Biografie

James Ivory

James Ivory
James Ivory nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di James Ivory

Biografia

James Francis Ivory - celebre regista statunitense e noto come James Ivory - nasce il 7 giugno del 1928 a Berkeley, in California, figlio di Edward Patrick e di Hallie. Cresciuto nell'Oregon, a Klamath Falls, frequenta la University Of Oregon, specializzandosi presso la School of Architecture and Allied Arts e laureandosi in storia dell'arte nel 1951.

Gli studi e i primi lavori cinematografici

In seguito si iscrive alla Scuola di Arti Cinematografiche della University of Southern California, dove dirige nel 1953 il cortometraggio "Four in the morning" e dove nel 1957 presenta come tesi un documentario da lui scritto e prodotto, intitolato "Venice: Theme and Variations", che viene inserito dal New York Times tra le dieci migliori pellicole documentarie dell'anno.

L'interesse per la cultura indiana

Uscito nel 1957 dalla University of Southern California, dimostra un notevole interesse per la cultura indiana, che si concretizza in "The sword of the flute", il suo secondo film. L'opera ottiene un buon successo e gli permette di ricevere dalla Asia Society of New York una borsa di studio grazie alla quale realizza nel 1964 un altro documentario, intitolato "The Delhi Way".

Nel frattempo James Ivory fonda la Merchant Ivory Productions insieme con Ismail Merchant: si tratta di una società che intende realizzare film in lingua inglese in India per poi distribuirli sul mercato internazionale. Il primo progetto che va a buon fine è "Il capofamiglia", sceneggiato da Ruth Prawer Jhabvala. Nel 1965 Ivory dirige "Shakespeare Wallah", cui fanno seguito nel 1969 "Il guru" e nel 1970 "Il racconto di Bombay". Due anni più tardi è la volta di "Selvaggi", mentre al 1975 risalgono "Autobiografia di una principessa" e "Party selvaggio". Nella seconda metà degli anni Settanta il regista statunitense firma "Roseland", "Hullabaloo over Georgie and Bonnie's pictures" e "Gli europei", mentre all'inizio del decennio successivo dirige "Jane Austen a Manhattan", "Quartet" e "Calore e polvere".

"Camera con vista" e il grande successo internazionale

Dopo "I bostoniani", uscito nel 1984, James Ivory è dietro la macchina da presa di "Camera con vista", film che ottiene otto nomination ai Premi Oscar e si aggiudica due David di Donatello (per il migliore regista e per il miglior film straniero), oltre al premio Bafta per il miglior film.

Nel 1987 il regista californiano bissa il successo presentando al Festival di Venezia "Maurice", che conquista il Leone d'Argento, il premio per i migliori attori (Hugh Grant e James Wilby, ex aequo) e quello per la migliore colonna sonora (di Richard Robbins).

Tra il 1980 e il 1990 James dirige "Schiavi di New York" e "Mr & Mrs. Bridge": quest'ultima pellicola si aggiudica una candidatura agli Oscar grazie a Joanne Woodward, nominata nella cinquina delle migliori attrici.

Gli anni '90

Nel 1991 arriva un altro grande successo con "Casa Howard", film tratto dal romanzo di Edward Morgan Forster che fa incetta di tre Premi Oscar (su un totale di nove candidature): quello per la migliore sceneggiatura non originale (firmata da Ruth Prawer Jhabvala), quello per la migliore attrice protagonista (Emma Thompson) e quello per la migliore direzione artistica e le migliori scenografie (Ian Whittaker e Luciana Arrighi).

"Casa Howard", inoltre, vince anche il Bafta in qualità di miglior film. Per James Ivory, è questo un momento davvero d'oro: nel 1993 "Quel che resta del giorno", interpretato da Emma Thompson e Anthony Hopkins e ispirato al romanzo campione di vendite di Kazuo Ishiguro, riceve otto candidature agli Oscar e viene decretato dalla British Film Critics Society miglior film dell'anno.

Tra il 1995 (anno in cui gli viene assegnato dal Directors Guild of America il Premio D.W. Griffith alla Carriera) e il 1998 Ivory dirige "Jefferson in Paris", "Surviving Picasso - Sopravvivere a Picasso" e "La figlia di un soldato non piange mai".

Tutti i miei film sono autobiografie divise in tre: c'è una parte di me, una parte di Ismail [Merchant], una parte di Ruth [Prawer Jhabvala]. Ci sono i viaggi che abbiamo fatto, le emozioni che abbiamo provato, le persone che abbiamo incontrato e le nostre grandi passioni, in prima fila la letteratura.

