Biografie

Glenn Miller

Glenn Miller
Glenn Miller nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Glenn Miller Discografia

Biografia Gigante del jazz e dello swing

Alton Glenn Miller nasce il 1° marzo del 1904 a Clarinda, nello Iowa, figlio di Mattie Lou e Lewis Elmer. Dopo aver frequentato la scuola a North Platte, nel Nebraska, si trasferisce con la famiglia a Grant City, nel Missouri. Mungendo mucche guadagna i primi soldi che utilizza per comprare un trombone, con il quale suona nell'orchestra cittadina (dopo aver imparato a suonare anche il mandolino). Nel 1918 la famiglia di Miller si sposta ancora, questa volta nel Colorado, a Fort Morgan, dove Glenn frequenta la scuola superiore. Nell'autunno del 1919 si aggrega alla squadra di football della scuola, i Maroons, con la quale vince l'anno successivo la Northern Colorado Football Conference.

Appassionatosi alla dance band music, forma il suo primo gruppo musicale con alcuni compagni di classe: dopo essersi diplomato nel 1921, decide di diventare un musicista professionista. Nel 1923 entra all'University of Colorado at Boulder, anche se passa la maggior parte del tempo lontano dalle lezioni, frequentando audizioni e suonando con la Boyd Senter Band di Denver. Dopo aver fallito tre dei primi cinque esami del semestre, abbandona l'università decidendo di concentrarsi sulla carriera di musicista.

Glenn Miller frequenta le lezioni di Joseph Schillinger, sotto i cui insegnamenti compone "Moonlight Serenade". Nel 1926 si esibisce con diversi gruppi, ottenendo un ruolo di rilievo nella band di Ben Pollack, a Los Angeles. Conosciuto anche per aver suonato per Victor Young, la cui orchestra accompagnava Judy Garland e Bing Crosby, ben presto si accorge che, più che nell'essere un trombonista, il suo futuro sta nel comporre musica. Pubblica "Glenn Miller's 125 Jazz Breaks for Trombone" nel 1927, e scrive numerosi arrangiamenti musicali (celeberrimo auello di "In the Mood"). Insieme con Benny Goodman realizza "Room 1411", mentre nel 1930 diventa membro dell'orchestra di Red Nichols. Ritmicamente la composizione di Miller si avvale di uno swing fortemente cadenzato, e proprio del genere swing la sua figura di musicista è ricordata come una delle più celebri ed importanti.

Tra la fine degli anni Venti e l'inizio degli anni Trenta egli riesce, comunque, a guadagnarsi da vivere lavorando come un trombonista "freelance" in numerose band. E' impegnato, tra l'altro, come compositore e arrangiatore per i Dorsey Borthes: realizza i brani "Annie's Cousin Fanny", "Dese Dem Dose", "Harlem Chapel Chimes" e "Tomorrow's Another Day" tra il 1934 e il 1935, anno in cui costituisce un'orchestra americana per il britannico Ray Noble, occupandosi dell'arrangiamento del clarinetto principale. Tra i membri della band di Noble ci sono anche future star come Charlie Spivak, Bud Freeman e Claude Thornhill.

Nello stesso periodo, Glenn Miller appare anche al cinema in "The Big Broadcast of 1936", prodotto dalla Paramount Pictures, come componente della Ray Nobel Orchestra impegnato a suonare "Why Stars Come Out at Night": la pellicola vede la partecipazione, tra gli altri, di Gracie Allen, Bing Crosby, Jack Oakie e George Burns, e annovera le performance di Bill Bojangles Robinson, dei Nicholas Brothers e di Dorothy Dandridge. Dedicatosi a numerosi nuovi arrangiamenti, Glenn riesce a formare finalmente la sua prima band nel 1937: il progetto, tuttavia, si rivela di scarso successo, in quanto il gruppo non è in grado di distinguersi dai molti altri attivi in quel periodo. La band, quindi, si scioglie nel gennaio del 1938, dopo essersi esibita per l'ultima volta al Ritz Ballroom di Bridgeport, in Connecticut.

