Messaggi e commenti per Milena Gabanelli - pagina 11

Messaggi presenti: 502

Lascia un messaggio o un commento per Milena Gabanelli utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Milena Gabanelli

Martedì 10 novembre 2020 19:52:42

Gentile dr.. ssa Gabanelli,
mi permetto di porle alcune domande. Come mai in regione lombardia l'esecuzione di un tampone per covid può essere effettuato privatamente solo presso le Ospedali della sanità privata e non può essere effettuato privatamente presso le strutture pubbliche?
Specifico meglio: qual'è il costo di un tampone covid presso una struttura pubblica (se effettuato a carico del SSN) e perchè presso le strutture private il costo all'utente è diverse volte quello presso la struttura pubblica?.
Variante della domanda che tuttavia porta alla stessa risposta: Come mai quest'anno i medici di base e le i centri vaccinali dell'ats fanno fatica ad effettuare la vaccinazione antiinfluenzale, le farmacie sono sprovviste di vaccini (che l'anno scorso costavano 13-15€) mentre le strutture private si sono organizzate per effettuare vaccinazioni antiinfluenzali alla modica cifra di 80€?
Può essere che l'assessore alla Sanità Gallera e il Governatore Fontana, preoccupati di agire tempestivamente per preparare le strutture pubbliche a far fronte alla possibile recidiva della pandemia non si siano resi conto delle implicazioni di certe disposizioni o è meglio peccare pensando andreottianamente che ne fossero perfettamente consapevoli?
Curioso di leggere le sue risposte le porgo i miei più cordiali saluti

Martedì 10 novembre 2020 19:26:15

Gentile Sig. ra Gabanelli. In riferimento alle sue recenti considerazioni sui medici di medicina generale, la invito serenamente a trascorrere una settimana nel mio studio medico in Sardegna. Sono certa che si renderebbe conto della inesattezza di molte sue affermazioni, profondamente lesive di una categoria che tanto si sta prodigando, anche rischiando la propria vita, in questi difficili giorni. Visite a domicilio, telefonate che non restano mai prive di risposta immediata o tramite chiamata successiva, urgenze. A tutto io cerco di rispondere con generosità, e con guadagni ben lontani da quelli di cui Lei ha parlato. Non siamo solo dei burocrati. Siamo molto di più, lavorando anche 13 ore al giorno come nel mio caso. Non mi riconosco, naturalmente, nella sua sconfortante descrizione. La sua grande esperienza dovrebbe servirle ad evitare come la peste le generalizzazioni, stando da queste lontana migliaia di chilometri.
Cordialmente.
Dr. ssa Irene Pes MMG Arzachena (SS) SARDEGNA

