Biografie

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara
Giuliano Ferrara nelle opere letterarie

Biografia Dubbi ed idee

Giuliano Ferrara nasce il 7 gennaio 1952 a Roma. Figlio di Maurizio Ferrara, senatore comunista (nato nel 1920 e morto nel 2000, già presidente della Regione Lazio e direttore de "L'Unità") e dell'ex partigiana gappista Marcella de Francesco (nata nel 1920 e morta nel 2002, per lungo tempo segretaria particolare del segretario del Pci Palmiro Togliatti), Ferrara lascia la facoltà di Giurisprudenza senza terminare gli studi, e si avvicina alla politica riprendendo le contestazioni sessantottine: è presente, per esempio, durante gli scontri di Valle Giulia.

Negli stessi anni, peraltro, entra a far parte del mondo dello spettacolo diventando corista di "Then an alley", prima opera rock italiana, di Tito Schipa Junior (con colonna sonora di Bob Dylan). Ma rimane comunque la politica la sua vera passione: diventato responsabile del coordinamento provinciale Fiat nella sezione torinese del Partito Comunista Italiano nel 1973, scrive su "Nuova società 2, quindicinale dell'epoca, venendo nominato pochi anni dopo responsabile del settore cultura e scuola.

Eletto segretario cittadino nel 1979, diventa in seguito consigliere comunale a Torino. La guerra in Libano del 1982 fa sì che il sindaco del capoluogo piemontese Diego Novelli nomini Ferrara delegato del primo cittadino per i soccorsi alla popolazione colpita dal conflitto. Poco dopo, tuttavia, Giuliano Ferrara si dimette da consigliere. Accade, infatti, che il 18 settembre del 1982 a Torino in piazza San Carlo venga organizzata dal Comune la kermesse musicale denominata "Mille musicisti per la pace". Nell'occasione, Ferrara chiede a Giorgio Balmas, assessore alla Cultura, e a Luciano Berio, che dovrà esibirsi in "Accordo", di dedicare il concerto alle vittime di Shatila e Sabra. Entrambi si rifiutano, e l'episodio viene reso noto a fine concerto dallo stesso Ferrara. Scoppia un caso politico: i due si difendono parlando di un mini-comizio non necessario, mentre Ferrara controbatte rilanciando la propria proposta, sostenuto anche da Mario Missiroli, direttore del Teatro Stabile. La proposta viene nuovamente rifiutata, e così Ferrara si dimette prima dal Partito Comunista (il 20 settembre) e poi dal Consiglio Comunale (il 22 settembre). La richiesta di Ferrara, secondo il partito, è assolutamente legittima, ma ciò che gli viene contestato è il comportamento tenuto nel corso della vicenda.

In seguito Giuliano Ferrara avvia una duplice collaborazione con "Il Corriere della Sera" e con "L'Espresso", proseguendo nella sua critica al Pci da destra, stante la sua vicinanza rispetto alla posizione politica di Giorgio Napolitano. Anche per questa ragione Claudio Martelli nel 1985 lo avvicina per farlo entrare nel Partito Socialista Italiano. Mentre Martelli desidera richiamare tutti gli amendoliani piemontesi che negli ultimi anni sono fuoriusciti dal Pci, Ferrara smentisce l'eventualità di un suo arrivo nel Psi, pur non negando il proprio apprezzamento verso le scelte di Craxi, ritenute le più giuste per l'Italia. Ferrara, quindi, rinuncia all'impegno elettorale, anche se per il mese di febbraio viene organizzata una conferenza stampa finalizzata a annunciare il suo arrivo tra i socialisti. La sua candidatura alle elezioni municipali di Torino viene quindi annullata.

Come giornalista, Ferrara prosegue la sua collaborazione con il "Corriere", realizzando la rubrica "Bretelle rosse" e firmando gli articoli come Piero Dall'Ora. Nel frattempo entra a far parte della redazione di "Reporter", foglio d'inchiesta orbitante nell'area socialista diretto da Enrico Deaglio e Adriano Sofri, in passato leader di Lotta Continua.

Il debutto televisivo di Giuliano Ferrara avviene il 10 novembre del 1987, con il programma "Linea rovente" in onda su Raitre. Nel 1988, invece, su Raidue fa la propria comparsa "Il testimone", uno dei primi esempi di infotainment sul piccolo schermo italiano.

Divenuto in poco tempo una figura autorevole della tv, Ferrara l'anno dopo si sposta alla Fininvest, attirato anche da un contratto redditizio. Su Canale 5 conduce "Radio Londra", da febbraio, e "Il gatto", da aprile. A giugno del 1989 Ferrara viene eletto europarlamentare per il Partito Socialista, abbandonando momentaneamente il tubo catodico: vi farà ritorno due anni più tardi, il 7 gennaio del 1991, con una nuova edizione di "Radio Londra" su Canale 5, cui seguirà "L'istruttoria", partito poche settimane dopo su Italia 1 (programma che diverrà molto seguito soprattutto durante il periodo di Tangentopoli, a causa delle critiche lanciate dal conduttore nei confronti della magistratura di Mani pulite).