Scoraggiato dal fallimento, Miller torna a New York, dopo aver compreso che per ottenere successo ha bisogno di sviluppare sonorità uniche: assolda il sassofonista Wilbur Schwartz, consigliatogli da George T. Simon, ma gli fa suonare il clarinetto e, formata una nuova band, registra nel settembre del 1938 per la RCA Victor, una sussidiaria della Bluebird Records, godendo dei finanziamenti di Cy Shribman, un uomo d'affari benestante della East Coast. Nella primavera dell'anno successivo le fortune del gruppo migliorano: memorabili sono i concerti tenuti alla Meadowbrook Ballroom di Cedar Grove, in New Jersey, e al Glen Island Casino di New Rochelle, nello stato di New York.

La popolarità di Miller e della sua band cresce sempre di più, al punto che nel 1939 il magazine "Time" scrive: "Tra i dodici e i ventiquattro dischi presenti in ognuno dei 300mila juke.box statunitensi, tra i due e i sei sono di Glenn Miller". Il successo, insomma, è straordinario, se è vero che nella prima settimana di uscita "Tuxedo Junction" vende oltre 115mila copie. La band di Glenn Miller suona anche alla Carnegie Hall, al fianco di mostri sacri come Fred Waring, Benny Goodman e Paul Whiteman. Tra il 1939 e il 1942 il gruppo appare anche sulla CBS, tre volte a settimana, durante una trasmissione per le sigarette Chesterfield.

Nel 1942, nel pieno della Seconda Guerra Mondiale, Glenn riceve il primo Disco d'oro della storia grazie a "Chattanooga Choo Choo", che in soli tre mesi ha venduto più di un milione di copie. La casa discografica RCA, per festeggiare il successo del musicista, fa dipingere una copia del disco in oro, e gliela fa recapitare a sorpresa nel corso di una diretta radiofonica.

Poco dopo si arruola come volontario nell'aviazione degli Stati Uniti. Dapprima capitano, e poi maggiore, comanda la Army Air Force Band, un'orchestra militare che si occupa dell'intrattenimento delle truppe in Inghilterra. Miller tuttavia scompare il 15 dicembre del 1944, all'improvviso, mentre a bordo di un aereo militare sta sorvolando la Manica in direzione di Parigi, dove avrebbe dovuto esibirsi con la sua orchestra per i soldati che avevano liberato la capitale francese dall'occupazione nazista.

Il cadavere di Glenn non viene mai ritrovato, e sulla sua morte aleggia un'ombra di mistero ancora oggi irrisolto (l'ipotesi più accreditata, attualmente, è che il musicista sia rimasto vittima del fuoco amico britannico, nel corso di un'incursione aerea contro i tedeschi). La sua orchestra, comunque, prosegue l'attività anche dopo la sua morte, con direttori del calibro di Buddy DeFranco e Ray Anthony; nel 1953, la sua vita viene raccontata al cinema nel film "La storia di Glenn Miller", con James Stewart nei suoi panni. Nel 1992, a Glenn Miller viene dedicata una lapide come disperso in guerra nel Cimitero Nazionale di Arlington.

Frasi di Glenn Miller

7 fotografie

Foto e immagini di Glenn Miller

Video Glenn Miller

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Glenn Miller ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Glenn Miller nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Glenn Miller Discografia

13 biografie

Nati lo stesso giorno di Glenn Miller

Toro Seduto

Toro Seduto

Condottiero nativo americano, capo Sioux
α Anno 1831
ω 15 dicembre 1890
Clay Regazzoni

Clay Regazzoni

Pilota F1 svizzero
α 5 settembre 1939
ω 15 dicembre 2006
Giuseppe Pinelli

Giuseppe Pinelli

Ferroviere, noto anarchico italiano
α 21 ottobre 1928
ω 15 dicembre 1969
Jan Vermeer

Jan Vermeer

Pittore olandese
α 31 ottobre 1632
ω 15 dicembre 1675
Walt Disney

Walt Disney

Disegnatore statunitense
α 5 dicembre 1901
ω 15 dicembre 1966
Umberto II di Savoia

