Biografie

Ioannis Metaxas

Ioannis Metaxas
Libri in lingua inglese

Biografia Linee di difesa

Ioannis Metaxas nasce a Itaca il giorno 12 aprile 1871. Intraprende la carriera militare e combatte la campagna di Tessaglia del 1897, con il grado di ufficiale, contro l'esercito turco. Studia in Germania poi torna in Grecia ed entra nel comando generale prendendo parte al processo di rimodernamento dell'esercito che precede le Guerre Balcaniche (1912-1913), alle quali partecipa attivamente. Nel 1913 Metaxas viene nominato capo del comando generale e promosso Generale.

Fedele alla monarchia, dà il proprio supporto a Costantino I opponendosi all'entrata della Grecia nel primo conflitto mondiale. Dopo il rifiuto di Metaxas di dare il suo aiuto alla campagna dei Dardanelli (voluta fortemente da Winston Churchill, fu uno dei più clamorosi insuccessi dell'Intesa durante la Prima guerra mondiale) l'allora primo ministro greco Eleftherios Venizelos, si dimette.

Venizelos usa poi il tema della guerra come questione principale durante le elezioni del 1915, che vince. Metaxas mobilita l'esercito ma il re lo rimuove dal comando. Nel giugno 1917, con il supporto degli Alleati e 60 mila soldati cretesi, re Costantino I viene deposto e Venizelos sale al potere, dichiarando l'entrata in guerra della Grecia il giorno 29 giugno 1917.

Metaxas segue il re in esilio, dove rimarrà fino al 1920. La monarchia viene abolita nel 1922: l'anno seguente Metaxas entra in politica fondando il Partito dei Liberi Pensatori.

Nel 1935 Giorgio II, figlio di Costantino I, dopo un plebiscito torna a sedere sul trono di Grecia. Le elezioni dell'anno seguente registrano una situazione di stallo politico: temendo la presa di potere del Partito Comunista Greco (KKE) e un possibile colpo di stato, Giorgio II nomina Metaxas - in quel momento è ministro della difesa - primo ministro ad interim; la nomina viene poi confermata dal parlamento greco.

Nel mese di maggio seguono diffusi tumulti nelle industrie del paese e Metaxas dichiara lo stato d'emergenza. Sospende il parlamento a tempo indeterminato abrogando inoltre alcuni articoli della costituzione.

E' il 4 agosto 1936 quando Ioannis Metaxas diviene a tutti gli effetti dittatore della Grecia. Plasma il proprio regime sulla base dei modelli degli altri governi autoritari contemporanei - soprattutto quello fascista di Mussolini - proibendo l'esistenza di partiti polici, arrestando comunisti, vietando gli scioperi, considerate attività criminali e introducendo una diffusa censura di tutti i media.

Metaxas promuove anche varie misure popolari, come ad esempio la giornata lavorativa di otto ore, insieme ad altri miglioramenti delle condizioni dei lavoratori; stabilisce il fondo sociale di sicurezza greco, che ancora oggi è l'istituzione di sicurezza sociale più grande in Grecia; i debiti delle imprese rurali del paese vengono rilevati dal governo. Grazie a questi sforzi il popolo greco non si oppone a Metaxas, tuttavia sembra muoversi verso posizioni politiche di sinistra.

In politica estera Metaxas appoggia l'Inghilterra, la cui flotta è vista come importante alleato per la sicurezza del Mar Mediterraneo. La politica espansionistica di Mussolini è invece una chiara minaccia per la Grecia. Metaxas vuole tenere la Grecia fuori dalla Seconda guerra mondiale ma i suoi sforzi vengono meno di fronte alle brusche richieste di Mussolini: nel mese di ottobre del 1940 Mussolini richiede i diritti d'occupazione di alcuni siti strategici in terra greca, ma Metaxas risponde con un fermo no. Il 28 ottobre l'Italia invade la Grecia dall'Albania. Grazie alla loro preparazione militare, i greci contrattaccano rapidamente, costringendo l'esercito italiano a riparare in Albania.

A causa di un flemmone della faringe, che porta in seguito ad un incurabile avvelenamento del sangue, Ioannis Metaxas muore ad Atene il 29 gennaio 1941 (al suo posto sale al potere Alexandros Korizis).

