Biografie

Jean de La Bruyère

Jean de La Bruyère
Jean de La Bruyère nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Quiete morale

Jean de La Bruyère nasce a Parigi il 16 agosto 1645. Di estrazione borghese, il futuro scrittore e moralista, nel 1684, viene assunto dal Gran Condè come precettore del nipote, il duca Luigi II di Borbone-Condé, il tutto grazie a una raccomandazione del vescovo Jacques Bénigne Bossuet.

La vita di La Bruyère si svolge quindi a contatto con i nobili, parca di soddisfazioni e per molti aspetti umiliante.

Il contatto con l'ambiente nobiliare e mondano gli permette di accumulare materiale per la stesura de "I caratteri di Teofrasto, tradotti dal greco con i caratteri o costumi di questo secolo" (Les caractères de Théophraste, traduits du grec, avec les caractères ou les moeurs de ce siècle). Pubblicato nel 1688, il lavoro ha un enorme successo. La parte originale, posta in appendice alla traduzione di Teofrasto, ma che è anche la più importante, consiste in massime e brevi ritratti che analizzano i vari comportamenti umani.

L'opera ha anche forti contrasti: in alcuni passaggi l'autore vuole indicare personaggi famosi del tempo; La Bruyère inoltre assume una netta posizione a favore degli "anciens" nella querelle tra antichi e moderni. I "Caratteri" non hanno una precisa strutturazione, né presentano una dottrina sistematica, ma offrono ritratti che spiccano per acuto spirito satirico e intenso respiro morale.

Lo stile utilizzato nell'opera è originale, rapido e vario, fondato sull'uso di una larga gamma di strumenti espressivi e su un calcolo preciso degli effetti. Nel campo della critica letteraria La Bruyère è fautore di un dogmatismo di tipo classicista, temperato dalla consapevolezza dell'evoluzione della lingua e della letteratura. Il francese mescola l'analisi dei costumi dell'epoca con esemplificazioni storiche di stereotipi eterni e universali, e con una critica sociale e politica ardita, che apre la strada alla confutazione razionalistica delle istituzioni, ponendo la logica e l'ironia al servizio di sentimenti di giustizia e di umanità.

Negli ultimi anni di vita interviene anche nella controversia tra Fénelon e Jacques Bénigne Bossuet a proposito del quietismo - dottrina mistica, che ha lo scopo di indicare la strada verso Dio e la perfezione cristiana, consistente in uno stato di quiete passiva e fiduciosa dell'anima - cominciando a stendere gli incompiuti "Dialoghi sul quietismo".

Jean de La Bruyère muore a Versailles il 10 maggio 1696.

Aforismi di Jean de La Bruyère

3 fotografie

Foto e immagini di Jean de La Bruyère

Loading...

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Jean de La Bruyère ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Jean de La Bruyère nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

12 biografie

Nati lo stesso giorno di Jean de La Bruyère

Joan Crawford

Joan Crawford

Attrice statunitense
α 23 marzo 1904
ω 10 maggio 1977