Messaggi e commenti per Nicola Zingaretti - pagina 3

Messaggi presenti: 133

Lascia un messaggio o un commento per Nicola Zingaretti utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Venerdì 2 ottobre 2020 18:04:18

Gentile Presidente, la ringrazio per aver reso obbligatorio l'uso della mascherina anche all'aperto a Roma e nel Lazio. E' una misura intelligente. Peccato che nessuno controlli e che imperi il solito lassismo trai miei concittadini. Incontro blocchi di esercito, polizia e carabinieri costantemente senza mascherina. Se il buon esempio non incominciano a darlo loro mi sa dire chi deve farlo? Senza essere ossessivi, però la popolazione deve sapere che il controllo esiste e che possono fioccare anche sanzioni. Guardi che sono iscritta al PD, mio nonno era un deputato di Don Sturzo (on. Felice Corini) e non ho mai avuto tentazioni fasciste, ma la gente deve capire che la questione è seria e che la salute di tutti dipende soprattutto dai comportamenti individuali. La saluto cordialmente. Ines Bianchedi

Sabato 26 settembre 2020 02:43:06

Salve dott. Zingaretti. Le sto scrivendo questo messaggio sperando che riesca ad arrivare a lei e che possa leggerlo. Sono un'insegnante precaria, con 14 anni di servizio sulle spalle. Laureata con lode alla Federico II di Napoli, ho lavorato per 10 anni in uno studio per poi decidere di dedicarmi alla scuola. Una precaria tra le tante che per diversi motivi si è trovata più volte nel momento sbagliato al posto sbagliato, per cui non è riuscita a conseguire un'abilitazione. I continui cambiamenti di governo certo non mi hanno aiutata ed ora fatico a guardarmi indietro e a guardare avanti. Ho fatto sacrifici, come tanti altri come me, lavorando e spendendo soldi e fatica per perfezionarmi... ho un master sulle disabilità, ho conseguito certificazioni informatiche, sostenuto gli esami per i 24 cfu quando si diceva che li avrebbero rilasciati solo le università, per cui con 30 e 30 e lode ho conseguito anche quelli, studiando la notte. Ho faticato tanto per raggiungere quello che sono oggi. Ma cosa sono oggi? Lei riesce ad immaginare come possa sentirsi oggi un'insegnante precaria ? Grazie all'attuale ministro dell' istruzione io mi sento un nulla. Un' insegnante... temporanea, incerta... senza abilitazione ottenuta sui libri ma con un'esperienza di 14 anni che penso valga molto di piu di un pezzo di carta. Fino all'anno scorso i precari sono riusciti ad abilitarsi mediante una procedura straordinaria. Anno di prova ed esame finale... ben venga.. Va bene, valutazione sul campo, ok. Zac. Cambio di governo ed anche i precari sono stati divisi in due. Precari di seria A, quelli che sono riusciti ad abilitarsi come le dicevo, anche senza laurea, e che quest'anno sono entrati di ruolo, addirittura, e precari di serie B. Per abilitarci arriva un concorso... mi verrebbe da dire a premi. Eh si. Perchè ormai i concorsi sono un terno al lotto, programmi enormi, domande fuori programma... e chi più ne ha più ne metta. In tempi poi così stringati ed in un periodo molto, ma molto particolare, come lei ben sa. I sindacati sembrava volessero spaccare il mondo perchè è palese l'ingiustizia nei nostri confronti... ma poi? Prova scritta dalle domande con risposta multipla alle risposte aperte... uao... che vittoria per noi! Valutazioni soggettive sulle risposte e domande su metodologie didattiche oltre al programma disciplinare ed, in più, un quesito in inglese da interpretare con domande e risposte per verificare il livello B2... che io non ho, perchè devo verificarlo? Non era tra i requisiti per partecipare a quest'ennesima farsa... bah... l'Azzolina così ha deciso o chi per essa ed allora si deve fare... Un treno in corsa, nessuno la ferma, sarebbe una sconfitta per lei non farli, chi se ne frega se è l'ennesima fregatura per tanti di noi. In questo anno cosi complesso dove la scuola vive e vivrà momenti difficili era forse il caso di stabilizzare i precari occupando tutte le cattedre scoperte da subito. Eh no! Da quando è incostituzionale fare concorsi per servizio e titoli? Mi aiuti a capire.. dove sta scritto? E perchè non farci fare un anno di prova con esame finale come accadeva fino all'anno scorso? Prima dell' igienizzante, delle mascherine e dei banchi che non ci sono e chissà quando arriveranno bisognava puntare sui pilastri della scuola. Docenti, personale... ma non ancora come tappabuchi... Noi facciamo quello che fa un docente di ruolo, senza sconti e senza vantaggi, vedi carta docente... ferie inesistenti... ecc ecc Ma non importa... siamo sempre andati avanti lo stesso. Ogni anno realtà diverse ma con la stessa voglia di far bene ai nostri discenti, con impegno e lealtà. Eppure? Lealtà verso di noi, zero. Non capisco questo accanimento verso i precari che sembra valgano meno dei neolaureati, cui tenete tanto che salgano in cattedra. Mi aiuti a capire perchè in questo momento sono molto arrabbiata e confusa. Ci ritroviamo a ricominciare tutto daccapo. Come si puo' chiedere ad insegnanti che hanno dato l'anima per la scuola... che l'hanno portata avanti in questi anni, di dover dimostrare di meritarlo. Che beffa!!! Anni di servizio scolastico buttati al vento. Come puo' lei, così presente, almeno credo, lasciar passare tutto questo. A chi li avete affidati in questi anni i vostri figli? A persone che non erano capaci ? Pur di tappare tutti i buchi avete inserito in cattedra docenti incapaci? Perchè non valutarli prima di metterli in cattedra? Gli stessi docenti che la cara ministra ora metterà in cattedra fino a che serviranno, ancora una volta a colmare le cattedre vuote, come organico covid, per poi sostituirli in ogni modo possibile con giovani laureati. Quegli insegnanti che in ogni modo cercano di arrivare al cuore dei loro alunni per poi doverli abbandonare l'anno successivo. Mi sento offesa e tradita da uno stato che non ci tutela. Un ministro che pretende, irrazionalmente, mi consenta, di farci sostenere un concorso che probabilmente molti di noi non supereremo e ci vedrà surclassati dalle nuove leve, come preferisce la cara Azzolina. E sa perchè? Non perchè siamo incapaci, ma perchè siamo stanchi, stanchi di dare e non vederci riconosciuto il merito per quello che facciamo. Se avessimo sindacati forti alle nostre spalle ora staremo tutti in piazza, lasciando le cattedre vuote... allora si che capireste, forse. Purtroppo ognuno pensa ai propri interessi ed è per questo che siamo rovinati. Triste pensarla così a 40 anni ma fanno bene quelli che fuggono da questo paese... io non posso. Ci state togliendo dignità per l'ennesima volta... ora con questo concorso... poi con chissà cos'altro. Ci rifletta. Probabilmente se leggerà questo post per lei non cambierà niente, d'altronde cosa siamo noi se non pedine da muovere a caso per i vostri interessi. Eppure io in lei ci credo. La prego stabilizzi i precari o almeno proponga un percorso abilitante per noi con esame finale, va bene, anche questo, ma non selettivo. Cosi come stanno le cose è ingiusto e sleale nei nostri confronti. La prego a nome di tutti i precari che stanno manifestando nelle piazze italiane anche se la stampa non ne parla e l’Azzolina fa finta di non vedere e non sentire. La scuola non si porta avanti da dietro un tavolo e chi sta dettando leggi sembra che la scuola non l’abbia mai vissuta e non sappia quello di cui necessità. La saluto a nome di tutti i precari che con me condividono parole e pensieri... e credetemi la pensiamo tutti così. Spero legga questa lettera. Distinti saluti Pollio Simona

