Biografie

Luigi Calabresi

Luigi Calabresi
Luigi Calabresi nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia

Luigi Calabresi nasce il 14 novembre 1937 a Roma da una famiglia della media borghesia (il padre commercia vini e oli). Dopo avere frequentato il liceo classico "San Leone Magno", nel 1964 si laurea in Giurisprudenza realizzando una tesi sulla mafia siciliana. Alla carriera forense, però, preferisce quella nella polizia, non volendo diventare né avvocato né magistrato.

Mentre milita nel movimento cristiano Oasi del padre gesuita Virginio Rotondi, nel 1965 vince il concorso per vice commissario di pubblica sicurezza: dopo avere preso parte al corso di formazione dell'Istituto Superiore di Polizia entra in servizio a Milano, dove viene inserito nell'ufficio politico della questura. Collaboratore sporadico del quotidiano socialdemocratico "Giustizia" e, sotto pseudonimo, di "Momento Sera", a Milano Calabresi ha il compito di indagare sugli ambienti della sinistra extraparlamentare, con particolare riferimento ai gruppi anarchici e ai gruppi maoisti.

Gli anarchici, in particolare, sono sospettati di aver messo a disposizione gli esplosivi utilizzati in Grecia per gli attentati durante la Dittatura dei colonnelli.

Nel 1967 conosce Giuseppe Pinelli dopo avere richiesto alla questura di Como, su domanda degli anarchici, il permesso per un camping anarchico a Colico; a novembre dello stesso anno, invece, è al comando delle forze di polizia che si occupano dello sgombero dell'Università Cattolica del Sacro Cuore occupata dagli studenti capeggiati da Mario Capanna (il primo esempio di lotta studentesca, che dà il via al Sessantotto milanese).

Nel 1968 Calabresi viene nominato commissario capo, e in più di un'occasione dirige le cariche dei reparti di polizia nel corso degli scontri e delle manifestazioni di protesta di quel periodo; a Natale di quell'anno dona a Giuseppe Pinelli il libro di Enrico Emanuelli "Mille milioni di uomini" (riceverà in cambio, l'agosto seguente, il libro preferito dall'anarchico milanese, l'"Antologia di Spoon River" di Edgar Lee Masters).

Diventato vice capo dell'ufficio politico della questura milanese, nell'aprile del 1969 riceve l'incarico di indagare sugli attentati avvenuti in Stazione Centrale e alla Fiera Campionaria di Milano: ferma e arresta quindici esponenti della sinistra extraparlamentare, diventando noto a livello nazionale. Gli arrestati, tuttavia, rimarranno in carcere per soli sette mesi, prima di uscire di prigione per mancanza di indizi.

Nel novembre del 1969 Luigi Calabresi partecipa ai funerali dell'agente di polizia Antonio Annarumma, e interviene per difendere Mario Capanna, esponente della sinistra extraparlamentare, dall'ira dei colleghi di Annarumma. Un mese dopo, si trova a indagare sulla strage di piazza Fontana a Milano, dove una bomba posizionata nella filiale della Banca Nazionale dell'Agricoltura ha causato la morte di diciassette persone e il ferimento di quasi un centinaio.

Il commissario Calabresi pensa subito alla pista dell'estrema sinistra, e sale suo malgrado agli onori delle cronache per la morte di Giuseppe Pinelli, convocato in questura dopo la strage, tenuto in stato di fermo per quasi tre giorni (in maniera illegale, dunque) e caduto dalla finestra dell'ufficio di Calabresi. Il tragico evento si verifica il 15 dicembre, e la conferenza stampa che viene convocata per spiegare l'accaduto parla di un suicidio (la versione verrà ritrattata in seguito: sulla morte di Pinelli non sarà mai fatta chiarezza fino in fondo). Da quel momento, tuttavia, il commissario entra nel mirino delle formazioni extra-parlamentari di sinistra e diviene oggetto di una campagna di denuncia che coinvolge numerosi intellettuali: nel 1970, per esempio, Dario Fo scrive l'opera teatrale "Morte accidentale di un anarchico", evidentemente ispirata ai fatti, mentre Nelo Risi e Elio Petri dirigono il lungometraggio "Documenti su Giuseppe Pinelli".