Nel 1992 Italia 1 ospita "Lezioni d'amore", programma evidentemente ispirato alla pellicola di Pasolini "Comizi d'amore", in cui Ferrara è affiancato dalla moglie Anselma Dell'Olio. La trasmissione, dedicata principalmente al sesso, si trasforma immediatamente in un caso politico, e viene cancellata solo dopo dieci giorni direttamente da Silvio Berlusconi, in seguito a evidenti pressioni compiute dalla Democrazia Cristiana.

A proposito di Berlusconi, Ferrara ne diventa subito uomo di fiducia, complice la crisi di un Partito Socialista ormai in totale disfacimento. Insieme a molti ex socialisti, quindi, il giornalista entra a gravitare nell'area di Forza Italia, venendo nominato ministro per i Rapporti con il Parlamento del governo di Berlusconi eletto nel 1994. L'avventura politica, però, si concluderà poco dopo, complice lo sgambetto di Umberto Bossi al Cavaliere.

Nel mese di gennaio del 1996 Ferrara mette a segno un'importante novità nel panorama editoriale e politico italiano: nasce, infatti, il quotidiano "Il Foglio", pubblicato dalla cooperativa editoriale omonima di cui fa parte anche la seconda moglie di Berlusconi, Veronica Lario. Il quotidiano fondato e diretto da Giuliano Ferrara fin dalle origini si attesta su posizioni neo-conservatrici, a sostegno del centro-destra e in generale dell'azione politica di Berlusconi.

Dopo essere stato direttore del settimanale "Panorama" per alcuni mesi, il giornalista viene candidato per la Casa delle Libertà e Forza Italia alle elezioni politiche suppletive del 9 novembre 1997 (per il posto in Senato del collegio elettorale del Mugello), ma viene battuto da Antonio Di Pietro, ex pubblico ministero divenuto simbolo di Mani Pulite, candidato dell'Ulivo.

Nel 2001, una nuova avventura televisiva prende il via: Ferrara conduce su La7 "Otto e mezzo", programma di cui è anche autore. Nel corso delle puntate, il giornalista ha modo di esprimere spesso le sue posizioni socialmente conservatrici, sempre più improntate verso la necessità di proteggere i valori cristiani e giudaici a difesa dell'Occidente (valori messi in pericolo dopo gli attentati dell'11 settembre del 2001). Nel corso degli anni viene affiancato nella trasmissione da Gad Lerner, Luca Sofri, Barbara Palombelli e Ritanna Armeni: poi, nel 2008, è costretto a lasciarla visto che si candida alle elezioni politiche.

Nel frattempo Ferrara ha pubblicato il libro "Non dubitare. Contro la religione laicista", raccolta di saggi edita da Solfanelli, ed è stato condannato a un risarcimento di 135mila euro nei confronti dei giornalisti de "L'Unità", ritenuti diffamati da una dichiarazione rilasciata a "Porta a porta" nel 2003 ("E' un foglio omicida"). Non solo: nel 2006 Ferrara ha ottenuto diversi voti in occasione degli scrutini per l'elezione del Presidente della Repubblica: otto al primo, nove al secondo, dieci al terzo e sette al quarto.

Nel 2008, come detto, Ferrara torna in politica. Tutto nasce, in realtà, nel mese di dicembre del 2007, quando l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite approva una risoluzione non vincolante a favore di una moratoria sulla pena di morte: Ferrara propone a sua volta una moratoria sull'aborto, ritenendolo un omicidio. Nasce un dibattito politico e mediatico piuttosto forte, che trova la sua conclusione nella fondazione, a febbraio del 2008, del partito "Associazione difesa della vita. Aborto? No grazie". Ferrara scende ufficialmente in campo, presentandosi alle elezioni politiche del 2008 in solitudine (la trattativa per raggiungere un'alleanza con Silvio Berlusconi e il Popolo della Libertà non va a buon fine). La lista, presentata solo alla Camera, conquista lo 0.37 % delle preferenze, pari a poco più di 135mila voti, e non supera la soglia di sbarramento. Lo stesso Ferrara ammette che il risultato rappresenta una catastrofe, un "pernacchio" da parte degli elettori.

Il giornalista, poi, torna sul piccolo schermo nel 2011 con "Qui Radio Londra", rifacimento dell'originale "Radio Londra": una striscia quotidiana di approfondimento politico in onda dopo il telegiornale delle 20 su Raiuno.

