Messaggi e commenti per Lella Costa

Messaggi presenti: 40

Lascia un messaggio o un commento per Lella Costa utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Martedì 13 ottobre 2020 10:57:52

Ciao Lella. Sono un informatrice che si è occupata in modo particolare di differenza di genere, pertanto ti seguo con molto interesse sia in televisione sia in teatro appena possibile. purtroppo l’anno scorso il codice ce l’ha impedito. Per una importante patologia visiva ho dovuto lasciare il lavoro anticipatamente e mi sono quindi dedicata in un primo momento al volontariato in un centro antiviolenza, poi alla musica ed ora alla Scrittura. Il tuo monologo agli Stati generali della TV delle ragazze Ha ispirato il mio racconto. Vorrei inviartelo. Come posso fare? Grazie e a presto Tiziana Morino

Martedì 6 ottobre 2020 17:02:23

Gentile Signora Costa, ho avuto in omaggio tutte le commedie di Franca Valeri, la quale mi ha rilasciato una delle otto testimonianze per il mio libro sull'atteggiamento Comico-Umoristico (l'ho intervistata personalmente a Roma, con la costante presenza di Roro) e di recente ho avuto in dono "Tutte le Commedie" di Franca. Le scrivo solo per congratularmi della Sua Prefazione, tanto sapiente e intelligente quanto nascosta (con sapienza e intelligenza, appunto) dietro la sobrietà e la disinvoltura dello stile. Se vorrà indicarmi un indirizzo dove mandarle il mio libro lo farei con piacere, senz'altro scopo che l' omaggio e la condivisone. Soprattutto per una frase che, da sola, basterebbe a scolpire tutta Franca Valeri e cioè "avere fatto dell'ironia la cifra prediletta, l'arma preferita, la sintesi del suo punto di vista sul mondo"
Bella sintesi, davvero, anche la Sua. Con stima, Pier Luigi Amietta

Lunedì 28 settembre 2020 11:24:59

Leggiadra Lella
Ascoltarti a Radio 3 e' stato illuminante.
Ha confermato il ruolo fondamentale dell'umorismo come condotta di vita.
Vorrei inviarti qualche pagina; tentativo ridicolo o presunto tale.. Dove?
Antonio

Lunedì 20 luglio 2020 12:39:00

Ciao,
Mi hanno mandato un video YouTube con una parte della tua Traviata.
Solo che io sono sordo e senza trascrizioni o sottotitoli non riesco a capire cosa dici.
Mica è possibile avere qualche video sottotitolato delle tue performance?

Grazie,
ciao
dan

Lunedì 6 luglio 2020 16:59:02

Gentile Lella Costa ho letto tutto d'un fiato la storia di Edith Stein nel libro CIO CHE POSSIAMO FARE le sia graditi i miei complimenti nel modo in cui ha raccontato questa straordinaria e drammatica storia che a dir il vero conoscevo poco, mentre conosco bene il luogo del suo martirio avendo visitato AUSWCHWITZ-BIRKENAU quello che possiamo fare noi contemporanei e raccontare come a fatto lei in modo che quegli orrori non abbiano più a ripetersi. Cordialmente Willer D. B

