Messaggi e commenti per Gerry Scotti - pagina 4

Messaggi presenti: 241

Lascia un messaggio o un commento per Gerry Scotti utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Venerdì 20 marzo 2020 12:25:54

Buongiorno Sig. Scotti sono ana signora di 74 anni ma nonostante l'età cerco di non mollare mai purtroppo sono in una situazione molto difficile finora non manca il pane ma a breve la casa andra all'asta non siamo stati in grado di pagare le rate del mutuo e malgrado tutto spero sempre che DIO ci aiuti. vorrei dirle tante cose ma in questo momento non sono in grado di esprimere altro la saluto caramente.
Liliana Alibardi

Giovedì 19 marzo 2020 17:30:21

Buonasera Signor Scotti, come disse Totò Signore si nasce non si diventa. Chi non lo nacque, difficilmente lo diventerà. L'ho sempre considerata un conduttore di quelli che hanno ancora dei principi morali, di quelli che non fanno la differenza se sei di Milano, di Napoli, di Palermo o di Torino. La consideravo un signor conduttore fino ieri sera quando si è prestato a ridicolizzare un Medico che ogni giorno dedica la propria vita per salvare quella degli altri. Un medico che lavora in un ospedale di tutto rispetto, fa un lavoro tra i più brutti, curare persone affette da tumori, ogni giorno lotta per salvare la vita a tante persone, senza distinzione di regione o di nazionalità. Il Dottor Paolo Ascierto e tutta la Fondazione Pascale, fanno enormi sacrifici per poter curare i propri pazienti, per continuare a far ricerca e sperimentazione, per salvare o alleviare i dolori dei propri pazienti. Quella poca simpatica sua performance, fatta nei confronti del dottor Ascierto e dei suoi colleghi è stato solo un modo di screditare la loro ricerca. Facendo quella performance televisiva, carissimo Gerry, hai dimostrato di essere uguale a tutti i conduttori televisivi, burattini nelle mani dei burattinai. Ti sei schierato, in un momento delicato, a favore di un medico che invece di dedicare il suo tempo ai suoi pazienti, si prende il lusso e la briga di andare in televisione a screditare i colleghi che in questi giorni di pandemia si sono dati da fare per cercare una cura a questa merda di covid19. Caro Gerry, carissimo dott. Galli, e tutta la redazione di Striscia dovete solo vergognarvi, perché avete cercato di infangare un professionista e un onorabile Ospedale del sud, solo ed esclusivamente perché la cura è partita da Napoli quindi dal sud e non dal Nord, soprattutto perché non è stata la super pagata Sanità lombarda a creare il protocollo. Ti sei macchiato di razzismo in un momento in cui l'Italia ha bisogno più che mai di essere unita e non di Nord e Sud. Vergogna, dovete solo vergognarvi. Invece di dare il tapiro ad Ascierto, il tapiro lo deve dare a Galli, a te stesso e a tutta la gente come voi, compreso i vostri imprenditori, che nessuno dei quali si è preoccupato di donare qualche centesimo o qualche attrezzatura agli ospedali del Sud. Noi andiamo avanti comunque anche senza il vostro sostegno. Vi ringraziamo e speriamo che non avrete mai bisogno delle cure del Pascale. Anzi vi invito a visitarlo per vedere cosa fanno e con quanta dedizione e sacrificio portano avanti le loro ricerche. E ora vergognatevi.

Giovedì 19 marzo 2020 14:29:34

Salve signor scotti, io sono il signor Gordiani Giuseppe e le scrivo per raccontarle la mia storia: io sono un ex assistente capo della polizia penitenziaria ed ero in servizio a Milano, ma nel 2016 mi hanno diagnosticato una leucemia cronica e dopo un anno e mezzo circa di convalescenza l'ospedale militare mi ha collocato in pensione. Ho appena 43 anni, prendo una pensione da 900 euro mensili, mia moglie è un'insegnante precaria e per di più abbiamo una bambina di 9 anni. Facciamo tanti sacrifici per tirare avanti e non abbiamo nessun familiare che ci può aiutare per le condizioni economiche. Come lei ben sa tra mutuo, bollette e tutto ciò che può accadere in una famiglia alle volte non abbiamo nemmeno i soldi per fare la spesa. Non volevo disturbarla con la mia storia ma la disperazione di un uomo che non può dare stabilità e mantenere la sua famiglia mi ha portato a scriverle per chiedere un suo aiuto. Mi scusi per il disturbo e le auguro tutto il bene del mondo.

