Messaggi e commenti per Piergiorgio Odifreddi

Messaggi presenti: 2

Lascia un messaggio o un commento per Piergiorgio Odifreddi utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Martedì 10 settembre 2019 17:19:06

Premetto:
-che non sono un matematico e che quindi scriverò poco correttamente il mio pensiero.
-che mi scuso se la mia domanda è troppo semplice, ma sul solito Google non ho trovato risposta.

Credo di sapere che il bit sia l'unità di misura dell'informazione: più o meno 1bit per passare da 0 a 1, oppure che per descrivere un punto forse basta 1 bit; una retta forse richiede parecchi bit; un solido molti di più.
Mi domando, anche utilizzando tutte le potenze possibili per stimare la quantità di bit occorrenti:
-è possibile pensare ad una valutazione di quanti bit occorrono per passare dalla dall'energia pura al plasma, poi alla materia fusa, poi alla materia solida amorfa, poi a quella molto più ricca di contenuti informativi di un cristallo, stimando per unità di misura?

Teoricamente sono gli stessi bit (solo moltiplicati per immense quantità) che occorsero al momento del grande big-bang che sprizzò nel nulla energia (magari anche spazio-tempo), che si trasformò poi in soli, galassie, materia, cristalli, ecc. ecc.
Salendo in un grafico difficile da tracciare, si dovrebbe notare l'accelerazione incredibile di aumento di informazione, verificatasi dalla comparsa dei viventi e dell'uomo (lo immagino quasi verticale) a significare che a maggiore quantità di informazione corrisponda un aumento e anche una accelerazione della quantità di informazione, come un'esplosione nucleare.
La mia sensazione è che la risposta non sia complessa, nonostante l'infinita quantità di oggetti che la costituiscono.
Ringrazio anticipatamente per una risposta, anche negativa, mentre cordialmente saluto

Martedì 22 maggio 2018 11:41:57

Ho 71 anni e La seguo sempre con interesse; ora sto riascoltando le Sue Interessantissime lezioni di "Logica matematica".
Ho fatto una riflessione sul paradosso di Achille e la tartaruga.
Senza scomodare i metalinguaggi, la definirei una soluzione sbagliata di un problema.
Se Achille sommasse 0,000... 0001" cm. al percorso da compiere ogni volta per raggiungere la tartaruga, non crede che prima o poi la raggiungerebbe?
Potrei sbagliarmi, ma quando il vantaggio della tartaruga sarà < 0,000... 0001 cm verrà raggiunta. Non crede?
Sono fuori strada?
La saluto e mi scuso per il disturbo.
Beppe Corbari da Cremona

Commenti Facebook