Biografie

Mario Tobino

Mario Tobino
Mario Tobino nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia L'evoluzione delle menti

Mario Tobino nasce a Viareggio il 16 gennaio 1910. Il suo carattere vivace che gli provoca a tredici anni una condanna per lesioni gravi ad un compagno, induce i genitori a fargli passare un anno in collegio subito dopo il ginnasio. Tornato a casa, si iscrive al liceo di Massa, ma riesce ad ottenere la maturità solo come privatista a Pisa perché viene espulso dal liceo a seguito di una bravata: viene trovato in una casa di tolleranza abusiva. E' questo il momento in cui comincia ad appassionarsi alla letteratura ed in particolare alle opere di Machiavelli e Dante che affinano la sua sensibilità e lo inducono a cominciare a scrivere. Dopo il liceo frequenta la facoltà di medicina a Pisa, ma si laurea a Bologna nel 1936.

Durante il periodo universitario continua a coltivare la sua passione per la scrittura e nel 1934 pubblica la sua prima raccolta di poesie. I suoi compagni di corso sono Mario Pasi, che poi diventerà il partigiano Montagna, ed Aldo Cucchi che verrà eletto deputato nelle file del Pci. Mario racconta la sua amicizia con i due e le vicende di cui sono protagonisti nei romanzi: "Una giornata con Dufenne" (1968) e "I tre amici" (1988).

Dopo il servizio militare negli alpini, torna a Bologna per specializzarsi in neurologia, psichiatria e medicina legale e inizia a lavorare nell'ospedale psichiatrico di Ancona. Allo scoppio della Seconda guerra mondiale, viene richiamato sotto le armi e parte per la Libia, dove rimane fino al 1942. Proprio nel 1942 viene ferito e rimpatriato in Italia. Dall'esperienza vissuta in Libia trae ispirazione per due romanzi: "Il deserto della Libia" (1942) e "Il perduto amore" (1979). Il primo romanzo è stato oggetto di due differenti adattamenti cinematografici: "Scemo di guerra" di Dino Risi e il più recente (2006) "Le rose del deserto" di Mario Monicelli.

Tornato in Italia, comincia a lavorare nel manicomio di Magliano che sarà praticamente la sua casa per circa quaranta anni. Nello stesso periodo partecipa attivamente alla resistenza contro il nazifascismo. E proprio a testimonianza di questo periodo scrive il romanzo "Il Clandestino" (1962) con cui vince il Premio Strega.

In questo periodo conosce la compagna di tutta la sua vita, Paola, sorella della scrittrice Natalia Ginzburg e di Adriano Olivetti. I due si conoscono ad una festa di Capodanno a Forte dei Marmi e da quel momento non si lasceranno più. Paola sarà presente in tanti suoi romanzi con lo pseudonimo di Giovanna.

Mario Tobino vive da psichiatra i tre passaggi fondamentali di cui è protagonista nel Novecento questa branca della medicina. Assiste cioè alla fase prefarmacologica, quando l'unica possibilità per curare i malati è semplicemente custodirli nei manicomi, alla fase farmacologica, quando cominciano ad essere scoperti e somministrati i primi farmaci, fino a quella antipsichiatrica con la chiusura dei manicomi. Racconta tutte queste trasformazioni nei romanzi: "Le libere donne di Magliano" (1953), "Per le antiche scale" (1971) con il quale vince il Premio Campiello e "Gli ultimi giorni di Magliano" (1982). Mauro Bolognini realizza la versione cinematografica di "Per le antiche scale" nel 1975 e sceglie come protagonista Marcello Mastroianni.

Tobino dedica tutta la vita ai suoi malati, di cui, come lui stesso dice, vorrebbe essere padre, fratello maggiore e persino nonno. Definisce i suoi pazienti matti, e non malati di mente, perché nel chiederne a viva forza il miglioramento delle condizioni di vita preferisce chiamarli come li chiama il popolo. Ne "Gli ultimi giorni di Magliano" descrive proprio la sua disperazione dopo l'approvazione della legge Basaglia che prevede la chiusura dei manicomi. Tobino si chiede dove andranno i suoi matti abbandonati a loro stessi.

Dalle colonne del giornale "La Nazione", si scaglia contro l'insensatezza di una riforma che chiude i manicomi senza proporre delle soluzioni alternative. Viene lasciato solo a combattere la sua battaglia e a denunciare i tanti suicidi dei malati che, liberi di abbandonarsi a se stessi, finiscono per scegliere di non vivere. Da lì a poco, anche lui lascia il manicomio, ormai è quasi un settantenne e la pensione lo attende.

