Commenti per Giuseppe Conte

Messaggi presenti: 8

Lascia un messaggio o un commento per Giuseppe Conte utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Commenta

Mercoledì 8 agosto 2018 08:37:14

Profonde Congratulazioni e vivi Ringraziamenti per il Suo Operato!
I miei migliori Auguri Signor Presidente!
Federico Gentilini
Progetto e Premio EDUCALS

Giovedì 24 maggio 2018 11:06:54

Congratulazioni professore per l'incarico di Governo e buon lavoro, ho fiducia in Lei e nel suo operato.

Giulio de Nicolais d'Afflitto - Direttore Responsabile del Periodico telematico www.RomaMeeting.it

Giovedì 24 maggio 2018 08:34:08

(ARTICOLO PUBBLICATO IL 23 MAGGIO 2018 SU "ROMA-MEETING")

Fino a che punto sono vere le critiche al prof. Giuseppe Conte, candidato al ruolo di Premier dalla Lega e dal M5S?

Abbiamo chiesto al nostro collaboratore da Varsavia, il prof. Leonardo A. Losito, che ha studiato ed insegnato anche negli USA oltre che alla Link Campus University di Roma ed al Collegium Civitas di Varsavia, che idea si e' fatto della polemica stampa divampata in questi giorni sul CV del prof. Giuseppe Conte, candidato al ruolo di Premier dalla Lega e dal M5S.


D. Quanto rilevanti sono le querelles scatenate dal corrispondente da Roma del New York Times sul curriculum del prof. Conte?

R. A prima vista si tratta secondo me di riflettere sulle parole, perche' sono questi gli strumenti che si usano nella stampa e che vanno sempre soppesati bene. Nel CV del Prof Conte si legge "perfezionamento degli studi giuridici" presso diverse Universita' tra cui la New York University "dal 2008 al 2012". Nel suo articolo Horowitz traduce " perfected and updated his studies" che non e' proprio la traduzione corretta di "perfezionamento" per quel che si intende in lingua italiana. Poi aggiunge che una impiegata dell'ufficio stampa della Faculty of Law di NYU (Michelle Tsai) ha risposto alla sua richiesta di conferma che nei suoi registri il nome di Conte non risulta ne' come studente ne' come membro della Facolta' di Legge: "A person by this name does not show up in any of our records as either a student or faculty member". Ora io mi chiedo: possibile che all'articolista non risulti che negli Stati Uniti (come altrove) e' possibile seguire lezioni, seminari e pubblici incontri tematizzati da semplici uditori, discutere con colleghi come il prof. Mark Geistfeld o fare ricerche in biblioteca, senza alcun bisogno di registrarsi formalmente?

D. E cosa comporterebbe questa Sua precisazione?

R. Semplicemente che l'assenza di una presenza tracciabile non significa di per se' motivo sufficiente e necessario per gridare allo scandalo. Le "registrations" riguardano gli studenti regolarmente iscritti alla Facolta' (e si chiedono per poi verificare se siano o meno a posto col pagamento delle rette d'iscrizione = in inglese "tuition and fees" per l'anno accademico in corso, ai fini della valutazione curricolare ed in vista di esami). A Conte per poter assistere serviva solo un permesso informale, perche' a quella data (dal 2008 al 20012) egli non poteva essere e non era ne' uno studente, ne' un ricercatore e neppure un dottorando di nazionalita' straniera, dal momento che era gia' in possesso da anni sia dell'idoneità a professore associato di Diritto privato (2000) che di quella a professore ordinario (2002) per la medesima disciplina.

D. Professore, va bene che Lei e' stato un NYU Fulbrighter ed un Salzburg fellow in American Studies, ma non e' che stia facendo ora Lei giornalisticamente le pulci al responsabile dell'Ufficio Romano della famosa testata statunitense?

R. Essere precisi ed accurati e' un obbligo per qualsiasi giornalista professionista, come per un semplice freelance. E mi sentirei di aggiungere, sia che si scriva sul New York Times che sul bollettino parrocchiale di un qualsiasi paesino del profondo Sud. Si tratta di metodo e di correttezza, specie se si considera che l'articolista in questione e' noto e seguito sia da noi che oltre oceano per le sue non infrequenti prese di posizioni critiche (in inglese si direbbe "biased", cioe' abbastanza di parte) verso le compagini politiche che hanno espresso la candidatura del prof. Conte a Premier, in un passaggio istituzionalmente delicatissimo dei nostri esiti post-elettorali. In democrazia e' sacrosantamente lecito esprimere opinioni senza sconti per nessuno: un esempio di scuola e' il ruolo decisamente anti-Trump svolto dal New York Times nelle ultime elezioni presidenziali americane. L'ultima parola pero' l'hanno detta gli elettori nelle urne.

