Messaggi e commenti per Nunzia Catalfo - pagina 2

Messaggi presenti: 68

Lascia un messaggio o un commento per Nunzia Catalfo utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Nunzia Catalfo

Lunedì 16 novembre 2020 13:30:38

Buon giorno ministro volevo chiedere come mai nel decreto ristori la terza proroga naspi non è stata inserita le persone che con il covid sono ancora ferme. è stato rinnovato il bonus per biciclette e mono pattini. ma la proroga naspi non è stata inserita. Distinti SALUTI

Sabato 14 novembre 2020 11:16:12

Buongiorno Signora Ministro,
Le scrivo per sottoporLe un problema che ho avuto col decreto Cura Italia, sono stata una stagionale del turismo per 4 anni e per un cavillo non ho ottenuto il bonus per gli stagionali.
Al momento del decreto che indicava il 17 marzo come data io avevo un contratto di lavoro intermittente fino al 31/3,
Chiaro è che essendo stati chiusi i ristoranti non ho potuto lavorare e di fatto ho perso quella possibilità e le altre per circa 2 mesi.
Ho presentato domanda all'INPS che la respinge come stagionale (il mio non era un contratto per 6 mesi e quindi con possibilità di continuità dopo la riapertura, di fatto ho lavorato solo pochi giorni a febbraio prima che la situazione causa Covid precipitasse) e come intermittente perché il contratto non era in essere al 21/01, ma ha avuto inizio il 01/02.
L'INPS capisco deve attenersi alle date ma trovo assurdo che chi come me ha perso il lavoro a causa del Covid(sono dovuta ricorrere alla spesa solidale) si veda negare il bonus.
Comprendo la buona volontà del Vostro governo, di cui sono sostenitrice, ma la data del 17 marzo come termine perentorio, quando di fatto i ristoranti e le strutture turistiche sono state chiuse per decreto, onestamente non la comprendo.
La ringrazio, anticipatamente, per la Sua gentile attenzione.
Distinti saluti e buon lavoro.
Maria Rosaria Leonardo

Lunedì 9 novembre 2020 23:57:30

Opzione Donna
Gent. mo Ministro Sig. ra Nunzia Cataldo mi permetto di scriverle per chiederle se fosse possibile allungare la proroga per Opzione Donna ed estenderla se ci fossero le dovute coperture almeno sino al 2023. Le scrivo la mia situazione come esempio, ma sono certa ci siano altre mie coetanee che si trovano ad aver perso il lavoro non per causa propria ma per licenziamento per chiusura attività con età anagrafica 57 anni e 37 anni di contributi. Finita la Naspi restano solo i contributi volontari che sono onerosi per arrivare agli anni necessari per andare in pensione. Ho bussato a parecchie porte in quest'anno di disoccupazione ma senza risultato, lavoro non ce n'è e quel poco non lo danno di certo agli over 50 e poi il COVID ha peggiorato tutto. Non sono mai stata una lazzarona ed ho fatto tanti sacrifici per tenermi un posto di lavoro ma purtroppo la ditta è fallita non per colpa mia e non ho diritto a nulla al momento se non sperare che nel 2022 venga prorogata opzione donna che, anche se penalizzante, mi permetterebbe di avere una piccola pensione.
La ringrazio in anticipo se vorrà tener conto di una delle tante voci delle ex lavoratrici italiane, che con onestà e umiltà hanno sempre lavorato e vorrebbero chiudere il cerchio uscendo dal mondo del lavoro che non offre più nulla.
Grazie per la Sua cortese attenzione
Buon lavoro
Saluti
Grazia Costantino

Giovedì 29 ottobre 2020 18:01:49

Nella prima bozza che riguarda le riforme delle pensioni non ho visto una estensione
della salvaguardia nr. 8. (SIAMO SOLO 6. 000) PERSONE e quindi famiglie.
Mi chiamo Tomasoni Esmeralda, risiedo a Grassobbio (BG) e sono nata il 17/11/1957
La mia azienda ha cessato l'attivita il 30/09/2011.
Ho trovato lavoro ancora per un anno come sostituzione di maternità e poi a 55 anni chi
mi avrebbe voluto assumere Infatti non ho trovato piu' nessun lavoro (ho mandato un sacco di curriculum)
Ho lavorato per 25 anni e l'anno prossimo compio anni 64 e non ho nessun reddito.
Quindi vorrei che questa riforma che sistemerebbe n. 6. 000 famiglie fosse introdotta.
Ringrazio e spero vivamente che questa riforma venga attuata non solo per me.
Buon lavoro e cordiali saluti

Martedì 27 ottobre 2020 18:52:00

Ministro cassa integrazione fsba ma è possibile che aspettiamo 5 mesi di arretrati... da aprile ho preso due mensilità ma volete sbloccare i pagamenti... non si può più andare avanti così ora basta davvero

Martedì 27 ottobre 2020 17:36:58

Salve vorrei chiederle di tenere conto, almeno questa volta, che le casse integrazioni erogate per chi lavora nella ristorazione sono state di pochi euro.
La mia busta paga quest'anno è stata al massimo di 356 euro può immaginare cosa sarà la cassa integrazione.
Ho 63 anni e sto ancora lavorando ed è umiliante ricevere questa miseria e subire contratti a strozzo perché i datori di lavoro dicono che non c'è la fanno.
Confido in una qualche soluzione magari portare le cifre almeno a 600 euro come i stagionali...
Le auguro un buon lavoro e grazie per quello che fate.