Oggi la figura storica di Metaxas rimane controversa, in quanto fortemente criticato per il suo rigido regime dittatoriale ma anche ammirato per le sue politiche popolari, per il patriottismo e per la difesa dall'aggressione italiana.

Frasi di Ioannis Metaxas

3 fotografie

Foto e immagini di Ioannis Metaxas

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Ioannis Metaxas ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Libri in lingua inglese

12 biografie

Nati lo stesso giorno di Ioannis Metaxas

Giorgio III

Giorgio III

Monarca inglese
α 4 giugno 1738
ω 29 gennaio 1820
Aleksandr Puskin

Aleksandr Puskin

Poeta, scrittore e drammaturgo russo
α 6 giugno 1799
ω 29 gennaio 1837
Alfred Sisley

Alfred Sisley

Pittore francese
α 30 ottobre 1839
ω 29 gennaio 1899
Carlo Cassola

Carlo Cassola

Scrittore e saggista italiano
α 17 marzo 1917
ω 29 gennaio 1987
Oscar Luigi Scalfaro

Oscar Luigi Scalfaro

Nono Presidente della Repubblica Italiana
α 9 settembre 1918
ω 29 gennaio 2012
Robert Frost

Robert Frost

Poeta statunitense
α 26 marzo 1874
ω 29 gennaio 1963
Trilussa

Trilussa

Poeta italiano, noto per le sue opere in romanesco
α 26 ottobre 1871
ω 21 dicembre 1950
Alberto Bergamini

Alberto Bergamini

Giornalista e politico italiano
α 1 giugno 1871
ω 22 dicembre 1962
Cesare Mori

Cesare Mori

Prefetto italiano
α 22 dicembre 1871
ω 5 luglio 1942
Ernest Rutherford

Ernest Rutherford

Chimico e fisico neozelandese naturalizzato inglese
α 30 agosto 1871
ω 19 ottobre 1937
Giovanni Paneroni

Giovanni Paneroni

Contestatore scientifico
α 23 gennaio 1871
ω 2 gennaio 1950
Grazia Deledda

Grazia Deledda

Scrittrice italiana, premio Nobel
α 27 settembre 1871
ω 15 agosto 1936
Luigi Sturzo

Luigi Sturzo

Sacerdote cattolico e politico italiano
α 26 novembre 1871
ω 8 agosto 1959
Luigi Albertini

Luigi Albertini

Giornalista, editore e politico italiano
α 19 ottobre 1871
ω 29 dicembre 1941
Marcel Proust

Marcel Proust

Scrittore francese
α 10 luglio 1871
ω 18 novembre 1922
Paul Valéry

Paul Valéry

Poeta francese
α 20 ottobre 1871
ω 20 luglio 1945
Pietro Badoglio

Pietro Badoglio

Generale e politico italiano
α 29 settembre 1871
ω 1 novembre 1956
Ugo Ojetti

Ugo Ojetti

Critico d'arte, scrittore, aforista e giornalista italiano
α 15 luglio 1871
ω 1 gennaio 1946
Winsor McCay

Winsor McCay

Fumettista, illustratore e animatore statunitense
α 26 settembre 1871
ω 26 luglio 1934
Alfonso XIII di Spagna

Alfonso XIII di Spagna

Monarca spagnolo
α 17 maggio 1886
ω 28 febbraio 1941
Henri Bergson

Henri Bergson

Filosofo francese, premio Nobel
α 18 ottobre 1859
ω 4 gennaio 1941
James Joyce

James Joyce

Scrittore irlandese
α 2 febbraio 1882
ω 13 gennaio 1941
Luigi Albertini

Luigi Albertini

Giornalista, editore e politico italiano
α 19 ottobre 1871
ω 29 dicembre 1941
Marina Cvetaeva

Marina Cvetaeva

Poetessa russa
α 8 ottobre 1892
ω 31 agosto 1941
Massimiliano Maria Kolbe

Massimiliano Maria Kolbe

Frate francescano polacco, santo cattolico
α 8 gennaio 1894
ω 14 agosto 1941
Rabindranath Tagore

Rabindranath Tagore

Poeta, artista indiano, premio Nobel
α 6 maggio 1861
ω 7 agosto 1941
Virginia Woolf

Virginia Woolf

Scrittrice inglese
α 25 gennaio 1882
ω 28 marzo 1941