Martedì 10 novembre 2020 17:57:29

Gentile dott. ssa Gabanelli ho sempre apprezzato il suo modo di approcciare gli argomenti trattati, andando al cuore dei problemi e verificando le sue fonti. Ho appena finito di ascoltare il suo dataroom ed intervento su La7 relativo al ruolo dei Medici di Famiglia in questa pandemia. Premesso che in ogni categoria professionale c’è chi lavora con coscienza e chi meno ma credo che in questo periodo la maggior parte dei miei colleghi stia dando il massimo. Io ho la convenzione dal 2011 e sono quasti massimalista ma i miei guadagni sono ben lontani da quei 104000 € l’anno da Lei citati, anche se non mi sono mai lamentata dei miei compensi e delle mie spese da sostenere mensilmente, c’è sicuramente chi guadagna meno di me. Non ho mai lavorato solo 3 ore al giorno, rispondo al telefono il sabato, la domenica ed i festivi da sempre e cerco di richiamare tutti i pazienti a cui non ho potuto rispondere. Dal mese di marzo 2020 il nostro modo di lavorare è radicalmente cambiato e dal mese di settembre siamo in un vortice da cui non si riesce ad uscire. I miei telefoni squillano in continuazione, le richieste tramite e-mail si moltiplicano, l’agenda per gli appuntamenti va organizzata rispettando i tempi e i modi per visitare i pazienti in sicurezza. Dal 5 novembre, con ordinanza regionale della Regione Lazio tocca a noi individuare, segnalare, tracciare i contatti, aprire e chiudere le quarantene dei casi covid. Questa è solo la parte burocratica di cui farei volentieri a meno per dedicarmi alla clinica dei pazienti ma, visto che il SISP è al collasso, non posso fare altrimenti. La parte clinica inizia con il contatto quotidiano dei miei 50 pazienti covid (anche in video chiamata) di cui valuto temperatura, saturazione e sintomi modulando la terapia al bisogno, terapia che fra sei mesi (alla chiusura dei bilanci) mi verrà sicuramente contestata dai miei dirigenti perché secondo le indicazioni degli specialisti non avrei dovuto somministrare a domicilio. Ad oggi ho dovuto ospedalizzare 1 solo di questi pazienti, sarò stata brava o fortunata? Sinceramente non lo so perché sul territorio, faccio parte della ASL Roma 5, le USCAR non sono mai partite. Proprio le USCAR con medici specialisti e un infermiere sarebbero state fondamentali per poter gestire degnamente un paziente a domicilio, potendo almeno eseguire qualche esame diagnostico ed ematochimico. Non mi dilungo oltre descrivendo il resto dell’attività ordinaria dello studio, comprese 430 vaccinazioni a cui ho dedicato i miei “ sabato” in questo mese. Sono tra quelli che si sono resi disponibili ad eseguire i tamponi in sicurezza fuori dal proprio studio, in locali adatti, separati dalle zone cosiddette “ pulite “, con smaltimento corretto dei materiali infetti altrimenti creeremo solo nuovi focolai. La invito volentieri a trascorrere una giornata tipo, attualmente ha inizio alle 7: 30 e fine alle 23: 30 (forse), ammiro i miei colleghi ospedalieri che stanno scoppiando anche fisicamente ma temo per la nostra tenuta mentale.

Martedì 10 novembre 2020 17:35:48

Buonasera Dott. ssa Gabanelli, mi sono chiesto spesso ma tutti i politici e le persone “eccellenti” condannate per aver commesso un reato anche solo in primo grado o addirittura in tutti i tre gradi di giudizio che fine fanno? Mi risulta che nessuno finisce in galera in quanto i reati per lo più si prescrivono nel corso degli anni ed anzi spesso queste persone ottengono un avanzamento di carriera. Sarebbe bello come argomento da portare un lunedì da Mentana. Il commettere reati come modo per fare carriera in politica come nella vita. Buon lavoro. Cordiali saluti. Marco Marullo

Buonasera Dott. ssa Gabanelli, so che conduce le inchieste delle volte insieme alla Dott. ssa Simona Ravizza che 5 anni fa si è occupata dello scandalo delle cartelle alterate all’Istituto Stomatologico Italiano. Tentata truffa “miracolosamente” archiviata anche se il milione frutto della truffa è sempre stato messo a bilancio dall’Isi che nel 2019 ha perso oltre un milione di euro. Adesso purtroppo l’Istituto dopo l’approvazione di un piano di crisi che ha dimezzato lo stipendio dei medici rischia di finire in liquidazione coatta amministrativa Stiamo parlando del più grande ospedale dentistico d’Europa. Buon lavoro. Cordiali saluti. Marco Marullo

Martedì 10 novembre 2020 16:19:58

Buongiorno,
Vorrei, per iniziare manifestarle la mia stima e ringraziarla per il lavoro che svolge così seriamente.
Le espongo un problema personale che, a questo punto, credo sia diventato di molti.
Mi chiamo Marinella Drudi, ho avuto per 19 anni, con la mia socia e compagna una vineria ad Alessandria. Abbiamo chiuso il 29 febbraio 2020 sia per problemi di salute che per paura COVID. Confidavamo di avere accesso all’indennità riservata a chi, come noi avesse più di 57 anni ed almeno 5 anni di iscrizione all’INPS commercianti. Per accedere si aveva l’obbligo di restituire in comune la licenza. e la cancellazione dal registro delle Imprese. La misura è diventata strutturale con la legge di stabilità del 2019. A marzo 2020 abbiamo presentato la domanda e a giugno ci è arrivata la risposta dell’INPS. ci confermano che abbiamo tutti i requisiti e che quindi abbiamo diritto all’indennizzo... peccato che i fondi fossero esauriti. A tutt’oggi il fondo non è stato rifinanziato e noi ci troviamo in questo limbo. Non abbiamo più la licenza, che è stata resa al comune per poter fare la domanda. Non possiamo lavorare altrimenti perdiamo il diritto all’indennizzo.. Non abbiamo diritto alla disoccupazione in quanto ex commercianti. Ci mancano ancora un po’ di anni per la miserissima pensione. e quindi siamo senza reddito e nessuno è in grado di dirci qualcosa. Come detto all’inizio suppongo che ad oggi siano parecchie le persone nella nostra situazione Cosa ne pensa?
Saluti
Marinella Drudi

