Messaggi e commenti per Vittorio Sgarbi

Messaggi presenti: 57

Lascia un messaggio o un commento per Vittorio Sgarbi utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Giovedì 26 novembre 2020 17:43:37

Resisti... Abbiamo bisogno di te... Ho appena sentito su Radio Radio che stai facendo ricorso alla corte costituzionale contro Conte e tutto sto casino... Ti ringrazio infinitamente.. Non potendolo fare noi cittadini non mi spiego come mai nessun parlamentare finora non l'abbia fatto. Grazie Vittorio di tutte le azioni che fai x contrastarli... Sei uno dei pochi...
Enza

Mercoledì 25 novembre 2020 07:16:28

Sei un cafone, volgare, cattivo, arrogante, aggressivo. quando ti vedo in tv mi sembri il ritorno del nazismo, mi fai veramente tanta paura e ribrezzo

Mercoledì 25 novembre 2020 03:05:01

Caro onorevole,
Sono un piccolo imprenditore di torino da circa 20 anni lavoro nel settore dei locali notturni... attualmente possiedo uno strip tease nel centro della mia citta, inaugurato circa 10 anni fa...
Oggi le scrivo dopo aver visto il suo intervento nel programma di mario giordano...
La seguo da moltissimo tempo essendo anche un amante dell'arte in tutte le sue forme e amavo moltissimo ascoltare le sue spiegazioni o meglio... quelle che io definirei lezioni in materia artistica...
Mi trovo molto spesso per non dire quasi sempre in comune accordo con le sue idee... trovo che sia uno dei pochi che in questo momento dice cose sensate e ragionevoli...
Ho deciso di contattarla sperando che tra i suoi 1000 impegni possa avere 5 min per leggere il mio messaggio e possa rassicurarmi o delucidarmi su cio che sta succedendo...
Pur trovandomi in una situazione quasi tragica in questo momento come altri milioni di italiani Non le esporrò le mie preoccupazioni e i miei problemi lavorativi ed economici... ne le voglio chiedere se ha notizie in merito a quando e come il mio settore potra tornare alla normalità...
Cio' che vorrei capire è cosa sta accadendo ed esporle le mie preoccupazioni reali...
Cio che davvero mi impaurisce non è né il virus ne il mio lavoro... cio che mi preoccupa maggiormente è tutto il resto e in che mondo vivranno domani i nostri figli...
Il mondo di prima sembra svanito nel nulla ci vengono negate tutte le liberta, la costituzione, alla base di ogni sistema democratico sembra diventata inesistente... cio che che ha portato il genere umano a svilupparsi fino a oggi... socialità aggregazione viene criminalizzato con sdegno... chi chiede solo il diritto al lavoro... base del primo articolo della costituzione viene multato o trattato come un delinquente... ci stanno togliendo la dignità in ogni forma... le stesse forze dell'ordine che dovrebbero proteggere le nostre liberta sono diventati boia...
Terrorizzano i cittadini ormai imbavagliati persino nelle loro automobili... persone cosi impaurite che per un colpo di tosse si presentano nei pronto soccorsi intasandoli di codici verdi... che pur essendo sani fanno code chilometriche per fare un tampone di dubbio valore diagnostico...
Cosa c'è dietro tutto questo terrorismo... ? come si puo arrivare con tanta semplicità e indifferenza a devastare il tessuto economico di un paese in questo modo senza preoccuparsi dei morti per fame e miseria che tutto cio provocherà nell'immediato futuro... come si fa a non preoccuparsi per i nostri figli...
Da padre di una bambina di 12 anni non posso vedere piu mia figlia chiusa in una camera a fare videolezioni a non poter beneficiare di tutto cio che sono i rapporti umani... abbiamo a che fare con una generazione gia ipnotizzata da smartphone tablet e quant'altro... possibile che ci siano persone che non si preoccupano di loro... stiamo crescendo una generazione di asociali digitalizzati... e ora persino i governi negano loro socialita sport e rapporti...
Premetto che non sono un cosidetto negazionista... mia madre di 80 anni ha contratto il virus ed è stata curata in casa come si è sempre fatto per ogni influenza... e a questo proposito vorrei anche esporle un fatto che mi ha molto spaventato...
Dopo i primi 3 giorni di febbre ho contattato il medico della mutua il quale ha prescritto per mia madre srmplicemente tachipirina e vitamina c... dopo altri 3 giorni notai che mia madre non migliorava, allo svanire dell'effetto dell'anti febbrile la temperatura tornava ad alzarsi... cosi ricontattai il medico il quale dopo aver accertato la positivita di mia madre mi disse di continuare con la medesima cura da lui prescritta...
Preoccupato contattai un amico chirurgo il quale mi prescrisse i seguenti farmaci:
Azitromicina (antibiotico), iniezioni di eparina e cortisone so in caso di tosse... successivamente ricontattai il medico di vase il quale dapprima si irrito' per i medicinali che le stavo somministrando e dopo averle inviato la ricetta con intestazione di un cardiochirurgo si calmò intimandomi di continuare con la cura prescrittami dal mio amico...
Dopo 2 giorni dall'inizio delle nuove cure prescritte mia madre inizio a migliorare... la febbre inizio a sparire e pian piano in una settimana circa mia madre guari' completamente...
Ora quello il quesito che mi viene da esporre è questo: per qual motivo nei nuovi protocolli inviati ai medici della mutua dal ministero della sanita si vieta di prescrivere antibiotici e in particolare l'azitromicina... che mia madre ha assunto guarendo... e perché le iniezioni di eparina e cortisone vengono consigliate in questi protocolli solo per soggetti da ospedalizzare?
Non capisco onorevole sgarbi... non capisco che sta succedendo... e tutto questo mi fa paura... paura che stiano minando la sacrosanta liberta degli individui... paura per il danno psicologico che si sta provocando ai nostri figli... paura di perdere il mio lavoro paura che questo paese che reputo il piu bello drl mondo muoia cosi...
Sono stufo di sentir parlare di distanziamento sociale di mascherine di assembramenti di criminalizzazione di ogni nostro sacrosanto diritto quando credo che se le cose fossero state gestite meglio se si fosse fatto meno terrorismo mediatico ora non ci troveremmo in questa situazione...
Sono stanco delle loro bugie delle loro imposizioni del loro menefreghismo verso chi vuole solo vivere dignitosamente e chiede solo di poter lavorare...
E UNA COSA LE CHIEDO PROF SGARBI... SE TUTTI I MIEI DUBBI SONO REALI... SE USCIREMO DA QUESTA EMERGENZA SE QUESTO GOVERNO CADRA' PORTATELI IN TRIBUNALE MANDATELI IN GALERA... CONTE SPERANZA GALLI TUTTI QUANTI... PERCHE HO LA CONVINZIONE CHE QUALCOSA DI MARCIO DIETRO C'È E CHE HANNO GESTITO LE COSE DA INCOMPETENTI ROVINANDO E AFFAMANDO UN INTERO PAESE...
Nel rinnovarle la profonda stima che ho nei suoi confronti spero possa avere il tempo di rispondermi...