Venerdì 25 settembre 2020 15:51:18

Ho ricominciato a votare Pd ma mi raccomando sulle pensioni eliminate lo scalone altrimenti torno a votare Salvini. Un cordiale saluto

Mercoledì 23 settembre 2020 20:24:06

Segretario buonasera, cercate di risolvere il dramma x ilva prima che scoppia un dissesto sociale.

Martedì 22 settembre 2020 10:15:05

Buongiorno,

Vi scrivo per reclamare per la totale inaccessibilità protratta nel tempo dei servizi di prenotazione regionali di esami specialistici ed analisi di routine.
Tanto il servizio RECUP 06. 9939 quanto il numero verde 800938861 rifiutano ogni tentativo di chiamata. Due settimane fa, dopo giorni di inutili tentativi con lo 06. 9939, ho dovuto rivolgermi ad una struttura privata a pagamento per un esame diagnostico urgente. Oggi è impossibile contattare il numero verde per la prenotazione di analisi di routine. Ritengo che sia preciso dovere della Regione Lazio, nella fattispecie del suo Presidente, far sì che i servizi di prenotazione funzionino correttamente, anche in virtù di aliquote di tassazione regionale tra le più alte d'Italia. Il precedente servizio di prenotazione RECUP era affidabile. I nuovi sono sistematicamente irraggiungibili, tanto da farmi domandare quante persone ci siano fisicamente a rispondere. Vi chiedo cprtesememte di verificare i motivi di un così totale e continuo disservizio e provvedere a rimuoverli.

