Biografie

Vaslav Nijinsky

Vaslav Nijinsky
Vaslav Nijinsky nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Il Novecento in punta di piedi

Il grande ballerino, passato alla storia per le sue straordinarie "performance", nasce il 12 marzo del 1889 a Kiew secondogenito della coppia di ballerini Thomas Nijinsky ed Eleonora Bereda. L'infanzia è povera e segnata dagli stenti ma, ben presto, seguendo le sue inclinazioni e aspirazioni viene accolto nella scuola di ballo imperiale di San Pietroburgo.

Natura ardente e sognatrice, appena può e, soprattutto, appena le condizioni economiche glielo permettono, si reca a teatro, per godere della visione dei più grandi ballerini del tempo. Ma Waslaw desidera con tutto se stesso essere protagonista, non gli basta assistere passivamente alle rappresentazioni. Una prima, piccola esperienza, gli sarà offerta da quello che poi diverrà in seguito uno dei massimi coreografi di tutti i tempi (e non solo russi), Michail Fokin, che gli riserva una parte nella rappresentazione scolaresca del balletto "Acis e Galatea".

Dopo quella prima ed esaltante esperienza, non molto tempo dopo ottiene una prima entrata in scena nel teatro Mariinski a San Pietroburgo.

La collaborazione con Fokin, intanto, è sempre più intensa, tanto che nell'immaginario e nelle conversazioni del pubblico i loro nomi appaiono spesso associati.

Nel 1907 supera il durissimo esame e viene accolto nel balletto imperiale; una volta entrato, crea il ruolo degli schiavi di Armida nel "Armida Papillon" ancora di Fokine. Un altro ruolo importante plasmato insieme all'inseparabile amico e collega è quello dello schiavo preferito di Cleopatra nelle "Notti egiziane".

Questi sono anni importantissimi perchè, oltre al successo e alle conferme personali, ha modo di conoscere un altro futuro "mostro sacro" della danza, ossia quel Sergei Diaghilev a cui si devono le produzioni dei celeberrimi "Balletti Russi" (gli stessi, per intenderci, che tennero a battesimo gli immani capolavori di Stravinskij, tra cui svetta la rivoluzionaria "Sagra della Primavera"); per tacere delle innumerevoli commissioni caldeggiate da Diaghilev a compositori quali Ravel e Debussy, nome enormi nella storia della musica.

Nel 1909 balla in una elaborazione orchestrale delle musiche di Chopin (com'era di moda un tempo), la "Chopiniana", sempre di Fokine e si reca a Parigi con la compagnia messa insieme da Diaghilev dove danza nei balletti "Le Papillon d'Armide" e "Le Festin e Cleopatre" (tutte rielaborazioni). Nella stagione 1909/10 prova "Giselle" a San Pietroburgo con Anna Pawlowa.

Un anno dopo, in una tournè simile, sempre nella capitale parigina, balla in "Sheherazade" (facendo lo schiavo dorato) e nel "Les Orientales", cosi come in "Giselle" (con Tamara Karswina). Tutti prodotti frutto dell'inesauribile inventiva del solito Fokine.

Nel 1911, invece, a San Pietroburgo balla Albrecht nel cosiddetto costume francese, il che viene considerato assai sconveniente. La conseguenza è che Nijinsky viene licenziato.

Poco male: parte per una terza tourné europea del balletto russo con quattro nuovi balletti di Fokine: "Le spectre de la rose" e "Narcisse" a Monte Carlo (qui interpreta la parte dell'eroe dell'opera omonima), "Le Carneval" (Arlecchino) e "Petrouchka" (nel ruolo principale) a Parigi; in autunno la compagnia è ospite a Londra con un'edizione in due atti de "Il Lago dei Cigni" (dove interpreta il principe Siegfried).

Dopo lunghe ed estenuanti tournè per il mondo, decide di dedicarsi anche la lavoro creativo. Ecco allora nascere il suo primo balletto "L'Apres midi d'un faune", realizzato sull'omonimo brano orchestrale di Claude Debussy. Parallelamente, e fino alla fine di quell'anno, è a Londra, in più città tedesche e a Budapest, dove lavora al succitato "Le Sacre du printemps" di Stravinskij.

Accanto al "Sacre", Nijinsky coreografa un altro balletto, "Jeux" ancora di Debussy, rappresentati entrambi a Parigi con grande scandalo, soprattutto per le novità introdotte dalla musica del compositore russo, giudicata barbarica ed eccessivamente selvaggia. Il pubblico, insomma, si dimostra incapace di apprezzare uno dei più grandi capolavori musicali della storia della musica.

Dopo il gran polverone e il frastuono "mediatico" sollevato con la rappresentazione del "Sacre", si imbarca per una tourné sudamericana, stavolta senza Diaghilev. Durante la traversata si fidanza con la ballerina ungherese Romola de Pulzky. Nel giro di pochi mesi si sposano a Buenos Aires.

Tornato in patria, in seguito ad una serie di incomprensioni insanabili, Diaghilev licenzia Nijinsky. Quest'ultimo, allora, prende a calcare le scene in un teatro londinese con una propria compagnia ma l'esperienza termina con un fiasco finanziario.

Nasce la figlia Kyra a Vienna. Allo scoppio della prima guerra mondiale viene internato con la sua famiglia a Budapest. L'esperienza è traumatizzante ma non sufficiente a piegarne l'ardente tempra artistica, in questo singolarmente accumunato alla più nobile schiatta degli artisti russi. Si occupa con una nuova compagnia della composizione di Richard Strauss "Till Eulenspiegels lustige Streiche" ("I tiri burloni di Till Eulenspiegels"), altro capolavoro assoluto di un grandissimo musicista; il che testimonia del livello intellettuale e di gusto che questo straordinario trio della danza, nel suo complesso, aveva sviluppato.

Nel 1916 i Nijinsky vanno a Vienna e più tardi negli Stati Uniti; la frattura con Diaghilev intanto è andata in parte ricomponendosi e torna quindi a ballare con i Ballets Russes; in autunno comincia un'ulteriore tournee della compagnia dove tra l'altro vi è la prima del tanto sudato "Till Eulenspiegel".

Purtroppo, però, avviene una nuova rottura con Diaghilev: i Nijinsky, in cerca di pace e di serenità, si ritirano in Svizzera. Qui il suo comportamento comincia a cambiare sensibilmente. La causa è presto spiegata: durante una rappresentazione in un albergo di San Moritz (la sua ultima), a Zurigo gli vengono diagnosticati disturbi di natura schizofrenica.

Muore l'8 aprile 1950 in un ospedale londinese.

Aforismi di Vaslav Nijinsky

3 fotografie

Foto e immagini di Vaslav Nijinsky

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Vaslav Nijinsky ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Vaslav Nijinsky nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

10 biografie

Nati lo stesso giorno di Vaslav Nijinsky

Gaetano Donizetti

Gaetano Donizetti

Compositore italiano
α 29 novembre 1797
ω 8 aprile 1848
Margaret Thatcher

Margaret Thatcher

Politica inglese, ex Primo Ministro britannico
α 13 ottobre 1925
ω 8 aprile 2013
Pablo Picasso

Pablo Picasso

Pittore spagnolo
α 25 ottobre 1881
ω 8 aprile 1973
Adolf Hitler

Adolf Hitler

Dittatore tedesco
α 20 aprile 1889
ω 30 aprile 1945
Arnoldo Mondadori

Arnoldo Mondadori

Editore italiano
α 2 novembre 1889
ω 8 giugno 1971
Charlie Chaplin

Charlie Chaplin

Attore inglese
α 16 aprile 1889
ω 25 dicembre 1977
Edwin Hubble

Edwin Hubble

Astronomo e astrofisico statunitense
α 20 novembre 1889
ω 28 settembre 1953
Igor Sikorsky

Igor Sikorsky

Ingegnere pioniere dell'aviazione russo, naturalizzato statunitense
α 25 maggio 1889
ω 26 ottobre 1972
Jean Cocteau

Jean Cocteau

Poeta, scrittore, drammaturgo e artista francese
α 5 luglio 1889
ω 11 ottobre 1963
Ludwig Wittgenstein

Ludwig Wittgenstein

Filosofo austriaco
α 26 aprile 1889
ω 29 aprile 1951
Marcel Achard

Marcel Achard

Scrittore e drammaturgo francese
α 5 luglio 1889
ω 4 settembre 1974
Martin Heidegger

Martin Heidegger

Filosofo tedesco
α 26 settembre 1889
ω 26 maggio 1976
Pierre Reverdy

Pierre Reverdy

Poeta e aforista francese
α 11 settembre 1889
ω 17 giugno 1960
Trilussa

Trilussa

Poeta italiano, noto per le sue opere in romanesco
α 26 ottobre 1871
ω 21 dicembre 1950
Cesare Pavese

Cesare Pavese

Scrittore italiano
α 9 settembre 1908
ω 27 agosto 1950
Edgar Rice Burroughs

Edgar Rice Burroughs

Scrittore statunitense
α 1 settembre 1875
ω 19 marzo 1950
Edgar Lee Masters

Edgar Lee Masters

Poeta e scrittore statunitense
α 23 agosto 1869
ω 5 marzo 1950
George Orwell

George Orwell

Scrittore britannico
α 25 giugno 1903
ω 21 gennaio 1950
George Bernard Shaw

George Bernard Shaw

Scrittore e drammaturgo irlandese, premio Nobel
α 26 luglio 1856
ω 2 novembre 1950
Giovanni Paneroni

Giovanni Paneroni

Contestatore scientifico
α 23 gennaio 1871
ω 2 gennaio 1950
Salvatore Giuliano

Salvatore Giuliano

Noto bandito italiano
α 22 novembre 1922
ω 5 luglio 1950