Biografie

Ingmar Bergman

Ingmar Bergman
Ingmar Bergman nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Ingmar Bergman

Biografia Sguardo magico

Il grande regista svedese Ingmar Bergman nasce il 14 luglio 1918 a Uppsala, figlio del cappellano della corte reale. Facile dunque comprendere come il piccolo Ingmar fosse educato secondo i concetti luterani di "peccato, confessione, punizione, perdono e grazia", temi che in qualche modo saranno ricorrenti anche nei suoi film.

Come se non bastasse, non era infrequente che a scopo punitivo il bambino fosse rinchiuso nell'armadio luogo in cui, rannicchiato, maturava il suo odio per il padre e la sua rabbia contro il Dio-padrone falsamente introiettato in quel clima culturale.

A diciannove anni si iscrive all'Università di Stoccolma e si stabilisce nella capitale. Con alle spalle una famiglia non troppo benestante, ma anche a causa di una naturale inclinazione e a un forte disagio esistenziale che non gli permette di integrarsi troppo con i coetanei, conduce una vita da artista scapestrato, quella che un tempo di sarebbe definita "bohémien". Tuttavia, non manca di approfondire gli studi specifici che gli stanno a cuore, in primo luogo quelli teatrali o quelli legati all'arte delle sette note. Ben presto, però, la passione per le arti si trasforma in qualcosa di radicale, che non può più essere associato ad altre attività. La conseguenza di questa "febbre" è che abbandona i "regolari" studi universitari per dedicarsi alla sola attività teatrale, soprattutto mettendo in scena spettacoli studenteschi.

A partire da quella gavetta Ingmar Bergman costruisce in breve una solida reputazione, grazie al suo talento non comune. Il suo nome comincia a circolare negli ambienti giusti, fino a che non riesce ad accedere a palcoscenici ben più prestigiosi di quelli scolastici. E' il momento in cui comincia a collaborare con i più importanti teatri della città.

Nel 1942 scrive una commedia satirica e oscena, imperniata sulla scabrosa relazione fra un sacerdote e una spogliarellista. La pièce, com'era prevedibile, suscita grande scandalo, con l'unico risvolto positivo di far ulteriormente conoscere il suo nome, fino a farlo arrivare anche alle orecchie dei benpensanti.

Per le rappresentazioni di cui è regista, l'autore-feticcio del momento è Strindberg, anche se la visuale bergmaniana si allarga spesso anche ad altri scrittori.

Il 1944 è l'anno di un'altra sua rappresentazione, scritta autonomamente e messa in scena: si tratta di "Hets", un'allegoria contro il nazismo che sta spadroneggiando nel Continente e nella vicina Norvegia. La messinscena di un altro suo dramma, "La morte di Punch" (1942), attira invece su di lui l'attenzione della Svensk Filmindustri, con cui inizia a collaborare nel 1943 come sceneggiatore. L'anno seguente il regista svedese Alf Sjöberg porta sullo schermo la prima sceneggiatura di Bergman, "Spasimo".

Due anni dopo Ingmar Bergman esordisce nella regia cinematografica, dimostrando attenzione per i problemi esistenziali dei giovani e una imprevedibile vocazione neorealistica. Dopo altre due sceneggiature (questa volta per il regista Molander), Bergman termina il suo apprendistato in campo cinematografico. Si può dire che ormai per lui la macchina da presa non abbia più segreti: comincia ad assimilare la lezione dei più grandi maestri contemporanei e a prendere in considerazione tematiche care al neorealismo (o di quello che verrà definito realismo poetico), senza trascurare la realtà simbolica presa in sè o il ruolo della donna nella società, sempre alla luce di quello che è il suo maestro inconscio, il suo faro, la sua guida artistica e spirituale, Strindberg.

Le sue pellicole sono caratterizzate dalla strenua cura nella narrazione, la stessa che avrebbe fatto apprezzare a livello internazionale film come "Il settimo sigillo" (1956) e "Il posto delle fragole" (1957), film che mettono anche in evidenzia il suo approccio estremamente lirico nel trattare le storie e i personaggi.

