Biografie

Stefan Zweig

Stefan Zweig
Stefan Zweig nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Stefan Zweig

Biografia

Stefan Zweig nasce il 28 novembre del 1881 a Vienna, al tempo capitale dell'Impero austro-ungarico. E' secondogenito di Ida, un'italiana proveniente da una famiglia di banchieri, e di Moritz, un'industriale. Cresce in un'agiata famiglia ebraica. Vive un'adolescenza influenzata dalle condizioni economiche favorevoli della sua famiglia, lasciandosi contagiare dalla vivacità intellettuale e artistica della sua città, pur non amando molto la scuola, che reputa noiosa e monotona.

Gli studi e le prime pubblicazioni di Stefan Zweig

Già al liceo Stefan scrive le sue prime poesie, che risentono dell'influenza di autori come Rainer Maria Rilke e Hugo von Hofmannsthal. Pur interessandosi poco delle questioni sociali e politiche del suo tempo, nel 1900 si iscrive all'università per studiare filosofia, prima di trasferirsi un paio di anni più tardi a Berlino.

Nel frattempo, ha avuto l'opportunità di pubblicare il suo primo libro di poesie, intitolato "Corde d'argento" ("Silberne Saiten", in lingua originale). Nel 1904 si laurea, grazie a una tesi dedicata al pensiero di Hippolyte Taine. Nello stesso anno dà alle stampe una raccolta di novelle intitolata "L'amore di Erika Ewald" ("Die Liebe der Erika Ewald", in lingua originale).

Le esperienze europee

Conclusi gli studi viaggia in tutta Europa approfittando del sostegno dei genitori. Si ferma dapprima a Parigi e poi a Londra, avendo l'opportunità di conoscere, tra gli altri, Hermann Hesse, Georges Duhamel, Emile Verhaeren e Auguste Rodin.

Divenuto famoso grazie alla pubblicazione su un giornale viennese, la "Neue Freie Press", di saggi, novelle e articoli, Stefan Zweig si dedica alla scrittura di drammi e racconti, ma anche di traduzioni di novelle e di poesie di autori come Paul Verlaine e Camille Lemonnier.

Nel 1906 Zweig pubblica "Die fruehen Kraenze", una raccolta di poesie, seguita l'anno successivo dal dramma "Tersites".

Gli anni '10 del nuovo secolo

Sul finire del decennio compie un viaggio in Asia, mentre nel 1911 si sposta in America. Dopodiché, tornato in Europa, stringe una solida amicizia con Romain Rolland e ha modo di conoscere Friderike Maria von Winternitz, una donna già sposata ma che in seguito diventerà sua moglie.

Intanto Stefan Zweig si concentra sulla scrittura di opere teatrali: vengono rappresentati i drammi "Das Haus am Meer" e "Der verwandelte Komoediant". La produzione di novelle si concretizza con la pubblicazione di "Un bruciante segreto" ("Brennendes Geheimnis", in lingua originale) e "Mondscheingasse".

Dopo essere stato in Belgio, con lo scoppio della Prima Guerra Mondiale, Stefan torna a Vienna, e una volta concluso il conflitto bellico si sposta in Svizzera, tra Zurigo e Ginevra, entrando in contatto con Ferruccio Busoni e James Joyce.

Gli anni '20

Dopo aver scritto "Jeremias", dramma influenzato dall'esperienza della guerra, si concentra sulla raccolta di biografie "Drei Meister", che contiene la narrazione delle vite di Dostoevskij, di Dickens e di Balzac. Quindi fa ritorno in Austria decidendo di stabilirsi con Friderike, sposata nel 1920, a Salisburgo.

Da questo momento in avanti Stefan Zweig ottiene un notevole successo come scrittore, soprattutto grazie alle novelle "Brief einer Unberkannten" e "Amok", che vengono pubblicate nel 1922.

Nel 1925 scrive "La lotta col demone - Hölderlin, Kleist, Nietzsche" ("Der Kampf mit dem Daemon", in lingua originale). L'anno successivo adatta per il teatro "Volpone", celebre romanzo di Ben Jonson.

Nel 1927 scrive le novelle raccolte in "Sovvertimento dei sensi" ("Verwirrung der Gefuehle", in lingua originale), mentre la raccolta di miniature storiche "Momenti fatali. Quattordici miniature storiche" ("Sternstunden der Menschheit. Vierzehn historische Miniaturen") arriva a una tiratura di 250mila copie.