Domenica 22 novembre 2020 12:30:24

Salve sig. Vittorio... Le scrivo perché sono contenta che qualcuno, lei nello specifico, finalmente dica qualcosa di vero... Ci hanno tolto il diritto di lavorare, di mangiare... Vorrei, che lei che può... Facesse sentire la voce di chi come me e rimasta senza... Vorrei, se fosse possibile, chiedesse hai responsabili come facciamo a mangiare? Sono una donna di 46 anni che vive da sola... Immagini come si ci possa sentire senza l unica forma di sostegno... Il lavoro... Grazie per l attenzione... Mirella urruso

Sabato 21 novembre 2020 16:00:24

La notizia: su 98 pazienti Covid positivi e sintomatici trattati a domicilio con eparina, si sono avuti solo due ricoveri.

Sono un Cardiochirurgo con ampia esperienza nel trattamento della embolia polmonare. Nel mese di marzo ipotizzai che il Covid causa non solo una polmonite ma anche una embolia polmonare. Ipotizzai anche che a causare l'embolia non erano, come attualmente si sostiene, i processi infiammatori a carico dei polmoni ma lo stesso coronavirus. Esso, entrato nei polmoni, si replica nella parete alveolo-capillare la distrugge e passa all'interno dei capillari dove causa la formazione dei coaguli, Per prevenire la formazione dei trombi, consigliai l'uso della eparina all'inizio della malattia. Nessuno mi diede ascolto. Per documentare la paternità dell'idea pubblicai, comunque, una short comunication sul journal of cardiology. Le successive autopsie di Bergamo evidenziarono la presenza di trombi ed, avvalorano la mia ipotesi. Purtroppo allora si ritenne che i trombi fossero formati non dal virus all'inizio della malattia ma dai processi infiammatori nella fase avanzata della malattia e fu consigliata l'eparina solo nei pazienti ricoverati.
Negli ultimi due mesi, numerosissimi lavori scientifici cominciano ipotizzare, dopo sei mesi dalla mia pubblicazione, che il Covid possa causare prevalentemente una malattia vascolare. trombotica e molti specilasti Americani e Germanici, tra cui Luciano Gattinoni cominciano a sostenere che è opportuno somministrare l'eparina a domicilio per prevenire la formazione dei coaguli.
Per confermare che la somministrazione della eparina a domicilio possa prevenire la formazione dei trombi, da due mesi circa, ho proposto tramite facebook uno schema di terapia a base di eparina, da somministrare nei pazienti sintomatici e lo ho associato ad un questionario che qui allego:
Nome Cognome
Età
Peso
Malattie pregresse
Sintomi
Tampone positivo
Terapia eparina, cortisone, antibiotico
Saturazione dell’ossigeno
Durata della malattia
Miglioramento o ricovero
Fino ad ora ho ricevuto la risposta di NOVANTA pazienti tutti covid positivi e sintomatici. NOVANTASEI PAZIENTI SONO GUARITI, MENTRE SOLO DUE SONO STATI RICOVERATI. Aspetto altri dati per poter fare una pubblicazione statisticamente valida. Questi dati confermano comunque in modo chiaro che la somministrazione della eparina previene la causa principale dei ricoveri e dei decessi.
Da marzo, cerco di comunicare con gli organi competenti ma non ho mai avuto nessuna risposta. Devo dire che io non sono un Universitario o un personaggio nel campo della medicina.
Moralmente aspettare la pubblicazione dei dati mi sembra non corretto. Io ho sol0 la necessità di far sapere ai medici di famiglia. che l'eparina,
somministrata a domicilio, previene la formazione dei trombi e quindi elimina la causa principale di morte.
Spero che mi dia una mano. Per dimostrare che non sono un Don Chisciotte, allego il mio curriculum:
Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Milano nel Luglio 1966
Specialista in Chirurgia Generale, presso l’Università̀ degli Studi di Parma nel 1975
Specialista in Chirurgia Toracica presso l’Università̀ degli Studi di Milano nel 1977
Specialista in Chirurgia Cardiovascolare, presso l’Università̀ degli studi di Padova nel 1980

Carriera ospedaliera
