Biografie

Tomas Milian

Tomas Milian
Tomas Milian nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Tomas Milian Discografia

Biografia

Tomàs Miliàn (il cui vero nome è Tomàs Quintìn Rodriguez Varona y Miliàn) nasce il 3 marzo 1933 a L'Avana, Cuba, figlio di Lola e Tomàs (il padre è un generale del regime di Gerardo Machado, che dopo il colpo di Stato di Fulgencio Batista verrà arrestato). Dopo aver assistito, ancora non adolescente, al suicidio del padre, che avviene il 31 dicembre del 1945, il giovane Tomàs negli anni Cinquanta decide di abbandonare la terra natale per trasferirsi negli Stati Uniti, Paese di cui ottiene la cittadinanza. Giunge prima a Miami, dove si iscrive all'Università dell'Accademia Teatrale, per poi spostarsi a New York dove, su insistenza della responsabile della scuola di recitazione che frequenta, si iscrive all'Actor's Studio.

Miliàn così ha l'opportunità di lavorare a teatro, addirittura a Broadway, e di apparire in televisione nella serie "Una donna poliziotto" (titolo originale: "Decoy"). Di lì a pochi anni si sposta in Italia: nel 1959 prende parte al Festival di Spoleto, dove recita una pantomima e viene apprezzato e notato dal regista Mauro Bolognini.

Dopo aver sottoscritto un contratto con la Vildes, nei primi anni Sessanta recita in film impegnati come "Il bell'Antonio" e "Madamigella di Maupin" (di Mauro Bolognini), "L'imprevisto" (di Alberto Lattuada), "Un giorno da leoni" (di Nanni Loy), "Boccaccio '70" (di Luchino Visconti), "Ro.Go.Pa.G." (di Pier Paolo Pasolini), "Mare matto" (di Renato Castellani) e "Il tormento e l'estasi" (di Carol Reed).

Non trascura, però, il teatro: dopo "Il poeta e la musa" di Franco Zeffirelli, viene diretto da Giancarlo Menotti in "Arrivo a Roma", da Fabio Mauri ne "L'isola" e da Ruggero Jacobbi in "Evaristo".
 In quel periodo, si dedica anche alla musica, con il Tomàs Miliàn Group di cui fa parte anche Ray Lovelock: il gruppo incide, tra l'altro, i 45 giri "Presto presto scusa scusa", "La piazza" e "Una storia".

Al cinema, invece, a dispetto dell'importanza dei registi con cui lavora, Miliàn è insoddisfatto sia dei ruoli che del doppiaggio che - soprattutto - dei guadagni: per questo motivo, non rinnova il contratto con Vildes per dedicarsi al cinema popolare. Ottenuto un ottimo riscontro con "The Bounty Killer", recita nello spaghetti-western di Sergio Sollima "La resa dei conti", diventando nel giro di breve tempo un attore simbolo del genere: per Sollima interpreta Cuchillo, mentre ne "I quattro dell'apocalisse" di Lucio Fulci veste i panni di Chaco.

Di quel periodo sono, tra l'altro, "Sentenza di morte" di Mario Lanfranchi, "Banditi a Milano" di Carlo Lizzani, "O' Cangaceiro" di Giovanni Fago, "La vittima designata" di Maurizio Lucidi, "La banda J.e S. Cronaca criminale del Far West" di Sergio Corbucci e "Il consigliori" di Alberto De Martino.

Negli anni Settanta, Tomas Miliàn si dedica, invece, alla commedia poliziesca, complice il doppiaggio di successo di Ferruccio Amendola: il sodalizio con il regista Umberto Lenzi dà vita a film inizialmente sottovalutati dalla critica e poi riconsiderati nel corso del tempo, fino ad essere elevati al rango di cult. E' il caso di "Milano odia: la polizia non può sparare", "Il giustiziere sfida la città" e "Roma a mano armata"; ma anche de "Il bianco, il giallo, il nero" di Sergio Corbucci, e di "Il giustiziere sfida la città" (in cui, tra l'altro, interpreta un personaggio chiamato Rambo, in anticipo sui tempi rispetto a Sylvester Stallone), ancora di Lenzi.

Particolarmente fruttuosa, poi, è la collaborazione con Bruno Corbucci, che lo dirige, tra l'altro, in "Squadra antifurto", "Squadra antitruffa", "Il figlio dello sceicco", "Messalina, Messalina!", "Squadra antimafia", "Squadra antigangsters" e "Assassinio sul Tevere". Per Stelvio Massi, invece, recita in "Squadra volante" e "La banda del trucido". Il personaggio del maresciallo (poi ispettore) Nico Giraldi gli dà la fama: un poliziotto poco urbano e dai modi per nulla garbati, che risolve i casi anche contando sull'aiuto dell'amico Bombolo.

