Messaggi e commenti per Barbara Palombelli

Messaggi presenti: 34

Lascia un messaggio o un commento per Barbara Palombelli utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Giovedì 4 giugno 2020 21:07:05

Buonasera, complimenti è un piacere seguirla in tutto ciò che fa con il cuore. Sono una mamma di una simpatica 50 enne disabile, purtoppo causa COVID 19, tutti i centri sono stati chiusi dai primi di Marzo. Sono 3 mesi che i nostri ragazzi speciali sono tappati in casa, senza socializzare far terapia giocare e divertirsi un po in compagnia. Noi genitori ci prendiamo cura ma siamo avviliti perché nessuno ne parla :CI SENTIAMO DIMENTICATI. GRAZIE BUONASERA

Lunedì 1 giugno 2020 20:54:18

Buonasera, solo per tirare le orecchie ha chi ha scritto: Poveri ma liberi, che leggo in questo momento in alto sullo schermo durante la sua conduzione di stasera Italia. Ma quando la povertà rende liberi, solo il lavoro con la sua dignitá ci fa liberi. Comunque complimenti e buona sera.

Domenica 31 maggio 2020 09:29:27

Ci si chiede come far tornare i turisti in Italia. Certo non trasformando le spiagge libere in camposanti con i paletti del distanziamento fisico che spuntano dalla sabbia come croci delle lapidi. Questo accade sul litorale romano. Ho mandato la foto di una spiaggia ad un parente in Svizzera invitandolo a non venire questa estate. Perché c'è un limite a tutto. Questo clima paranoico da novella di Bulgakov ci sta avvelenando, nella mente e nel corpo. Ho inviato alle Camere una petizione con la richiesta di apertura di un'indagine parlamentare sulla legittimità delle misure restrittive prese fino ad oggi per contenere un virus che secondo recenti studi non è più pericoloso degli altri coronavirus attualmente in circolazione. Se non si cambia rotta immediatamente le faccio questa previsione: a settembre le scuole non riapriranno perché non potranno in tre mesi essere "riconfigurate" secondo le indicazioni date dal CTS. Si continuerà con la dad e gli uomini e le donne di buona volontà ricorreranno in tribunale.
Cordiali saluti.
Giada Bigetti

Aggiungo, da ex giornalista, che voi "esperti della comunicazione", qualora venisse ridimensionata l"emergenza, avete contribuito non poco ad alimentare questo clima paranoico, invitando in trasmissione ed intervistando virologi che quasi si compiacevano a terrorizzarci e comunque sempre contraddicendosi. Ancora oggi vengono pubblicati stralci di interviste a "scienziati" che un giorno sostengono che il virus non è stagionale, e quello dopo "si, potrebbe attenuarsi o sparire con il caldo, ma sicuro tornerà ad ottobre". A fronte di queste dichiarazioni schizofreniche è stata confezionata un'estate con le spiagge puntellate dai paletti del distanziamento che a vederle ti fanno venire voglia di prenderti una sbronza capace di toglierti la capacità di giudizio per almeno un anno. Nonostante tutto, come già scritto, il fronte più "caldo" è quello della scuola: a rischio il diritto allo studio anche il prossimo anno. Ce lo possiamo permettere come società?
Giada Bigetti

Sabato 30 maggio 2020 10:25:35

Gent:ma Dssa Palombelli, sempre con grande interesse seguo la Sua serale trasmissione “STASERA ITALIA” e mi permetto SUGGERIRLE che sarebbe opportuno - per cercare di rilanciare i consumi in un periodo certamente drammatico- di dare segnali di positivita’ ed ottimismo..
Cordialita’ Paolo Cannicci/ 335 -------