Gli anni '70 portano a Ingmar Bergman, già noto al pubblico europeo, la fama mondiale grazie a regie cinematografiche divenute emblema di un certo cinema d'autore. Sono titoli ormai entrati a pieno diritto nella storia del cinema come "Sussurri e grida", "Il flauto magico", "Sinfonia d'autunno" o "Scene da un matrimonio".

Nel corso degli anni '80 Bergman si è perlopiù ritirato dall'attività cinematografica e televisiva, continuando però a realizzare messinscene teatrali. "Fanny e Alexander", una sua rara pellicola girata nel 1982, è stata per il regista una sorta di riepilogo di tutto il suo lavoro.

Successivamente si è concentrato soprattutto sulla scrittura, pubblicando lavori autobiografici ("La lanterna magica" nel 1987 e "Immagini" nel 1990) e sceneggiando "Con le migliori intenzioni", il film diretto da Bille August del 1992.

Tra i vari riconoscimenti ricevuti vi sono l'Orso d'oro al Festival di Berlino nel 1958 con "Il posto delle fragole", un Oscar nel 1960 per "La fontana della vergine", un Oscar per il Migliore film straniero nel 1961 con il film "Come in uno specchio", ben quattro Oscar per "Fanny e Alexander" e molti altri, fino al Premio Federico Fellini per l'eccellenza cinematografica, ricevuto nel 2005.

Nella sua biografia, intitolata "Lanterna magica", il regista scrive:

"La verità è che io vivo sempre nella mia infanzia, giro negli appartamenti in penombra, passeggio per le silenziose via di Uppsala, mi fermo davanti alla Sommarhuset ad ascoltare l'enorme betulla a due tronchi. Mi sposto con la velocità di secondi. In verità, abito sempre nel mio sogno e di tanto in tanto faccio una visita alla realtà"

Padre di nove figli, alla morte della quinta moglie Ingrid si ritira sull'isola di Faaro, nel Mar Baltico. Qui, nella sua casa, muore il 30 luglio 2007.

Filmografia di Ingmar Bergman

  • La terra del desiderio (1948) Hamnstad
  • Prigione (1949) Fängelse
  • Sete (1949) Törst
  • Un estate d'amore (1951) Sommarlek
  • Donne in attesa (1952) Kvinnors väntan
  • Una lezione d'amore (1953) En lektion i kärlek
  • Monica e il desiderio (1953) Sommaren med Monika
  • Una vampata d'amore (1953) Gycklarnas afton
  • Sogni di Donna (1955) Kvinnodröm
  • Sorrisi di una notte d'estate (1955) Sommarnattens leende
  • Il settimo sigillo (1956) Det sjunde inseglet
  • Il posto delle fragole (1957) Smult ronstället
  • Alle soglie della vita (1958) Nära livet
  • Il volto (1958) Ansiktet
  • L'occhio del diavolo (1959) Djävulens öga
  • Come in uno specchio (1960) Säsom i en spegel
  • La fontana della vergine (1960) Jungfrukäl lan
  • Luci d'inverno (1963) Nattvardsgästerna
  • Il silenzio (1963) Tystnaden
  • A proposito di tutte queste... signore (1964) För att inte tala om alla dessa kvinnor
  • Persona (1966) Persona
  • L'ora del lupo (1968) Vargtimmen
  • La vergogna (1968) Skammen
  • Passione (1969) En passion
  • Il rito (1969) Riten
  • L'adultera (1971) Beronginen
  • Scene da un matrimonio (1973) Scene ur ett äktenskap
  • Sussurri e grida (1973) Viskiningar och rop
  • Il flauto magico (1974) Troll flöjten
  • L'immagine allo specchio (1976) Ansikte mot ansikte
  • L'uovo del serpente (1977) Das Schlangenei
  • Sinfonia d'autunno (1978) Höstsonaten
  • Un mondo di marionette (1980) Aus der Leben der Marionetten
  • Fanny e Alexander (1982) Fanny och Alexander
  • Dopo la prova (1984) Efter repetitionen
  • Il Segno (1986) De två saliga
  • Vanità e Affanni (1997) Larmar och gör sig till

Frasi di Ingmar Bergman

3 fotografie

Foto e immagini di Ingmar Bergman

Video Ingmar Bergman

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Ingmar Bergman ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Ingmar Bergman nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Ingmar Bergman

