Messaggi e commenti per Giuseppe Garibaldi - pagina 3

Messaggi presenti: 51

Lascia un commento su Giuseppe Garibaldi utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Domenica 15 maggio 2011 10:20:49

Caro Francesco, premesso che le biografie del ca..o fanno parte del tuo sapere, ti informo, sempre per tua conoscenza, che non venivano date le patenti di Pirata, ma caso mai di CORSA e gli uomini erano i Corsari, appunto. Ho visitato il sito comitati due sicilie, non critico mai un sito, c'è libertà di opinione ed è giusto così. Il sito è meridionale, filo meridionale, a difesa dei Borbone e quindi tutto normale, è molto di parte, ma non mi stupisco è un sito come tanti altri del nord. Non è certo la panacea dlla verità, ma lo prendo per buono e lo approfondirò, come mia abitudine.
Xavier, sugli eccidi, hai ragione, ho già espresso il mio parere all'inizio di questo lungo dialogo, lo trovi in fondo pagina. Le guerre fanno i morto, anche i bambini!
Alberto chi vince prende il piatto, nella 1° guerra mondiale, abbiamo vinto e ci siamo annessi l'Alto Adige, che è austriaco, non è mai stato italiano e non lo è nemmeno ora.
Concludo con una mia riflessione, se Garibaldi era un brigante criminale, non si capisce prchè sbarcato in mille dopo pochi giorni vi si erano aggregati (battaglia di Calatafimi 200 picciotti, 2000 contadini -Wikipedia- strano tutta questa gente, che ha subito tanti eccedi e che amava tanto i Borbone), più i disertori borbonici.
Questi brigant, erano: pochi, male armati, disorganizzati, male equipaggiati, nulla eddestrati, contro i più numerosi Borbonici, meglio armati (avevano anche i cannoni), megli equipaggiati, ben addestrati e hanno vinto i briganti con l'aiuto dei siciliani. Insomma qualche cosa è successo, leggete e scrivete quello che volete, ma i numeri e i fatti rimangono.
Buona giornata.

Sabato 14 maggio 2011 16:43:03

Francesco si è dimenticato di dire che i 443milioni del Regno delle due Sicilie era in oro, mentre quello del Piemonte, Sardegna, Liguria, Lombardia e Veneto era in carta straccia. Gli 8 milioni della Lombardia erano comprensivi di quelli del Veneto e il Piemonte aveva oltre 1 miliardo di lire di debito pubblico. Per acquistare 1 lira del regno, ci volevano 11,67 lire del Piemonte & company. Tutte le industrie erano al sud, acciaierie, meccaniche, fiandre, tessili ecc. ecc. Quella del pirata Garibaldi, fu un'invasione per risanare il nord. Andatevi a leggere gli archivi storici di guerra, non i librucoli di storia che tengono nascoste le verità. Internet potrebbe aiutarvi molto.

Sabato 14 maggio 2011 15:41:52

Leggo tante stupidate, gente poco informata sulla pseudo unità d'Italia. Solo l'anno scorso, Torino ha avuto il coraggio di aprire il museo Lombroso, in esso ci sono le teste di tutti i (briganti che furono fucilati o decapitati, tra loro ci sono anche le teste di Angelina Romano di 9 anni (si nove anni), della nonna di 50 anni Anna Catalano, del sacerdote Don Benedetto Palermo e di due settantenni Antonino Corona e Angelo Calamia. Tenete presente che a quell'epoca, l'età media era di 50 anni, quindi averne allora 70, è come averne attualmente, oltre 100, e quelli erano brigaqnti!? L'eccidio di queste persone avvenne a Castellamare del Golfo in provincia di Trapani. Potete fare le vostre ricerche nell'archivio storico militare dell'epoca. Di storie del genere potrei raccontarne tante, ma a questo punto dovrei scivere una enciclopedia. Se volete iniziare una ricerca, potrete partire da questo sito: duesicilie.org