Frasi di Giuliano Ferrara

4 fotografie

Foto e immagini di Giuliano Ferrara

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Giuliano Ferrara ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Giuliano Ferrara nelle opere letterarie

11 biografie

Nati lo stesso giorno di Giuliano Ferrara

Andrea De Carlo

Andrea De Carlo

Scrittore italiano
α 11 dicembre 1952
Antonella Ruggiero

Antonella Ruggiero

Cantante italiana
α 15 novembre 1952
Claudio Cecchetto

Claudio Cecchetto

Produttore discografico e talent-scout italiano
α 19 aprile 1952
Dan Aykroyd

Dan Aykroyd

Attore canadese
α 1 luglio 1952
David Hasselhoff

David Hasselhoff

Attore statunitense
α 17 luglio 1952
Douglas Adams

Douglas Adams

Scrittore di fantascienza, sceneggiatore e umorista inglese
α 11 marzo 1952
ω 11 maggio 2001
Enzo Iacchetti

Enzo Iacchetti

Attore, comico e conduttore tv italiano
α 31 agosto 1952
Eugenio Finardi

Eugenio Finardi

Cantautore italiano
α 16 luglio 1952
Filippo Penati

Filippo Penati

Politico italiano
α 30 dicembre 1952
Francesco Graziani

Francesco Graziani

Ex calciatore ed allenatore italiano
α 16 dicembre 1952
Gabriele Oriali

Gabriele Oriali

Ex calciatore italiano
α 25 novembre 1952
Gaetano Curreri

Gaetano Curreri

Cantante italiano, Stadio
α 26 giugno 1952
Gary Moore

Gary Moore

Musicista, chitarrista britannico
α 4 aprile 1952
ω 6 febbraio 2011
Gianfranco Fini

Gianfranco Fini

Politico italiano
α 3 gennaio 1952
Gigi Sabani

Gigi Sabani

Presentatore TV e imitatore italiano
α 5 ottobre 1952
ω 4 settembre 2007
Guido Silvestri

Guido Silvestri

Fumettista italiano, padre di Lupo Alberto
α 9 dicembre 1952
Gus Van Sant

Gus Van Sant

Regista statunitense
α 24 luglio 1952
Isabella Rossellini

Isabella Rossellini

Attrice e modella italiana
α 18 giugno 1952
Jean Paul Gaultier

Jean Paul Gaultier

Stilista francese
α 24 aprile 1952
Jeff Goldblum

Jeff Goldblum

Attore statunitense
α 22 ottobre 1952
Jimmy Connors

Jimmy Connors

Tennista statunitense
α 2 settembre 1952
Joe Strummer

Joe Strummer

Cantante e musicista inglese, The Clash
α 21 agosto 1952
ω 22 dicembre 2002
John Goodman

John Goodman

Attore statunitense
α 20 giugno 1952
Lamberto Sposini

Lamberto Sposini

Giornalista e conduttore tv italiano
α 17 febbraio 1952
Lella Costa

Lella Costa

Attrice italiana
α 30 settembre 1952
Liam Neeson

Liam Neeson

Attore irlandese
α 7 giugno 1952
Massimo Lopez

Massimo Lopez

Attore, comico e showman italiano
α 11 gennaio 1952
Massimo Caputi

Massimo Caputi

Imprenditore e Top manager italiano nella finanza immobiliare
α 11 dicembre 1952
Michele Cucuzza

Michele Cucuzza

Giornalista italiano
α 14 novembre 1952
Mickey Rourke

Mickey Rourke

Attore e sceneggiatore statunitense
α 16 settembre 1952
Paolo Hendel

Paolo Hendel

Comico italiano
α 2 gennaio 1952
Patrick Swayze

Patrick Swayze

Attore statunitense
α 18 agosto 1952
ω 14 settembre 2009
Pietro Mennea

Pietro Mennea

Atleta italiano
α 28 giugno 1952
ω 21 marzo 2013
Robert Zemeckis

Robert Zemeckis

Regista statunitense
α 14 maggio 1952
Roberto Benigni

Roberto Benigni

Attore comico e regista italiano
α 27 ottobre 1952
Sergio Marchionne

Sergio Marchionne

Manager italiano
α 17 giugno 1952
Steven Seagal

Steven Seagal

Attore statunitense
α 10 aprile 1952
Syusy Blady

Syusy Blady

Attrice italiana
α 7 febbraio 1952
Umberto Tozzi

Umberto Tozzi

Cantautore italiano
α 4 marzo 1952
Vanessa Del Rio

Vanessa Del Rio

Pornostar statunitense
α 31 marzo 1952
Vasco Rossi

Vasco Rossi

Cantautore italiano
α 7 febbraio 1952
Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi

Saggista, critico d'arte e politico italiano
α 8 maggio 1952
Vladimir Putin

Vladimir Putin

Politico russo
α 7 ottobre 1952