Messaggi e commenti per Barbara Palombelli - pagina 3

Messaggi presenti: 94

Lascia un messaggio o un commento per Barbara Palombelli utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Venerdì 11 settembre 2020 12:49:47

Gentile Dottoressa, tanto tempo fa Forum era una bellissima trasmissione che trattava casi di varia natura. Ricordo per esempio una ragazza che aveva chiamato in causa un pizzaiolo perché si era rotta un dente col nocciolo di un'oliva capitato per caso nella sua pizza... Liti di condominio, schiamazzi notturni, un vestito macchiato di tinta per capelli... Cose del genere. Ora sesso e solo sesso, a volte nelle forme più aberranti. In un orario, poi, in cui le famiglie sono a tavola. Mi chiedo come una Signora come Lei, colta e raffinata, possa prestarsi ad un simile gioco, alla triste decadenza dei nostri costumi. Mi dirà che il mondo è cambiato. È vero. È cambiato in peggio. In molto peggio. Distinti saluti
Franca D'Ignazio

Venerdì 11 settembre 2020 10:50:43

Ciao Barbara. Come quando eravamo piccoli e sono scomparsi poliomielite e vaiolo con la vaccinazione obbligatoria ora bisogna fare la stessa cosa per il Covid. Sei sempre la Signora della TV !

Venerdì 11 settembre 2020 07:53:52

Stasera Italia, 10 settembre 2020.

Antonio Caprarica: questo virus è
è "qualcosa di molto simile alla peste".
Tasso di mortalità della peste: 90%
Tasso di mortalità del covid: 1%?
Se io sono una negazionista, voi siete dei disinformazionisti.
Giada Bigetti

Giovedì 10 settembre 2020 21:56:44

Gent. ma Sig. ra
Barbara Palombelli
Mi chiamo Ugo Cabiati,
nato ad Asmara (Etiopia)
da genitori piemontesi.
Ho 69 anni ed ho vissuto
una vita intensa con una
infinita' di avventure emozionanti trascorse tra Africa, Inghilterra, Germania, Cuba e Venezuela (dove attualmente sono residente). Mi trovo tra Barletta e Bari per risolvere alcune situazioni in sospeso della mia pensione.
Seguo i programmi di
" FORUM" e Le faccio i miei complimenti! ! ; Lei con la sua dolcezza, trasmette energia positiva. Mi rivolgo a Lei
molto umilmente, perché il Suoprogramma
mi ha spinto a fare il passo decisivo che da tempo macino sopra:
quello di seguire il consiglio di diverse persone a cui ho contato sptazzi della mia vita e terminavo ascoltandomi dire " perché non scrivi un libro su te? "
So di non avere tale capacità dovuto alla pochissima pratica del
italiano dal lontano 1977
e altrettanto per non dominare perfettamente né spagnolo né inglese.
Con tutto il rispetto Le chiedo (già che non conosco scrittori o scrittrici), potrebbe essere disposta a far sì che mi metta in contatto con uno di loro e che possibilmente capisca anche lo spagnolo?.
Ringraziando, Le rivolgo i miei più cordiali saluti.
Il suo ammiratore
Ugo Cabiati. 0039 -------

Giovedì 10 settembre 2020 15:52:02

Gentile Barbara,
A commento delle numerose puntate di Forum (che seguo assiduamente) vorrei esprimerle la mia perplessità circa la presenza e la partecipazione in studio di una persona come Marisela Federici.
La Signora mi lascia profondamente scossa ogni volta per la qualità dei suoi giudizi, vere e proprie sparate impietose sui convenuti, il più delle volte con vissuti drammatici e dolorosi, difficili per situazioni economiche disagiate e familiari tristissime. La “Signora “ Marisela cala la scure impietosamente su chiunque senza un briciolo di empatia, comprensione per le sofferenze altrui.
La signorilità che le è attribuita non pare veramente albergare nel suo animo e mi meraviglia che una persona sensibile come Lei possa condividere Alcunché con tale signora che taglia e cuce giudizi paludata in abbigliamento che dice molto su di lei.

Grazie
Cordialità
Caterina grosso

Giovedì 10 settembre 2020 10:36:51

Gentile Palombelli, negazionista è chi nega il massacro, io invece lo affermo, denuncio il genocidio per opera del governo. Sminuisco il virus e acuisco l'uomo responsabile di morte. Come la mettiamo? Saluti.

Mercoledì 9 settembre 2020 17:53:01

Gentile Barbara Palombelli,
questa volta voglio anch'io utilizzare questo spazio per esprimere una mia opinione. L'altra sera, nel corso della trasmissione, l'ospite Gianfranco Pasquino ha definito i "Negazionisti del covid" una infima minoranza.
Questo termine non rappresenta assolutamente la realtà delle cose.
A voi giornalisti piace in questo modo far scalpore e denigrare tutte le persone che, in realtà, non negano assolutamente l'esistenza del virus, ma negano la "narrazione ufficiale del virus".
Tutte quelle persone che si pongono domande, si documentano, si informano da altre fonti altrettanto attendibili, se non di più.
Persone che si soffermano a ragionare sulla proporzionalità delle misure adottate, rispetto al rischio epidemiologico attualmente molto basso dichiarato da molti esperti. Persone che si soffermano a ragionare sulla possibile illegittimità o incostituzionalità di certe decisioni prese ultimamente da chi di dovere.
Così è anche per il rientro a scuola dei bambini, obbligati al distanziamento sociale e all'uso delle mascherine.
Distanziamento che porterà i bambini ad avere danni psicologici permanenti, come già evidenziato dal comunicato emesso da oltre settecento psicologi e psichiatri nel mese di maggio.
Ecco, visto sotto quest'ottica, i veri negazionisti non sono quelli che si pongono domande e cercano risposte, ma quelli che raccontano una verità parziale, mancando di rispetto a chi la verità la vuole scoprire fino in fondo.
Cordialità
Monica