James Ivory negli anni 2000

Nel 2001 è dietro la macchina da presa di "The golden bowl", e insieme con Ruth Prawer Jhabyala e Ismail Merchant viene insignito della Fellowship of the British Academy of Film and Television. Dopo avere diretto nel 2003 "Le divorce - Americane a Parigi" e nel 2005 "La contessa bianca", nel 2009 il regista americano firma "Quella sera dorata". L'anno successivo vince il Premio Dorian Gray al Torino GLBT Film Festival.

Frasi di James Ivory

7 fotografie

Foto e immagini di James Ivory

Loading...

Commenti

Dopo aver letto la biografia di James Ivory ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

James Ivory nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di James Ivory

12 biografie

Nati lo stesso giorno di James Ivory

Alberto Sughi

Alberto Sughi

Pittore italiano
α 5 ottobre 1928
ω 31 marzo 2012
Andy Warhol

Andy Warhol

Artista statunitense
α 6 agosto 1928
ω 22 febbraio 1987
Ariel Sharon

Ariel Sharon

Leader politico israeliano
α 27 febbraio 1928
ω 11 gennaio 2014
Burt Bacharach

Burt Bacharach

Compositore statunitense
α 12 maggio 1928
Cesare Segre

Cesare Segre

Filologo, semiologo e critico letterario italiano
α 4 aprile 1928
ω 16 marzo 2014
Ciriaco De Mita

Ciriaco De Mita

Politico italiano
α 2 febbraio 1928
Domenico Modugno

Domenico Modugno

Cantante e attore italiano
α 9 gennaio 1928
ω 6 agosto 1994
Elliott Erwitt

Elliott Erwitt

Fotografo statunitense
α 26 luglio 1928
Ennio Morricone

Ennio Morricone

Compositore italiano
α 10 novembre 1928
Enzo Tortora

Enzo Tortora

Conduttore TV italiano
α 30 novembre 1928
ω 18 maggio 1988
Ernesto Che Guevara

Ernesto Che Guevara

Rivoluzionario argentino
α 14 giugno 1928
ω 9 ottobre 1967
Francesco Cossiga

Francesco Cossiga

Ottavo Presidente della Repubblica Italiana
α 26 luglio 1928
ω 17 agosto 2010
Franco Franchi

Franco Franchi

Attore comico
α 18 settembre 1928
ω 9 dicembre 1992
Gabriel Laub

Gabriel Laub

Scrittore e aforista polacco
α 24 ottobre 1928
ω 3 febbraio 1998
George Peppard

George Peppard

Attore statunitense
α 1 ottobre 1928
ω 8 maggio 1994
Giuseppe Pinelli

Giuseppe Pinelli

Ferroviere, noto anarchico italiano
α 21 ottobre 1928
ω 15 dicembre 1969
Hans Küng

Hans Küng

Teologo svizzero
α 19 marzo 1928
Hosni Mubarak

Hosni Mubarak

Statista egiziano
α 4 maggio 1928
Jack Kevorkian

Jack Kevorkian

Medico statunitense
α 26 maggio 1928
ω 3 giugno 2011
James Coburn

James Coburn

Attore statunitense
α 31 agosto 1928
ω 18 novembre 2002
Jean-Marie Le Pen

Jean-Marie Le Pen

Politico francese
α 20 giugno 1928
Jeanne Moreau

Jeanne Moreau

Attrice francese
α 23 gennaio 1928
ω 31 luglio 2017
John Nash

John Nash

Matematico statunitense, Premio Nobel
α 13 giugno 1928
ω 23 maggio 2015
Lina Wertmuller

Lina Wertmuller

Regista italiana
α 14 agosto 1928
Luciano De Crescenzo

Luciano De Crescenzo

Scrittore italiano
α 18 agosto 1928
Mazzino Montinari

Mazzino Montinari

Filosofo italiano
α 4 aprile 1928
ω 24 novembre 1986
Noam Chomsky

Noam Chomsky

Linguista statunitense
α 7 dicembre 1928
Philip K. Dick

Philip K. Dick

Scrittore statunitense
α 16 dicembre 1928
ω 2 febbraio 1982
Piero Angela

Piero Angela

Scrittore, giornalista e divulgatore italiano
α 22 dicembre 1928
Sandro Ciotti

Sandro Ciotti

Giornalista, radiocronista sportivo e conduttore TV
α 4 novembre 1928
ω 18 luglio 2003
Stanley Kubrick

Stanley Kubrick

Regista statunitense
α 26 luglio 1928
ω 7 marzo 1999
Tommaso Buscetta

Tommaso Buscetta

Pentito di mafia
α 13 luglio 1928
ω 4 aprile 2000