Martedì 10 novembre 2020 12:48:29

Buongiorno Milena Gabanelli sono un medico di base che da anni svolge con dedizione il suo lavoro.
non ho mai dedicato solo 3 ore al mio ambulatorio ne mi sono mai rifiutata di visitare i mie pazienti e di sostenerli prima e durante il covid.
ho dato la mia piena disponibilita' anche sabato e domenica per poter sostenere non solo dal punto di vista medico ma anche morale le persone
Vorrei invece informarla anche di come ATS ci tratti
non intendo dal punto di vista economico del tutto discutibile ma per me poco importante
ma anche di DPI, protocolli di cura certi che possano rendere i farmaci che noi usiamo del tutto utilizzabili da parte nostra inesistenti, e grande confusione sulle disposizioni da adottare in generale.
Per quello scritto, sentire cosa lei pensa mi ha profondamente addolorato, credo di non meritarmelo
la saluto caramente
luigia casali

Martedì 10 novembre 2020 12:12:51

Buongiorno. Sono un medico di base ed anche un suo affezionato ascoltatore. Ieri sera ho sentito, come faccio tutti i lunedi, il suo servizio sulla 7 e devo dire che sono rimasto male per le inesattezze dette che le elenco, se vorra' verificare.
1) Giustamente lei ha detto che il nostro stipendio da liberi professionisti e' di 104. 000 euro annui. Detta cosi' si appare dei ricchi professionisti. Lei sa che da questa cifra va dedotto irpef del 40% circa, ma sopratutto le spese, ovvero affitti ambulatori, pulizie, materiale per ambulatorio etc.. e soprattutto noi non abbiamo ferie e malattia, per cui si puo' dire che 2 mesi per questo ci mancano. Direi, se va bene, un massimalista prende netto da 3. 000 a 3. 300 euro al mese, ma penso meno. Cifra dignitosa, ma non da ricchi professionisti.
2) Lei ha detto che riceviamo compenso per le telefonate, magari, io fra telefonate, sms e whatsapp ho dai 70 ai 100 contatti giornalieri, per me anche sabato e domenica, tutto dovuto, con il piacere di risolvere un problema o semplicemente di dare conforto. Ma nessun compenso. Qui rispondiamo fissi al telefono e facciamo visite domiciliari.
3) Argomento Covid: : i test rapidi ci hanno detto che li faremo noi obbligatoriamente. Farei ogni cosa per risolvere questa maledetta pandemia, ma mi rimane difficile accettare cose che hanno il solo scopo di alzare polvere. Mi spiego meglio: secondo lei un medico a 65 anni deve fare i tamponi, oppure si doveva assumere giovani paramedici qualche mese fa per questo visto che il governo proclama lo stato di emergenza. Lo sa che da noi il primo mese ci siamo inventati i DPI e da maggio ad ora per 4 mesi non ci e' stato fornito piu' nulla. Il fare i tamponi comporta una procedura di sicurezza per chi li fa e poi sopratutto per i contatto successivi. Non si possono fare in ambulatorio, non possiamo poi utilizzare le nostre auto... e la sanificazione. Non le dico ovviamente dei tempi che ci vogliono in piu' a tutto quello che gia' facciamo, perche' io personalmente farei qualsiasi cosa per risolvere il problema. MA QUESTO E SEMPLICEMENTE AGGIRARE IL PROBLEMA DA PARTE DEL GOVERNO PER GIUSTIFICARE LE LORO ENORMI E COLPEVOLI MANCANZE.
4) Se ha pazienza le dico anche che a suffragare la teoria di sopra sono i tracciamenti che qui in Toscana non fa piu' nessuno. Nessun personale in piu'. Ora la soluzione pare di farli fare ai medici di Continuita' Assistenziale. Le pare normale ? Qualsiasi figura puo' far questo, basta un ragazzino delle medie. Ma non hanno preso nessuno. Ora si vuol trovare alibi e si fa fare cose a personale che ha altro da fare, solo per giustificare le inefficenze assolute.
Scusi lo sfogo, ma non ne possiamo piu' di avere a che fare con questa gente. I medici di famiglia hanno pagato vite piu' di tutti per questa pandemia e devono essere rispettati. Lei e' persona che ama la verita'. Per cortesia verifichi cio' che le ho detto.
Anche oggi una paziente mi chiama da isolamento domiciliare obbligatorio per contatto, io avevo gia' avvertito lei, la figlia che e' postiva (non spettava a me, la mia e' solo la telefonata del medico amico), ma candidamente mi dice che fa un po di isolamento ed un po no perche' non ha ricevuto il documento ufficiale dall'ASL, io chiamo asl, ma non rispondono. Questa dottoressa e' la situazione. Siamo in guerra,

