Biografie

Paolo Crepet

Paolo Crepet
Paolo Crepet nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Paolo Crepet

Biografia

Paolo Crepet nasce il 17 settembre del 1951 a Torino, figlio di Massimo Crepet, già professore di Clinica delle Malattie del Lavoro e pro-rettore dell'Università di Padova. Dopo essersi laureato all'Università di Padova in Medicina e Chirurgia nel 1976, rimane per tre anni all'ospedale psichiatrico di Arezzo, per poi decidere di lasciare l'Italia. La decisione arriva grazie a una borsa internazionale concessa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Lavora, quindi, in Danimarca, in Gran Bretagna, in Germania, in Svizzera e in Cecoslovacchia, prima di trasferirsi in India. Paolo Crepet insegna a Toronto, a Rio de Janeiro e ad Hardward, presso il Centro di Studi Europei. Una volta tornato in Italia accetta l'invito di Franco Basaglia, che gli propone di seguirlo a Roma.

La collaborazione con Franco Basaglia

Successivamente si sposta a Verona, dove ha modo di conoscere un amico di Basaglia, il professor Hrayr Terzian. Chiamato da Basaglia a coordinare i servizi psichiatrici della città di Roma negli anni in cui il sindaco della Capitale è Luigi Petroselli, Paolo Crepet vede arrestarsi i progetti organizzati con Basaglia per la morte di quest'ultimo.

Collabora poi con l'assessore alla Cultura Renato Nicolini e in seguito viene chiamato dall'Oms a coordinare un progetto relativo alla prevenzione dei comportamenti suicidiari.

Nel 1978 collabora alla stesura di "Storia della Sanità in Italia. Metodo e indicazioni di ricerca", con l'articolo "Ricerca, storia e pratiche alternative in psichiatria".

Paolo Crepet negli anni '80

Laureatosi nel frattempo in Sociologia all'Università di Urbino, nel 1981 scrive con Maria Grazia Giannichedda il saggio "Inventario di una psichiatria", edito da Electa. L'opera è seguita l'anno successivo da "Fra regole ed utopia. Ipotesi e pratiche per una identificazione del campo psichiatrico", "Ipotesi di pericolosità. Ricerca sulla coazione nell'esperienza di superamento del manicomio di Arezzo" e "Psichiatria senza manicomio. [Epidemiologica critica della Riforma]".

Dopo avere scritto "Psichiatria a Roma. Ipotesi e proposte per l'uso di strumenti epidemiologici in una realtà in trasformazione" per il volume "Psichiatria senza manicomio. Epidemiologia critica della riforma", di cui realizza anche l'introduzione, nel 1983 si occupa dell'introduzione dell'opera "Musei della Follia. Il controllo sociale della devianza nell'Inghilterra del XIX secolo".

Poi collabora al volume "Realtà e prospettive della riforma dell'assistenza psichiatrica", pubblicato dal Ministero della Sanità, con l'articolo "Organizzazione di servizi per la tutela della salute mentale nelle grandi aree urbane".

Nel 1985 Paolo Crepet consegue la specializzazione in Psichiatria nella clinica psichiatrica dell'Università di Padova. Un paio di anni più tardi dà alle stampe, insieme con Vito Mirizio, il volume "Servizi psichiatrici in una realtà metropolitana", edito da Il pensiero scientifico.

Nel 1989 scrive "Il rifiuto di vivere. Anatomia del suicidio", a quattro mani con Francesco Florenzano

Gli anni '90

Nel 1990 si occupa di "Le malattie della disoccupazione. Le condizioni fisiche e psichiche di chi non ha lavoro".

E' presente al terzo simposio europeo sulle condotte suicide e i fattori di rischio, svoltosi tra il 25 e il 28 settembre del 1990 a Bologna. Nel 1992 pubblica "Suicidal behaviour in Europe. Recent research findings", seguito da "Le dimensioni del vuoto. Giovani e suicidio", che viene pubblicato da Feltrinelli.

Nel 1994 scrive per il volume "La cura dell'infelicità. Oltre il mito biologico della depressione", l'intervento "La depressione tra mito biologico e rappresentazione sociale", dando alle stampe anche "Le misure del disagio psicologico".

L'anno successivo torna a pubblicare per Feltrinelli con il volume "Cuori violenti. Viaggio nella criminalità giovanile".

Non solo saggistica, comunque: nella seconda metà degli anni Novanta lo psichiatra Paolo Crepet inizia a dedicarsi anche alla narrativa. Del 1997, per esempio, è il libro "Solitudini. Memorie di assenze", edito da Feltrinelli. Risale all'anno seguente "I giorni dell'ira. Storie di matricidi", realizzato a quattro mani con Giancarlo De Cataldo.

Viviamo uno strano paradosso: nessuno può dirsi più solo, eppure tutti, in qualche misura, sentiamo, e temiamo di esserlo.

Gli anni 2000

Nel 2001 Crepet scrive per Einaudi "Non siamo capaci di ascoltarli. Riflessioni sull'infanzia e sull'adolescenza": è la prosecuzione di una lunga collaborazione con l'editore torinese, già iniziata un paio di anni prima con "Naufragi. Tre storie di confine", e che lo porta a realizzare anche "Voi, noi. Sull'indifferenza di giovani e adulti", "I figli non crescono più" e "Sull'amore. Innamoramento, gelosia, eros, abbandono. Il coraggio dei sentimenti".