Giovedì 19 marzo 2020 13:22:09

Mi auguro solo che la tua ironia sul professore Paolo Ascierto sia dettata esclusivamente perché conduci una trasmissione da dementi e da idioti come striscia la notizia.. Interrompi la trasmissione per 2 minuti e chiedi scusa ai Napoletani Napoli e il Prof. Ascierto visto che spesso dici ci tieni alla citta di Napoli Ti sei preso gioco di chi sta salvando la pelke anche a te e x tutta la nostra gente, non definirti milanese sei solo un povero contadino Pavese che ha perso le buoni maniere dei veri principi degli agricoltori.. VERGOGNATI.. Potevi prendere le distanze o cercare di fare da calmiere, invece hai ridicolizzato un Professore che lotta anche per te.. CO***ONE.. Se hai le palle cosa che non credo rispondimi se no dimostri di essere il. solito ruffiano del potere il. leccac**o di Berlusconi Vergognati

Giovedì 19 marzo 2020 10:39:49

Buongiorno, in riferimento al vostro servizio trasmesso in data 18/03/2020, nei confronti del medico napoletano, vi consiglio vivamente di scusarvi per il servizio a dir poco di cattivo gusto e mancanza di rispetto in un momento cosi delicato per il nostro paese, spero che stasera almeno porgiate le scuse o altro nei confronti di una persona che nonostante tutto sta dando un po’ di positivita’ in un momento cosi tragico, il termine figura di m***a va detto per altre cose che accadono nel nostro paese e voi sapete bene quali sono certamente non questa, buongiorno.

Giovedì 19 marzo 2020 02:03:06

Caro Gerry per me eri un idolo, il migliore.. stasera mi è crollato un mito.. spero solo che tu ti possa rendere conto di ciò che hai detto.. chiedete scusa al pubblico intero ma soprattutto al dottor Ascierto!

Sabato 7 marzo 2020 16:41:54

Buongiorno, sono una signora del ‘57 che nonostante la poca salute e le tante situazioni difficili che ho dovuto affrontare non ha voluto proprio mollare mai. Credo che lei signor Scotti sia una persona speciale come oramai ce ne sono poche e ci tengo a raccontarle, anche se non ho il piacere di conoscerla di persona, che Insieme a mio marito e mio figlio (venuto al mondo 25 anni fa alla faccia dei medici che dicevano di NO ASSOLUTAMENTE NO) ho fondato una associazione di promozione sociale per aiutare le sempre più numerose famiglie che nella mia città non ce la fanno più ad arrivare alla fine del mese. Quando 10 anni fa è successo alla mia famiglia ho deciso che in qualche modo dovevo aiutare quelli a cui come noi veniva tolta la dignità insieme al lavoro, la casa o, peggio ancora, i figli. La strada è dura ed è tutta in salita ma ogni volta che una famiglia in difficoltà si rivolge alla nostra piccola associazione e riusciamo a dare una mano, il loro “grazie” non ci riempie il portafogli ma di sicuro il cuore! La ringrazio per la sua attenzione e spero un giorno di poterla conoscere. Dimenticavo! Abbiamo chiamato l’associazione TRIESTE MAGNA APS dove “magna” nel nostro dialetto significa “mangia” ma in latino significa “grande” ed è l’augurio che volevamo fare alla nostra città. Un carissimo saluto, Tamara D’Este

Martedì 3 marzo 2020 13:18:54

Biongiorno gerry sono tua grande fan, mi trovo in un periodo non facile come molte persone. ma forse poterti parlare sarebbe per me un raggio di sole. con la speranza sinceri saluti grande gerry

Domenica 1 marzo 2020 21:54:07

Ciao, sono una bambina di 5 anni, ti guardo sempre, quando torni alle 18?

Giovedì 27 febbraio 2020 00:02:00

Ciao Gerry. Ti contatto perché secondo me sei l'unico e il più adatto tra i molti conduttori che potrebbe condurre un nuovo programma televisivo, mai visto prima, e unico nel suo genere vertente una grossa piaga sociale, e che nessuno ad oggi ci ha mai pensato. Un problema che affligge milioni di italiani (e non) che versano in condizioni di povertà reale, che la legge a tutt'oggi non tutela... E che nessuno mai ha dato voce. Preferirei parlarne di persona, se posso permettermi di incontrarti e vorrei raccontarti la mia storia.. Solo tu puoi aiutarci...
Mi chiamo Gabriele Gazzillo, e sono uno dei tanti milioni di PADRI SEPARATI, e che nonostante abbia un lavoro di tutto rispetto, vivo di stenti, costretto ad abitare in una stalla perché non posso permettermi un affitto, lontano dai miei 3 figli di 13 anni, 9 e l'ultima di 19 mesi. Il mio numero di telefono è 347 -------.
Spero ardentemente di ricevere al più presto una tua chiamata...
Gabriele Gazzillo

Commenti Facebook