L'altro grande personaggio che gli regala notorietà, invece, è quello di Er Monnezza, un ladro dei bassifondi romani. 
Sul finire degli anni Settanta, l'attore cubano ritorna al filone drammatico, recitando ne "La luna" di Bertolucci; nel 1982, è diretto addirittura da Michelangelo Antonioni in "Identificazione di una donna". Nel frattempo ha partecipato, ancora sotto la direzione di Corbucci, a "Uno contro l'altro, praticamente amici" (in coppia con Renato Pozzetto), e, insieme con l'inseparabile Bombolo (Franco Lechner) a "Delitto al ristorante cinese", "Delitto sull'autostrada", "Il diavolo e l'acquasanta", "Delitto in Formula Uno" e "Delitto al Blue Gay".

Mentre il genere poliziesco va incontro ad un inevitabile declino dovuto anche all'usura, Tomas Milian partecipa a pellicole non indimenticabili come "Luci lontane" di Aurelio Chiesa; dopo "Gioco al massacro" di Damiano Damiani e "Oltre ogni rischio" di Abel Ferrara, a inizio anni Novanta sceglie di tornare in America, dove ha modo di lavorare con registi di calibro eccellente. Partecipa, infatti, a "Revenge, vendetta" di Tony Scott, nel 1990; poi a "Havana", di Sydney Pollack, "JFK - Un caso ancora aperto", di Oliver Stone, e "Mela e Tequila - una pazza storia d'amore con sorpresa", di Andy Tennant.

Sempre negli Stati Uniti, torna alla sua vecchia passione, il teatro (mentre l'esperienza televisiva della sit-com "Frannie's Turn" si era rivelata fallimentare, venendo interrotta dopo poche puntate a causa dei bassi ascolti). Sul piccolo schermo, comunque, i suoi cammei sono sempre graditi: accade, tra l'altro, per "La signora in giallo" (titolo originale: "Murder, she wrote"), "Oz" e "Law and order". Nel 1997 ha addirittura l'occasione di essere diretto, al cinema, da Steven Spielberg, in "Amistad".

Le collaborazioni eccellenti proseguono anche negli anni Duemila: partecipa a "Traffic", di Steven Soderbergh, a "The lost city", di Andy Garcia, e a "La fiesta del chivo", di Luis Llosa. 
Dopo essere tornato in Italia come ospite de "I migliori anni", trasmissione di Raiuno condotta da Carlo Conti, viene chiamato nel 2011 per girare "Roma nuda", film di Giuseppe Ferrara che tuttavia non vede mai la luce a causa della scarsità di risorse economiche. 
In Italia Tomàs Miliàn è stato doppiato, oltre che dallo storico Ferruccio Amendola, anche (tra gli altri) da Pino Locchi, Pino Colizzi, Massimo Turci, Renato Izzo, Giuseppe Rinaldi, Giancarlo Giannini, Corrado Pani, Oreste Lionello, Paolo Ferrari ed Elio Pandolfi.

Tomas Milian si spegne il 22 marzo 2017 a Miami, all'età di 84 anni.

Frasi di Tomas Milian

4 fotografie

Foto e immagini di Tomas Milian

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Tomas Milian ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Tomas Milian nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Tomas Milian Discografia

9 biografie

Nati lo stesso giorno di Tomas Milian

Johann Wolfgang Goethe

Johann Wolfgang Goethe

Poeta, scrittore e drammaturgo tedesco
α 28 agosto 1749
ω 22 marzo 1832
Michele Sindona

Michele Sindona

Banchiere e criminale italiano
α 8 maggio 1920
ω 22 marzo 1986
William Hanna

William Hanna

Fumettista statunitense
α 14 luglio 1910
ω 22 marzo 2001
Dalida

Dalida

Cantante e attrice italiana naturalizzata francese
α 17 gennaio 1933
ω 3 maggio 1987
Montserrat Caballé

Montserrat Caballé

Soprano spagnola
α 12 aprile 1933
Akihito

Akihito

Monarca giapponese
α 23 dicembre 1933
Alberto Asor Rosa

Alberto Asor Rosa

Critico letterario italiano
α 23 settembre 1933
Amartya Sen

Amartya Sen

Economista indiano, premio Nobel
α 3 novembre 1933
Azeglio Vicini

Azeglio Vicini

Allenatore di calcio italiano
α 20 marzo 1933
Bernardo Provenzano

Bernardo Provenzano

Boss mafioso italiano
α 31 gennaio 1933
ω 13 luglio 2016
Brigitte Reimann

Brigitte Reimann

Scrittrice tedesca
α 21 luglio 1933
ω 20 febbraio 1973
Charles Wilson

Charles Wilson

Politico statunitense
α 1 giugno 1933
Claudio Abbado

Claudio Abbado

Direttore d'orchestra italiano
α 26 giugno 1933
ω 20 gennaio 2014
Danilo Mainardi

