Messaggi e commenti per Nicolò Tommaseo

Messaggi presenti: 1

Lascia un commento su Nicolò Tommaseo utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Domenica 17 febbraio 2013 12:15:15

Niccolò Tommaseo non nacque affatto da genitori veneti.
Sia il padre, Girolamo, sia la madre, Caterina, erano nati in Dalmazia.
Inoltre la famiglia Tommaseo, stando alle ricerche fatte da Niccolò stesso, e in un certo qual modo messe in discussione dal suo 'biografo, Ciampini, era di origine lombarda e non veneta.
Veneta è semmai la formazione culturale, essendo il Tommaseo nato nel 1802 e quindi in una congerie storico-culturale assai prossima alla decaduta Serenissima, il quale sostrato fu soltanto leggermente scalfitto dalla presenza francese; presenza che, a dir del vero, agì più sulla riorganizzazione amministrativa e ben poco si dimostrò interessata a una riorganizzazione culturale.
Non è il "richiamo della famiglia" a condurlo a Padova; è semmai una sorta di tradizione della media borghesia dalmata quella che lo induce a frequentare l'ateneo patavino e a istruirsi negli studi di diritto.
Certo, agiscono le aspirazioni del padre Girolamo che confidava, una volta terminati gli studi, di vedersi affiancato dal figlio nell'attività commerciale di famiglia.
Lo stile di vita "licenzioso" non si sfoga solo in quel di Parigi; il "Diario intimo" e pure le lettere preoccupate dello zio Antonio alla famiglia riportano già notizia di frequentazioni amorose e licenziose quando Niccolò è studente a Padova, decide comunque di trasferirsi a Venezia (sarà Girolamo, arrivato a in Italia da Sebenico, a indurlo a terminare gli studi).
Parigi rappresenta una svolta, sospesa tra il voluto e il dovuto, nella sua vita che lo traghetterà verso la maturità.

Commenti Facebook