Calabresi viene minacciato anche direttamente, con scritte sui muri e non solo: nei suoi confronti, dunque, cresce un odio sempre maggiore anche a causa della campagna di stampa promossa dal giornale "Lotta Continua", che denuncia senza mezzi termini le supposte responsabilità del commissario (e degli altri uomini della questura) per la morte di Pinelli.

Il 15 aprile del 1970 il commissario denuncia il direttore di "Lotta Continua", Pio Baldelli, per diffamazione continua e aggravata: nell'ottobre di quell'anno prende il via il processo noto come "Calabresi-Lotta Continua" (dopo che a luglio l'indagine del giudice Antonio Amati sui fatti del 15 dicembre era stata archiviata). Il processo diventa terreno di un acceso scontro politico: l'avvocato di Calabresi, Michele Lener, ricusa il giudica Carlo Biotti, che in un colloquio privato aveva parlato della propria intenzione di assolvere Baldelli, ma tale richiesta di ricusazione viene interpretata da molti come un tentativo di prendere tempo dopo la richiesta di riesumazione del cadavere di Pinelli avanzata dagli avvocati dello stesso Baldelli.

La ricusazione viene accettata il 7 giugno del 1971 dalla Corte d'Appello: la settimana successiva Camilla Cederna pubblica sull'"Espresso" un articolo in cui indica Calabresi come un torturatore responsabile della morte di Pinelli e accusa Botti di avere inquinato il processo per carrierismo. Nel numero seguente dell'"Espresso" vengono pubblicati i nomi di moltissimi intellettuali che hanno sottoscritto l'appello della Cederna (che invitava Calabresi alle dimissioni). Nel frattempo, al Commissario Calabresi si imputa anche di essere stato un agente della Cia e un uomo di fiducia di Barry Goldwater, che avrebbe presentato al generale De Lorenzo.

In questo clima di tensione, il 17 maggio del 1972 il Commissario Luigi Calabresi viene ucciso davanti alla sua casa di Milano mentre sta andando a prendere la propria auto per andare in ufficio: ad assassinarlo sono almeno due persone, che lo sorprendono alle spalle.

Calabresi lascia, dunque, la moglie Gemma Capra e due figli, Paolo e Mario (che diventerà un famoso giornalista), mentre un altro, Luigi, nascerà pochi mesi dopo. Nel 1988 uno dei sicari di Luigi Calabresi, Leonardo Marino, si pentirà e confesserà di avere partecipato all'omicidio insieme con Ovidio Bompressi, con mandanti gli esponenti di Lotta Continua, Adriano Sofri e Giorgio Pietrostefani: questi ultimi due saranno condannati a ventidue anni di reclusione, così come Bompressi, mentre Marino sarà condannato a undici anni.

Frasi di Luigi Calabresi

4 fotografie

Foto e immagini di Luigi Calabresi

Video Luigi Calabresi

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Luigi Calabresi ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Luigi Calabresi nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

15 biografie

Nati lo stesso giorno di Luigi Calabresi

Donna Summer

Donna Summer

Cantante statunitense
α 31 dicembre 1948
ω 17 maggio 2012
Nicolás Gómez Dávila

Nicolás Gómez Dávila

Scrittore e filosofo colombiano
α 18 maggio 1913
ω 17 maggio 1994
Sandro Botticelli

