Messaggi e commenti per Carlo Calenda - pagina 4

Messaggi presenti: 159

Lascia un messaggio o un commento per Carlo Calenda utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Giovedì 19 novembre 2020 12:42:31

Vorrei dare il mio contributo per il Piano dei rifiuti a Roma
PROF. DOTT. CARLO MERLI
333-------

Mercoledì 18 novembre 2020 19:57:01

Alla C. A. dell'Onorevole Calenda
Buongiorno. Mi permetto di rubarle 5 minuti del Suo prezioso lavoro-politico. Mi presento, mi chiamo Rino Scafidi classe 1962. Messinese, ma residente a Barcellona P. G. (ME), ho alle spalle un percorso umano e formativo all'insegna della famiglia e dei forti rapporti sociali. In politica inizio a muovere i primi passi all'interno della Democrazia cristiana stando vicino all' On. Leanza Vincenzo, piu' volte Ass. Regionale nonché Presidente della Regione Sicilia. Nel Settembre dell'85, per cinque anni consecutivi, vengo chiamato a far parte della segreteria politica dell'On. le con delega all'organizzazione. Piu' volte Consigliere e Assessore Comunale. Laureato in Ingegneria Civile, ho consolidato una ventennale esperienza professionale. Impegnato nel sociale e in politica, ho un gruppo politico che alle ultime elezioni Comunali, che si sono tenute nella citta' di Barcellona P. G. (ME) due mesi fa (4Ottobre 2020) ha partecipato ottenendo il risultato soddisfacente di ben 300 voti, arrivando i primi dei non eletti per 15 voti (pazienza!) A tal proposito io e il mio gruppo saremmo disponibili a intraprendere un dialogo costruttivo con Lei se fosse interessato, in qualita' di Referente politico, a tale collaborazione. In attesa di un cortese riscontro, rimango a disposizione per qualsiasi chiarimento. Distinti saluti Rino Scafidi

Lunedì 16 novembre 2020 22:12:14

Ho notato che il governo sta elargendo denaro a tempesta chiamato decreto ristoro, per ristorare chi ha prescindere il problema pandemia, ha fregato soldi allo stato e a noi cittadini, mi riferisco proprio ai ristoratori e albergatori, aziende palestre, DISCOTECHE, che per avere il bonus ristoro devono documentare il mancato introito relativo al periodo di chiusura, perfetto fino a qui ci siamo, ma i preposti ai controlli non vedono che nella loro dichiarazione dei redditi, {specialmente nei ristoratori bar ecc. manca il numero effettivo dei dipendenti messi in regola con i dovuti pagamenti dei contributi spettanti specialmente quando un ristoratore ha più punti vendita, e si vanta di guadagnare 100000, 300000... Euro dichiarando solamente 2 o 3 dipendenti, uno sarà il cuoco l'altro il capo cameriere, ed il resto dipendenti, perché un locale del genere non può gestirlo Co 2 o 3 persone, magari il resto lavora in nero percependo pure il reddito di cittadinanza poi non parliamo delle discoteche, li ci sono nomi eccellenti che vanno ristorati più di tutti, non credi che sarebbe il caso che dovendo controllare queste aziende, si potesse scoprire tanto lavoro in nero e chiuderli l'attività per sempre alla faccia delle aziende oneste, e facendogli ingoiare un bel coronavirus?, ciao Carlo tempo fa ti ho mandato un piccolissimo contributo, spero di mandartene un'altro quando ti vedrò lottare con più tenacia coinvolgendo la popolazione.

Domenica 15 novembre 2020 16:06:45

Buongiorno Onorevole.
Come simpatizzante di 'Azione' mi permetto di rivolgermi a lei per provare a chiedere una cortesia. Mi sto dedicando ad una tesi di laurea in scienze economiche dove vorrei sviluppare il tema della reazione all'emergenza Covid da parte di UE e BCE, superando per una volta quei 'difetti genetici' (mancanza di una politica fiscale comune, rigidità dei parametri, modalità di intervento della Bce, ecc) che hanno rappresentato il cavallo di battaglia di schiere di antieuropeisti e non solo.
L'interrogativo che infine vorrei sviluppare riguarda il futuro: questa nuova fase è di natura puramente 'tecnica' e contingente oppure vi si può leggere il segnale di un mutamento di tipo politico, volto al superamento dei limiti di cui si diceva.
Le chiedo allora se il suo ufficio sarebbe gentilmente in grado di farmi eventualmente avere qualche documento, riflessioni, interventi o altro materiale inerente tali argomenti.
Tante grazie. Un cordiale saluto

Claudio Guadagnin
Padova

Lunedì 9 novembre 2020 11:10:16

Sono un ex dirigente trasporto pubblico locale di ROMA e metto a disposizione la mia esperienza professionale quarantennale. Buona giornata
Dott. Renzo Rea
Cell. : 335-------

Sabato 7 novembre 2020 14:44:46

Buongiorno, vorrei evidenziare un grosso errore che si sta ripetendo e di cui nessuno parla.

Il bonus contributo a fondo perduto, previsto dal “decreto Rilancio” (Dl n. 34 del 19 maggio 2020), consisteva nell'erogazione ai titolari di attività d'impresa, di lavoro autonomo e agricole, di una somma di denaro commisurata alla diminuzione di fatturato nel mese di aprile 2020 rispetto a quello del 2019 causato dall'emergenza Coronavirus.

