Messaggi e commenti per Carlo Calenda - pagina 3

Messaggi presenti: 214

Lascia un messaggio o un commento per Carlo Calenda utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Carlo Calenda

Domenica 23 maggio 2021 12:12:35

Caro Carlo,
Votero' per te! Ma devi promettere che la Sede Operativa AMA in via Mameli 9 sia RIMOSSA AL PIU' PRESTO.
Sono anni che in pieno centro storico viviamo giorno e. notte 24/7/365 tra furgoni fragorosi pieni monnezza. Gli operatori operano come se fossero in aperta campagna o nella giungla. ZERO RISPETTO per i residenti.
Municipio PD e Comune hanno SEMPRE ignorato i nostri appelli, petizioni condominiali e costose azioni legali (v. Diffida).
Siamo alla disperazione ora che potremmo aprire le nostre finestre a tripli vetri!!!
HELP HELP AIUTO AIUTO

Lunedì 17 maggio 2021 19:39:27

[Legge dopo di Noi Applicazione nei municipi di Roma]

Egregio Sig. Calenda,
Sono il genitore di una persona disabile con legge 104 art 3 comma 3 che attualmente vive in una casa-famiglia sostenuta privatamente e gestita dalla Fondazione Italiana Verso il Futuro Onlus. Vorrei avere il piacere d'incontrarLa unitamente alla responsabile delle Disabilità per illustrarLe brevemente come i Municipi di Roma
si rifiutano di applicare fin dal 2016 quanto stabilito dalla legge 112. A tutt'oggi nonostante siano stati stanziati ed erogati fondi sia da parte dello Stato che delle Regioni i Municipi che dovrebbero erogare in base al Budget di salute non fanno altro che trovare scuse su scuse per non agire.
Le sarei grato se possse concedermi un appuntamento.
Resto in attesa di un suo contatto e di seguito i miei recapiti:

Paolo tagliaferro
mai: -------
cell: 339-------

Grazie per l'attenzione
Distinti saluti
Paolo Tagliaferro

Lunedì 17 maggio 2021 14:22:24

[Abbattimento archi porta maggiore]

Gent. mo On. Calenda,
vorrei sottoporle la proposta di abbattere, o quantomeno trovare una soluzione architettonica che risolva il problema, gli archi di porta maggiore. Sono assolutamente inutili da un punto di vista storico e architettonico mentre determinano un grave problema di traffico e inquinamento.
Cordialità

Venerdì 14 maggio 2021 12:43:57

Vaccinazione ai fragili


[Vaccinazione ai fragili]

Gent. mo On Calenda

Mi chiamo Simona S. e Le scrivo per rappresentare la mia situazione, anche conoscendo la sua particolare sensibilità per le tematiche legate alla immunodepressione.