D. Lasciamo per un momento da parte l'inevitabile uso politico di questa vicenda. Se le chiedessi cosa avrebbe fatto Lei, cosa mi risponde?

R. Ognuno e' libero di scrivere a suo modo e di esprimere le proprie simpatie di testata. Ma mi chiedo: non sarebbe stato piu' facile chiedere direttamente all'interessato maggiori dettagli sulle sue frequentazioni di studio nelle citate Universita'? Ad un buon giornalista investigativo sarebbe bastato incrociare le risposte ottenute con una verifica piu' ampia e approfondita che la semplice domanda ad una responsabile di un ufficio stampa che ha fornito solo i dati burocratico-amministrativi in suo possesso. Per poi eventualmente inchiodarlo su basi piu' concrete e fattauli prima di passare il pezzo. Magari si sarebbero potuti sentire altri docenti di quel campus, o sondare nel merito semplici frequentatori di quell'area tematica di quella o altre universita' in grado di asseverare quanto dichiarato da Conte nel CV. Oggigiorno si puo' dialogare a distanza anche twittando: molto dipende dall'autorevolezza di chi si esprime: tanto per fare un esempio, sul caso si e' fatto sentire da Oslo il prof. Mads Andenas che non solo e' noto anche in Italia come specialista del settore, ma ha usato parole tanto inequivocabili quanto condivisibili: i professori studiano in biblioteca e per tali soggiorni spesso usano le vacanze estive, e non sono ne' staff ne' students.

D. Insomma, per farla breve, secondo Lei tanto rumore per nulla?

R. Non ho detto questo. Anzi, osservo che la frittata mediatica e' stata scodellata ed il caso e' divenuto internazionalmente virale ovvero, come si dice in gergo yankee, si sa cosa succede quando "the shit hits the fan". Senonche' ,la questione attenzionata e' di notevole sensibilita', perche' qui non si sta parlando di presunte incongruenze, misteri o sottili dettagli curricolari di un accademico che (piaccia o no) risulta essere stato (dal 2006) condirettore dei Corsi di perfezionamento e specializzazione sul nuovo diritto delle telecomunicazioni tenuti dalla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Firenze e patrocinati dall'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. Qui pero' non si tratta di dispute accademiche sui criteri di valutazione usati dalla commissione per un concorso universitario, quanto piuttosto dell'esecutivo caldeggiato da Luigi Di Maio e Matteo Salvini, che non sono certo soggetti a pareri, proposte o mozioni del CUN (il Consiglio Nazionale Universitario), quanto piuttosto alla fiducia loro espressa dagli elettori ed alle competenze costituzionali del Quirinale.

Mercoledì 23 maggio 2018 20:22:42

Mi fa ben sperare sul futuro del nostro paese

Mercoledì 23 maggio 2018 13:38:19

Mio articolo sul CV del Prof. Conte.
Saluti,
L.A. Losito

www.romameeting.it/eventi-a-roma/fino-a-che-punto-sono-vere-le-critiche-al-prof-giuseppe-conte-candidato-al-ruolo-di-premier-dalla-lega-e-dal-m5s--637.htm

Martedì 22 maggio 2018 12:18:31

Voglio essere ottimista, voglio credere nel suo impegno.
Spero tanto che riesca a creare LAVORO, ma non solo per i giovani (sono il futuro del Paese ed è giusto che siano aiutati), ma anche per noi "diversamente giovani" (ma con esperienza, formazione e voglia di fare...) che non abbiamo ancora perso il diritto e la voglia di vivere (con buona pace della Lagarde), ma costretti a sopravvivere.

Martedì 22 maggio 2018 00:13:08

Finalmente un governo voluto dai cittadini Italiani, sono un cittadino che è orgoglioso di essere Italiano vorrei soltanto che nel nostro Paese ritorni la serietà, la sicurezza, il rispetto, la giustizia, e l'ordine in tutti i sensi. Grazie

Lunedì 21 maggio 2018 22:47:39

Varsavia, domenica 20 maggio 2018

Illustre Professor Conte,
Le giunga dalla Polonia ritornata indipendente e riunificta sulle carte geografiche esattamente 100 anni fa (per gli esiti vittoriosi del primo conflitto mondiale combattuto dagli Italiani anche per i fratelli polacchi), un sincero saluto beneaugurante per il Suo auspicatissimo ingresso al Governo della R.I. quale nume tutelare della nobile causa della meritocrazia.
Glielo indirizza da Varsavia un Suo attempato corregionale (classe 1951, nativo di Gioia del Colle), estimatore dei suoi percorsi accademici internazionali. Cordialmente,
Leonardo A. Losito
New York University Fulbrighter
Salzburg Fellow in American Studies

Lascia un messaggio o un commento per Giuseppe Conte utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, qui sopra.

Commenta

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Giuseppe Conte ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook