Biografie

Louis-Ferdinand Céline

Louis-Ferdinand Céline
Louis-Ferdinand Céline nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia

Louis-Ferdinand Céline, il cui vero nome è Louis Ferdinand Auguste Destouches, nasce il 27 maggio del 1894 a Courbevoie, a poca distanza da Parigi. E' figlio di Fernando, impiegato in una compagnia assicurativa, e di Marguerite, proprietaria di un negozio di merletti e porcellane. Fu scrittore, saggista e medico francese: scelse il nome della nonna materna, Céline, per firmare le sue opere.

L'infanzia e gli studi

Louis-Ferdinand trascorre un'infanzia poco piacevole non solo a causa delle ristrettezze economiche della famiglia, ma anche per colpa della mentalità piccolo borghese e conservatrice dell'ambiente in cui cresce. Oggetto di una protezione quasi morbosa da parte dei genitori, trova conforto nella nonna materna Céline.

Una volta concluse le scuole dell'obbligo, viene inviato dal padre all'estero, in modo che possa studiare le lingue. Tra l'estate del 1907 e quella del 1908 si trova in Germania. L'anno successivo vive in Inghilterra.

La Grande Guerra

Nel 1912, a diciotto anni, si arruola nell'esercito francese come volontario e viene aggregato a Rambouillet al 12eme régiment de cuirassiers. Due anni più tardi è attivo sul fronte della Prima Guerra Mondiale. Il 27 ottobre del 1914 resta ferito in modo piuttosto grave durante una missione pericolosa nelle Fiandre Occidentali. Viene così operato alla testa per due volte, per rimediare ai danni ai timpani conseguenti a un'esplosione.

Decorato con la Médaille militaire e con la Croce di guerra, finisce in copertina sull'"Illustré national", prima di ottenere il congedo. Dopo un lungo peregrinare tra vari ospedali, si vede assegnare una modesta pensione di guerra e viene riformato per invalidità al 75%.

Dopo la guerra

Trova lavoro, dunque, presso l'ufficio visti del consolato generale francese in Inghilterra, e proprio a Londra incontra, negli ambienti della prostituzione, una barista di nome Suzanne Nebout, che diventa sua moglie; il matrimonio, però, dura pochi mesi, e non viene neppure registrato in Francia.

Nel 1916 Céline sottoscrive un accordo con la Compagnie Française Shanga Oubangui in virtù del quale si trasferisce in Camerun per curare una piantagione di cacao. Tuttavia decide di far ritorno in patria dopo appena nove mesi, in quanto spossato dalla malaria. Va così a lavorare in una rivista di divulgazione scientifica.

Nel 1919 si sposa con la figlia di un medico, di nome Edith Follet, che un anno più tardi dà alla luce la figlia Collet. Nel 1924 si laurea presso l'Università di Rennes in Medicina e Chirurgia. Inizia quindi a lavorare per la Società delle Nazioni, spostandosi a causa di questo impiego a Ginevra e poi in Inghilterra, in Africa, in America e a Cuba.

Il ritorno in Francia e le prime pubblicazioni

Nel 1928 torna in Francia, a Parigi, e soggiorna a Montmartre, dove lavora come medico quasi senza retribuzione, prestando la propria opera per i più poveri. E' in questo periodo che scrive "Viaggio al termine della notte" (Voyage au bout de la nuit, 1932 - la sua opera più nota).

Nel 1937 scrive un pamphlet intitolato "Bagatelle per un massacro", seguito l'anno successivo da "L'école des cadavres". Nel 1941 scrive "Les beaux draps". In queste tre opere Louis-Ferdinand Céline lascia trasparire in modo alquanto evidente il suo sentimento antisemita, e in particolare ne "L'école des cadavres" attribuisce la colpa della crisi della Francia ai capitalisti e agli ebrei, auspicando un'alleanza con la Germania di Hitler in modo da favorire lo scontro tra gli Stati ariani, e il Regno Unito con gli Stati Uniti, democrazie occidentali ormai giudaizzate.

L'esilio di Céline in Danimarca

Nel 1945, alla conclusione della Seconda Guerra Mondiale, viene esiliato dalla Francia con l'accusa di collaborazionismo e di antisemitismo. Céline trova rifugio in Danimarca. Nei primi mesi del suo soggiorno vive in clandestinità insieme con la sua terza moglie, la ballerina Lucie Georgette Almansor, che aveva conosciuto una decina di anni prima.

Scoperto dalle forze dell'ordine, viene arrestato da alcuni poliziotti in borghese, non prima di aver tentato di scappare. Rimane rinchiuso per quattordici mesi nel carcere Veste Faengsel. Questa esperienza distrugge il suo fisico, non solo per la segregazione in cella, ma anche per la pellagra e lo scorbuto derivanti da un'alimentazione insufficiente, nonché dall'obbligo di rimanere per tutto il giorno seduto.

Nel febbraio del 1947 Céline riesce a farsi assegnare la libertà provvisoria e si fa ricoverare in un ospedale di Copenaghen. Conquista la libertà definitiva quattro mesi più tardi, e va a vivere in una soffitta in compagnia della moglie.

Gli ultimi anni di Louis-Ferdinand Céline

Dopo l'esilio in Danimarca, nel 1951 torna in Francia e si stabilisce a una decina di chilometri da Parigi, a Meudon. Qui prosegue la propria attività di medico, pur dovendo fare i conti con il fatto che sono in pochi ad accettare le sue prestazioni.