Assistente Chirurgia Generale, O. C. Cernusco sul Naviglio (MI) dal 1969 al 1976
Assistente Chirurgia Toracica e Cardiovascolare, O. Niguarda - Milano 1981 -1990
Aiuto Corresponsabile Ospedale S. Martino di Genova 1991 - 1995 Dirigente Medico con Funzioni Primariali Osp. S. Martino di Genova 1995 -1999
Consulente della divisione di Cardiochirurgia, C. d. C. Villa Azzurra, Rapallo (GE) e presso il Centro Cuore Columbus – Milano dal 1998 al 2000.
Dal Gennaio 2000 a oggi Direttore del Dipartimento di Cardiochirurgia del Policlinico di Monza (MI).

Casistica personale
Dal 1980 a oggi ha eseguito come primo operatore oltre 35. 000 interventi di cardiochirurgia, comprendenti tutte le patologie cardiovascolari dell’adulto. Per primo, nel 1986, ha sostituito l'arco aortico in età̀ pediatrica. Per questo intervento, gli fu conferito il premio “I numeri uno” dal Presidente della Repubblica.
Dal 1990, ipotizzando come causa principale di occlusione dei bypass coronarici, la formazione di una nuova stenosi coronarica legata alla stessa tecnica operatoria utilizzata, introdusse il microscopio operatore nell’intervento di bypass coronarico.
Con tecnica microchirurgica sono stati operati consecutivamente 4600 pazienti.
La microchirurgia ha reso operabili i pazienti con coronarie di piccolo calibro, destinati al trapianto cardiaco.
Rita Pavone, con coronarie di piccolo, è stata possibile operarla grazie alla microchirurgia.
Con l’utilizzazione del microscopio operatore, è stato possibile inoltre ricostruire le coronarie nei pazienti con malattia coronarica diffusa o con stenosi multiple. Aprendo la coronaria per tutta la sua lunghezza e ripulendola dalla presenza di materiale trombotico o calcifico, ad alti ingrandimenti, ha ricostruito le coronarie con una nuova parete in arteria mammaria o in vena safena.
Ha messo punto una nuova tecnica chirurgica per il trattamento dell’embolia polmonare massiva.
L’intervento di embolectomia polmonare aveva una mortalità̀ così elevata da essere giudicato eticamente non proponibile. Illustri chirurghi come Barnard e Cooley proposero modifiche della tecnica standard ma i risultati non cambiarono.
Agli inizi degli anni 90, ipotizzò che l’alta mortalità era dovuta al passaggio di aria nelle arterie polmonari, durante la rimozione dei coaguli trasformando l’embolia organica in una ancora più̀ pericolosa embolia gassosa diffusa. Per rimuovere l’aria e i trombi periferici, per la prima volta invertì la circolazione del sangue nelle arterie polmonare. E’ stato costruito un circuito che preleva il sangue dalla macchina extracorporea e l’immette in atrio sinistro ad una pressione di 30 mmHg. La colonna ematica attraversa per via retrograda tutto il circolo polmonare e trasporta all’esterno sia l’aria che i trombi presenti nelle arterie periferiche. Con questa tecnica l’intervento ebbe un decorso sovrapponibile a quello di un intervento a basso rischio chirurgico. Il paziente veniva regolarmente estubato in terapia sala operatoria e trasferito intensiva.
Con questa tecnica sono stati operati 45 pazienti.
Questi risultati sono stati pubblicati in riviste inglesi.
Questa tecnica è stata descritta in un testo di cardiochirurgia. (Principles of pulmonary protection in heart surgery),
Ha messo a punto una nuova tecnica chirurgica nel trattamento degli aneurismi della radice aortica e dell’aorta ascendente. Essa si basa sul concetto di non sostituire la parete aortica aneurismatica ma di ripristinarne la normale configurazione anatomo-funzionale mediante una plastica ricostruttiva della parete e successivamente stabilizzarla mediante l’applicazione all’esterno di una nuova parete in pericardio. Con questa tecnica sono stati operati 600 pazienti. È stato autore o collaboratore di circa 120 lavori scientifici. Ha collaborato alla stesura del libro:
Principles of Pulmonary Protection in Heart Surgery. Gabriel, Edmo Atique; Salerno, Tomas (Eds.)
1st Edition., 2011, X, 350 p. 200 illus.