Martedì 30 giugno 2020 18:47:50

Gentilissima sig. ra Costa, dopo aver seguito la puntata di "Quante storie" con la presentazione del suo libro su EDITH Stein, ho sentito il bisogno di contattarla perché da oltre un anno mi sono personalmente interessata a questa figura straordinaria di donna. Vivo in un piccolo ma storicamente importante paese della Calabria, Squillace e sono una ex insegnante, ormai in pensione, ma con interessi letterari e didattici sempre attivi, per deformazione professionale. Ho così pensato alla realizzazione di un progetto di rappresentazione filmica su questa notevole figura, poco conosciuta, ma tanto importante per la storia della nostra Europa. Ho quindi scritto un copione con la collaborazione di una suora di clausura che si è laureata con una tesi su Edith e con un attento studio di documenti, lettere, testimonianze ecc. L'intento didattico e divulgativo che sottende l'intero progetto mi ha fatto scegliere tutti i personaggi e gli interpreti di varie fasce d'età tra la popolazione locale, utilizzando ambienti e paesaggi del posto e trovando collaborazione ed entusiasmo attorno ad un'idea forte e difficile da realizzare, ma come una sfida in risposta alla superficialità, all'ignoranza e alla mancanza di empatia del nostro tempo. Avrei piacere di condividere con lei questo mio lavoro che ha subito diverse interruzioni, non ultima la vicenda del Covid-19 che ci ha fermati completamente. Sarei felice quindi di un possibile confronto con lei tramite una comunicazione più diretta telefonica o per e-mail. Attendo fiduciosa una sua risposta un'innamorata di Edith

Domenica 28 giugno 2020 13:26:37

Buongiorno, mi permetto Signora Costa di rubarle qualche minuto per una ragione davvero seria a mio avviso, ho visto ora la sua presentazione del libro su Edith Stein nel programma Quante Storie di Corrado Augias, mi ha fatto molto piacere che venisse fatta conoscere questa figura molto importante non solo per la Chiesa Cattolica anche perche la rete non cosi spesso si occupa di Santi o Beati, ma mi trovo costretto, mio malgrado a metterle in evidenza un particolare importante :
Nel periodo citato il Papa non avrebbe potuto in ogni modo fare piu' di quanto ha fatto, una posizione piu' aspra della Chiesa nei riguardi della politica nazista avrebbe inevitabilmente creato drammatiche ritorsioni nei riguardi del clero in generale, la posizione diplomatica seguita dal pontefice ha consentito di salvare migliaia di ebrei, questo va' puntualizzato per dovere di cronaca, anche perche' se non ha risposto alla lettera il Pontefice potrebbe non averla letta come Augias ha precisato ma e' comunque davvero difficile capire cosa potesse fare in quella come in tantissime altre situazioni drammatiche il Santo Padre.
Ci sono documentari e film che spiegano come e' stato vissuto quel periodo e mi creda, le consiglio di guardarne uno, e' stato un grande Papa che ha dovuto districarsi in un momento storico terribile, questo va detto, altrimenti facciamo passare l'idea che non si sia nemmeno preoccupato di rispondere ad una Santa, con questo spero di non averla offesa, nutro per lei molta stima come per Augias che seguo spesso, la ringrazio per la sua attenzione

Lunedì 15 giugno 2020 14:45:10

Buongiorno
sono stato premiato da lei in carcere a san vittore con una poesia MEANDRO non penso si ricordi ma a me ha lasciato un ricordo indelebile...
è pochi anni che sono uscito e vivo con i frutti del carcere... ho scritto un libro di poesie e sono diventato l'artista del disagio ho fatto delle mostre di quadri ho fatto una cartella litografica faccio qualche spettacolo di poesia...
ora sto sognando di fare il grande salto UNA MOSTRA DEI MIEI QUADRI IN TRIBUNALE in quella occasione vorrei fare un recital delle mie poesie lette da LEI...
non è vietato sognare... sta a noi realizzare i nostri sogni
ho fondato un associazione cisonoanchio aps che ci occupiamo di ridare dignità e autostima a chi esce dal carcere e ai soggetti più fragili
abbiamo buoni e sani progetti
resto in attesa con speranza

G. Marelli

Martedì 2 giugno 2020 19:19:14

Gentile Lella,

Approfitto per comunicarle quale grande stima ho del suo percorso e quali altezze per me raggiunge quel suo “pudico” sarcasmo, poesia sferzante, …

Dopo questa necessaria premessa è utile che mi presenti:Sono Andrea De Simeis, sono un incisore e cartaio di quaranta anni. Ho scelto di vivere e lavorare in una piccolissima casa colonica con volte a stella, a Sogliano Cavour, un paese salentino di appena quattromila anime. Vergo carte con antiche tecniche orientali del VII sec., tradotte da fibre delle più frugali piante del Mediterraneo, sulle quali stampo le mie incisioni con un torchio a stella, alla maniera di orafi e armaioli.