8 biografie

Nati lo stesso giorno di Ingmar Bergman

Anna Marchesini

Anna Marchesini

Attrice e comica italiana
α 18 novembre 1953
ω 30 luglio 2016
Michelangelo Antonioni

Michelangelo Antonioni

Regista italiano
α 29 settembre 1912
ω 30 luglio 2007
Otto von Bismarck

Otto von Bismarck

Politico tedesco
α 1 aprile 1815
ω 30 luglio 1898
Umberto Nobile

Umberto Nobile

Esploratore italiano
α 21 gennaio 1885
ω 30 luglio 1978
Achille Castiglioni

Achille Castiglioni

Architetto e designer italiano
α 16 febbraio 1918
ω 2 dicembre 2002
Alberto Caracciolo

Alberto Caracciolo

Filosofo italiano
α 22 gennaio 1918
ω 4 ottobre 1990
Aleksandr Solgenitsin

Aleksandr Solgenitsin

Scrittore russo, premio Nobel
α 11 dicembre 1918
ω 3 agosto 2008
Alessandro Natta

Alessandro Natta

Politico italiano
α 7 gennaio 1918
ω 23 maggio 2001
Anwar al-Sadat

Anwar al-Sadat

Statista egiziano
α 25 dicembre 1918
ω 6 ottobre 1981
Gamal Abd el Nasser

Gamal Abd el Nasser

Militare e politico, 2° Presidente della Repubblica egiziana
α 15 gennaio 1918
ω 28 settembre 1970
Leonard Bernstein

Leonard Bernstein

Compositore e direttore d'orchestra statunitense
α 25 agosto 1918
ω 14 ottobre 1990
Luigi Pareyson

Luigi Pareyson

Filosofo italiano
α 4 febbraio 1918
ω 8 settembre 1991
Mimmo Rotella

Mimmo Rotella

Artista italiano
α 7 ottobre 1918
ω 9 gennaio 2006
Nelson Mandela

Nelson Mandela

Politico sudafricano, premio Nobel
α 18 luglio 1918
ω 5 dicembre 2013
Oscar Luigi Scalfaro

Oscar Luigi Scalfaro

Nono Presidente della Repubblica Italiana
α 9 settembre 1918
ω 29 gennaio 2012
Rita Hayworth

Rita Hayworth

Attrice statunitense
α 17 ottobre 1918
ω 14 maggio 1987
Anna Nicole Smith

Anna Nicole Smith

Modella e attrice statunitense
α 28 novembre 1967
ω 8 febbraio 2007
Benazir Bhutto

Benazir Bhutto

Politica pakistana
α 21 giugno 1953
ω 27 dicembre 2007
Boris Eltsin

Boris Eltsin

1° presidente della Federazione russa
α 1 febbraio 1931
ω 23 aprile 2007
Enzo Biagi

Enzo Biagi

Giornalista italiano
α 9 agosto 1920
ω 6 novembre 2007
Gian Carlo Menotti

Gian Carlo Menotti

Compositore italiano
α 7 luglio 1911
ω 1 febbraio 2007
Gianfranco Ferrè

Gianfranco Ferrè

Stilista italiano
α 15 agosto 1944
ω 17 giugno 2007
Gigi Sabani

Gigi Sabani

Presentatore TV e imitatore italiano
α 5 ottobre 1952
ω 4 settembre 2007
Jean Baudrillard

Jean Baudrillard

Filosofo e sociologo francese
α 20 giugno 1929
ω 6 marzo 2007
Kurt Vonnegut

Kurt Vonnegut

Scrittore di fantascienza statunitense
α 11 novembre 1922
ω 11 aprile 2007
Luciano Pavarotti

Luciano Pavarotti

Tenore italiano
α 12 ottobre 1935
ω 6 settembre 2007
Luigi Comencini

Luigi Comencini

Regista italiano
α 8 giugno 1916
ω 6 aprile 2007
Michelangelo Antonioni

Michelangelo Antonioni

Regista italiano
α 29 settembre 1912
ω 30 luglio 2007
Momofuku Ando

Momofuku Ando

Imprenditore giapponese, inventore dei noodles istantanei
α 5 marzo 1910
ω 5 gennaio 2007
Steve Fossett

Steve Fossett

Aviatore ed avventuriero statunitense
α 22 aprile 1944
ω 3 settembre 2007