Messaggi e commenti per Giulia Bongiorno

Messaggi presenti: 12

Lascia un messaggio o un commento per Giulia Bongiorno utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Martedì 19 marzo 2019 11:33:58

Buongiorno Avvocato, le scrivo dopo aver sentito che con i 5 stelle proporrete leggi a divesa delle donne. finalmente !!! grazie. sono una donna libera con la consapevolezza di quanto stia peggiorando la società. da sempre maschilista. l unica cosa che vorrei proporre è un cambiamento sulla pena femminicidio. NON PIU RITI ABBREVIATI MA PARTIRE DA 30 FINO ALL ERGASTOLO. con aggiunta di anni x ogni figlio. è l ora di fermarli. GRAZIE

Mercoledì 6 marzo 2019 15:24:29

Illustre Ministro... in qualità di esponente della Repubblica italiana, e in quanto ancora prima donna, le scrivo per chiederle come è possibile che questo Paese sembra essere completamente asettico innanzi alla disperazione di noi giovani.
Mi sono laureata in giurisprudenza di impresa con mille sacrifici... poi per fortuna avevo trovato un lavoro che ora è finito... ciò detto mille e più CV e nessuna risposta.
Non è possibile... io credo che non ci sia speranza e mi creda che è inevitabile formulare pensieri talvolta assai nefasti...
Mi aiuti lei... mi dia una speranza.
Distinti saluti.
Dott. ssa Antonella Annese

Martedì 5 marzo 2019 19:32:36

Gentilissimo Ministro, apprezzo e non poco le sue intenzioni di modifica della legge Madia mediante ddl "deleghe al governo" soprattutto su un argomento delicato come la mobilità nel pubblico impiego e nello specifico nel SSN. Trovo ingiusto, come nel mio caso, esser stato trattenuto nel mio posto di lavoro a seguito di diniego del rilascio del nulla osta da parte della mia azienda. La mia motivazione e credo anche quella di molti altri colleghi, era ed è ancora oggi quella di ricongiungermi alla mia famiglia. Per colpa di questo sistema ho sottratto a me stesso e ai miei figli di 3 e 4 anni il tempo che un padre dovrebbe dedicare nei primi anni della loro esistenza; invece la mia azienda sanitaria ha motivato il diniego, su richiesta da parte del mio legale (poichè non era stata specificata motivazione alcuna), per mancanza di personale e peraltro non può esibire neanche le prove per essersi prodigata nel reclutamento. La mia speranza è che si torni alle forme contrattuali ante legem Madia, quando il nulla osta qualora non concesso era sostituito dal preavviso di 3 mesi. Inoltro trovo ingiusto il vincolo di permanenza nella prima sede di destinazione (che lei intende invece mantenere nel suo disegno di legge) poichè, specie per le aziende sanitarie, non trova applicazione diretta. Confidiamo tutti in un ritorno alle vecchia normativa e io, come tanti altri colleghi, le saremo grati per questo dandoLe il nostro sostegno. Spero tanto che questo mio modesto pensiero Le possa giungere direttamente.
Cordiali saluti
Emilio

Giovedì 21 febbraio 2019 07:55:20

Buongiorno, sono ex dipendente pubblica in pensione dopo 41 anni e 11 mesi di lavoro. La quota 100 ora prevede anche un bell'anticipo sulla liquidazione. Io come tanti altri ho aspettato per due anni e ora mi si dice che devo attendere altri tre mesi per il calcolo e accredito! La legge Fornero non solo ci ha allungato il tempo di lavoro ma anche il tfr. Nei due anni non c'è stato tempo per farlo? Che delusione! Non credo sia giusta questa differenza di trattamento. Buon lavoro. Gabriella

Venerdì 1 giugno 2018 17:31:26

Donna eccezionale che seguo da sempre. Un augurio sincero di buon lavoro e un fraterno abbraccio

Venerdì 1 giugno 2018 11:55:29

Questa ragazza è il simbolo della fortuna vivente. Accoppiata, forse casualmente, all'avv.Coppi, difensore di Andreotti, vinsero la causa e improvvisamente si trovò al centro dell'attenzione in un mondo diverso. Non so come si intruppò con Fini, noto distruttore di Alleanza nazionale. Da lì alla Lega il passo fu breve. Ora è, addirittura, Ministro. Complimenti e senza invidia!

Venerdì 19 gennaio 2018 12:58:39

Che dire. Fino a ieri ammiravo Giulia Bongiorno. Poi, la sua decisione di candidarsi con Salvini mi lascia esterrefatta ed inorridita. Lei, cofondatrice di una ONLUS in difesa delle donne, domani in Parlamento mi voterà contro...sì, contro di me, perché sono una donna e, come tale, vengo gravemente lesa dall'eventuale riorganizzazione delle case chiuse, alias di tolleranza, cioè della schiavitù femminile legalizzata e buona fonte per l'erario. Come madre, nonna e zia, nonché come cittadina italiana, vengo lesa dalla riduzione dei vaccini obbligatori, che mettono in pericolo tutti, anche gli obiettori.
Come donna tout court, poi, vemgo offesa dal fatto che ci siano donne del calibro di Bongiorno disposte a spendersi per un salvini (minuscola voluta).

Mercoledì 5 giugno 2013 11:57:12

Buongiorno Dott.ssa, Le scrivo prima di tutto per complimentarmi con lei per la sua forza e determinazione. La mia vita come la sua è stata sempre in salita e sempre impegnata a dimostrare quello che valevo, e mi creda spesso è stato molto difficile. Tempo fa leggevo un'articolo di giornale dove Lei elencava delle regole essenziali per essere sempre presente e efficace nel coordinamento del proprio team. Il mio lavoro è quello di un impiegata di Banca con mille sacrifici alle spalle. Le scrivo per chiederle cortesemente un supporto di questo genere. La ringrazio anticipatamente.

Domenica 16 ottobre 2011 22:01:49

Volevo complimentarmi con lei per la sua preparazione e per la sua coerenza nel difendere la condizione femminile. In questo momento la sto seguendo nel programma tv della 7. Mi piace come non si è fatta zittire dal berlusconiano...
Vorrei proporle di candidarsi come sindaco nel comune dove risiedo, vorrei fare una lista di se non ora quando. Di donne con realtà politiche diverse una lista veramente trasversale che hanno in comune: l'onestà, la giustizia e più di tutto la moralità. In questa cittadina ora c'è un sindaco che "L'INTEGERRIMO ASSERTORE DI MERITOCRAZIA" on Brunetta è venuto a sponsorizzare in quanto suo cognato. E sempre per meritocrazia Ha fatto assunzioni sempre meritocratiche come assumere (il nome circolava prima della fine del concorso) un direttore di un museo fatiscente. Salvateci salviamoci!
Mi dica di si ed io mi impegno a mettere in moto una serie di donne, noti bene che la voglio pur essendo una donna di sinistra. Cordiali saluti Lorella.

Giovedì 6 ottobre 2011 11:30:19

Concordo pienamente quando dice che le carte le legge 5 volte, credo che se i magistrati e anche gli avvocati leggessero le carte almeno due volte i processi sarebbero molto più brevi.

Commenti Facebook