La ringrazio molto per la collaborazione
Salvatore Spagnolo

Lascio la mia Email: -------
cell. 335-------

Lunedì 19 ottobre 2020 12:35:30

Gent. prof, ieri sono andata a visitare il santuario della madonna della visione di strugnano, vicino a isola d'istria, prima di pirano: ha delle tele tutto in giro alle pareti che ricordano molto la scuola del tintoretto, anche nel duomo di pirano c'è un tintoretto. lei ne sa qualcosa?

Martedì 13 ottobre 2020 18:30:00

Caro disonorevole Sgarbi, io sono un italiano convertito all'Islam, lei or ora alla Vita in diretta per contestare la mascherina ha detto' un giorno potrebbe venire un terrorista che con la mascherina ucciderà un prete o un occidentale "...
Ma mi spiega cosa c'entra il terrorismo con le mascherine??? È possibile che pensi solo ai musulmani, per altro migliaia di musulmani nel mondo sono vittime dei jihadisti se lo ricordi bene, migliaia di musulmani nel mondo sono vittime dei jihadisti è bene ricordare i musulmani sono le prime vittime dei jihadisti

Lunedì 12 ottobre 2020 23:23:23

Carissimo Vittorio Sei Unico, Un Mito, Un grande!!! Ti adoro !!! Spero che riuscirai ad eliminare al piu presto tutti gli incapaci, bugiardi che ci sono al governo. Giuseppe Conte è meglio che si chiude in casa lui e butta via la chiave per sempre, altro che chiudere in casa gli italiani agli arresti domiciliari, almeno finirà di fare danni all'Italia.
Hanno violato i nostri diritti e le nostre libertà, e lo stanno facendo ancora con le str***ate dei nuovi dpcm... Io se dovessero fare un altro lockdown non ci starò più chiusa in casa.
C'è bisogno di persone come te! Ti auguro sempre il meglio dalla vita ! !
Grazie Vittorio, sei una delle poche persone intelligenti in un mondo di ignoranti.

Mercoledì 30 settembre 2020 01:17:50

Buona sera Signor Sgarbi,
Le faccio, innanzi tutto, i complimenti per lo spirito e la sciolta conoscenza artistica, che purtroppo manca sempre più a queste ultime generazioni (Politici compresi). C'é però un'osservazione di stile che mi permetto rivolgerLe: la Sua continua lisciata di capelli, sia con la mano destra e sia con la sinistra per finire con toccarsi bocca, naso e viso in genere... Quasi volesse accertarsi che queste chiome non puzzino (troppo).
Lei é un cultore del bello e quindi cerchi di adattarsi a immagini più "educate".
Dimenticavo che questi atteggiamenti non sono solo di adesso: basta visionare dei filamati ci qualche decina di anni fa e si vedrà questa strana abitudine (certamente indice di sofferta timidezza da adolescenza disagiata).
Con stima, a prescindere.

Domenica 27 settembre 2020 08:13:56

Prof sgarbi, ho 71 anni e ho un quadro piccolo di madonna lasciatomi da mio padre lo vorrei vendere a lei per aiutare
Mia figlia è possibile incontrarla?
La stimo tanto per la sua cultura e ho qualche dubbio quando eccede nelle reazioni con le persone
Un saluto di cuore comunque vada

Commenti Facebook