Sandro Botticelli

Pittore italiano
α 1 marzo 1445
ω 17 maggio 1510
Anthony Hopkins

Anthony Hopkins

Attore gallese
α 31 dicembre 1937
Bill Cosby

Bill Cosby

Attore statunitense
α 12 luglio 1937
Boris Spassky

Boris Spassky

Scacchista russo
α 30 gennaio 1937
Bruno Gambarotta

Bruno Gambarotta

Scrittore, giornalista e conduttore tv italiano
α 26 maggio 1937
Bruno Lauzi

Bruno Lauzi

Cantautore italiano
α 8 agosto 1937
ω 24 ottobre 2006
Carmelo Bene

Carmelo Bene

Drammaturgo italiano
α 1 settembre 1937
ω 16 marzo 2002
Colin Powell

Colin Powell

Politico statunitense, ex segretario di stato
α 5 aprile 1937
Dustin Hoffman

Dustin Hoffman

Attore statunitense
α 8 agosto 1937
Giuliano Urbani

Giuliano Urbani

Politico italiano
α 9 giugno 1937
Giuseppe Pisanu

Giuseppe Pisanu

Politico italiano
α 2 gennaio 1937
Jack Nicholson

Jack Nicholson

Attore statunitense
α 22 aprile 1937
Jane Fonda

Jane Fonda

Attrice statunitense
α 21 dicembre 1937
Johnny Dorelli

Johnny Dorelli

Cantante, attore e presentatore TV italiano
α 20 febbraio 1937
Lionel Jospin

Lionel Jospin

Politico francese
α 12 luglio 1937
Luciano Moggi

Luciano Moggi

Manager italiano, dirigente sportivo
α 10 luglio 1937
Madeleine Albright

Madeleine Albright

Politica statunitense
α 15 maggio 1937
Mario Merola

Mario Merola

Cantante italiano
α 6 aprile 1937
ω 12 novembre 2006
Martti Ahtisaari

Martti Ahtisaari

Politico e diplomatico finlandese, premio Nobel
α 23 giugno 1937
Morgan Freeman

Morgan Freeman

Attore statunitense
α 1 giugno 1937
Paolo Conte

Paolo Conte

Musicista e cantautore italiano
α 6 gennaio 1937
Pino Puglisi

Pino Puglisi

Sacerdote cattolico italiano, vittima di mafia
α 15 settembre 1937
ω 15 settembre 1993
Raoul Casadei

Raoul Casadei

Cantante italiano
α 15 agosto 1937
Renzo Piano

Renzo Piano

Architetto italiano
α 14 settembre 1937
Renzo Arbore

Renzo Arbore

Conduttore e autore tv, musicista, showman italiano
α 24 giugno 1937
Ridley Scott

Ridley Scott

Regista inglese
α 30 novembre 1937
Robert Redford

Robert Redford

Attore e regista statunitense
α 18 agosto 1937
Roberto Gervaso

Roberto Gervaso

Giornalista e scrittore italiano
α 9 luglio 1937
Rubin Carter

Rubin Carter

Ex pugile statunitense
α 6 maggio 1937
ω 20 aprile 2014
Saddam Hussein

Saddam Hussein

Dittatore iracheno
α 28 aprile 1937
ω 30 dicembre 2006
Tom Stoppard

Tom Stoppard

Drammaturgo e regista inglese
α 3 luglio 1937
Valentina Tereshkova

Valentina Tereshkova

Astronauta russa, prima donna nello spazio
α 6 marzo 1937
Vanessa Redgrave

Vanessa Redgrave

Attrice inglese
α 30 gennaio 1937
Vittorio Emanuele di Savoia

Vittorio Emanuele di Savoia

Reale italiano
α 12 febbraio 1937
Warren Beatty

Warren Beatty

Attore statunitense
α 30 marzo 1937
Antonio Segni

Antonio Segni

Quarto Presidente della Repubblica Italiana
α 2 febbraio 1891
ω 1 dicembre 1972
Dino Buzzati

Dino Buzzati

Scrittore italiano
α 16 ottobre 1906
ω 28 gennaio 1972
Ennio Flaiano

Ennio Flaiano

Scrittore, sceneggiatore e giornalista italiano
α 5 marzo 1910
ω 20 novembre 1972
Ezra Pound

Ezra Pound

Poeta statunitense
α 30 ottobre 1885
ω 1 novembre 1972
Giangiacomo Feltrinelli

Giangiacomo Feltrinelli

Editore e attivista italiano
α 19 giugno 1926
ω 14 marzo 1972
Harry Truman

Harry Truman

33° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 8 maggio 1884
ω 26 dicembre 1972
Igor Sikorsky

Igor Sikorsky

Ingegnere pioniere dell'aviazione russo, naturalizzato statunitense
α 25 maggio 1889
ω 26 ottobre 1972
John Edgar Hoover

John Edgar Hoover

Funzionario statunitense, storico capo dell'FBI
α 1 gennaio 1895
ω 2 maggio 1972
Maurits Escher

Maurits Escher

Pittore olandese
α 17 giugno 1898
ω 27 marzo 1972