Fiducioso in un Vs. riscontro, Vi porgo distinti saluti

Paolo Scafetta

Martedì 22 settembre 2020 09:09:42

RISULTATO ELEZIONI: PERFETTO
Un popolo perfetto, ha scelto partiti che si dimostrano perfetti per conservare un governo perfetto e avere un'Italia perfetta come quella che abbiamo. Certamente questo perfettissimo governo amministrerà alla perfezione i fondi europei e gli italiani perfetti che hanno scelto di rinforzarlo saranno perfettamente felici e... poveri in canna.

Sabato 19 settembre 2020 18:37:40

Gentilissimo presidente come prima cosa voglio scusarmi per essere arrivato a tanto, spero di non aver osato troppo. sono un uomo arrivato a 64 anni di sacrifici e prove ma resisto lavoro con una azienda in appalto al 118, si presentata la grande opportunita del concorso in atto per i 238 autisti di ambulanze sto riscontrando tantissime difficolta che piano piano ho risolto, spero ma nonostante io abbia inviato tutti i documenti non riesco a ricevere una rispostapositiva o negativa che sia per tanto la supplico di dare ascolto a questa mia. Le rammento un episodio a palermo ci siamo stretti la mano io ero un addetto sanitario sulla nave della legalita e lei stesso mi disse che potevo disturbarla la mia non vuole essere una raccomadazione machiedo aiuto a lei percontinuare a fare da padre ad i miei 4 figli che da aprile la loro madre è passata a miglio vita e le lascio immaginare in quale voto stiamo vivendo.
mi doveroso ringraziarla per la sua disponibilita e porgerle i miei piu cordiali saluti

con osservanza j. michele bastianelli

Giovedì 17 settembre 2020 22:11:42

Buonasera, provo a mandarle un sms, non so se lo leggera personalmente. Comunque brevemente volevo dirle, non capisco perché in campagna elettorale state aggredendo verbalmente gli avversari politici buttando i discorsi sempre sul fascismo? ? Il fascismo non c'e più come non c'e più il comunismo. I vostri avversari non v aggrediscono così come fate voi. Dovete imparare ad essere concreti nelle proposte politiche, come fanno in Germania. Offrendo programmi, proposte e idee. Pensate veramente facendo una campagna elettorale in quel modo i cittadini vi votano? Chi è convinto x una certa politica li vota lo stesso. Mi piace molto il politico Rizzo del PCI; è obiettivo, ha delle idee, è molto rispettoso, non aggredisce verbalmente, è deciso e difende le sue idee e non usa mai la parola comunismo o fascismo. Eppure è del PCI... Cordiali saluti

Martedì 15 settembre 2020 10:05:56

Gentilissimo presidente,
Mi chiamo Domenico cozzolino sono un insegnante, dirigente sindacale, musicista direttore di corale ed orchestra.
Iscritto al PD. Sostenitore con il 2X1000 e donazioni.
Mi duole comunicare la mia presa di distanza dal partito a partire da queste amministrative in ercolano, regionali in campania. Valuterò il mio sostegno al partito in base all’appoggio dato al ministro Azzolina.
Mi creda, da dirigente sindacale le posso elencare tutte le OM e circolari del SUO ministero che hanno fatto rabbrividire per inesattezze, contraddizioni, superficialità, arroganza.
Mi è difficile parlare di PD a centinaia di associati al mio sindacato che, dopo una media si 6/7 anni di precariato, si trovano in mezzo ad una strada per interventi rivoluzionari fatti con arroganza, senza interloquire con nessuno e con procedure vergognose (tabelle valutazioni titoli, GPS, Concorsi, Call veloce).
Ho appena accennato a qualche problema ma la decisione e certa.
Spero che altri abbiano notato tutto il meglio che il PD ha fatto in questo governo, mi scuso ma io sono di parte.
Dalla parte dei Precari che ho sempre chiamato i miei cuccioli e oggi vedo allo sbando psicologico e, time, materiale
Grazie per l’attenzione
Domenico cozzolino