Cordialmente, un suo ascoltatore

Dott. Enrico Maurizio Pandolfi

Martedì 10 novembre 2020 11:48:42

Sono medico di medicina generale da 30anni. Sono allibito dal vostro servizio sui medici di famiglia. Con una superficialità disarmante avete gettato fango su chi ha rischiato la vita senza Dpi adeguati. La categoria che ha avuto più morti in assoluto.
Considero le vostre affermazioni menzognere. Meriterebbero una analisi corretta della verità in sede legale e so che alcuni ordini si stanno muovendo.
La stima che avevo per il suo operato è tutta persa. Spero vi rendiate conto del danno che avete arrecato alla società lei e la sua pseudocollega...

Martedì 10 novembre 2020 05:36:50

Buongiorno
Ho ascoltato, come faccio sempre, il Dataroom di ieri sera sulla medicina del territorio

Complimenti per la sua chiarezza

Vorrei dire che mi spiace se il suo medico curante non risponde al telefono o ai suoi messaggi (e se ci sono medici di famiglia che si comportano così)
Sono un medico di famiglia
La mia giornata inizia alle 6 del mattino
Primo appuntamento dalle 7 (e si continua fino a mezzogiorno se va bene)
Poi una pausa mangiando qualcosa davanti al PC e sistemando cartelle leggendo una delle ormai quotidiane informative che arrivano dalla ASL o regione o DPCM.

Tra le 20 e le 30 telefonate e messaggi whatsapp con punte di 60-70 il lunedì
Rientro nel pomeriggio e spesso sono in studio anche sabato e domenica
Tutto questo da marzo

Come tratto i malati di Covid a domicilio:
Cercando di seguire le disposizioni della ASL e se necessario indosso i DPI e vado al domicilio del paziente

Non nascondo che in caso di sospetto COVID e se il paziente ha delle patologie preesistenti inizio subito Eparina Cortisone Antibiotico (anche se un noto infettivologo dello Spallanzani in una lettera ai medici di base sostiene che tali presidi terapeutici sarebbero riservati agli ospedali).

Sicuramente dimentico qualcosa ma ci tenevo a descrivere la mia (e credo di tanti colleghi) realtà lavorativa

Ancora grazie per il contributo di trasparenza e competenza che lei trasmette

Franco Cipriani

Lunedì 9 novembre 2020 21:03:27

Ho sentito oggi il servizio sui MMG ed assistenza territoriale Covid. L ho trovato molto interessante. Il modo E la prospettiva nell’affrontare la problematica del trattamento territoriale di questi pazienti poteva essere pensato in altri termini. Sviluppare un sistema territoriale di specialisti in malattie infettive, lasciando il trattamento dei pazienti covid free ai MMG.

Commenti Facebook