Sempre per Einaudi, nel 2007 Crepet scrive con Giuseppe Zois e Mario Botta "Dove abitano le emozioni. La felicità e i luoghi in cui viviamo".

Nel frattempo, prosegue il suo rapporto con la narrativa: "La ragione dei sentimenti", "Dannati e leggeri" e "A una donna tradita" sono il frutto di un'attività di scrittura decisamente prolifica.

Al 2008 risale "La gioia di educare", seguito da "Sfamiglia. Vademecum per un genitore che non si vuole rassegnare" e "Perché siamo infelici".

Gli anni 2010

Approfondendo le tematiche familiari, nel 2011 dà alle stampe "L'autorità perduta. Il coraggio che i figli ci chiedono", mentre nel 2012 completa "Elogio dell'amicizia". Nel 2013 porta a termine "Impara a essere felice".

Paolo Crepet deve la sua notorietà anche alla frequente presenza televisiva dove è spesso ospite di trasmissioni di approfondimento e talk show, come ad esempio "Porta a porta" di Bruno Vespa.

Frasi di Paolo Crepet

7 fotografie

Foto e immagini di Paolo Crepet

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Paolo Crepet ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Paolo Crepet nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Paolo Crepet

6 biografie

Nati lo stesso giorno di Paolo Crepet

Sting

Sting

Cantante e musicista inglese
α 2 ottobre 1951
Abel Ferrara

Abel Ferrara

Regista statunitense
α 19 luglio 1951
Anatolij Karpov

Anatolij Karpov

Scacchista russo
α 23 maggio 1951
Ayman Al-Zawahiri

Ayman Al-Zawahiri

Terrorista egiziano, leader di Al-Qaeda
α 19 giugno 1951
Carlo Vanzina

Carlo Vanzina

Regista e sceneggiatore italiano
α 13 marzo 1951
Chesley Sullenberger

Chesley Sullenberger

Eroe nazionale statunitense, pilota di aerei di linea
α 23 gennaio 1951
Christian De Sica

Christian De Sica

Attore e regista italiano
α 5 gennaio 1951
Claudio Baglioni

Claudio Baglioni

Cantautore italiano
α 16 maggio 1951
Claudio Ranieri

Claudio Ranieri

Allenatore di calcio italiano
α 20 ottobre 1951
Denis Verdini

Denis Verdini

Politico italiano
α 8 maggio 1951
Dodi Battaglia

Dodi Battaglia

Chitarrista italiano, Pooh
α 1 giugno 1951
Francesco Moser

Francesco Moser

Atleta italiano, ciclismo
α 19 giugno 1951
Francesco De Gregori

Francesco De Gregori

Cantautore italiano
α 4 aprile 1951
Geoffrey Rush

Geoffrey Rush

Attore australiano
α 6 luglio 1951
Gianfranco Vissani

Gianfranco Vissani

Chef italiano
α 13 gennaio 1951
Giuliano Poletti

Giuliano Poletti

Politico italiano
α 19 novembre 1951
Giuni Russo

Giuni Russo

Cantante italiana
α 7 settembre 1951
ω 14 settembre 2004
Gordon Brown

Gordon Brown

Politico inglese, ex primo ministro
α 20 febbraio 1951
Ilona Staller

Ilona Staller

Pornostar ungherese
α 26 novembre 1951
Ivano Fossati

Ivano Fossati

Cantautore italiano
α 21 settembre 1951
Jerry Calà

Jerry Calà

Attore e regista italiano
α 28 giugno 1951
Joey Ramone

Joey Ramone

Cantante e musicista rock statunitense
α 19 maggio 1951
ω 15 aprile 2001
Kathryn Bigelow

Kathryn Bigelow

Regista statunitense
α 27 settembre 1951
Kurt Russell

Kurt Russell

Attore statunitense
α 17 marzo 1951
Marco Risi

Marco Risi

Regista italiano
α 4 giugno 1951
Marisa Laurito

Marisa Laurito

Attrice, showgirl, cantante e conduttrice tv italiana
α 19 aprile 1951
Massimo Ranieri

Massimo Ranieri

Cantante, attore e presentatore tv italiano
α 3 maggio 1951
Michael Keaton

Michael Keaton

Attore statunitense
α 5 settembre 1951
Michele Santoro

Michele Santoro

Giornalista e conduttore tv italiano
α 2 luglio 1951
Pedro Almodovar

Pedro Almodovar

Regista spagnolo
α 24 settembre 1951
Phil Collins

Phil Collins

Cantante e musicista inglese
α 30 gennaio 1951
Pier Luigi Bersani

Pier Luigi Bersani

Politico italiano
α 29 settembre 1951
Pino Arlacchi

Pino Arlacchi

Politico e sociologo italiano
α 21 febbraio 1951
Red Ronnie

Red Ronnie

Presentatore tv italiano
α 15 dicembre 1951
Red Canzian

Red Canzian

Cantante e musicista italiano, Pooh
α 30 novembre 1951
Roberto Duran

Roberto Duran

Ex pugile panamense
α 16 giugno 1951
Robin Williams

Robin Williams

Attore statunitense
α 21 luglio 1951
ω 11 agosto 2014
Romina Power

Romina Power

Cantante italiana
α 2 ottobre 1951
Rosario Crocetta

Rosario Crocetta

Politico italiano
α 8 febbraio 1951
Rosy Bindi

Rosy Bindi

Politica italiana
α 12 febbraio 1951
Sally Ride

Sally Ride

Astronauta statunitense
α 26 maggio 1951
ω 23 luglio 2012