Messaggi e commenti per Fabio Fazio

Messaggi presenti: 424

Lascia un messaggio o un commento per Fabio Fazio utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Fabio Fazio

Domenica 25 aprile 2021 17:15:24

Buonasera,
vorrei fare una domanda a proposito del vaccino. Non sono molto esperto con i social e non so se ho "pescato" il posto giusto per scrivere.
Io, ultrasettantacinquenne, ho fatto la prima dose di vaccino e sono stato prenotato per la seconda dose per l'8/7/2021. Mia moglie, settantenne, sin dal 15 Marzo 2021 ha registrato l'adesione e fino ad oggi non è stata chiamata per il vaccino nè abbiamo cognizione di quando sarà chiamata. Siamo residenti in Piemonte, ho provato a telefonare a parecchi numeri senza alcun esito. La domanda è la seguente: da domani siamo in fascia gialla e con mia moglie sentiamo il bisogno (come tanti d'altronde), di fare una "scappata" per una decina di giorni fuori città per festeggiare anche il nostro 47° anniversario di matrimonio. Ma siamo in attesa che la chiamino e quindi non ce la sentiamo di allontanarci dalla nostra città con il dubbio che possano chiamarci mentre siamo fuori e dover, quindi, rientrare, di corsa. Ripeto, non ci viene data la possibilità di contattare nessuno perchè all'sms di convocazione non è possibile replicare e quindi non sappiamo cosa fare per postdatare eventualmente l'appuntamento. Il problema si presenterà anche per tutti coloro che, non avendo fatto ancora la prima dose, rischieranno di essere chiamati mentre si trovano in vacanza lontani dalla propria città di residenza. Sarebbe opportuno che sull'sms di convocazione venisse indicato un numero da chiamare per modifiche. Grazie. Alfio

Lunedì 19 aprile 2021 10:55:17

I militari che scelsero la "resistenza" al prezzo della vita


Caro Fabio Fazio,
Ho seguito la puntata di "che tempo che fa"del 18 scorso nella quale Gad Lerner ha presentato il volume "noi partigiani" e proposto la testimonianza di due "resistenti".

Le sono grata di aver voluto affrontare, ancora una volta, un tema, quello della resistenza, fondamentale e fondante della nostra democrazia.

Io sono la figlia di un militare italiano, Domenico Duca, antifascista, impegnato, suo malgrado, nella seconda guerra mondiale.
Mio padre, di stanza in Grecia in forza alle milizie di occupazione, l'8 settembre trovandosi nella condizione di scegliere tra la collaborazione coi tedeschi o la prigionia scelse questa seconda opzione venendo quindi deportato in campo di concentramento nelle condizioni che tutti ormai conosciamo, io in modo particolare poiché i ricordi di guerra di mio padre sono diventati i ricordi più vividi della mia infanzia.

Mio padre ha lasciato un diario relativo alla sua esperienza di internato.

Mio marito Giovanni Vezzelli, germanista,
deceduto a ottobre scorso, ne ha tratto un romanzo "l'armata dell'amore" che non ha trovato un editore con suo e mio grande rammarico.
Avrei considerato la possibilità di divulgare l'esperienza di mio padre come un modo per dare voce a una "resistenza "ahimé trascurata.

Perché Le scrivo?

Poiché forse Lei potrebbe trovare il modo di rendere omaggio al valore di quei militari, tanti, che scelsero la "resistenza" sovente al prezzo della vita.

Grazie

Sabato 10 aprile 2021 13:13:21

Ciao Fabio, seguo tutte le domeniche il tuo programma... ho saputo che sarà tuo ospite il ministro Speranza... io sono leccese... volevo segnalarti la situazione a dir poco tragica che stiamo vivendo noi operatori sanitari... un gruppo di uomini e donne, 241 oss il 18 aprile stiamo per essere mandati via... al nostro posto altri precari... noi, molto prima della pandemia siamo stati chiamati da un avviso pubblico, abbiamo oltre 20 mesi di esperienza sul campo e siamo tutti vaccinati... il presidente Emiliano ha deciso di farci fuori a favore degli idonei della graduatoria del concorso di Foggia, graduatoria approvata molto dopo della prima nostra chiamata. Nonostante il dg della ASL lecce ha più volte espresso la sua intenzione di volerci portare alla stabilizzazione è stato obbligato a mandarci via. Potresti parlare del nostro problema... potresti darci voce? Grazie.
Anna Maria Panzarini.

