Messaggi e commenti per Milena Gabanelli - pagina 9

Messaggi presenti: 502

Lascia un messaggio o un commento per Milena Gabanelli utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Milena Gabanelli

Mercoledì 18 novembre 2020 16:27:08

Gentile signora Milena,
vorrei farle notare (non centra niente con il Covid-19) la totale mancanza di gestione da parte dello Stato della così detta Spid (Sistema pubblico di identità digitale) diventata quasi obbligatoria dal 15 novembre 2020, che secondo me non ha niente di pubblico visto che bisogna usare dei server privati che fra le altre cose avevano già tutti i dati in pancia. Mentre mi iscrivevo mi veniva detto di mettere gli stessi dati della tessera sanitaria (io o due nomi e ne scrivevo solo uno) e mi dava errore.
Inoltre, avendo usato poste italiane (l'unica gratuita) ho dovuto scaricare la app di poste id senza avere nessun contatto con la banca di poste
Ringraziando per l'attenzione cordiali saluti

Guglielmo Cesari

Mercoledì 18 novembre 2020 15:47:24

Gent. ma d. ssa
ricordo che in passato si è occupata dei segretari comunali, categoria alla quale appartiene, ancora per poco, mia moglie.
Poiché ritengo, finalmente, che non possa più subire vessazioni o ingiustizie,
vorrei che Lei si occupasse, ancora una volta, della categoria, evidenziando ciò che di marcio ancora c'è da sapere e per porvi, finalmente un freno.
Cordialmente

Martedì 17 novembre 2020 17:17:59

Ho visto il suo servizio in data room de LA7 sulle affermazioni fatte a sproposito dal Governatore della Liguria e che Lei ha usato come spunto per l'indagine giornalistica sulla cura di noi anziani. Era da tempo che volevo contattarLa per segnalarLe scorretteze che rasentano la truffa fatte in questo settore in particolare dalle Agenzia di collocamento e delle quali sento molta gente che si lamenta ed io, personalmente, posso darLe nomi e citarLe episodi in proposito. La truffa più comune è farsi pagare per far conoscere le possibili badanti e poi presentare persone non corrispondenti alle caratteristiche richieste o addirittura dopo aver incassato le cifre esose pretese, sparire senza presentare alcuna candidata. Il discorso sarebbe lungo perchè bisognerebbe parlare anche del fatto che quasi sempre offrono una persona che loro non hanno neanche visto e con la quale hanno fatto solo un colloquio telefonico e vengono mandate all'indirizzo del richiedente con informazioni standardizzate creando scontento e disappunto anche tra le candidate. In questo settore c'è molta disonestà ed improvvisazione che si basa molto sulla forte domanda.
Sono a disposizione per eventuali ulteriori informazioni sulle lacune di questo settore e di problematiche che io stessa, le famiglie e talvolta le badanti stesse incontrano in questi rapporti con le Agenzie. Spero possa fare qualche cosa, la saluto cordialmente.
Silvana Gonella - Via G. ------- 12 - 20900 Monza (MB) - cell. 333 ------- - tel. 039 -------

Martedì 17 novembre 2020 15:29:12

Buongiorno Dott. ssa Gabanelli,
preliminarmente la ringrazio per l'attenzione al settore alberghi-turismo che è dimenticato da tutto e da tutti!
Ho visto con piacere le Sue affermazioni relative al flop del bonus vacanze che io evidenziai già a maggio nella trasmissione Dritto&Rovescio di Del Debbio del 7 maggio 2020 e ribadite nella stessa trasmissione nuovamente il 10 settembre 2020.
Ma c'è di più! Oggi Franceschini ha creato figli e figliastri usando 2 pesi e 2 misure per aziende dello stesso settore: il turismo!
Infatti il calcolo del contributo alle Agenzie di Viaggio e Tour Operator è calcolato su un periodo temporale di 6 mesi (perdita di fatturato dal 23. 02. 2020 al 31. 07. 2020 rispetto al pari periodo del 2019) mentre per gli alberghi il calcolo del contributo è calcolato solo su 1 mese (perdita di fatturato di aprile 2020 rispetto ad aprile 2019).
Ma c'è dell'altro. A tal proposito gradirei essere contattato.
un caro saluto
Antonio Zacchera - Ceo Zacchera Hotels -