Sabato 14 maggio 2011 15:10:35

Che biografia del caz... Garibaldi era un pirata ed aveva tale patente rilasciatagli dagli inglesi. In Brasile era ricercato per furto di bestiame e perchè aveva ferito e tentato di uccidere il marito della sua amante Anita. In argentina fu arrestato, ancora per furto di cavalli, ma un'amnistia lo salvò. Era un trafficante di schiavi. L'unità d'Italia!?... Aveva tentato di diventare il dittatore del Regno delle due Sicilie. Il popolino, dopo averlo aiutato e conosciuto, voleva linciarlo. Continuate a leggervi le stupidate che scrivono i libri di storia, vi consiglierei di far delle ricerche, ci sono documenti storici che potrebbero aitarvi. Il sud era ricco, quando fu fatta la così detta unità, il tesoro italiano era così costituito: totale tesoro 668 milioni di lire, 8 milioni li ha apportati la Lombardia, 27 milioni il Piemonte la Liguria e la Sardegna, 443 milioni (si ho scritto quattrocentoquarantatre) il sud. la rimanenza tutti gli altri statarelli italiani. Se volete dei riferimenti storici documentati, andate sul sito: [email protected] - Da questo sito, potrete avere tutte le informazioni che desiderate e le documentazioni che sono che vengono dai libri di guerra del tempo e dai documenti dei vari comuni. Apprenderete degli eccidi e degli stupri. Paesi interi dati alle fiamme e massacrati i loro abitanti, che in genere erano donne, vecchi e bambini, le donne però, prima venivano stuprate. Informatevi bene e poi date i vostri pareri.

Mercoledì 23 marzo 2011 17:54:32

Volevo rassicurare Daniela e dirle di stare tranquilla, siamo cosi intelligenti che avevamo capito comunque chi erano i nemici di Garibaldi.

Mercoledì 23 marzo 2011 17:41:08

volevo informare l'autore della biografia di Garibaldi, che non sconfisse i Borboni, casomai i Borbone!

Martedì 22 marzo 2011 16:40:18

Comunque ragazzi,alla fine della discussione si evince che:nonostante le barbarie i sorprusi e come qualcuno ha detto, necessaria la morte degli innocenti(danni collaterali),garibaldi rimane un eroe,io vi dico che quando la sbornia passerà vi accorgerete che il vino non era tale,ma era solo aceto,anzi FIELE.Ora questo argomento visto che non porta da nessuna parte lo abbandono.Ciao!

Martedì 22 marzo 2011 14:28:28

Garibaldi sarà stato un avventuriero', però ha fatto l'unità d'ITALIA sconfiggendo Franceschiello e ilcardinale Ruffo,(che organizzava il brigantaggio). In quanto a Teano, si è dovuto inchinare per evitare una guerra fratricida. Comunque è stato tradito dai Savoia, che nulla hanno fatto per il meridione, se non allearsi alle baronie che sfuttavano il popolino. Garibaldi in Sicilia aveva dato la terra aj contadini. (revocato dai Savoia. Comunque viva Garibaldi. Roberto.

Domenica 20 marzo 2011 19:48:37

Angelo, cerca di aprirli tu e non dare sempre per scontato che chi va contro corrente abbia ragione. Leggi un pò di più e pensa che i primi a dar massimo credito a Garibaldi sono stati proprio i meridionali! altrimenti non sarebbe stato possibile far cadere in pochi mesi uno Stato autoritario e militarizzato come quello borbonico, sono loro che lo hanno aiutato e supportato con il loro grandissimo entusiasmo! Animo, Garibaldi non è una condanna del Sud, è una vittoria, che se non ha dato frutti sperati non è certo colpa di Garibaldi, ma della classe dirigente locale e anche, certamente, della miopia dei Piemontesi.

Domenica 20 marzo 2011 15:38:33

non volete propio aprire gli occhi!

Commenti Facebook