Messaggi e commenti per Alberto Angela - pagina 4

Messaggi presenti: 494

Lascia un messaggio o un commento per Alberto Angela utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Mercoledì 29 aprile 2020 11:31:48

Gent. mo Alberto Angela, mi chiamo Nella sono una nonna di 76 anni e ti scrivo da Venezia. Il prossimo 16 giugno sarà il compleanno del mio splendido nipotino Francesco che compirà 10 anni. Francesco è un bambino con una grandissima passione per la storia, fin da piccolo sapeva tutto sui dinosauri, ed ora, oltre a quelli ama anche tutte le civiltà antiche, soprattutto quella egizia. Ama visitare musei, monumenti ed opere d’arte. Da grande vorrebbe fare il paleontologo/archeologo, il suo più grande idolo sei tu e non perde mai una tua trasmissione. Anzi quando sei stato qui a Venezia, era emozionato solo al pensiero che tu potessi esser nella sua stessa città per qualche giorno, avrebbe voluto tanto conoscerti. Ora se non chiedo molto e se fosse possibile potresti fargli avere un piccolo videomessaggio, una lettera o una mail con autografo? Lo so, sicuramente sto chiedendo molto, ma so che soprattutto in questo periodo di difficoltà sarebbe il regalo più bello che potesse ricevere, perché la grande stima e ammirazione che prova nei tuoi confronti lo aiuterebbe a combattere per realizzare il suo più grande sogno e coltivare la sua grande passione per la storia. Ti ringrazio per l’attenzione accordatami e comunque sia l’esito di questa mia lettera saremo sempre dei tuoi grandissimi ammiratori. Grazie
Nonna Nella

Mercoledì 29 aprile 2020 08:22:20

Faccio parte del Direttivo del Cagliari Festival scienze.
Avrei bisogno di contattare Alberto Angela per motivi organizzativi riguardanti il Festival.
Come posso fare a mandargli una mail? Grazie

Domenica 26 aprile 2020 14:31:14

Guardando il dipinto della Gioconda, dietro a sinistra, si vede nelle rocce il volto disteso di Leonardo. Se si gira il dipinto di 90 gradi verso sinistra si vede meglio. La cavità della roccia forma l'occhio, le rocce sinuose formano la folta barba, si distingue il naso e la bocca. È il volto di Leonardo morto. Questo spiega molte cose. E il perché la tenuta sempre con lui fino alla fine dei suoi giorni. È il testamento per noi prima e dopo la sua morte. Il mistero della sua vita e della sua morte nel sorriso di Monna Lisa. Una uscita di scena degna del grande Genio Universale.
Massimo Grandicelli.

Domenica 26 aprile 2020 14:13:30

Caro Alberto seguo moltissimo i tuoi programmi sui tesori dell'arte Italiana, il mio consiglio se posso, per invitare gli italiani a trascorrere le vacanze in italia, è di farci vedere luoghi, e percorsi, basati sulla natura e sull'arte che possiamo andare a vedere, sintetizzando più luoghi nella stessa serata, naturalmente in più serate. Ti ringrazio dell'attenzione nel leggere questo messaggio, saluti da Antonella

Sabato 25 aprile 2020 19:57:36

Salve Dott Angela le scrivi per chiederle, se le fosse possibile, di inviare il 29 Aprile un messaggio di auguri e di incoraggiamento a mia figlia Adriana che compie 20Anni ed e’ una sua fortissima ammiratrice. Deve affrontare degli esami universitari, giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Non oso chiederle un Video ma magari sul suo indirizzo di posta (-------) ringraziandola a prescindere e complimentandomi comunque per quello che fa e per come ci onora essendo cittadino onorario di Napoli, La saluto con altrettanta ammirazione. Gerardo De Martino

Venerdì 24 aprile 2020 17:19:41

Caro Alberto, parlo perché mosso da stima profonda per la tua eccellente professionalità, da intensa simpatia umana e- per la tua.. cittadinanza napoletana -, da grande senso di complicità partenopea rispetto alla tua incomparabile abilità di comunicatore! (Per inciso, mia figlia Francesca, l'avvocato, ti adora, letteralmente!) Purtroppo, però, la mia deformazione professionale (ho insegnato Italiano e latino per circa 40 anni. .) mi induce a correggerti per un errore di accentazione che hai commesso ben due volte nel corso di due tue splendide trasmissioni. Si tratta dell'aggettivo salubre e del suo contrario insalubre: entrambi derivanti dal latino saluber, salubris, salubre. (con la seconda sillaba lunga), la cui pronunzia richiede l'accento sulla u e non sulla a ! Quindi, salùbre e insalùbre. Lettura piana, insomma, e non sdrucciola. Certo di aggiungere un tocco di precisione. alla tua già controllata prosa, ti saluto cordialmente.
Osvaldo Ammendola.

