Messaggi e commenti per Nicola Zingaretti - pagina 11

Messaggi presenti: 147

Lascia un messaggio o un commento per Nicola Zingaretti utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Martedì 14 aprile 2020 20:10:13

Pensavo non fosse così, utilizzare questo sito come "MURO DEL PIANTO" anzichè come esame di profili del VIVERE QUOTIDIANO, cosa IGNOTA allo Zingaretti che ha anche permesso la divulgazione di un Test sierologico, A PAGAMENTO e dalle INCOMPLETE attendibilità, come asserito e dichiarato pubblicamente da Immunologi e Microbiologi Ricercatori.
Forse le dobbiamo chiedere un "pizzico" di umiltà, di rispetto e di attesa strategica prima di "buttarsi" in videoconferenze ed interviste.
Ci dia dimostrazione di veri sentimenti di rispetto della dignità umana.

Martedì 14 aprile 2020 14:33:25

Mi chiamo Alessandra e ho una malattia genetica.
La mia attività (parrucchiera) e’ chiusa da marzo
Non ho ricevuto come tanto nessun aiuto...
Mi chiedo e LE chiedo come fate a riaprire le attività. Come le nostre (siamo a rischio e contatto ravvicinato con le nostre clienti)
Se i contagi non scendono come si fa a far ripartire certi settori ???
E ancora... perché non date un aiuto per la sanificazione dei locali invece di doverci sobbarcare anche di questa spesa ?
Come la sanificazione delle strade dovreste fare anche per noi commercianti qualcosa
Come faremo per le
Spese che maturano e non abbiamo un soldo ?

Lunedì 13 aprile 2020 19:27:31

Egregio segretario,

sono un pensionato di ottantauno anni che ancora soffre per questa martoriata italia.
mi scusera’ se mi permetto di sottoporre alla sua attenzione e ai suoi collaboratori alcune considerazioni.

ritengo che la proposta dell’onorevole delrio, relativa al contributo di solidarieta’ per i redditi superiori a ottantamila euro, sia umanamente, costituzionalmente, cristianamente doverosa, quindi da sostenere politicamente con determinazione, al di la’ di qualsiasi calcolo.

anche i tempi mi sembrano, purtroppo, tragicamente, opportuni. ma come! ? da una parte tutta l’italia, compreso papa francesco chiede giustamente all’europa piu’ solidarieta’ “strutturata”, dall’altra buona parte degli italiani, comunque sia il loro orientamento politico, e’ subito pronta a scandalizzarsi di fronte alla proposta delrio.

se fossi un cittadino olandese o tedesco (molto buono e generoso) penserei che l’italia e’ uno strano paese. chiede a tutti i cittadini europei di farsi carico delle sventure altrui, ma si rifiuta di chiedere al due per cento dei suoi cittadini benestanti un maggiore sforzo di solidarieta’ (strutturato per solo due anni) per alleviare i problemi del proprio paese.

gia’ prima del coronavirus eravamo un paese (vale per tutti i paesi del mondo) dove regnava sovrana la diseguaglianza: la forbice tra chi ha tanto e chi ha tanto poco completamente divaricata.

il dopo (?) non si prospetta roseo, il fulcro delle forbici, se si continua a divaricarle, salta e le due lame non si riconoscono piu’ come parte dello stesso oggetto.
fuori metafora, significa che sara’ tanto aumentata la poverta’ che necessariamente bisognera’ mettere mano a una ridistribuzione della ricchezza per evitare guai peggiori.

forse bisognera’ rivedere perfino la gratuita’ per tutti di certi fondamentali diritti.
sicuramente e’ urgente declinare un concetto pu’ preciso di “bene comune”: bene comune, a partire dal bene dei piu’ bisognosi.

ancora piu’ chiaramente:” e’ bene comune tutto cio’ che tende a
chiudere la forbice tra chi ha tanto e chi ha nulla”.
e perfino l’aria che respiriamo non e’ piu’ bene comune: chi ha tanto puo’ scegliere dove andare a vivere, chi ha poco continua a vivere al rione tamburi (taranto).
bisogna avere fiducia negli italiani, specialmente nei giovani che in questa drammatica situazione si stanno comportando meglio di noi anziani, almeno cosi’ mi pare.
che la nostra pasqua sia viatico per uscire da questo tunnel tenebroso e sconosciuto. auguri.