Ho 50 anni compiuti da poco e sono affetta, purtroppo, da Artrite Reumatoide, malattia autoimmune, ed altre comorbilità connesse. Sono seguita da un centro specialistico di Roma
Sono una docente di lettere di scuola secondaria di secondo grado, al momento non in servizio in quanto “lavoratore fragile” poiché immunodepressa ed impossibilitata a lavorare a causa della emergenza sanitaria legata al COVID 19.
Vivo in casa con due genitori a loro volta fragili, uno è affetto da morbo di Parkinson e l’altro da Malattia di Alzheimer: non sono stati vaccinati in quanto il rischio per la loro vita sarebbe molto alto.
Purtroppo ho constatato negli ultimi mesi sulla mia pelle come la gestione dei cosi detti fragili sia stata fatta spesso con una approssimazione, confusione e dilettantismo che hanno dell’incredibile.
Quando, alcuni mesi fa, sono stati vaccinati i docenti, per me non è stato possibile farlo in quanto il codice per la mia patologia non era stato inserito.
In seguito la regione Lazio ha affidato ai centri sanitari, tra i quali quello che mi segue, l’incarico i gestire ed effettuare le vaccinazioni per i loro pazienti. Varie settimane sono così passate senza alcuna chiamata. Poi la regione Lazio ha cambiato idea e da un giorno all’altro i Centri sono stai privati dei loro compiti vaccinali.
Mentre tutto questo succedeva e ascoltavo i quotidiani e solenni impegni delle autorità regionali e nazionali alla “assoluta priorità da attribuire ai fragili” era in corso nella mia regione, il Lazio, la libera corsa al vaccino: ognuno poteva scegliere il vaccino preferito. Moltissimi dei vaccini che dovevano essere usati prioritariamente per i fragili hanno così preso altre strade verso persone, buon per loro, sane.
Ho così capito, amaramente, che i “fragili” come me non avevano nessuna precedenza per patologia ma avrebbero dovuto mettersi in lista e competizione con tutti gli altri.
Quando alcuni giorni fa ho appreso che si stava aprendo la possibilità di tentare una prenotazione per la mia classe di età ho dovuto constare ancora una volta che la promessa “priorità ai fragili” era solo uno stanco slogan. E’ successo che, nonostante mi sia precipitata all’ora 00 per avere l’agognato vaccino, sono riuscita ad acciuffare, per fortuna, una prenotazione che mi porta ad avere la seconda dose il 21 di giugno. Ripeto il 21 di giugno!!!
Ma non era finita qui. Forse per mettere una bandierina in più di altre regioni, nella competizione di chi fa più inoculazioni, un assessore regionale ha colto al balzo la raccomandazione di un generale e mi ha spostato ulteriormente il vaccino a luglio. Che il produttore del vaccino chiedesse di evitare allungamenti non è stato considerato.
E qui ho capito che il numero dei fragili protetti non era più, agli occhi delle autorità, un criterio discriminante e di cui essere fieri ma era considerato ben più importante il numero totale dei vaccinati.
Beh, francamente c’è qualcosa che non funziona! !
Chi doveva essere vaccinato tra i primi, lo sarà tra gli ultimi.
Con sfiducia ed inevitabile rabbia non mi resta che chiedere che la mia seconda dose di vaccino mi venga somministrata nella data che mi è stata indicata sul primo foglio di prenotazione, a tutela anche dei miei genitori, e che questo possa avvenire per tutti coloro che si trovano nella mia stessa situazione. E sono in tanti.
Almeno questo! ! Mi sembrerebbe il minimo, dopo mesi e mesi di retorica pro fragili! !

Grazie per la sua attenzione

Roma, 14 maggio 2021 Simona S.

Martedì 11 maggio 2021 15:34:12

Buongiorno, mi presento il più brevemente possibile: il mio nome è Maurizio Ceresa (già scritto più sopra, unitamente alla mail) ; sono nato a Roccastrada (Grosseto) il 30/6/1948 (sono quindi un po' "datato", anche se gli amici - bontà loro - mi dipingono come molto giovanile...). Ho sempre vissuto a Roma, la mia abitazione si trova in via Giuseppe Andreoli n. 2 (piazza Mazzini), scala A, int. 3. Sono divorziato da molto tempo; non ho figli; ho svolto il servizio militare come sottotenente del Servizio Motorizzazione; sono avvocato; ho superato l'esame di Stato a 26 anni; ho svolto solo saltuariamente la libera professione; la maggior parte della mia vita lavorativa si è dipanata presso l'Amministrazione del Comune di Roma (ora Roma Capitale), percorrendo i vari livelli della carriera direttiva amministrativa (funzionario coordinatore, dirigente, primo dirigente, dirigente superiore reggente, dirigente superiore apicale) ; sono andato in pensione alcuni anni fa come dirigente superiore apicale del XIII Municipio - Aurelio. Mi piace molto leggere e fare (ancora) sport (tennis, corsa, nuoto...). Vi invio questa comunicazione in quanto, in un panorama politico non particolarmente brillante, per non dire, talvolta, sconcertante, l'unica persona che, negli ultimi tempi, per le cose che dice, per la coerenza con cui le dice, e anche per l'indubbio sforzo profuso per rendere proficua ed efficace la sua recdnte attività di governo, ha riscosso e riscuote la mia fiducia, è l'On. le (termine un po' anacronistico ma dovuto) Carlo Calenda. Mi convince fortemente (tra l'altro) il suo insistere sulla "gestione" della Cosa Pubblica, la quale, se attuata con l'intelligenza, la preparazione e la dedizione che i singoli casi e le singole vicende richiedono, è in grado di produrre più benefici, per la collettività, di una nutrita congerie di attività legislative, che spesso scopriamo di ardua decifrazione, sicuramente troppo piene di rinvii, quando non, addirittura, contraddittorie... Ciò premesso, mi piacerebbe dare un mio contributo, nei modi, nelle forme e nei tempi che dovessero eventualmente risultare utili e graditi, al progetto dell'On. le Calenda, con l'augurio che, nel mio piccolo, formulo a lui - e anche a me come cittadino beneficiario - di diventare Sindaco della città di Roma. Sono fermamente convinto che ne abbiamo tutti molto bisogno.
Nel caso Vogliate contattarmi per un appuntamento o altro, aggiungo i miei numeri telefonici, che sono i seguenti: cell. 329-------; fisso 06/-------
Con cordialità,