Venerdì 24 aprile 2020 13:12:43

Buongiorno, sono un appassionato di storia romana. Vorrei sapere se è previsto o già esistono CD con i suoi documentari riguardanti la storia romana in lingua inglese. Vorrei farne dono ad amici americani.
Grazie.
Italo Sabatini

Venerdì 24 aprile 2020 08:40:54

Un altro modo di fare
Egregio dott. Alberto Angela, ho visto il documentario “Pavarotti”; mi ha colpito, fra l’altro, una frase della signora Adua Veroni, ex moglie del Maestro, “... rispondeva a tutti”; ho pensato a voi.
Ho riportato su questa pagina due miei commenti sul vostro documentario “Stanotte a Firenze”, precisamente “Anamorfismo” (10 Aprile 2020) e “Chi vuoi che se ne accorga? ” (18 Aprile 2020), a tutt’oggi non ho ricevuto alcuna risposta.
Buona giornata,
Leonardo D’Amicis

Giovedì 23 aprile 2020 19:38:26

Salve Professore Angela, le scrivo perchè vorremmo organizzare una presentazione di un suo libro. Come è possibile contattarla? Grazie

Giovedì 23 aprile 2020 12:21:11

Carissimo Alberto,
sono Alessandra Tommasino del Comitato Don Peppe Diana, un’ associazione di promozione sociale con sede in Casal di Principe, nella terra che purtroppo ha dato il nome a uno dei clan camorristici più efferati del Paese.

Ti scrivo dandoti del ‘tu’, pur non conoscendoci, sperando che non ti dispiaccia. Entrando nelle nostre case attraverso il racconto della bellezza dimenticata, ti sentiamo come un amico e parlo a nome e mio e delle centinaia di soci della nostra realtà, che comprende al suo interno circa quaranta cooperative che da anni promuovono progetti di economia sociale sui beni confiscati alla camorra. Dall’iniziativa “Facciamo un pacco alla camorra” della Nco (Nuova cucina organizzata) all’inclusione lavorativa dei soggetti svantaggiati, dal recupero della memoria delle vittime innocenti di camorra al Festival dell’impegno civile che si svolge esclusivamente nei beni confiscati alle mafie, negli anni più duri del predominio criminale abbiamo agito per sottrarci al brutto e al grigio.

Ti scrivo per comunicarti che è stato conferito a te e a tuo padre, Piero, per la grande opera di divulgazione della bellezza, per noi vero antidoto contro le mafie, il "Premio nazionale Don Diana - Per amore del mio popolo".

Il premio, istituito dal Comitato Don Diana, dall'associazione nazionale Libera e dalla famiglia di Don Peppe Diana, è assegnato a personalità che hanno saputo meglio incarnare, nel campo artistico, sociale, religioso, politico, economico, delle professioni, il messaggio di Don Diana contribuendo alla denuncia e alla costruzione di comunità libere e solidali. Fra i premiati delle precedenti edizioni: Carlo Petrini di Slow Food, Toni Servillo, il procuratore nazionale antimafia Cafiero De Raho, il presidente di Emergency Gino Strada, il musicista Enzo Avitabile, il medico Pietro Bartolo.

La consegna del premio avviene ogni anno il 4 luglio, nell’ambito del don Diana Day. Sede della consegna è Casa Don Diana, un bene confiscato alla camorra nel territorio di Casal di Principe, che oggi accoglie il museo diffuso della resistenza civile alla camorra e una bibliomediateca.

Sarebbe un immenso onore, per il popolo di Don Diana, consegnare a te e a tuo padre il premio intitolato alla memoria di un uomo che, sebbene ucciso dalla barbarie criminale, continua a vivere tracciando il solco della speranza. Non ho contatti telefonici per poterti parlare e spiegare ogni aspetto, ma spero che legga questo messaggio.
Siamo tutti ben consapevoli dei mille impegni, lo sono anche Emilio e Marisa, fratelli don Peppe, ma ci auguriamo davvero che si possa trovare un modo per poter consegnare il premio.
Grazie infinite per ciò che tu e tuo padre ci avete dato e continuate a darci. Grazie di cuore per ciò che potrete.
Alessandra Tommasino
347 -------

Commenti Facebook