Martedì 8 settembre 2020 14:57:20

Barbara buon pomeriggio, sono più di 3 anni che vivo un problema legato alla mia separazione che mi sta togliendo la voglia di vivere, sono davvero disperato ed ho 2 figli che non vorrei deludere, non chiedo soldi ma giustizia e un consiglio, un aiuto concreto che possa liberarmi da un mutuo che sto pagando da 15 anni su una casa che non è mia. non ce la faccio più economicamente, ho perso tutto ma ripeto, non voglio soldi, mi basterebbe non pagare più 700 euro di mutuo su una casa rimasta vuota da 3 anni ed è intestata alla mia ex moglie. la prego mi risponda, non voglio diventare un caso sociale, ho una dignità e dei figli ai quali insegnare il perfetto contrario che sta facendo la madre. lascio il mio numero 328-------. grazie anticipatamente

Lunedì 7 settembre 2020 09:20:54

Gentile Barbara Palombelli,
ho deciso di usare questo spazio come una sorta di memoria storica pubblica di quanto sta avvenendo, in attesa che l'intervento della Magistratura ponga fine a questa falsificazione senza precedenti della realtà. Nel momento in cui, anche per ragioni di spazio, deciderete di non pubblicare più i miei commenti, non me la prenderò: ormai non mi riconosco più in questo paese.
Ieri sera nel corso della trasmissione un ospite (Gianfranco Pasquino) ha definito i "negazionisti" del covid non solo una minoranza, ma "una infima minoranza".
Bisogna a tal proposito premettere che voi giornalisti, per comodità ed opportunismo, avete infilato in questa terribile definizione anche gli scettici, ovvero coloro che si pongono delle domande sulla "narrazione ufficiale del virus". Che si chiedono, ad esempio, su quali basi scientifiche oggi si sostiene che il virus non ha perso aggressività quando da maggio ormai si sono formati innumerevoli assembramenti spontanei e nonostante ciò il tasso di mortalità del covid si è praticamente azzerato. Che si chiedono, ancora, se il prezzo da pagare per mandare a scuola i propri figli nelle condizioni prospettate dal CTS non sarà più alto in termini psicologici di quello meramente sanitario legato alla diffusione del Sars-cov-2. Conosco genitori che hanno tolto da scuola i propri figli perché 1) temono che, tra mascherina e distanziamento sociale ed eventuali punizioni per chi non rispetta tali regole, ne possano riportare dei danni psicologici permenenti - non dimentichiamo che funzione primaria della scuola è non solo quella di fornire istruzione in senso stretto, ma di favorire la socializzazione tra i giovani; 2) a causa delle quarantene che verranno imposte in virtù del "testing testing testing" che rileverà nella maggior parte dei casi positivi asintomatici che, secondo l'OMS, "molto raramente contagiano". Ci si rende conto del danno alle future generazioni nel nome della lotta ad un virus, del quale, ad oggi, non è chiaro neanche il tasso di mortalità?
Invito pertanto il Signor Gianfranto Pasquino, che ha dato dell'infima minoranza anche a chi ha cuore la salute non solo fisica, ma anche psicologica dei propri figli, a rispondere alle seguenti domande, e successivamente a chiedere pubblicamente scusa alle persone offese; altrimenti iniziate a discriminare tra i negazionisti in senso stretto, ovvero "coloro che negano l'esistenza del virus", che a questo punto chiamerei "negatori" perché il termine "negazionista" rimanda ad un periodo troppo oscuro della storia per essere così vergognosamente banalizzato, e "coloro che pur non negando l'esistenza del virus si pongono delle domande".
1) Signor Pasquino, ha le prove che il virus oggi in circolazione sia aggressivo come quello in circolazione a marzo-aprile?
2) Manderebbe i suoi figli a scuola sapendo che potrebbero sviluppare delle patologie mentali come conseguenza di ciò?
3) Ritiene corretto che nel computo degli ultimi decessi covid siano fatti rientrare anche soggetti non più positivi da mesi al covid stesso? Non ritiene che una falsificazione dei dati del genere sia un crimine nei confronti della popolazione?
4) Ritiene opportuno a questo punto riscrivere la Costituzione italiana mettendo le libertà personali non più tra i primi diritti da tutelare ma tra gli ultimi?
Cordiali saluti.
Giada Bigetti

Sabato 5 settembre 2020 21:44:42

Buona sera, la sto contattando per chiederle se è interessata a dare voce allo scempio, di cui nessuno sta parlando, delle nuove Graduatorie Provinciali Supplenti. Sono stati valutati i titoli dei ricercatori fino a 200/300 punti ed oltre. Docenti precari da anni mandati a casa, ma, ripeto, silenzio assoluto, eppure per molti di loro sarà una tragedia inaspettata ed immeritata. Lei mi è sempre sembrata una giornalista ed una donna abbastanza indipendente ostile alle ingiustizie e ai favoritismi, soprattutto al clientelismo. Io sono una docente di ruolo, ma tutto questo non può restare nel silenzio.

Commenti Facebook