Sabato 14 novembre 2020 18:52:34

Il presente messaggio è finalizzato a portare alla Vostra attenzione un problema di grandissimo rilievo alla luce dell'attuale situazione sanitaria nazionale e mondiale. Ciò riguarda con varie criticità e problematiche annesse, il P. O. di Galatina (LE). La struttura nonostante abbia un'ampia planimetria e sia in grado di ospitare vari reparti, per la cura di tutte le altre patologie, è stata oggetto di numerosi interventi di chiusura di molteplici reparti prima, per diventare quasi totalmente ospedale COVID-19, oggi. Chiedo di non ignorare questa situazione che ad ora rischia di avere ricadute serie sulla salute di pazienti Covid e non. Speranzoso di poter piu nel dettaglio illustrarLe le problematiche a queste annesse, Le porgo cordiali saluti. Rimango in attesa di Suo riscontro sull'indirizzo mail indicatoLe per l'invio del presente. Cordialmente AGDS.

Venerdì 13 novembre 2020 15:52:03

Vorrei farle una domanda alla quale non so darmi una risposta forse lei mi può aiutare come mai le persone come Trump Berlusconi che fisicamente non stanno molto bene in termine di poco tempo guariscono dal covid è la gente comune muore con estrema facilità? Grazie e se mi risponde è vede questo messaggio le auguro un buon lavoro Continui sempre così a cercare la verità 🤔

Venerdì 13 novembre 2020 12:23:15

Buongiorno. Vista la sensibilità che ha mostrato recentemente sull' argomento, le chiedo un appuntamento telefonico (se ci riesce anche il papa...) per spiegarle una idea alternativa alle RSA e meno costosa per lo Stato.
La ringrazio.
Valeria Orlandi
338-------

Venerdì 13 novembre 2020 00:09:13

Cara Signora Gabanelli, sono un Medico di base di Roma.
A proposito del suo servizio trasmesso su la7, ho letto che alcuni miei colleghi le hanno già puntualizzato e cercato chiarirlle una parte delle inesattezze e imprecisioni.
Io invece vorrei segnalare che nel suo intervento si tende a indurre nell’ascoltatore una certa diffidenza e un clima di sospetto verso i medici di base che in realtà stanno facendo ogni sforzo possibile con impegno e abnegazione per proteggere i propri assistiti. Il ritorno economico nella nostra professione è scarsissimo, come i miei colleghi le hanno spiegato.
Mi rendo conto che il giornalismo basato sugli scoop non ha tempo né voglia di documentarsi. Mi pare di ricordare che chi fa giornalismo di inchiesta si documenta come un giudice istruttore. Diversamente si comporta chi si occupa di gossip. A che categoria ritiene di appartenere?
Non guasterebbe una sua rettifica chiarificatrice.

Cordiali saluti

Dr. ssa Maria Antonietta Lombardo

Giovedì 12 novembre 2020 21:19:44

Buongiorno dott. sa Gabbianelli
Ho letto che nel comune di Arzachena dove ho una casa vacanze il Sindaco ha lasciato a casa, per ora per un mese, ma potrebbe prorogare, i ragazzi di ogni ordine e grado con il plauso delle mamme che preferiscono rinunciare all' istruzione o lasciare che i figli imparino dai nonni, tanto c'è la Dad, tutte fanatiche della Dad.
Rassegnate e per il bene di tutti si sono convinte che non possono fare altrimenti, Io vorrei commentare che non sanno fare altrimenti, perché in questa situazione drammatica emergono chiaramente le incapacità e i fallimenti delle classi dirigenti.
Ho guardato la situazione in Europa delle scuole, giusto per dare un'idea su come hanno scelto
i paesi europei:
La scuola deve rimanere aperta

scuole aperte in Austria

In Danimarca hanno fatto notizia le classi in cappotto e sciarpa all’aperto, a fare didattica distanziata tra gli alberi, addirittura

In Portogallo si potrà uscire per attività' essenziali ed andare a scuola, tra l' altro io le scrivo dal Portogallo dove risiedo in inverno. Questo paese in teoria più povero dell' Italia è assolutamente avanti come servizi sociali ai cittadini. Qui nessuno vuole chiudere le scuole

In Francia le scuole restano aperte: lo ha promesso Macron nel discorso alla nazione di mercoledì scorso

In Finlandia scuole aperte

In Germania sarà», ha detto la cancelliera, «un duro inverno». In sintesi: scuole e asili aperti, «per l’importanza suprema che ha l’educazione» e dopo avere presentato uno studio congiunto dei ministeri di Istruzione e Sanità in cui si mostra che gli studenti non sono «super untori». Per il resto, ripeto per il resto lacrime e sangue.

