Messaggi e commenti per Adriano Celentano

Messaggi presenti: 85

Lascia un messaggio o un commento per Adriano Celentano utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Venerdì 15 maggio 2020 18:17:02

Buongirno dott. Adriano, sono il compropietario del cappellificio Barbisio che penso lei conosca.
Sarebbe per me un piacere e un onore omaggiargli un copricapo.
Se si, e se ha preferenze, ci dia taglia colore e specifiche.
Con stima
Giorgio Borrione

Martedì 12 maggio 2020 15:50:38

Gentile Redazione Le mando questa mia semplice poesia Veda se ritiene utile pubblicarla, grazie
Poesia
Non vi dimenticheremo
Cari anziani non dimenticheremo, il vostro sapere, la vostra importante saggezza,
abbiamo perso la vostra ammirevole generazione, piena di valori e di una speciale bellezza.

Cari anziani non dimenticheremo, i vostri sudori, i vostri sacrifici e la vostra splendida umanità,
abbiamo perso un pezzo importante della nostra storia, piena di contenuti sani e ricca di bontà.

Cari anziani non dimenticheremo, l’ immenso lavoro che con tenacia avete fatto,
per tirarci fuori dalle disastrose macerie, del dopo guerra, obiettivo raggiunto e realizzato.

Cari anziani non dimenticheremo, il vostro impegno, di custodi della nostra bella costituzione,
del vostro costante protagonismo, nelle associazioni di volontariato, nella società e nelle istituzioni.

Cari anziani non dimenticheremo, quello che con responsabilità, vi siete battuti per le conquiste, civili culturali e sociali,
del diritto alla salute, allo studio, al lavoro, alla sicurezza, tanti altri diritti tutti importanti e speciali.

Cari anziani non dimenticheremo, il vostro impegno di custodi del progetto Europa, della pace, della democrazia e della libertà,
questi tutti valori, ideali culturali, sociali e di un speciale contenuto di alta civiltà.

Cari anziani non dimenticheremo, questo invisibile coronavirus che all’improvviso vi ha portati via,
privando i nipoti, di un punto di riferimento, delle vostre storie, affetto, dolcezza, esempio di vita.

Cari anziani non dimenticheremo, il vostro dovere da padri e madri, buon esempio per le figlie e figli,
trasmettendo dei principi sani, dei valori della vita, umani, sociali e civili.

Cari anziani non dimenticheremo, questo momento boio pieno di incognite e di tristezza,
ve ne siete andati senza che potessimo tenervi per mano, dirvi una parola e senza potervi fare una carezza.

Cari anziani meritavate più attenzione, più rispetto, non dimenticheremo il vostro immenso patrimonio,
siete la nostra memoria, le nostre radici, i vostri valori di vita, umani, la vostra storia sarà la luce che illuminerà il percorso del nostro cammino per il nostro futuro.

Francesco Lena Via -------, 37
24060 Cenate Sopra (Bergamo)
Tel. 035 -------

Mercoledì 6 maggio 2020 12:24:11

Buongiorno Caro Adriano, mi permetto di darli del TU se l'accetti, io sono francese ma da Mamma Italiano del Altopianodi Asiago e mi dispiace tanto per la nostra bella Italia che va cosi male con questo Virus, ma l'Italia é un grande paese e la solidarietà generale c'é. Io tutto il giorno guardo la RAI sul mio computer e ti guardo cantare le tue belle canzone che ho sempré conosciuto da bambino quando ero Italia da giovane. Ti sento cantare con il tuo amico Gianni Morandi ed é veramente un delizio. Quanto mi piacerrebe avere il privilegio d'incontrarti ed anch'é Gianni. Cli lo sa se Dio me lo permettera ?. A presto ? Grazie, Grazie Gilbert dalla Bretagna Francia

Giovedì 23 aprile 2020 10:57:28

Ill. mo Signor Celentano, siamo 3 testimoni di Geova della città di Genova.

Abbiamo notato come Lei sia sensibile all’argomento Dio. In questi giorni particolarmente, molti si chiedono se Dio si interessi veramente degli esseri umani vista la pandemia che è in corso e che sta mietendo vittime in un luogo dopo l’altro.

La situazione in cui il mondo si trova non è dovuta al disinteresse da parte di Dio, il cui nome è Geova, ma è dovuto alla non buona amministrazione da parte degli esseri umani della propria vita e di quella degli altri. Vere sono le parole che troviamo nella Sacra Bibbia nel libro di Geremia al capitolo 10 al versetto 23: “So bene, o Geova, che l’uomo non è padrone della sua via. L’uomo che cammina non è padrone nemmeno di dirigere i suoi passi”.

C’è da chiedersi se dobbiamo considerarci in balìa di una cattiva gestione da parte dell’uomo che può portarci all’autodistruzione oppure la Bibbia indica una soluzione diversa. E’ interessante che il libro dei Salmi al capitolo 37 ai versetti 10 e 11 dica: “Ancora un po’ e i malvagi non ci saranno più; guarderai verso il luogo in cui erano, e non li troverai. Ma i mansueti erediteranno la terra e proveranno immensa gioia nell’abbondanza di pace”.

