Messaggi e commenti per Bruno Vespa - pagina 7

Messaggi presenti: 311

Lascia un messaggio o un commento per Bruno Vespa utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Giovedì 19 marzo 2020 13:57:25

Buongiorno dottor Vespa, mi perdoni se la disturbo, mi chiamo Osvaldo urbani, vivo a selci in sabina, ora ho 72 anni, credo ma non ho la certezza di aver vissuto l'adolescenza insieme a lei al Don Orione.
Certamente dopo circa sessant'anni probabilmente non si ricorderà di me, io l'ho rivista un paio di volte a Roma Termini dove io lavoravo ma non ho mai avuto il coraggio di disturbarla, ora avrei un piacere immenso a poterla incontrare per un fraterno saluto. Con rispetto Osvaldo urbani.
Signor Bruno può contattarmi alla seguente mail -------

Giovedì 19 marzo 2020 11:33:18

Buon giorno e buon lavoro dr. Bruno Vespa

La pregherei di leggere attentamente quanto segue: meditarlo e se condiviso diffonderlo a tutto, tutto, il pianeta con tutti i politici o media possibili.
E’ un suggerimento semplice quasi miracoloso.
Una persona sana disattenta ha una probabilità su 500 di farsi infettare da un portatore sano infetto. Deve frequentare 500 persone per ammalarsi. Se succede è sfortunato.
Un portatore sano disattento invece, se frequenta 500 persone, intercetta tutti gli sfortunati e li infetta.
Conclusione: dobbiamo tutti comportarci come se fossimo malati. Tutti con le mascherine evitando gli altri. Se non ci sono le mascherine meglio una mascherina fai da te che niente.
Non serve a guarirci tutti ma il contagio diluito nel tempo non fa collassare i servizi sanitari.
Grazie per l’attenzione
Enrico Fantoni

Se mi manda la sua mail le mando un video per mascherina fai da te.

Giovedì 19 marzo 2020 11:31:29

Egr. Dott. Vespa,
ma Lei non era quello che invitava tutti ad andare al ristorante? Non era quello che si meravigliava che ci fossero dei controlli negli aeroporti?
Ma dov'è finita la Sua spavalderia? Dov'è finita la Sua ironia nei confronti di quanti manifestassero allarme in ordine alla possibilità di un'epidemia così disastrosa?
Lei evidentemente ritiene di potere, senza colpo ferire, invertire in qualunque momento la Sua rotta e di potersi ricollocare sulle posizioni che, al momento, più Le tornano utili.
In merito sento di doverLe dire, così mutuando le parole di uno straordinario Sindaco, il Sindaco di Delia (CL), ma questa serieta è? ma questa coerenza è? ma questo decoro è?
E poi, ancora con la corsetta, la passeggiatina!!!
Lei non ha ancora compreso che sono impediti gli spostamenti, sull'intero territorio nazionale, tutti gli spostamenti tranne quelli determinati da esigenze di lavoro, da necessità comprovate o da esigenze di salute. E' solo consentito, poi, il rientro nei propri luoghi di residenza o domicilio.
Questo lo dice, lo scrive, il decreto che ha valore di LEGGE, con il carattere della OBBLIGATORIETA'..
La"passeggiatina, la "corsettina", cui Lei è molto affezzionato, rientrano tra le ipotesi consentite?
Il decreto menziona passeggiatine, corsettine?
Sono la Sua fissazione!!!
Non confonda le persone più di quanto non lo siano a causa dell'attuale emergenza.
E poi, ci risparmi le questioni inutili, i Suoi esperti: il prof. Ammanniti,. ma si può ammannire un personaggio del genere, un brav'uomo con i primi evidenti i sintomi della senilità ?
La prego, nell'interesse di tutti, STIA A CASA, così come responsabilmente stiamo facendo tutti noi... o se ritiene vada al ristorante ma, temo, dovrà andarci da solo!

Giovedì 19 marzo 2020 10:13:32

Salve vorrei sottolineare l'importanza del contenimento che impone, a mio avviso, di chiudere gli ingressi nella nostra nazione/regioni. Non vorrei che l Europa faccia come il nord Italia che ha consentito il rientro di tanti potenziali pazienti... al sud. Il sud con gli ospedali vuoti potrebbe aiutare il nord...