Venerdì 29 maggio 2020 14:05:08

Signora Palombelli. apprezzo il suo modo di condurre la trasmissione "Stasera Italia" e molte delle sue idee specialmente sul virus. Ho notato però che tra gli ospiti escluso Sgarbi, a cui ho scritto tante volte senza avere risposta, nessuno osa dire che il covid non crea più danni di una polmonite o un influenza aggressiva. La gente è terrorizzata e se non si comincia a dire che il numero degli infettati non ha alcun valore e che non dobbiamo temerlo più, non ne usciremo. Si vedono prendere precauzioni eccessive che fanno più danno del virus. Si debbono screditare a tutti i livelli i componenti del CTS incapaci e decerebrati. Invio uno scritto di mesi fa. in tempi sospetti- Sig, Direttore,
lei è una delle poche persone cui rivolgersi per essere presi in considerazione, quindi le scrivo convinto che leggerà questa mail,
Precedentemente, dall'inizio dell'epidemia, ho scritto ai direttori di giornali e di Tg denunciando che le misure restrittive, decise dal ducetto di turno, erano incostituzionali quando tutti tacevano. Anche i costituzionalisti, così loquaci in altre occasioni avevano la bocca cucita. Solo in seguito qualcuno mi ha dato ragione. Troppo facile esprimersi tardi.
È stato fatto credere normale che dovessimo fare l'autocertificazione per uscire di casa, braccati da polizia e carabinieri, droni ed elicotteri come delinquenti.
Ogni minuto del giorno i media hanno fatto vedere persone più o meno note, felici di aver perso le libertà individuali.
Una campagna fatta da decerebrati, influenzati da virologi e membri del CTS che si presentavano in tv facendo previsioni catastrofiche a cui il governo di incapaci si è ispirato.
Dovrebbe chiedersi perché è stata importanza ai cosiddetti esperti quando dovrebbe essere al corrente, se non lo fosse potrei informarla, quali sono in Italia i criteri con cui si accede a cattedre universitarie, primariati ospedalieri, comitati scientifici. Non certamente per merito! Sarebbe opportuno facesse una trasmissione sui raccomandati che occupano quelle cariche perché anche questa è una forma di mafia di cui nonsi vuole parlare.
Si ricorda quando questi teorizzavano che il virus avrebbe contagiato metà dei cittadini e che si sarebbe diffuso al sud?
I virologi, che suppongo che anche lei stimi, all'inizio del contagio hanno detto di non sapere nulla del virus e della diffusione dello stesso ma hanno avuto la presunzione di indicare a 60 milioni di persone come comportarsi.
Questi geni hanno terrorizzato la gente facendo credere che se si è contagiato si muore quando invece il 92% dei contagiati guarisce. In altre parole la guarigione è quasi certa.
Quale epidemia con quella percentuale di guariti?
Hanno terrorizzato e continuano a terrorizzare non confrontando il numero di contagi e il numero dei morti con il numero totale degli abitanti. Sono così sprovveduti quando tacciono che quelle percentuali sono dell'ordine di 10-3 0 10-4. Sa cosa significa questo dato?
O sono in malafede o solo incompetenti! Non si è scienziati solo se ci si occupa di scienza!
Non ci sarebbe voluto un genio per capire che il covid19 è dello stesso ceppo del corona virus influenzale e quindi dopo il picco iniziale verificatosi in zone ad alta densità abitativa e condizioni di vita pessime, con la primavera e l'estate si sarebbe attenuato. Così non è difficile che si ripresenti in autunno come l'influenza ma in modo molto più lieve. Ora continuano a terrorizzare
prevedendo un ritorno del virus come prima che non ci sarà perché il virus si attenua trasmettendosi. Lo sanno anche gli sprovveduti e al governo conviene mantenere calma la gente impedendo gli assembramenti.
Non succederà nient'altro! Non serve dichiararsi esperti di qualcosa che non si sa come hanno fatto loro e stanno facendo ancora oggi, ma serve analizzare i dati e usare una deduzione logica. La logica non sanno cosa sia.
Infine, magari in una trasmissione, renda noti i nomi di coloro che fanno parte del CTS, che ci hanno messo agli arresti domiciliari gli italiani, e faccia sapere quali i requisiti e pubblicazioni originali hanno prodotto e qual è il loro valore nella comunità scientifica internazionale? Credo nessuna!
Tra qualche anno ripensando a questo periodo si faranno altre valutazioni su cosa è accaduto, il covid19 non è né la peste né il colera né l'ebola ma è stato trattato come se lo fosse. Un disastro economico che si sarebbe potuto evitare ma questo lo si capirà più tardi ma non sarà mai ammesso da questi cosiddetti esperti del nulla.

Nello Mangani
Matematico e scrittore

Venerdì 29 maggio 2020 12:06:09

Sono un giornalista de Il Messaggero Marittimo, quotidiano a diffusione nazionale di economia dei trasporti.

A proposito della burocrazia ottusa e... anche peggio, sentite che cosa mi è capitato.
Renato Roffi
339 ------- 0586 -------

L’Italia morirà (presto) di burocrazia?

RR

Chi pensava che sulle aberrazioni della nostra burocrazia si fosse già detto e scritto di tutto dovrà per forza ricredersi nell’apprendere il più plastico esempio di ottusità di cui la nostra pubblica amministrazione si sta rendendo artefice. Quanto riportiamo di seguito ha veramente dell’incredibile, ma il fatto che abbia riguardato proprio chi scrive sta ad asseverarne l’indiscutibile e comprovabile veridicità.

Un tale (nella specie il sottoscritto) ha prestato servizio effettivo per trent’anni puliti nelle forze armate della Repubblica ed è stato coinvolto in una serie di contenziosi con la propria amministrazione (sempre nella specie, la Marina militare) che si sono espressi in ben ventisette ricorsi al Tar Toscana, più un’altra serie di processi al Consiglio di Stato durati complessivamente ventinove anni.

Nel Febbraio scorso il massimo organo giurisdizionale ha posto definitivamente la parola fine all’assurda vicenda riconoscendo in pieno le ragioni di quel tale, ordinando all’amministrazione di conteggiare e restituire quanto gli era stato sottratto e condannandola al ristoro delle spese di giudizio. E qui viene il bello.