Nel 1952 dà alle stampe "Féerie pour une autre fois I", seguito un paio di anni più tardi da "Normance", noto anche come "Féerie pour une autre fois II". Negli anni successivi si dedica alla cosiddetta trilogia tedesca, che include "D'un chateau l'autre", "Nord" e "Rigodon".

Vivendo come un condannato, esce di casa pochissime volte, amplificando la propria misantropia e circondandosi unicamente di cani e gatti. Dopo aver comunicato, il 29 giugno del 1961, di aver concluso il romanzo "Rigodon", due giorni più tardi è vittima di un aneurisma che causa un'emorragia cerebrale che lo porta alla morte. Muore all'età di 67 anni, il 1° luglio 1961.

Da Wikipedia

Considerato appartenente alle correnti del modernismo e dell'espressionismo, Céline è considerato uno dei più influenti scrittori del XX secolo, celebrato per aver dato vita a un nuovo stile letterario che modernizzò la letteratura francese ed europea. Fu un innovatore nel panorama letterario francese. La maggioranza dei suoi libri originano da spunti autobiografici, e sono narrati in prima persona da Ferdinand, il suo alter ego letterario.

Per le sue prese di posizione politiche e affermazioni durante la Seconda guerra mondiale, esposte in pamphlet violentemente antisemiti, Céline rimane oggi una figura controversa e discussa. Emarginato dalla vita culturale, dopo il 1945, il suo stile letterario fu preso a modello da alcuni scrittori che gravitavano attorno alla Beat Generation statunitense. Anche Charles Bukowski aveva grandissima ammirazione per la prosa letteraria di Céline.

Frasi di Louis-Ferdinand Céline

6 fotografie

Foto e immagini di Louis-Ferdinand Céline

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Louis-Ferdinand Céline ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Louis-Ferdinand Céline nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

10 biografie

Nati lo stesso giorno di Louis-Ferdinand Céline

Antonio Rosmini

Antonio Rosmini

Filosofo e sacerdote cattolico italiano
α 24 marzo 1797
ω 1 luglio 1855
Charles Goodyear

Charles Goodyear

Inventore statunitense
α 29 dicembre 1800
ω 1 luglio 1860
Erik Satie

Erik Satie

Compositore e pianista francese
α 17 maggio 1866
ω 1 luglio 1925
Michail Bakunin

Michail Bakunin

Filosofo e rivoluzionario russo
α 30 maggio 1814
ω 1 luglio 1876
Walter Matthau

Walter Matthau

Attore statunitense
α 1 ottobre 1920
ω 1 luglio 2000
Aldous Huxley

Aldous Huxley

Scrittore inglese
α 26 luglio 1894
ω 22 novembre 1963
Alfred Kinsey

Alfred Kinsey

Sessuologo statunitense
α 23 giugno 1894
ω 25 agosto 1956
Edward Estlin Cummings

Edward Estlin Cummings

Poeta, scrittore e drammaturgo statunitense
α 14 ottobre 1894
ω 3 settembre 1962
Jean Rostand

Jean Rostand

Biologo e filosofo francese
α 30 ottobre 1894
ω 3 settembre 1977
John Boynton Priestley

John Boynton Priestley

Scrittore e drammaturgo inglese
α 13 settembre 1894
ω 14 agosto 1984
Joseph Roth

Joseph Roth

Scrittore e giornalista austriaco
α 2 settembre 1894
ω 27 maggio 1939
Martha Graham

Martha Graham

Ballerina e coreografa statunitense
α 11 maggio 1894
ω 1 aprile 1991
Massimiliano Maria Kolbe

Massimiliano Maria Kolbe

Frate francescano polacco, santo cattolico
α 8 gennaio 1894
ω 14 agosto 1941
Nikita Kruscev

Nikita Kruscev

Politico sovietico
α 15 aprile 1894
ω 11 settembre 1971
Robert Menzies

Robert Menzies

Leader politico australiano
α 20 dicembre 1894
ω 14 maggio 1978
Rudolf Hess

Rudolf Hess

Gerarca nazista
α 26 aprile 1894
ω 17 agosto 1987
Alfredo Frassati

Alfredo Frassati

Giornalista e politico italiano
α 28 settembre 1868
ω 21 maggio 1961
Carl Gustav Jung

Carl Gustav Jung

Psicologo svizzero
α 26 luglio 1875
ω 6 giugno 1961
Ernest Hemingway

Ernest Hemingway

Scrittore statunitense, premio Nobel
α 21 luglio 1899
ω 2 luglio 1961
Erwin Schrödinger

Erwin Schrödinger

Matematico e fisico austriaco, premio Nobel
α 12 agosto 1887
ω 4 gennaio 1961
Gary Cooper

Gary Cooper

Attore statunitense
α 7 maggio 1901
ω 13 maggio 1961
Luigi Einaudi

Luigi Einaudi

Secondo Presidente della Repubblica italiana
α 24 marzo 1874
ω 30 ottobre 1961
Luigi Amato

Luigi Amato

Pittore italiano
α 1 gennaio 1898
ω 2 novembre 1961
Maurice Merleau-Ponty

Maurice Merleau-Ponty

Filosofo francese
α 14 marzo 1908
ω 4 maggio 1961