Giovedì 19 marzo 2020 01:00:42

Sto seguendo la sua trasmissione sono una farmacista. Vedo con grande delusione che i farmacisti scivolano via dalle tutele sbandierate quotidianamente. Vorrei essere breve: se 1 farmacista viene contagiato la farmacia chiude. Non abbiamo mai visto mascherine con adeguati filtri di protezione. I pazienti entrano x comprare dentifrici, trucchi... e i fatturati sono aumentati nell’ultima settimana almeno del 40%. Se operassimo a porte chiuse la fila la farebbe solo chi ha veramente bisogno. Ma siccome il dio denaro comanda se si entra si vedono i prodotti e si compra di più. E chi se ne frega se i farmacisti stanno a contatto con 200 persone al giorno... da sempre il comparto farmaceutico lobby intoccabile... sono certa che il silenzio su di noi continuerà... mi smentisca.

Giovedì 19 marzo 2020 00:17:25

Buonasera signor Bruno Vespa, sto seguendo la sua trasmissione e vorrei che lei sottolineasse un problema in particolare. Io abito a Pistoia, in Toscana, ed ho una figlia infermiera che attualmente lavora all'ospedale di Pescia. Lei tutti i giorni, tornando dal lavoro, solleva questo problema: al personale sanitario vengono fornite mascherine chirurgiche, assolutamente inadeguate per proteggersi dal coronavirus; inoltre agli infermieri viene dato un unico camice che devono tenere indosso per tutto il turno e quindi è inevitabile che, se vengono a contatto con persone infette per curarle, trasmettono il virus ad altri pazienti. Vorrei quindi dire al ministro Speranza che lo stato non sta affatto proteggendo il personale sanitario che è chiamato per primo ad affrontare questa emergenza sanitaria. Considero molto grave che il personale sanitario non venga protetto per primo, dato che, dovendo curare la popolazione malata, dovrebbe essere il primo a non infettarsi. Rossella Benedetti

Giovedì 19 marzo 2020 00:13:28

Volevo chiedere un quisito come mai in questa emergenza non si prende in considerazione le dottoresse è le infermiere in stato interessante che sono soggetti molto a rischio. Ma non si prendono nessun provvedimento di sospenderli dal servizio grazie Nicola Gimigliano

Mercoledì 18 marzo 2020 23:53:22

Buonasera, sto seguendo la puntata del 18. 03. 2020 è noto che il Ministro Speranza parla dei sanitari come governo di prima linea ma cosa fa per proteggerli? Tante parole, belle parole ma di concreto cosa ha detto per tutelare la salute dei medici ? C’è bisogno di DPI come farglielo capire?

Mercoledì 18 marzo 2020 23:48:35

Carissimo Bruno puoi dire al ministro Speranza che non deve parlare deve agire, deve mandare l'esercito L'aeronautica e la marina a fare le ronde per tenere le teste di cazzo dentro casa altrimenti in Italia ci sarà u a carneficina
Basta chi viene beccato in giro senza un validissimo motivo deve essere considerato e punito come disertore
La seguo con stima
Buon lavoro

Mercoledì 18 marzo 2020 18:21:38

Gentile sig. Vespa, sono proprietario di un Affittacamere a Firenze. Le scrivo per capire come mai il comparto del turismo non viene mai aiutato o considerato dai politici di turno. Il nostro settore produce il 13 per cento del PIL. Perdiamo decine di migliaia di euro e ci spostano le scadenze dei pagamenti di poche settimane e questo e' il decreto Cura Italia. Dobbiamo diventare come Alitalia, compagnia strafallita che lo stato, quindi noi tutti, continua a finanziare per sempre. sono 40 anni che lavoro nel turismo e non ho mai visto un governante capace di fare qualcosa di buono per il nostro settore. Riusciremo ad essere aiutati visto la situazione veramente drammatica? ? Grazie per l'attenzione e cordiali saluti. Luigi Montaldi

Commenti Facebook