mario lamanna

Sabato 11 aprile 2020 14:24:14

Buongiorno, Le scrivo come 73. nne pensionato ex amministrativo dell'Ente Ospedaliero (di Velletri), poi USL, poi ASL. Un gioiello di riferimento della Sanità Pubblica territoriale. Sicuramente Lei conosce le molteplici vicende politiche che hanno portato al continuo e graduale depauperamento della Struttura, per voluto e preconcetto scopo di condannare gli utenti del territorio che in piena capacità arrivano a circa 225. 000 pro die. Sul territorio esiste una Clinica Privata florida ma "di nicchia" ed un'altra del Gruppo Tosinvest che sta lì ben conservata ma "vuota da anni" per vicende a Lei note oggi superate.
l'NCO tanto voluto, sfruttato politicamente ma ancora ad oggi utilizzato ad un terzo del potenziale effettivo, è un vanto? NO, UNA VERGOGNA IMMONDA ! Intanto tutti gli Utenti del territorio vanno ramenghi nell'Area Metropolitana ed altri Ospedali territoriali dei Castelli Romani sono sottoutilizzati, quando sarebbero dovuti essere chiusi e riconvertiti da oltre venti anni.
Non esiste solo Roma e le sue Baronie anche Sanitarie, che Le fanno "gioco politico" ma, da Uomo che recentemente è stato provato dalla malattia diretta e con la coscienza (???) di politico votato al bene dei Cittadini Laziali, non ha mai avuto lo scrupolo, il pensiero di far veramente il bene dei cittadini? CI PENSI !
Le colpe non sono totalmente Sue ma anche dei politici locali dal funesto Servadio al fedele scudiero attuale, troppo deboli ed impreparati per aver avuto voce in capitolo nella Sanità locale.
Tempo, energie, professionalità di Eccellenza già presenti nella Sanità Pubblica di Velletri ed oggi ancor più mortificati e disillusima che operano quotidianamene in rispetto del giuramento ad Ippocrate e per Tutti alla correttezza della propria coscienza professionale.
Da ultimo, faccia pubblicare altre Sue foto senza "sogghigno ammiccante", ci sentiremo di essere meno presi in giro.
Emmegi

Sabato 11 aprile 2020 13:37:40

Caro Nicola.
Hai perso un altro elettore.

Vedere le Procure indagare su ospedali e case di riposo vuol dire vivere al di fuori della realtà.
E tu e il tuo partito che non commenta!

Magari non voto più ma sicuro non voterò più PD

Sabato 11 aprile 2020 11:43:13

Perché altre tasse? Abbassare i Vs. stipendi o rinunciare ad una mensilità? La Sinistra italuana ha da tempo snaturato la sua stessa ragion d' essere abbracciando obiettivi non suoi e si è allontanata dalla massa. Con dolore nel cuore.
In fede MCristina Carcano
328 -------

Sabato 4 aprile 2020 22:39:37

Mail signor Zingaretti anon aveva detto con sue parole che era solo un influenza grazie per averci preso in giro e per aver giocato sulla vita degli italiani si vergogni