Maurizio Ceresa

Lunedì 10 maggio 2021 13:16:12

[Rifiuti]

Salve dott. Calenda, se dovesse interessarle io ho un nuovo modo d'approccio riguardo ai rifiuti. Io ho svolto il mio lavoro sui rifiuti per circa 35/40 anni. Un piccolo esempio: io non condivido assolutamente la raccolta differenziata. Il mio sistema prevede un forte risparmio di mezzi e manodopera. Se volesse, mi contatti. Saluti Carlo Di Clemente

Domenica 9 maggio 2021 13:09:27

[Collaborazione]

Sono un ingegnere. Credo che lei sia una persona seria e io serio quanto lei vorrei poter collaborare nella sua squadra. Vorrei inviarle il mio curriculum ma non ho altro canali se non questo testo di messaggio breve con il quale in ogni caso le auguro davvero di vincere. Se mi da la sua mail le invio il mio resume e magari riterrà opportuno coinvolgermi. La ringrazio per l'attenzione. Lucio de carlo

Domenica 2 maggio 2021 09:56:02

Caro Carlo, sono un medico epistemolo di 78 anni e " ti conosco " so quanto è difficile vivere con la coerenza fra il dire e il fare ! Vorrei cercare di comunicare con te il modo per continuare a sgretolare il muro invisibile e tenacissimo che, oggi più che mai occorre fare. Se non ci impegniamo in questo sarà ancora troppo lento il cambiamento delle nostre relazioni... e persone come te continueranno ad essere " marginali" ! Un caro saluto Girolamo... se vorrai contattarmi il mio cell è 347-------

Domenica 2 maggio 2021 08:24:06

Io vorrei votarla ma non so il suo programma, vorrei chiederle cosa fa subito x la mobilita, x la nettezza urbana, allora faccia un confronto a colli aniene dove ci spiega tutto poi se mi convince la voto grazie

Sabato 1 maggio 2021 21:41:22

[Il coraggio vero]

Sig. Calenda, dopo averla ascoltato anche questa sera, 1maggio, su tv rete 4, Le voglio dire che, x me, lei ha un coraggio notevole nelle discussioni tra vari interlocutori. Il coraggio vero, e' perche' Lei dentro e' una brava persona, onesta e generosa, molto capace e intelligente. io dai tempi del gov. Monti, sono sempre stato d accordo con Lei, x l intrapendenza che ci mette x portare avanti che chi fara l amm. pubblico, o avra respons. dovra avere queste qualita +un modo pragmatico, non sempre conflittuale. Coraggio, dott. Calenda, io penso che queste qualita', a volte poco valorizzate x invidia, malizia, nel tempo vinceranno. io sono con Lei

Commenti Facebook