In Grecia, le scuole possono rimanere aperte, ma nei livelli di istruzione superiori è obbligatoria la didattica a distanza

In Irlanda restano comunque aperte scuole e asili

In Norvegia Didattica a distanza incoraggiata per l’università e per l’istruzione per adulti

Paesi Bassi scuole aperte

Nuovo lockdown in Regno Unito: risparmiate scuole e università...
Anche Carlo Federico Perno, primario di microbiologia all’ospedale Bambino Gesù di Roma assicura in un’intervista alla Stampa: «Al momento non c’è alcuna evidenza che la scuola sia un sito primario di trasmissione del virus. In un Paese civile le scuole non si chiudono, il contagio avviene altrove
Lascio a lei le conclusioni. Possibile si sia deciso con tanta facilità che tutti i ragazzi per un mese rimarranno a casa? In una regione che al momento è gialla, quindi o ci sono complotti come dichiarano i cittadini, per i quali la regione dovrebbe essere regione rossa o si vogliono nascondere le inadeguatezze delle amministrazioni a discapito dei giovani studenti.
La ringrazio per l' attenzione.

Giovedì 12 novembre 2020 20:00:19

Richiesta di sostegno e collaborazione da parte deI genitori dei piccoli pazienti di oncoematologia pediatrica di R. C.
È stata richiesta anche la collaborazione ed il sostegno dei Garanti per l'infanzia e l'adolescenza della città metropolitana di R. C. e del Comune di R. C., del tribunale per i diritti del malato di R. C., dell'AIL nazionale e di R. C..
I genitori dei piccoli pazienti presso l'unità di oncoematologia pediatrica del presidio ospedaliero Bianchi- Melacrino di R. C., evidenziano l'attuale particolare condizione di abbandono e disagio logistico in cui versa la suddetta unità, smembrata e depotenziata nell'operativita'.
Le molteplici difficoltà incontrate quotidianamente dal personale medico, infermieristico, dai pazienti e genitori.
È stato effettuato in agosto un primo incontro da alcuni genitori con il commissario dott. ssa Fantozzi, la quale si è dimostrata disponibile ad annettere l'unità al Dipartimento Materno Infantile ed alla Pediatria.
Considerato tuttavia il progressivo depotenziamento dell'unità anche in termini di operatori sanitari, in data 20. 10. 20 abbiamo incontrato in videoconferenza i garanti per l'infanzia e l'adolescenza del comune e della città metropolitana di rc, illustrando le molteplici difficoltà incontrate dagli operatori e da noi genitori nel corso della degenza e del DH pediatrico dei nostri figli.
Nonostante l'emergenza da covid 19 I garanti si incontreranno a breve con il commissario dell'azienda ospedaliera di rc, chiedendo trasparenza in merito al futuro dell'unità di oncoematologia pediatrica
I garanti di cui sopra coinvolgeranno inoltre anche i garanti della salute e della disabilità presso il comune di rc. I Garanti, i genitori e quanti interessati chiedono di interfacciarsi con le istituzioni preposte, rappresentando le reali difficoltà vissute ed il timore che l'unità possa essere depotenziata o peggio chiusa.
Adesso dovremmo fare rete... Raccogliere la disponibilità degli attori istituzionali, opinione pubblica, classe politica locale e nazionale, delle famiglie/genitori al fine di partecipare e promuovere incontri ed accordi costruttivi e propositivi con l'azienda ospedaliera di R. C. e la regione Calabria.
Raccogliere le testimonianze e firme. reggiocalabria
Grazie
12. 11. 2020
I genitori

Commenti Facebook