Sabato 10 aprile 2021 10:01:38

Falsa priorità in Lombardia alle persone Fragili


Sono felice di vedere intervista a Pelè tuttavia vorrei che parlaste nella puntata di domani, del perchè la regione Lombardia disattende le direttive del Generale Figliuolo riguardo la priorità delle categorie da vaccinare, visto che avete sempre come ospite il Dr. Burioni del San Raffaele, faccio presente che io sono una paziente "estremamente vulnerabile" categoria 1, e avrei dovuto già essere vaccinata a partire dal 18 marzo insieme con i miei familiari conviventi, invece non sono mai stata chiamata dall'ospedale san raffaele da cui ho sempre ricevuto risposte sconfortanti in quanto gli specialisti stessi denunciavano la latitanza della regione e delle Ats, e solo ieri ho potuto iscrivermi tramite il portale delle poste ed ho avuto l'appuntamento per la prima dose per il 2 maggio!!! mentre nel frattempo i lombardi fascia età 70-79 anni hanno potuto iscriversi prima ed avere appuntamenti nel mese di aprile... come mai??? i pazienti fragili vengono dopo gli altri in Lombardia alla faccia di tutti i proclami della Moratti e di Fontana e con il colpevole silenzio dei medici e degli ospedali

Sabato 20 marzo 2021 11:55:57

[Compatibilità vaccino]

Salve, sono una persona ultra settantenne con problemi di piastrinopenia e cardiopatico. È vero che sono più esposto a rischi da vaccinazione?

Sabato 13 marzo 2021 11:48:19

La scuola orchestra


Gentile dottor Fazio, buon giorno,
seguo le sue conduzioni, sempre garbate nella forma e puntuali nella sostanza, fin dai tempi del "gaudemus igitur" si Sandro Paternostro e, naturalmente, non perdo una puntata di CTCF.

Le scrivo perché mi occupo di SCUOLA ed è appena uscito un saggio che ho curato per Mondadori Università dal titolo "LA SCUOLA ORCHESTRA: UN MODELLO TRA PRESENZA E DISTANZA" che affronta le questioni della formazione non solo riferite alla bolla pandemica, quanto piuttosto alla prospettiva da costruire perché la scuola ne possa uscire con una normalità diversa da quella che l'ha condotta fin qui. Mi piacerebbe, ove lei lo ritenesse possibile, partecipare, da remoto o n presenza, ad una sua trasmissione per poter far arrivare al grande pubblico non solo un messaggio di speranza riferito ai bambini-alunni e agli studenti in genere che soffrono la situazione all'oggi, ma anche una serie di informazioni concrete di una scuola nuova che, sperimentata per circa dieci anni in alcune aree d'Italia, viene qui ora praticata. Si tratta di una scuola per la competenza che mette al centro non la produttività distorta dal mito bulimico dell'efficienza e dell'enciclopedismo, ma il piacere di apprendere, puntando al benessere dei soggetti interessati alla cosiddetta "comunità educante", ossia della rete costituita da operatori della scuola, alunni-studenti, famiglie e istituzioni del territorio. Mi piacerebbe farle avere una scheda di presentazione del libro e, ove sapessi come fare, inviarle una copia del saggio così che ne possa avere cognizione. Mi rendo conto che, pur avendo insegnato per anni nella scuola e presso l'Università di Torino (Scienze della Formazione primaria e SISS) e avendo pubblicato molto, non sono un personaggio famoso, ma credo che lei sappia apprezzare l'umile lavoro di chi s'impegna con costanza per cercare di costruire un futuro migliore per la scuola e dunque per i bambini, per gli studenti e i giovani che sono, già ora, il futuro di questo meraviglioso e tragico Paese.

Ove, per motivi svariati e legati alle dinamiche di carattere organizzativo-formale, non fosse possibile prevedere una mia partecipazione ad una trasmissione, la prego comunque di rispondermi e soprattutto di indicarmi come potrei farle arrivare il testo che potrebbe offrire qualche spunto di riflessione sul mondo della scuola di cui troppo spesso si parla in negativo e senza sufficiente cognizione di causa.