Umberto II di Savoia

Monarca italiano
α 15 settembre 1904
ω 18 marzo 1983
Cary Grant

Cary Grant

Attore inglese
α 18 gennaio 1904
ω 29 novembre 1986
Clifford D. Simak

Clifford D. Simak

Giornalista e scrittore statunitense
α 3 agosto 1904
ω 25 aprile 1988
Deng Xiaoping

Deng Xiaoping

Leader politico cinese
α 22 agosto 1904
ω 19 febbraio 1997
Giorgio De Stefani

Giorgio De Stefani

Tennista italiano
α 24 febbraio 1904
ω 22 ottobre 1992
Giuseppe Terragni

Giuseppe Terragni

Architetto italiano
α 18 aprile 1904
ω 19 luglio 1943
Graham Greene

Graham Greene

Scrittore e drammaturgo inglese
α 2 ottobre 1904
ω 3 aprile 1991
Isaac Bashevis Singer

Isaac Bashevis Singer

Scrittore polacco, Premio Nobel
α 14 luglio 1904
ω 24 luglio 1991
Joan Crawford

Joan Crawford

Attrice statunitense
α 23 marzo 1904
ω 10 maggio 1977
Johnny Weissmuller

Johnny Weissmuller

Attore e atleta statunitense
α 2 giugno 1904
ω 20 gennaio 1984
Pablo Neruda

Pablo Neruda

Poeta cileno
α 12 luglio 1904
ω 23 settembre 1973
René Lacoste

René Lacoste

Tennista e stilista francese
α 2 luglio 1904
ω 12 ottobre 1996
Robert Oppenheimer

Robert Oppenheimer

Fisico statunitense
α 22 aprile 1904
ω 18 febbraio 1967
Salvador Dalì

Salvador Dalì

Pittore spagnolo
α 11 maggio 1904
ω 23 gennaio 1989
Shunryu Suzuki

Shunryu Suzuki

Monaco Zen giapponese
α 18 maggio 1904
ω 4 dicembre 1971
Antoine de Saint-Exupéry

Antoine de Saint-Exupéry

Scrittore e aviatore francese
α 29 giugno 1900
ω 31 luglio 1944
August Landmesser

August Landmesser

Operaio tedesco che si rifiutò di fare il saluto nazista al Führer
α 24 maggio 1910
ω 17 ottobre 1944
Claus von Stauffenberg

Claus von Stauffenberg

Ufficiale nazista, autore del complotto per assassinare Hitler
α 15 novembre 1907
ω 21 luglio 1944
Edvard Munch

Edvard Munch

Pittore norvegese
α 12 dicembre 1863
ω 23 gennaio 1944
Erwin Rommel

Erwin Rommel

Comandante militare tedesco
α 15 novembre 1891
ω 14 ottobre 1944
Filippo Tommaso Marinetti

Filippo Tommaso Marinetti

Poeta e scrittore italiano, fondatore del futurismo
α 22 dicembre 1876
ω 2 dicembre 1944
Florence Foster Jenkins

Florence Foster Jenkins

Soprano statunitense
α 19 luglio 1868
ω 26 novembre 1944
Galeazzo Ciano

Galeazzo Ciano

Politico e diplomatico italiano
α 18 marzo 1903
ω 11 gennaio 1944
Giovanni Gentile

Giovanni Gentile

Filosofo e pedagogista italiano
α 29 maggio 1875
ω 15 aprile 1944
Piet Mondrian

Piet Mondrian

Pittore olandese
α 7 marzo 1872
ω 1 febbraio 1944
Romain Rolland

Romain Rolland

Scrittore, musicologo e drammaturgo francese. Premio Nobel
α 29 gennaio 1866
ω 30 dicembre 1944
Salvatore Damaggio

Salvatore Damaggio

Eroe di guerra italiano
α 20 marzo 1892
ω Anno 1944
Vasilij Kandinskij

Vasilij Kandinskij

Pittore russo
α 16 dicembre 1866
ω 13 dicembre 1944