviene professore di Storia della Filosofia Moderna, Scienza della Politica e Sociologia. Ha insegnato Filosofia Moderna e Logica alle università statunitensi di Stanford, Yale e Harvard.

Nel 1971 fonda la "Rivista italiana di scienza politica".

Dal 1979 e fino al 1994 è stato "Albert Schweitzer Professor in the Humanities" presso la Columbia University di New York.

Diverse e numerose sono le lauree Honoris Causa che Giovanni Sartori ha ricevuto durante la sua carriera: dall'Università di Genova nel 1992, dall'Università di Georgetown (USA) nel 1994, dall'Università di Guadalajara (Messico) nel 1997, dall'Università di Buenos Aires (Argentina) nel 1998, dall'Università Complutense di Madrid (Spagna) nel 2001, dall'Università di Bucarest (Romania) nel 2001 e dall'UNAM di Città del Messico nel 2007.

Tra i vari riconoscimenti ricevuti vi sono la nomina a comendador della Ordem do Cruzeiro do Sul dal presidente della Repubblica Federale del Brasile nel 1999, il Premio Principe delle Asturie per le scienze sociali dalla Fundación Príncipe de Asturias nel 2005, la Medaglia d'Oro italiana per meriti culturali ed educativi, la Medaglia d'Oro italiana della Pubblica Istruzione, assegnata ai benemeriti della scuola, della cultura e dell'arte.

A livello accademico ha contribuito in modo importante con la sua teoria riguardante la classificazione dei sistemi partitici. La classificazione di Sartori si basa sulla differenza tra il formato del sistema partitico e la meccanica funzionale: non sempre ad un dato formato partitico corrisponde l'equivalente meccanica. Quest'ultima può essere classificata in due tipi: non democratici e democratici.

Nel primo caso si è di fronte a sistemi a partito unico, sistemi che vengono considerati di eliminazione totalitaria delle opposizioni. In questa classificazione rientrano la Germania nazista e l'Unione Sovietica comunista. Dei partiti non democratici fanno parte anche i sistemi a partito egemonico, un sistema di eliminazione autoritaria delle opposizioni, come ad esempio è stata l'Italia d'epoca fascista.

La caratteristiche dei partiti democratici secondo Sartori possono essere divise in: sistemi a partito predominante, dove un partito domina lo scenario in modo ininterrotto; il bipartitismo o il pluralismo semplice, dove due partiti si alternano al potere e dove la competizione tende a essere centripeta, (ove si presume che vi sia il maggior numero di elettori fluttuanti); il pluralismo moderato o multipartitismo limitato, dove si considera un numero di partiti rilevanti non superiore a cinque e dove due coalizioni si alternano al potere; il pluralismo polarizzato o multipartitismo estremo, che prevede un numero di partiti superiore a cinque, un centro stabilmente al governo e una doppia opposizione - destra e sinistra - con presenza di partiti con caratteri antisistemici (la tendenza in questo caso è centrifuga); il multipartitismo segmentato, dove il numero di partiti è ancora superiore a cinque, ma con un basso livello di polarizzazione ideologica; l'atomizzazione, dove sono presenti numerosi partiti che raccolgono poche preferenze ciascuno.

Per determinare il livello di pluralismo partitico - ovvero per identificare i partiti più rilevanti - Sartori individua due possibili criteri legati alla meccanica della costruzione delle coalizioni: il potenziale di coalizione e il potenziale di intimidazione (o ricatto).

Il primo consiste nella capacità di un partito di formare coalizioni e di essere rilevante all'interno della squadra governativa. Da tenere presente che anche i partiti più piccoli secondo il criterio numerico possono essere rilevanti; la loro presenza è talvolta addirittura indispensabile per la formazione di coalizioni governative.

Il secondo criterio considera che alcuni partiti possano non essere mai inclusi nelle coalizioni governative, avendo tuttavia un ruolo centrale grazie alla disponibilità di voti, di rappresentanza di interessi, di seggi parlamentari in misura tale da poter condizionare il funzionamento delle coalizioni governative; incidendo quindi sulle attività e sulle politiche della coalizione, perfino del sistema politico in toto.

Questi due criteri si affiancano ad altri criteri di conteggio, utilizzati nella teoria dei sistemi di partito: il criterio di rilevanza numerica, proposto da Maurice Duverger e il criterio di rilevanza percentuale, proposto da Laakso e Taagepera, che fa riferimento alla percentuale di voti ottenuta dai partiti e che esprime nell'indice omonimo (Indice di Laakso-Taagepera) il livello complessivo di frammentazione del sistema partitico.