Giovedì 26 marzo 2020 03:19:29

Lettera aperta al Segretario del PD Dott. Nicola Zingaretti
Ieri nuovamente i vertici del movimento cinque stelle hanno rinnovato la fiducia incondizionata al Presidente del Consiglio Dott. Conte rigettando con sufficienza l'idea di un esecutivo di unità nazionale a guida Mario Draghi. Il Presidente della Repubblica continuamente invita tutte le forze politiche e tutti i cittadini all'unità senza la quale sarà impossibile affrontare l'immane sfida che stiamo fronteggiando. Richiamo la Sua attenzione, e non quella dei vertici del movimento cinque stelle per ovvi motivi, sullo stato della lacerazione esistente tra le forze politiche di governo ed opposizione e conseguente “distanza” tra i due elettorati. Lacerazione che sono certo riconoscerà come non sanabile nonostante i richiami del Presidente della Repubblica per l'impossibilità da parte di entrambi gli schieramenti di liberarsi ora e subito dei “veleni” di un lunghissimo periodo di politica fatta per cercare di guadagnare consensi piuttosto che volta ad affrontare e risolvere i nodi strutturali del “sistema Italia”. Avrà avuto modo di leggere molte ed autorevoli sollecitazioni ad imboccare la strada di un governo di unità nazionale unico strumento ritenuto proporzionato alla sfida che il coronavirus ci ha lanciato. Sfida che richiede non solo la capacità di anticipare il problemi che l'emergenza medica fa emergere ma anche, e non meno importante, la capacità ora e subito di attivare gli strumenti necessari per proteggere l'economia ed il lavoro. La sfida, scrive sul Financial Times Mario Draghi, è "come agire con sufficiente forza e velocità per prevenire che una recessione si trasformi in una prolungata depressione". E' di tutta evidenza che dovremo affrontare un prossimo futuro con moltissimi disoccupati per l'impossibilità di riattivare subito importanti filiere della nostra economia così come dovremo attivare strumenti finanziari idonei per sopperire alle ingenti necessità derivanti dalla parziale contrazione dell'economia (ho evitato di proposito di utilizzare la parola collasso). In ultimo richiamo fortemente la Sua attenzione sul punto che rappresenta il punto di non ritorno per l'esistenza della “casa Europa”. Germania ed Olanda ieri hanno ribadito la loro opposizione a supportare l'economia di tutti gli stati con strumenti finanziari senza i condizionamenti del MES. E' di tutta evidenza la miopia che pervade questa posizione a cui va contrapposto un netto, fermo ed irremovibile rifiuto. E' vero che l'Italia poco ha fatto per ridurre il proprio debito mostruoso cosi come latita nell'attuare le necessarie riforme necessarie per rendere competitiva l'economia ma è altrettanto vero che manca nell'Europa una visione comune delle regole fiscali, della politica estera, della politica industriale solo per citare alcuni esempi. Ricordiamo inoltre con forza due “peccati mortali” della Germania: il surplus della propria bilancia commerciale con gli effetti devastanti sulle altre economie e il “buco nero della Deutsche bank” che la Merkel vorrebbe risanare con fondi europei. Modi, tempi e contenuti delle azioni fin qui intraprese per l'emergenza sanitaria ed economica hanno fatto emergere la totale inadeguatezza del Presidente del Consiglio. I richiami all'unità non sono sufficienti: occorrono azioni chiare, pronte con una visione del futuro visibile. Lei recentemente ha invitato “ l’Europa a non fermarsi e ad andare avanti, diventando protagonista della ricostruzione delle economie. Infatti, l’Unione Europea sarebbe nata per questo: “per essere al servizio dei suoi cittadini e attore di pace nel mondo”. Pertanto, ciò che seguirà sarà una fase nuova per la ricostruzione, con sempre più integrazione, cooperazione e investimenti europei. ” Condivido pienamente questo Suo pensiero ma non sarà così e Lei lo sa: prepariamo allora per uno scenario diverso e non possiamo affrontarlo se non uniti.
Il momento richiede un netto cambio di rotta: nuovo comandante e nuovo governo in cui “tutti” gli Italiani possano riconoscersi. In caso contrario il peso delle necessarie “azioni” che dovranno essere prese in campo economico sociale ricadranno solo su di Lei e il PD. e non anche sul M5S perché è ormai scontato che non godono più della fiducia degli Italiani (quasi tutti). Lei dott. Zingaretti è l'unico in grado in questo momento di aprire la strada al “secondo Rinascimento Italiano” e partecipare in misura determinante alla sua realizzazione. Sangiorgio Luciano

Mercoledì 25 marzo 2020 14:23:21

Carissimo segretario, leggo che stai meglio e ne sono contenta, spero che possa tornare presto ad essere operativo e spero soprattutto che finisca questo periodo terribile. In questo momento tutti siamo chiamati a fare ciò che possiamo nel nostro ambito e chi come me non può fare altro che stare a casa ha anche tempo per pensare e riflettere. Ad esempio a me fa male vedere come a tantissimi gesti di grande generosità si affiancano i peggiori comportamenti di odio che caratterizzano purtroppo la nostra disgraziata società. Mi rendo conto che molta gente non è veramente arrabbiata per alcune cose che accadono. A me viene chiesto spesso in questi giorni:-Ma come hanno fatto il segretario del tuo partito, Bertolaso ecc a sapere che sono positivi? Perché a loro hanno fatto il tampone e a tutti quei disgraziati che sono in prima linea, infermieri, dottori, soccorritori ecc no? Perché leggiamo di tante raccolte di denaro e i politici non danno anche loro qualcosa dei loro buoni stipendi? - E poi finiscono con la solita frase:- Vedi che sono tutti uguali … -
Io non so cosa rispondere 😢😢😢

Lunedì 23 marzo 2020 09:13:47

Segretario buongiorno, comprendo quello che stiamo attraversando nel nostro paese, per il corona virus, detto questo segretario volevo porre alla sua attenzione riguardo a quota100, io ho lasciato il lavoro x quota 100 è non vorrei diventare un esodato senza aver nessuna colpa lo fatto in virtù di una legge, che mi permette di andare in pensione nel 2021 come previsto per legge. grazie

Commenti Facebook