Poco dopo, Zweig pubblica un'altra collezione di biografie, denominata "Dichter ihres Lebens", con le vite di Tolstoj, di Stendhal e di Casanova. Nel 1929 dà alle stampe "Fouché. Ritratto di un uomo politico" ("Joseph Fouché. Bildnis eines politischen Menschen"). E' la sua prima grande biografia, in cui fornisce un quadro dettagliato dell'epoca napoleonica sperando che funga da ammonimento per la situazione contemporanea.

La seconda grande biografia è "Maria Antonietta - Una vita involontariamente eroica", pubblicata nel 1932. E' considerato il maggiore successo letterario di Zweig.

Gli ultimi anni

Nel 1933 le sue opere vengono bruciate dai nazisti: tale episodio lo accomuna a personalità del calibro di Thomas Mann, Albert Einstein e Sigmund Freud. L'anno successivo, pertanto, Zweig decide di lasciare l'Austria, senza la sua famiglia, e di raggiungere Londra.

Nel 1938 Stefan Zweig chiede la cittadinanza inglese dopo che il Terzo Reich ha annesso l'Austria, e nello stesso periodo si separa dalla moglie. L'anno seguente, infatti, si sposa con Lotte Altmann, segretaria appena ventiduenne con cui nel 1940 parte per New York, abbandonando definitivamente l'Europa.

Nel 1941 si trasferisce in Brasile, a Petròpolis. Qui il 23 febbraio del 1942, all'età di 60 anni, si suicida con la seconda moglie, ingerendo una dose fatale di barbiturici. Il suo corpo e quello della moglie vengono ritrovati sul letto a fianco a un biglietto di addio (intitolato in portoghese Declaraçao, Dichiarazione) in cui Zweig saluta tutti i suoi amici augurando loro di poter vedere l'alba dopo una lunga notte.

Saluto tutti i miei amici! Che dopo questa lunga notte possano vedere l'alba! Io che sono troppo impaziente, li precedo.

Frasi di Stefan Zweig

3 fotografie

Foto e immagini di Stefan Zweig

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Stefan Zweig ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Stefan Zweig nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Stefan Zweig

10 biografie

Nati lo stesso giorno di Stefan Zweig

Carl Friedrich Gauss

Carl Friedrich Gauss

Matematico tedesco
α 30 aprile 1777
ω 23 febbraio 1855
Francois Viète

Francois Viète

Matematico e politico francese
α 13 dicembre 1540
ω 23 febbraio 1603
John Keats

John Keats

Poeta inglese
α 31 ottobre 1795
ω 23 febbraio 1821
John Quincy Adams

John Quincy Adams

6° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 11 luglio 1767
ω 23 febbraio 1848
Paul Claudel

Paul Claudel

Poeta, drammaturgo e diplomatico francese
α 6 agosto 1868
ω 23 febbraio 1955
Stan Laurel

Stan Laurel

Attore e comico inglese
α 16 giugno 1890
ω 23 febbraio 1965
Alcide De Gasperi

Alcide De Gasperi

Politico italiano
α 3 aprile 1881
ω 19 agosto 1954
Alexander Fleming

Alexander Fleming

Scienziato scozzese, premio Nobel
α 6 agosto 1881
ω 11 marzo 1955
Cecil De Mille

Cecil De Mille

Regista e produttore statunitense
α 12 agosto 1881
ω 21 gennaio 1959
Giovanni Papini

Giovanni Papini

Scrittore italiano
α 9 gennaio 1881
ω 8 luglio 1956
Pablo Picasso

Pablo Picasso

Pittore spagnolo
α 25 ottobre 1881
ω 8 aprile 1973
Papa Giovanni XXIII

Papa Giovanni XXIII

Pontefice della Chiesa cattolica italiano
α 25 novembre 1881
ω 3 giugno 1963
William Boeing

William Boeing

Imprenditore statunitense, pioniere dell'aviazione, fondatore dell'industria aeronautica Boeing
α 1 ottobre 1881
ω 28 settembre 1956
Carole Lombard

Carole Lombard

Attrice statunitense
α 6 ottobre 1908
ω 16 gennaio 1942
Cesare Mori

Cesare Mori

Prefetto italiano
α 22 dicembre 1871
ω 5 luglio 1942
Dorando Pietri

Dorando Pietri

Maratoneta italiano
α 16 ottobre 1885
ω 7 febbraio 1942
John Barrymore

John Barrymore

Attore statunitense
α 14 febbraio 1882
ω 29 maggio 1942
Robert Musil

Robert Musil

Scrittore e drammaturgo austriaco
α 6 novembre 1880
ω 15 aprile 1942
Wilbur Scoville

Wilbur Scoville

Chimico statunitense, inventore della Scala di Scoville
α 22 gennaio 1865
ω 10 marzo 1942