Membro della American Academy of Arts and Sciences, collaboratore del "Corriere della Sera", professore emerito dell'università di Firenze, Giovanni Sartori è da molti considerato uno dei massimi esperti di politologia a livello internazionale, e uno dei principali autori nel campo della Teoria della Democrazia, dei sistemi di partito e dell'ingegneria costituzionale nel mondo accademico internazionale.

È stato sposato con la nobildonna Giovanna di San Giuliano. Nell'autunno del 2008, alla veneranda età di 84 anni, si è fidanzato con la fotografa e artista italiana Isabella Gherardi, che ha poi sposato nell'ottobre del 2013.

Dal 12 maggio 2016 gli è dedicata una sala nella biblioteca del Senato, alla quale ha donato un importante fondo librario.

Il suo lavoro "Comparative Constitutional Engineering: an Inquiry into Structures, Incentives and Outcomes", del 1994, è stato tradotto in più di trenta lingue. Nella prima delle tre parti in cui è composta l'opera, Giovanni Sartori offre una carrellata sui sistemi elettorali vigenti nei vari paesi; nella seconda passa in rassegna le clausole costituzionali che danno forma alle relazioni che intercorrono tra il potere legislativo e il potere esecutivo; nella terza affronta un curioso mix di argomenti, tra i quali emerge la sua proposta, la quale punta su un presidenzialismo basato sull'alternanza.

Giovanni Sartori si è spento il 4 aprile 2017, poche settimane prima di compiere 93 anni.

Altre pubblicazioni di Giovanni Sartori

  • Democrazia e definizioni (1957)
  • Parties and Party Systems (1976)
  • The Theory of Democracy Revisited (1987)
  • Seconda Repubblica? Sì, ma bene (1992)
  • Democrazia: cosa è (1993)
  • Ingegneria Costituzionale Comparata (1995)
  • Come sbagliare le riforme (1995)
  • Homo videns. Televisione e post-pensiero (1997)
  • La Terra scoppia. Sovrappopolazione e sviluppo (2004)
  • Mala tempora (2004)
  • Mala costituzione e altri malanni (2006)
  • La democrazia in trenta lezioni (2008)
  • Il sultanato (2009)

Frasi di Giovanni Sartori

4 fotografie

Foto e immagini di Giovanni Sartori

Video Giovanni Sartori

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Giovanni Sartori ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Giovanni Sartori nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

15 biografie

Nati lo stesso giorno di Giovanni Sartori

André Michelin

André Michelin

Imprenditore e inventore francese
α 16 gennaio 1853
ω 4 aprile 1931
Martin Luther King

Martin Luther King

Politico statunitense, difensore dei diritti civili
α 15 gennaio 1929
ω 4 aprile 1968
Tommaso Buscetta

Tommaso Buscetta

Pentito di mafia
α 13 luglio 1928
ω 4 aprile 2000
Alberto Manzi

Alberto Manzi

Insegnante italiano
α 3 novembre 1924
ω 4 dicembre 1997
Antonio Maccanico

Antonio Maccanico

Politico italiano
α 4 agosto 1924
ω 23 aprile 2013
Benny Hill

Benny Hill

Comico inglese
α 21 gennaio 1924
ω 20 aprile 1992
Charles Aznavour

Charles Aznavour

Cantautore e attore francese
α 22 maggio 1924
Charlton Heston

Charlton Heston

Attore statunitense
α 4 ottobre 1924
ω 5 aprile 2008
Christopher Tolkien

Christopher Tolkien

Scrittore inglese
α 21 novembre 1924
Corrado Mantoni

Corrado Mantoni

Conduttore TV italiano
α 2 agosto 1924
ω 8 giugno 1999
Doris Day

Doris Day

Attrice e cantante statunitense
α 3 aprile 1924
Ed Wood

Ed Wood

Regista e attore statunitense
α 10 ottobre 1924
ω 10 dicembre 1978
Eugenio Scalfari

Eugenio Scalfari

Giornalista e scrittore italiano
α 6 aprile 1924
Franco Basaglia

Franco Basaglia

Psichiatra e neurologo italiano
α 11 marzo 1924
ω 29 agosto 1980
George Brecht

George Brecht

Artista statunitense
α 7 marzo 1924
ω 5 dicembre 2008
George H.W. Bush

George H.W. Bush

41° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 12 giugno 1924
Jimmy Carter

Jimmy Carter

39° Presidente degli Stati Uniti d'America, Premio Nobel
α 1 ottobre 1924
Lauren Bacall