Sarei felicissimo di sottoporle una breve introduzione del mio ultimo lavoro monografico e, se l’opera la incuriosisse, chiederle un minuto contributo.
Non mi dilungherò perché mi piacerebbe di vero cuore parlarle/scriverle e proporle altri dettagli. Mi dica se sia possibile avere uno scambio di mail o un contatto telefonico: mi renderei disponibile a qualsiasi prima occasione.

Il mio indirizzo fisico è Andrea De Simeis, via ------- civ. 31, 73010, Sogliano Cavour (LE) ; cell. 346 ------- Attendo suo gradito riscontro e rinnovo il mio sentimento di stima e amicizia.

Andrea

Lunedì 25 maggio 2020 15:51:27

Gentili Staff e Lella Costa
coscienti dei suoi diversi impegni ci permettiamo di chiederti l'adesione alla nostra rubrica "Una stanza tutta per sè" nata, dal nostro Gruppo di Lettura Lab Donne di Gioia Tauro (RC), all'inizio del periodo di "quarantena" da Coronavirus Covid-19. Dall' osservatorio privilegiato la Calabria con pochi falcidiati e contagiati dal "nemico", abbiamo potuto ritagliarci un pezzettino di tempo per riempire la "Nostra Stanza", facendo nostra la metafora di Virginia Woolf. Conversazioni informali con menti vivaci ed intelligenti del nostro Paese, sulla nostra pagina facebook Lab Donne, con dirette di max 30/40. L'utilizzo della rete è stata una ghiotta occasione per arrivare facilmente anche a piccole realtà che vivono a latitudini geografiche non sempre facilmente e benevolmente considerate, anche per la scarsa apertura da parte della nostra Comunità a relazionarsi "alla pari" con il resto del Paese. In tutta onestà, l' abbattimento di distanze e di costi rendono inoltre agili le possibili conversazioni scevre inoltre da filtri di qualsiasi genere. A tal riguardo sarebbe bello poter argomentare con Te su quanto accade all'Essere Umano Donna n questo momento particolare "Pensare Riflettere Immaginare il futuro" rubando le Tue stesse parole, embra sempre essere lotte e conquiste diel solo genere femminile.
Hanno già aderito alla nostra Rubrica Antonio Salvati, magistrato; Mimmo Gangemi scrittore; Massimo Nava giornalista; Cinzia Leone scrittrice giornalista; Marco Lupis scrittore giornalista; Paola Di Nicola giudice; Marco Buticchi scrittore; Peppino Mazzotta attore; Giuvazza Maggiore artista; Gioacchino Criaco scrittore giornalista; Domenico Dara scrittore; Olimpio Talarico scrittore, Giuseppina Torregrossa scrittrice; Paolo Di Giannantonio giornalista; Domenico Talia scienziato e docente universitario; Daria Bignardi scrittrice, giornalista, autrice e conduttrice televisiva; Andrea Bosca attore; ; Nicola Irto vicepresidente Regione Calabria; Marcostefano Gallo scrittore; ; Milena Gabanelli e Giovanna Botteri attendiamo conferma della data.
La cosa più importante è che Tutto il materiale raccolto durante la rubrica sarà condiviso con le Amiche ospiti della Casa Circondariale "G. Panzera" di Reggio Calabria sez. femminile con le quali abbiamo iniziato un percorso di Lettura condivisa e di Labotorio Emozionale.

Grate per una risposta, con entusiasmo porgiamo cordiali saluti.
Per il GDL Lab Donne
Monica Della Vedova

Commenti Facebook