Lunedì 26 ottobre 2020 19:25:36

Salve sig. Ministro... spero che legga il mio messaggio perché importante, noi operai agricoli soffriamo sempre la fame, adesso con questo virus peggio ancora, le aziende agricole non vendono il prodotto non c e richiesta è automaticamente e tutto più difficile pagare operai, pagare spese... perché non ci aiutate anche s noi? Perché nessun bonus per poter andare avanti in questo periodo che ci sta soffocando... spero che ci darete una mano anche a noi... buon lavoro

Domenica 25 ottobre 2020 10:57:07

Buon giorno, spero che chi mi legge sappia a chi girare per conoscenza o competenza la mia sconcertata richiesta di aiuto...

sono genitore di studente disabile che frequenta il primo anno delle scuole superiori...

sono rimasto sconcertato nel leggere che non siamo stati tenuti in nessun conto nelle nuove normative che riguardano l'emergenza covid 19...

gli studenti fino a 14 anni hanno diritto ad essere accuditi da un genitore se sono in quarantena; gli studenti disabili NO (SE HANNO più di 14 anni non possono certo badare a loro stessi da soli) ; idem per gli altri tipi di provvedimenti che sono stati emanati dopo luglio 2020... chi ha figli fino a 14 anni può prendere permessi dal lavoro o essere agevolato nella richiesta di smart working... noi no...
come potevamo far fronte al provvedimento se i nostri figli dovevano entrare a scuola dalle ore 9 in poi e scaglionati? ci sono ragazzi che vanno a scuola a piedi o in bicicletta o vengono accompagnati in auto perchè la scuola è in zona non servita da mezzi pubblici (essi non contribuiscono a riempire i mezzi pubblici), ma la decisione ricadeva su tutti indistintamente...

e ora che hanno confermato la didattica a distanza in Lombardia? peggio ancora per le famiglie con soggetti fragili... (come faremo a coprire tutti i giorni l'accudimento di un disabile se i permessi legge 104 ordinari prevedono solo 3 giorni al mese totali) ?

stiamo facendo fatica a tenerci i nostri posti di lavoro (noi come molti italiani stiamo anche pagando un mutuo prima casa... abbiamo fatto varie volte richiesta alla banca di abbassare la rata ma ad oggi nessun risultato) e non tutti possono chiedere o ottenere lo smart working (alcuni lavori necessitano della presenza; in altri casi le agevolazioni previste riguardano solo chi lavora in alcuni settori come negli ospedali)

non siamo menzionati in alcun provvedimento che possa aiutarci nell'emergenza covid per permessi a giorni/ore, estensione permessi legge 104/92, o altro che riguarda chi deve assistere un disabile

a chi ci possiamo rivolgere? sapete se qualcuno sta facendo arrivare le nostre proteste a chi può migliorare lo status quo?

grazie in anticipo per gentile attenzione

cordiali saluti

Giovanni C.

Lunedì 19 ottobre 2020 15:02:32

Buonasera Sig. ra Ministra Catalfo
Approfitto di questo spazio (ma non sono sicuro che verrà letto...), per poter suggerire, visto l'attuale confronto con i sindacati sul tema pensioni, una mia idea circa la soluzione dei lavoratori precoci, che a parte alcune sfortunate categorie devono lavorare fino agli attuali 42 anni e 10 mesi.
la legge Dini del 1995 prevede o prevedeva (non so se è ancora in vigore. .) la possibilità per chi ha cominciato a lavorare dopo il 1996 (se precoci prima dei 18 anni) di far valere ogni anno di contribuzione 1, 5 volte i contributi validi per il pensionamento.
Direi che se si potesse applicare lo stesso calcolo anche per i precoci che hanno cominciato a lavorare anche prima del 1996, mantenendo ovviamente il trattamento "misto ", immagino che i tanti precoci che chiedono la 41 sarebbero contenti e i conti pubblici avrebbero un incremento, ma diluito negli anni. (non si uscirebbe tutti in massa) cosi facendo si potrebbe mantenere l'attuale Fornero.
Solo per ricordare che da sempre i precoci nelle leggi precedenti alla Fornero, hanno avuto un trattamento di favore (un motivo ci sarà pur stato !!!)

distinti saluti
Carlo

Domenica 18 ottobre 2020 17:13:10

Buona sera" ministra" sono un genitore pensionato ché è molto preoccupato x il futuro dei. giovani tutti, in particolare quelli che come i miei anno appena superato i 35. vedo che nel decreto appena approvato sono contemplati solo quelli fino a 35 anni. "ministra" chi come mio figlio lavorava con contratto stagionale, negli aeroporti, quando vedràa realizzata la sua indipendenza dai suoi genitori? " mostra" vi chiedo di rivedere e correggere qualcosa nel decreto che sta per essere pubblicato. N. b. sono un pensionato di 68 anni. Non sono bravo con la tecnologia e ci tenevo a dire quello che sicuramente pensano tutti i giovani ché si trovano in questa situazione.. mi chiamo " Saverio mari. nelli via Luigi mautone 80034 Marigliano (na). La ringrazio e la saluto.

Commenti Facebook