Lauren Bacall

Attrice statunitense
α 16 settembre 1924
ω 13 agosto 2014
Leo Buscaglia

Leo Buscaglia

Scrittore e docente statunitense
α 31 marzo 1924
ω 12 giugno 1998
Manlio Sgalambro

Manlio Sgalambro

Filosofo e scrittore italiano
α 9 dicembre 1924
ω 6 marzo 2014
Marcello Mastroianni

Marcello Mastroianni

Attore italiano
α 28 settembre 1924
ω 19 dicembre 1996
Marlon Brando

Marlon Brando

Attore statunitense
α 3 aprile 1924
ω 2 luglio 2004
Mike Bongiorno

Mike Bongiorno

Conduttore TV italiano
α 26 maggio 1924
ω 8 settembre 2009
Paul K. Feyerabend

Paul K. Feyerabend

Filosofo della scienza austriaco
α 13 gennaio 1924
ω 11 febbraio 1994
Rosamunde Pilcher

Rosamunde Pilcher

Scrittrice inglese
α 22 settembre 1924
Sergio Anselmi

Sergio Anselmi

Scrittore e storico italiano
α 11 novembre 1924
ω 7 novembre 2003
Sidney Lumet

Sidney Lumet

Regista cinematografico statunitense
α 25 giugno 1924
ω 9 aprile 2011
Truman Capote

Truman Capote

Scrittore e sceneggiatore statunitense
α 30 settembre 1924
ω 25 agosto 1984
Walter Chiari

Walter Chiari

Attore italiano
α 8 marzo 1924
ω 20 dicembre 1991
Al Jarreau

Al Jarreau

Cantante statunitense
α 12 marzo 1940
ω 12 febbraio 2017
Chester Bennington

Chester Bennington

Cantante statunitense, Linkin Park
α 20 marzo 1976
ω 20 luglio 2017
Chris Cornell

Chris Cornell

Cantante statunitense
α 20 luglio 1964
ω 18 maggio 2017
Chuck Berry

Chuck Berry

Cantante e chitarrista rock statunitense
α 18 ottobre 1926
ω 18 marzo 2017
Cino Tortorella

Cino Tortorella

Autore e presentatore tv italiano
α 27 giugno 1927
ω 23 marzo 2017
Danilo Mainardi

Danilo Mainardi

Etologo e divulgatore scientifico italiano
α 25 novembre 1933
ω 8 marzo 2017
Dionigi Tettamanzi

Dionigi Tettamanzi

Arcivescovo e cardinale cattolico italiano
α 14 marzo 1934
ω 5 agosto 2017
George Romero

George Romero

Regista statunitense
α 4 febbraio 1940
ω 16 luglio 2017
Gianni Boncompagni

Gianni Boncompagni

Regista e autore tv italiano
α 13 maggio 1932
ω 16 aprile 2017
Helmut Kohl

Helmut Kohl

Politico tedesco
α 3 aprile 1930
ω 16 giugno 2017
Jeanne Moreau

Jeanne Moreau

Attrice francese
α 23 gennaio 1928
ω 31 luglio 2017
Jerry Lewis

Jerry Lewis

Comico statunitense
α 16 marzo 1926
ω 20 agosto 2017
Joaquin Navarro Valls

Joaquin Navarro Valls

Giornalista e medico spagnolo
α 16 novembre 1936
ω 5 luglio 2017
Kenneth Arrow

Kenneth Arrow

Economista statunitense, Premio Nobel
α 23 agosto 1921
ω 21 febbraio 2017
Laura Biagiotti

Laura Biagiotti

Stilista italiana
α 4 agosto 1943
ω 26 maggio 2017
Paolo Villaggio

Paolo Villaggio

Attore italiano
α 31 dicembre 1932
ω 3 luglio 2017
Paolo Limiti

Paolo Limiti

Autore e conduttore tv italiano
α 8 maggio 1940
ω 27 giugno 2017
Roger Moore

Roger Moore

Attore inglese
α 14 ottobre 1927
ω 23 maggio 2017
Sam Shepard

Sam Shepard

Commediografo, attore e scrittore statunitense
α 5 novembre 1943
ω 27 luglio 2017
Stefano Rodotà

Stefano Rodotà

Giurista e politico italiano
α 30 maggio 1933
ω 23 giugno 2017
Tomas Milian

Tomas Milian

Attore cubano naturalizzato italiano
α 3 marzo 1933
ω 22 marzo 2017
Zygmunt Bauman

Zygmunt Bauman

Filosofo e sociologo polacco
α 19 novembre 1925
ω 9 gennaio 2017