Il difensore del tale, per consentirgli di ottenere la somma de iure stabilita, a pena del blocco della pratica e sebbene esistano disposizioni di legge secondo cui la P:A: non deve chiedere al cittadino notizie ed informazioni di cui si già in possesso o possa venire comunque in possesso, è stato obbligato dalla Direzione generale del Personale militare a produrre una autocertificazione in cui il famoso tale dichiarava, udite, udite:

di chiamarsi Pinco Pallino,

di essere nato… nella sua città natale in una certa data,

di essere cittadino italiano (Questa poi! La cittadinanza è condizione indispensabile per servire nelle Forze armate),

di avere il seguente codice fiscale… (dopo che la stessa amministrazione, par trent’anni, lo aveva riportato in testa ad ogni cedolino di stipendio, mese dopo mese).

Tutto questo – merita ripetere – a fonte di precisi dispositivi di legge** (sempre ignorati) che esonerano il cittadino dal produrre documenti di cui l’Amministrazione sia già in possesso.

E’ possibile che con ottusità del genere questa povera Italia possa avere un futuro? ?

** art. 43, Dpr 445/2000 e art. 15, L. 183/211

Giovedì 28 maggio 2020 20:59:36

Buonasera Barbara. Sono una sua fedele ascoltatrice di Stasera Italia. Le scrivo per dirle che oggi ho avuto notizia certa che nella mia città di Cesena sono stati ricevuti i 600 euro da persone dipendenti dell'AUSL e dipendenti della famosa ditta Amadori, pur avendo continuato a ricevere lo stipendio normale. Al contrario mio figlio, architetto libero professionista, che ha subito un grave calo di lavoro e ha clienti che difficilmente riusciranno a pagare, ha ricevuto solo i primi 600 euro in maggio. Siamo veramente esasperati!!! Grazie dell'ascolto. Buon lavoro!

Martedì 26 maggio 2020 20:10:34

Belle le sue trasmissioni ma la realte a volte e molto diversa. Nel mio caso sono diventata invalida dopo le "attenzioni" di mio ex marito fedifrago e violento. Ma Lui, pur confessando in tribunale, non è stato condannato. Io invece si, perchè è riuscito a presentare fasi documenti e falsi testimoni e il giudice l' ha ascoltato. Io non sono stata nemmeno convocata, condannata contumace, nessuno mi sa dire perché. Il mio danno biologico permanente è andato in prescrizione secondo la legge e la giustizia??? Sono curiosa se qualcuno saprà rispondermi? Ma ci credo molto poco. Vedremo. Cordiali saluti prof Ewa

Martedì 26 maggio 2020 15:05:34

Buongiorno sig. ra Palombelli. volevo raccontarle la mia storia tragicomica. dopo il decreto ho presentato richiesta dei 25000 euro con garanzia statale. premetto che ho tutti i requisiti, fatturato, non ho iscrizioni negative, non ho debiti ne'mutui. ho un solo conto corrente su basi attive presso la banca del piceno credito cooperativo dal 2015. dopo 15 giorni circa ricevo da un'impiegata della banca una telefonata che riporto testualmente"sig. bolla le volevo comunicare che lei per noi non ha merito creditizio e quindi le consigliamo di ritirare la sua richiesta onde evitare la bocciatura della pratica e la relativa segnalazione "
Ma si rende conto? Io chiaramente ho chiesto ulteriori spiegazioni e la risposta è stata questa"lei non ha recepito il messaggio in modo corretto, a noi della garanzia statale e del decreto non interessa niente "
Io chiaramente ho preteso che la mia pratica venisse inserita e che volevo in ogni caso una risposta scritta con le relative motivazioni. dopo qualche giorno hanno richiesto ulteriori documenti, che sono stati prontamente presentati. Ad oggi nessuna risposta sono passati quasi 2 mesi, io nel frattempo ho fatto fronte alle spese correnti, affitto, pagamenti vari contando sul fatto che il governo aveva detto poter contare sul prestito (io avevo tutti i requisiti e mai avrei creduto che potesse succedere questo). Dottoressa io le chiedo :perche', se ho i requisiti e tutte le prerogative che il governo chiede, la banca temporeggia, cerca di scoraggiarmi, non vuol concedere quello che lo stato mi ha garantito?
A chi potrei rivolgermi per ottenere quello che mi è dovuto? Sicuramente lei con il suo modo di fare molto equo e persuasivo sapra' in qualche modo aiutarmi. Per qualsiasi ulteriore chiarimento sono a disposizione anche al 335 ------- alessandro bolla. Certo di un suo interessamento le porgo cordiali saluti e le faccio i più sinceri complimenti per il suo programma, che reputo molto obiettivo e sicuramente non di parte.

Martedì 26 maggio 2020 10:52:03

Da anni mia zia LILIANA Ti segue sempre dalle 11 in poi sempre sempre.
Mia zia ha piu di 90 anni e passa e perfettamente lucida ma un po diffidente
Potreste mandarle un invito in trasmissione e l' accompagnerei io perche Lei
non esce di casa quasi mai
O potresti farle una telefonata personale nel caso Ti darò il suo telefono sarebbe
molto elegante da parte Tua
O salutarla a nome mio Nipote Giorgio da Motta Visconti sperando che Ti senta che se
ha ospiti si distrae
Occhio se la chiami che e un poco diffidente

Commenti Facebook