Pubblica il suo ultimo romanzo "Il manicomio di Pechino" nel 1990 e muore un anno dopo il giorno 11 dicembre 1991 ad Agrigento, dove è andato a ritirare il Premio Luigi Pirandello.

Frasi di Mario Tobino

3 fotografie

Foto e immagini di Mario Tobino

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Mario Tobino ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Mario Tobino nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

7 biografie

Nati lo stesso giorno di Mario Tobino

Pinturicchio

Pinturicchio

Pittore e artista italiano
α Anno 1454
ω 11 dicembre 1513
Madre Teresa di Calcutta

Madre Teresa di Calcutta

Missionaria albanese, beata cattolica, premio Nobel
α 26 agosto 1910
ω 5 settembre 1997
Alfa Romeo

Alfa Romeo

Casa automobilistica italiana
α 24 giugno 1910
Akira Kurosawa

Akira Kurosawa

Regista giapponese
α 23 marzo 1910
ω 6 settembre 1998
August Landmesser

August Landmesser

Operaio tedesco che si rifiutò di fare il saluto nazista al Führer
α 24 maggio 1910
ω 17 ottobre 1944
Edda Ciano Mussolini

Edda Ciano Mussolini

Figlia del Duce
α 1 settembre 1910
ω 9 aprile 1995
Ennio Flaiano

Ennio Flaiano

Scrittore, sceneggiatore e giornalista italiano
α 5 marzo 1910
ω 20 novembre 1972
Gillo Dorfles

Gillo Dorfles

Critico d'arte e pittore italiano
α 12 aprile 1910
Giovanni Borghi

Giovanni Borghi

Imprenditore e industriale italiano, fondatore di Ignis
α 14 settembre 1910
ω 25 settembre 1975
Giuseppe Meazza

Giuseppe Meazza

Calciatore italiano
α 23 agosto 1910
ω 27 ottobre 1979
Helenio Herrera

Helenio Herrera

Allenatore di calcio argentino
α 10 aprile 1910
ω 9 novembre 1997
Imi Lichtenfeld

Imi Lichtenfeld

Fondatore del Krav Maga
α 26 maggio 1910
ω 9 gennaio 1998
Jacques Cousteau

Jacques Cousteau

Oceanografo francese
α 11 giugno 1910
ω 25 giugno 1997
Magda Olivero

Magda Olivero

Cantante lirica italiana, soprano
α 25 marzo 1910
ω 8 settembre 2014
Momofuku Ando

Momofuku Ando

Imprenditore giapponese, inventore dei noodles istantanei
α 5 marzo 1910
ω 5 gennaio 2007
Pupella Maggio

Pupella Maggio

Attrice italiana
α 24 aprile 1910
ω 8 dicembre 1999
William Hanna

William Hanna

Fumettista statunitense
α 14 luglio 1910
ω 22 marzo 2001
Frank Capra

Frank Capra

Regista italiano naturalizzato statunitense
α 18 maggio 1897
ω 3 settembre 1991
Freddie Mercury

Freddie Mercury

Cantante e musicista inglese, Queen
α 5 settembre 1946
ω 24 novembre 1991
Graham Greene

Graham Greene

Scrittore e drammaturgo inglese
α 2 ottobre 1904
ω 3 aprile 1991
Isaac Bashevis Singer

Isaac Bashevis Singer

Scrittore polacco, Premio Nobel
α 14 luglio 1904
ω 24 luglio 1991
Leo Fender

Leo Fender

Imprenditore statunitense
α 10 agosto 1909
ω 21 marzo 1991
Luigi Pareyson

Luigi Pareyson

Filosofo italiano
α 4 febbraio 1918
ω 8 settembre 1991
Martha Graham

Martha Graham

Ballerina e coreografa statunitense
α 11 maggio 1894
ω 1 aprile 1991
Miles Davis

Miles Davis

Trombettista jazz statunitense
α 26 maggio 1926
ω 28 settembre 1991
Natalia Ginzburg

Natalia Ginzburg

Scrittrice italiana
α 14 luglio 1916
ω 7 ottobre 1991
Renato Rascel

Renato Rascel

Comico italiano
α 27 aprile 1912
ω 2 gennaio 1991
Vasco Pratolini

Vasco Pratolini

Scrittore italiano
α 19 ottobre 1913
ω 12 gennaio 1991
Walter Chiari

Walter Chiari

Attore italiano
α 8 marzo 1924
ω 20 dicembre 1991
Yves Montand

Yves Montand

Attore e cantante italo-francese
α 13 ottobre 1921
ω 9 novembre 1991