Questo significa che tra breve Dio interverrà negli affari del genere umano mettendo le cose a posto attraverso il Suo Regno che molti pronunciano nella preghiera del Padrenostro. Questo significherà l’eliminazione delle sofferenze, delle malattie, della malvagità e anche della morte. E anche per i nostri cari che sono morti c’è una speranza che è riportata nel Vangelo di Giovanni al capitolo 5 versetti 28 e 29 che dicono: “Non meravigliatevi di questo, perché verrà il tempo in cui tutti quelli che sono nelle tombe commemorative udranno la sua voce e ne usciranno: quelli che hanno fatto cose buone per una risurrezione di vita, mentre quelli che hanno praticato cose ignobili per una risurrezione di giudizio”.

Quindi abbiamo la possibilità di poter riabbracciare i nostri cari che sono morti e vivere con loro un’esistenza in salute e senza le ansietà odierne e senza quel grande nemico costituito dalla morte.

Per poter apprendere ulteriori informazioni al nostro messaggio La invitiamo a consultare il nostro sito www. jw. org dove potrà ricevere ulteriori risposte alle sue domande.

La salutiamo cordialmente

Leonardo Isolabella
Domenico La Forgia
Vincenzo Lo Coco

Martedì 14 aprile 2020 22:14:04

Al più grande cantante artista di tutti i tempi carisma nella fede in Dio entri nei nostri cuori profondamente e ci dai la forza di superare questo mondo ormai al termine della apocalisse. Ieri il tuo spettacolo andato in onda e stato un record assoluto hai fatto rinascere la voglia di vivere. Nella mia faglia erano tutti emozionati con delle lacrime non si tratteneva l'emozione incredibile. Davanti a noi il tempo si era fermato non si pensava a cosa cera nella realtà. Abbiamo sognato il mondo che avresti voluto tu. Ma l'uomo con le sue evoluzioni e i poteri ha distrutto il creato.
I tuoi discorsi sono unici nessuno improvvisa come sai fare tu e ogni sillaba frase coinvolge tutto il mondo per farlo rinascere. Tutti i tuoi programmi i film bellissimi saranno indelebili nei cuori e realtà che si vive.
Per adesso mi devo fermare non trovo parole sono emozionato anche quando scrivo.
Un abbraccio con tutto il cuore e spero di rivederti in qualche altra trasmissione per dare il coraggio a tutti.
Un grazie Da parte della nostra famiglia
Salvatore e la mia dolce metà Flore e i figli che si trovano lontano e a causa del corona virus non ci siamo riuniti per il blocco dei viaggi.
Sarei grado se avrei anche un saluto da parte tua come un conforto per la nostra famiglia per quel che ce nel mondo in questo momento grazie.
Salvatore e Flore.

Martedì 14 aprile 2020 10:50:58

Ciao Adriano ieri sera ho rivisto il tuo concerto.
Semplicemente magnifico e sempre avanti... non siamo più soli se c'è quel filo che ci lega 2012 oggi 2020 chiusi in casa
Grande Adriano

Lunedì 13 aprile 2020 23:09:53

Ciao Adriano ho 60 anni vorrei poter parlare con te mi chiamo Patrizia sono stanca di vivere sempre con problemi ti prego chiedo solo di parlare con te grazie

Lunedì 13 aprile 2020 22:39:12

Buongiorno Adriano... scusa il disturbo... sono un tuo fan as ssieme al mio grande figlio Adam... purtroppo disabile.. ma felice sempre di ascoltare le tue canzoni assieme a me... alle volte cerchiamo di imitarti... e di cantare come te... eee basta... non ricordo più... perché scrivo su un telefono inutile delle cose così personali... ciao.

Domenica 12 aprile 2020 23:53:22

Buonasera Adriano, mi chiamo Ingrid e sono nata a Milano il 18. 04. 1966... Mia mamma, che purtroppo 41 anni fa è morta, si chiamava Renata Oltolina. Mi ha sempre raccontato che voi die abitavate porta a porta a Milano e che tra di voi c‘era una grande amicizia. Mi raccontava pure che persino anni dopo la domenica dopo la santa messa tu giocavi a pallone con i ragazzi sul cortile della chiesa. Pensi di ricordarti di mia Mamma Renata? Lei è nata il 18. 11. 1939 percui è 2 mesi piú grande di te. Mille grazie per una tua risposta e ti lascio tanti saluti... Ingrid

Sabato 11 aprile 2020 22:11:05

Buongiorno Andriano sono Andrea da Ucraina ho un desiderio per fare incontro con lei e mio sogno 327 -------. Grazie abito a Lodi vecchio con mia famiglia da 20 anni vi prego

Commenti Facebook