Martedì 15 settembre 2020 09:13:47

Il governo del "Sor Tentenna" è il governo dei rinvii e dei bruschi cambiamenti di rotta. eE' quasi impossibile capire quali siano le direttive da seguire. Un decreto "bianco" al mattino, quattro o cinque ore piu’ tardi diventa "nero". Si afferma tutto e il contrario di tutto senza ombra di coerenza. Si puo’ viaggiare in aereo e in treno. Dopo una settimnaa, si viaggia in aereo ma non in in treno. Si aprono le scuole ? No, meglio temporeggiare. A seconda del vento che tira, i bambini li si imballa nel plexiglass o no, forse è meglio abbarbicarli su banchetti a rotelle da conferenza stampa cosi’ potranno giocare al « bancoscontro » appena la maestra si allontanerà. Nel giro di un anno dei banchi a rotelle resterà solo il ricordo divertito nella mente dei giovani che li avranno distrutti. Si riaprono le discoteche e si richiudono. Si mandano droni e poliziotti con moto da spiaggia a inseguire e rimandare a casa bagnanti solitari e si ammucchiano centinaia di migranti in pochi metri quadrati. Se sono contagiati infettano gli altri. Alcuni fuggono e contagiano cittadini indifesi. Si ammassano quelli che sono manifestamente ammalati in caserme inadeguate dal punto di vista sanitario e umano e si mettono a rischio i nostri medici e il personale sanitario che devono curarli, a nostre spese ovviamente. Si parla sempre di infettati da rientro italiano e non si prende mai in considerazione la possibilità di infezioni dovute a migrananti contagiati fuggiti da centri colabrodo. Se svizzeri, inglesi, americani o altri arrivano in Italia, si misura la loro temperatura e si pretende un passaporto senza il quale NON entrano nel nostro paese. Viceversa, se arrivano 400 migranti su una ONG sono piu’ che benvenuti. Bisogna dire che il governo ci protegge comunque da eventuali contagi africani affittando, a caro prezzo per noi, transatrantici con tanto di piscina. Una montagna di denaro sprecato mensilmente, SENZA IL MINIMO CONTRIBUTO EUROPEO, Questi fondi potrebbero essere utilizzati per ristrutturare rapidamente scuole, ospedali e caserme abbandonati PER ACCOGLIERE I PROFUGHI per il tempo necessario. Si creerebbero posti di lavoro e CI RESTEREBBERO OPERE da riutilizzare in sostituzione degli edifici pubblici fatiscenti attualmente in uso. Invece, si continua a lasciare aperte a chiunque le porte di casa nostra fingendo di non capire che questo atteggiamento, poco umanitario e MOLTO irresponsabile, funge da invito all'ingenua massa in attesa in Libia o in Tunisia che si illude di trovare in Italia una vita migliore. E la "generosa" Italia approfitta del loro stato di necessità per SFRUTTARLI TRATTANDOLI COME BESTIE, alloggiandoli in centri-tuguri peggiori di quelli libici dai quali molti di loro provengono.. Tra queste persone la percentuale dei delinquenti è minima. Si tratta per lo piu’ di famiglie bisognose, impoverite dallo SFRUTTAMENTO EUROPEO- e adesso anche cinese - DELLE LORO RISORSE NATURALI, che rischiano la vita nel tentativo e con la speranza di dare una vita migliore ai loro figli. Invece diventano SCHIAVI mal pagati e mal nutriti. E' in corso una vera e propria TRATTA di disperati indifesi che riempie le tasche di potenti dietro le quinte e di furbetti piccoli e grandi. Andare a Bruxelles a battere i pugni dicendo chiaro e tondo ALL'EUROPA CHE O FINANZIA L'ACCOGLIENZA ITALIANA, O PARTECIPA ALLA REDISTRIBUZIONE DI QUESTI SCIAGURATI O L'ITALIA ESCE, NON CONVIENE. SI ABBOZZA IN CAMBIO DI FONDI CHE ALTRIMENTI NON ARRIVEREBBERO. IN TAL MODO, L' « UNIONE », CHE E' TALE SOLO SULLA CARTA, PUO' PERMETTERSI DI PERSISTERE INDISTURBATA NEL SUO CINICO GIOCO FATTO DI EGOISMO E DI CHIUSURA ERMETICA AD OGNI POSSIBILITA' DI ACCORDO SU QUESTO TEMA perche' HA CAPITO CHE LE BLANDE PROTESTE ITALIANE SONO UN PALESE PRO FORMA PER INGENUI E UN MODO DELL'ITALIA DI APPROFITTARE DELL’OCCASIONE PER CAVARE IL RAGNO DAL BUCO CON « FURBIZIA » TUTTA ITALIANA. Nel frattempo, Il SOR TENTENNA DI TURNO alla barra di comando, da vera anguilla, si mostra abilissimo nell’uso dei verbi al gerundio e al futuro nonchè nell'arte del rinvio di ogni decisione a date da definirsi. Guadagna tempo e si avvicina sempre di piu' alla fine della legislatura e, prima ancora, al semestre che precede l'elezione SENZA SORPRESE del « nuovo » Presdente della Repubblica. La politica italiana è diventata UN PIETOSO avanspettacolo da bettola di periferia. Veste incurante i panni del clown e fa sua la celebre frase di Luigi XIV « Après moi le déluge ». L’importante è la poltrona.

Commenti Facebook