Danilo Mainardi

Etologo e divulgatore scientifico italiano
α 25 novembre 1933
ω 8 marzo 2017
Franco Marini

Franco Marini

Sindacalista e politico italiano
α 9 aprile 1933
Gene Wilder

Gene Wilder

Attore e regista statunitense
α 11 giugno 1933
ω 29 agosto 2016
Gianni Amico

Gianni Amico

Regista italiano
α 27 dicembre 1933
ω 2 novembre 1990
Giorgio Ambrosoli

Giorgio Ambrosoli

Avvocato italiano, vittima di mafia
α 17 ottobre 1933
ω 11 luglio 1979
Guido Crepax

Guido Crepax

Fumettista italiano
α 15 luglio 1933
ω 31 luglio 2003
James Brown

James Brown

Cantante statunitense
α 3 maggio 1933
ω 25 dicembre 2006
Jean Paul Belmondo

Jean Paul Belmondo

Attore francese
α 9 aprile 1933
Jerzy Grotowski

Jerzy Grotowski

Regista polacco
α 11 agosto 1933
ω 14 gennaio 1999
John Mayall

John Mayall

Musicista blues inglese
α 29 novembre 1933
Karl Lagerfeld

Karl Lagerfeld

Stilista, fotografo e regista tedesco
α 10 settembre 1933
Larry King

Larry King

Giornalista e conduttore tv statunitense
α 19 novembre 1933
Lou Rawls

Lou Rawls

Cantante statunitense
α 1 dicembre 1933
ω 6 gennaio 2006
Luca Ronconi

Luca Ronconi

Regista teatrale italiano
α 8 marzo 1933
ω 21 febbraio 2015
Marty Feldman

Marty Feldman

Comico inglese
α 8 luglio 1933
ω 2 dicembre 1982
Michael Caine

Michael Caine

Attore inglese
α 14 marzo 1933
Nicola Pietrangeli

Nicola Pietrangeli

Tennista italiano
α 11 settembre 1933
Nina Simone

Nina Simone

Cantante statunitense
α 21 febbraio 1933
ω 20 aprile 2003
Piero Manzoni

Piero Manzoni

Artista italiano
α 13 luglio 1933
ω 6 febbraio 1963
Quincy Jones

Quincy Jones

Produttore discografico e musicista statunitense
α 14 marzo 1933
Roman Polanski

Roman Polanski

Regista polacco naturalizzato francese
α 18 agosto 1933
Sandra Milo

Sandra Milo

Attrice italiana
α 11 marzo 1933
Sergio Endrigo

Sergio Endrigo

Cantautore italiano
α 15 giugno 1933
ω 7 settembre 2005
Stefano Rodotà

Stefano Rodotà

Giurista e politico italiano
α 30 maggio 1933
ω 23 giugno 2017
Tinto Brass

Tinto Brass

Regista italiano
α 26 marzo 1933
Wilbur Smith

Wilbur Smith

Scrittore zambiano
α 9 gennaio 1933
Yoko Ono

Yoko Ono

Artista e musicista giapponese
α 18 febbraio 1933
Al Jarreau

Al Jarreau

Cantante statunitense
α 12 marzo 1940
ω 12 febbraio 2017
Chris Cornell

Chris Cornell

Cantante statunitense
α 20 luglio 1964
ω 18 maggio 2017
Chuck Berry

Chuck Berry

Cantante e chitarrista rock statunitense
α 18 ottobre 1926
ω 18 marzo 2017
Cino Tortorella

Cino Tortorella

Autore e presentatore tv italiano
α 27 giugno 1927
ω 23 marzo 2017
Danilo Mainardi

Danilo Mainardi

Etologo e divulgatore scientifico italiano
α 25 novembre 1933
ω 8 marzo 2017
Gianni Boncompagni

Gianni Boncompagni

Regista e autore tv italiano
α 13 maggio 1932
ω 16 aprile 2017
Giovanni Sartori

Giovanni Sartori

Politologo italiano
α 13 maggio 1924
ω 4 aprile 2017
Helmut Kohl

Helmut Kohl

Politico tedesco
α 3 aprile 1930
ω 16 giugno 2017
Laura Biagiotti

Laura Biagiotti

Stilista italiana
α 4 agosto 1943
ω 26 maggio 2017
Paolo Limiti

Paolo Limiti

Autore e conduttore tv italiano
α 8 maggio 1940
ω 27 giugno 2017
Roger Moore

Roger Moore

Attore inglese
α 14 ottobre 1927
ω 23 maggio 2017
Stefano Rodotà

Stefano Rodotà

Giurista e politico italiano
α 30 maggio 1933
ω 23 giugno 2017
Zygmunt Bauman

Zygmunt Bauman

Filosofo e sociologo polacco
α 19 novembre 1925
ω 9 gennaio 2017