Ringraziandola per la cortese attenzione, le porgo i migliori saluti

Tiziano Pera
cell 347-------

Domenica 21 febbraio 2021 21:09:17

Un conduttore non può e non deve dare giudizi politici a leader di un partito (Meloni), come ha fatto Fazio alle ore 21, 00 del 21. 2. 2021. Io non voto la Meloni, ma sentire dei giudizi politici da un conduttore non è professionale. Il conduttore deve gestire la trasmissione come meglio crede, ma deve lasciare i giudizi agli ospiti.

Lunedì 15 febbraio 2021 16:41:55

Soloni del CTS


Buongiorno Sig. Fazio,
seguo sempre molto volentieri la sua trasmissione. Vorrei dire a questi "soloni" del CTS e ad alcuni virologhi che a quanto pare hanno dimostrato di non essere in grado di gestire la situazione, ancora dopo 1 anno. Parlano di lock-down duro ancora una volta???, ma è già stato fatto un anno fa e poi ancora, ma a quanto pare non risolve mai nulla, continuano a chiudere e poi riaprire, chiudere e poi riaprire, e il virus ritorna sempre, ma hanno capito che non è questa la strategia giusta? Il tracciamento non sono in grado di farlo in modo corretto con o senza lock-down duro, la prevenzione non sono in grado di farla, non c'è personale per fare vaccini, per fare i tamponi a domicilio, non c'è personale per curare i malati, non ci sono strutture sanitarie potenziate, il governo anziché dare i ristori dovuti per le chiusure che questi soldi li dia al potenziamento delle cure, del personale medico, delle strutture sanitarie (dopo un anno siamo allo stesso punto, è una vergona). .. ci stanno facendo morire se non di covid di depressione e di malattie mentali e fisiche... e poi il ministro che chiude gli impianti da sci il giorno prima della loro riapertura è una vergona, è uno sport all'aperto come si può trasmettere così tanto il virus? poi sulle code e nei locali ci saranno comunque adeguate misure di sicurezza e di distanza... continuano a dare i numeri delle persone contagiate ogni giorno... ma bisogna anche distinguere se questi contagi sviluppano la malattia grave o restano a casa con sintomi lievi... (ne conosco tanti che sono rimasti a casa senza ospedalizzazione) perchè continuano a fare questa violenza psicologica ogni giorno... Crisanti dopo l'uscita infelice e vergognosa sui vaccini che autorevolezza vuole avere adesso dicendo che bisogna chiudere ancora? ?. .. le mascherina le portiamo tutti, il gel lo usiamo tutti, le mani le laviamo sempre, il distanziamento e le regole le osserviamo tutti allora mi chiedo, tutti questi contagi di ogni giorno da dove vengono? ? le misure di sicurezza hanno bloccato il virus dell'influenza perché non hanno bloccato il covid? c'è qualcosa che sfugge a tutti, soprattutto a questi super medici che non sanno nemmeno loro cosa si deve fare... chiudono e riaprono a piacimento come fosse un gioco... l'unica cosa facile che saprebbero fare tutti... non c'è bisogno di andare all'università o di fare chissà quanti studi approfonditi... si sentono tranquilli perchè prendono l'esempio delle altre nazioni quando devono rinchiuderci in casa, mentre prendere esempio da altre nazioni molto più avanti di noi per fare funzionare la sanità, per gestire meglio i soldi pubblici, se ne guardano bene dal farlo.. qui l'esempio non esiste... spero che si potrà prima o poi arrivare alla resa dei conti e che i responsabili di questa situazione disumana dal punto di vista sanitario, sociale, economico possano ricevere la giusta pena.

Lunedì 15 febbraio 2021 15:50:44

Chiedo se è possibile "silenziare" la signora che ride rumorosamente non appena la sig, ra Littizzetto apre bocca qualsiasi cosa dica.. Trovo sia davvero fastidiosa. Grazie.

Domenica 14 febbraio 2021 23:29:04

Potete togliere il microfono a quella signora che ride in continuazione in platea e disturba l'ascolto dei dialoghi ?

Commenti Facebook