Aiutare le imprese in difficoltà e' un dovere di ogni governo. Da criticare severamente è il metodo utilizzato. Prendere come riferimento solo il mese di aprile è la dimostrazione di incapacità e sufficienza di un governo di incapaci. e piccole e medie imprese artigiane (quelle che ora sono più indifficolta) hanno una contabilità diversa dalle grosse aziende, con produzione seriale dei loro prodotti. Le imprese artigiane, hanno dei tempi per la produzione dei loro prodotti molto più lunga di un mese. Molte di queste ad aprile del 2019 non hanno fatturato perché l'emissione della fattura del loro lavoro svolto ad aprile è stata emessa a maggio o a giugno. Non perché non stavano lavorando ma perché stavo producendo i loro manufatti.

Non sarebbe stato più equo prendere il fatturato di tutto l'anno 2019 e poi rivederlo per 12 ??? In questo modo l'erogazione degli aiuti sarebbe avvenuta in modo più equo e con una valutazione reale dell'effetto causato dall"emergenza. Il risultato ottenuto da questi " incapaci " è stato quello di creare enormi differenze di aiuto tra aziende artigiane. Chi ha preso di più e chi non ha preso nulla. Ora da anticipazioni giornalistiche sembra che nel prossimo Decreto si utilizzerà lo stesso criterio.

Errore su errore.. e nessuno ne parla !!!

Portare in evidenza questo problema è un dovere per chi sta a cuore le piccole e medie artigiane che in questo modo si vedranno non ricevere ancora nessun aiuto e con la seria probabilità di chiudere la loro attività.

La diminuzione del fatturato lo si determina nell"arco temporale superiore al mese, anche perché le tasse si pagano sull'utile di un intero anno. La prego di portare queste argomentazioni nelle discussioni che sicuramente avrà con i responsabili del nostro governo.

Distinti saluti.

Roberto Motta.

Sabato 7 novembre 2020 12:09:31

Dott Carlo (mi permetta questa confidenzialita' perche' credo di interpretare il grande numero di suoi estimatori che le vogliono bene).
Le vorrei porre in evidenza, fondamentale in questo grave periodo, il problema della MANCANZA TOTALE DEI MEDICI DI BASE.
Tanto fumo viene venduto a questo proposito, per il PIEMONTE nel prossimo concorso per " medici di base " verranno messi SOLO
110 posti !!! : LA META? DEL PRECEDENTE CONCORSO !!! Ma dove vogliamo portare la nostra SANITA' ? ! ! ?
Grazie dell'attenzione e sappia che sono a Sua completa disposizione.
Ivano da TORINO

Sabato 7 novembre 2020 01:34:56

Buonasera dott. Calenda, mi rivolgo a Lei che ritengo il politico più capace oggi in Italia. Vorrei segnalarLe un problema reale che questo Governo (scappati di casa) e questo comitato Tecnico Scientifico (incompetenti) non ha preso neppure in considerazione per la totale incapacità di trovare soluzioni ragionevoli.

Il contributo elargito ad aprile si basava sul fatturato del mese di aprile 2019. Ovviamente non hanno considerato che le piccole e medie imprese artigianali non fatturano nello stesso mese. Un artigiano ad esempio per preparare un manufatto ci mette 2 o 3 mesi. Fatturera' alla consegna. La mia azienda (arredamenti per hotel) ad esempio nella primavera del 2019 stava lavorando assiduamente alla produzione di mobili per un hotel. Ma la consegna degli stessi è avvenuta a giugno, luglio. Non avendo fatturato ad aprile 2019 non ha avuto alcun aiuto (solo 2. 000 euro) mentre si troverà a pagare le tasse per tutto quanto prodotto nell'arco dell' anno. Bastava adottare un criterio più idoneo per rilevare il danno da chiusura forzata. Magari prendendo il fatturato annuale e dividerlo per 12 mesi. Si sarebbe ottenuto un giudizio più veritiero e non avrebbe creato disparità di trattamento tra le varie aziende.

Credo che questo governo adotterà lo stesso criterio utilizzato ad aprile 2019. Errore su errore !!! I grandi manager del CTS ragionano solo per le grandi aziende mentre le piccole e medie imprese artigianali non sono neppure prese in considerazione. Scandaloso. Questo provocherà la chiusura di molte attività come la mia non solo perché relativa ad un settore (ospitalità) che non sta lavorando ma soprattutto per incapacità dei nostri governatori di vedere al di là del proprio naso.

Distinti saluti.

Venerdì 6 novembre 2020 21:58:31

Sono uno dei coordinatori dei Consorzi di Autorecupere di Roma, che in 25 anni hanno realizzato una quantità incredibile di opere pubbliche essenziali, oltre a molti nuovi piani urbanistici (la terza manovra di recupero urbanistico)
Conosciamo bene, quindi, la periferia e per questo combattiamo l'amministrazione Raggi, che ha bloccato l'attività dei Consorzi e ha riportato la periferia a 25 anni indietro.
La periferia di Roma non è piccola cosa: rappresenta quasi il 50% del territorio bisognosi di riqualificazione e servizi. Non può che partire dalla periferia la rigenerazione della città, ed è per questo che le elezioni a Roma si vincono o si perdono in periferia.
Al Coordinamento piacerebbe incontrarti per discutere di programmi (rigenerazione, servizi, bonus 110 nei quartieri periferici), visto che il rilancio di Roma non può non avere al centro l'ammodernamento e la trasformazione di quasi il 50% della città.
Comunque augurissimi per la sfida che hai intrapreso.

Venerdì 6 novembre 2020 21:25:05

Apprezzo la tua candidatura. Sicuro di una tua riuscita, in un così grande compito.
Non dubito della tua caparbietà..

Commenti Facebook