Messaggi e commenti per Gianluigi Paragone - pagina 7

Messaggi presenti: 644

Lascia un messaggio, un suggerimento o un commento per Gianluigi Paragone.
Utilizza il pulsante, oppure i commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Gianluigi Paragone

Nota bene
Biografieonline non ha contatti diretti con Gianluigi Paragone. Tuttavia pubblicando il messaggio come commento al testo biografico, c'è la possibilità che giunga a destinazione, magari riportato da qualche persona dello staff di Gianluigi Paragone.

Martedì 5 ottobre 2021 16:15:29

Italiani piccoli, piccoli


Premetto che non ho votato, non appartenendo a nessuna delle citta' interessate. E questo mi dispiace molto
perche' l'avrei votata senza indecisioni, perche' l'ho vista lottare, dannarsi e metterci il cuore nella battaglia
contro il green-pass. Non capisco, davvero se gli italiani si sono bevuti il cervello o meno. Sone dei pecoroni,
vanno dietro ad una massa di delinquenti, che solamente dalla strafottenza con cui si sono espressi meritavano
di essere "bruciati" elettoralmente. Soffro, come se avessi perso qualcosa; speravo in lei, nel suo entusiasmo,
nella sua coerenza dimostrata sempre. Non molli, anzi, ora e' l'ora di rialzarsi e far capire a questa massa di
imbecilli, quanto siano giuste le sue lotte. Non ci abbandoni, la prego. Voglio che il male non vinca. Come possiamo fare ?

Lunedì 4 ottobre 2021 20:37:21

Buona sera Gianluigi, mi chiamo Ricca Sergio e le scrivo da Torino. Posso dire una cosa? Gli italiani sono una massa di imbecilli! ! Godono a prenderlo nel fondo schiena. Mi dispiace veramente tanto e sono profondamente deluso dai risultati elettorali qui a Torino. Noi le abbiamo dato fiducia; sperando di scrollarci questa politica di cacca. Le dico una cosa, NON MOLLI!!! Spero vivamente di conoscerla di persona in una sua prossima visita a Torino. In bocca al lupo.
Sergio Ricca

Lunedì 4 ottobre 2021 12:08:36

Senatore paragone buongiorno, ho bisogno del suo aiuto 😓😥 non mi fanno entrare al lavoro e cioè in un istituto comprensivo della provincia di taranto dove lavoro come assistente amm. va, sono rientrata il 30 settembre dopo un periodo di malattia e mi hanno bloccato sulle scale perché non ho il green pass, ora sono costretta in malattia al 50% e visto che mi ritrovo tre prestiti di 850 euro che ogni mese si trattengono in automatico dal cedolino paga, mi rimangono forse neanche 100 euro, se non posso tornare al lavoro non posso vivere
grazie la prego senatore paragone mi aiuti io l'ho sempre stimata sin da quando è stato espulso dal movimento 5 stalle perché lei è stato sempre nel giusto, al contrario di quei traditori venduti ai poteri forti satanici 👿
mi aiuti la prego
grazie se mi darà un suo
concreto aiuto 😓

Lunedì 4 ottobre 2021 11:06:47

Lettera ai lettori dubbiosi


Siamo circa un centinaio di persone; abbiamo condiviso queste considerazioni sulla situazione che stiamo vivendo e vorremmo comunicarle ai lettori, rivolgendoci soprattutto a coloro che nutrono forti dubbi sulla narrativa ufficiale. Pertanto ci siamo rivolti a lei, onorevole Paragone, nella speranza che possa dare voce alle nostre opinioni.
La ringraziamo per lo spazio che vorrà dedicare alla nostra lettera.

Cari lettori da tempo sentiamo la mancanza di una vera informazione, quella che parte dalla comunicazione fedele degli accadimenti, che indaga e ne ricerca il senso. Purtroppo l’informazione che riceviamo dai media ufficiali è quasi sempre “a senso unico”, senza dibattito, senza confronto e la realtà dei fatti viene costantemente omessa o manipolata, a seconda degli interessi da salvaguardare.

In questi ultimi mesi, nonostante: tante morti da “Tachipirina e vigile attesa”, cure domiciliari efficaci negate, medici “non allineati” radiati dall’ordine, incessante propaganda di terapie geniche sperimentali non testate spacciate come “vaccini”, effetti avversi anche gravi che molti sono obbligati a subire in silenzio, morti senza alcuna spiegazione mai ricondotte alla recente inoculazione, limitazioni di libertà fondamentali…

Nonostante tutto questo, molte persone ancora non collegano i fatti che vivono nella loro quotidianità a scelte politiche europee e globali, perché dominate dalla paura, alimentata quotidianamente proprio da quei “ canali ufficiali di informazione” che esortano alla cieca obbedienza.

Cari lettori cerchiamo allora di riflettere, di interrogarci per comprendere.

Perché molti politici continuano a ripeterci che: “Niente tornerà più come prima”, “Ci saranno nuove pandemie”, quasi fosse normale prevedere cosa ci prospetta il futuro?
Dovremmo allora vivere in un costante “stato di emergenza”?
Accettare passivamente la limitazione delle nostre libertà fondamentali? Rinunciare perennemente ai nostri diritti inviolabili, costati tante vite?
Farci inoculare un vaccino, non sufficientemente sperimentato secondo i criteri da sempre esistiti, di cui il governo, le case farmaceutiche, i medici vaccinatori non si assumono la benché minima responsabilità?

Appare un incubo! Ma è la realtà che ci attende.
Analizziamola insieme.
Il caro Giovanni Falcone, quando…fiutava una pista utile all’indagine, “seguiva i soldi”. Prendiamo esempio da lui.
Domandiamoci dove sono finiti i nostri soldi, frutto di tanti sacrifici richiesti per pagare un debito pubblico che abbiamo visto aumentare, nel corso degli anni, nonostante ci venissero offerti servizi peggiori!
Chiediamoci perché le multinazionali (del farmaco soprattutto, negli ultimi tempi) continuano ad aumentare i loro profitti mentre le nostre imprese e noi, cittadini, ci stiamo impoverendo sempre più!
Cari lettori, perché continuiamo a pagare una moneta, che ci costa interessi salati, quando, anni fa, la nostra banca nazionale poteva emettere, senza costi, il denaro necessario per finanziare la nostra economia?
Chi si avvantaggia?
Falcone sapeva che erano “gli innominabili” e i “centri del potere finanziario” gli artefici di quel “piano globale” che ha l’obiettivo di sottrarci ricchezze e libertà, faticosamente conquistate.
Sono loro che, avvalendosi dei tanti servitori, stanno instillando l’odio fra fratelli, ci etichettano per dividerci e vorrebbero sottometterci.
Il “Divide et impera! ” si sa, funziona sempre!

Purtroppo vediamo ogni giorno gli asserviti perseguire queste nefaste trame! Sono… quelli che: mal governano, disinformano, attentano ai nostri diritti attraverso le istituzioni asservite, impongono assurdi e dannosi diktat sanitari…
Ora, nel loro mirino sono le persone non vaccinate, perché intralciano i loro piani opponendosi a questa vaccinazione di massa, di cui non si assumono la responsabilità.
Come tanti cittadini, anche vaccinati, temono l’inoculazione di un “vaccino a RNA non sperimentato”, mai provato prima, sui bambini e sugli adolescenti.
Perché, a persone che semplicemente sostengono il diritto alla libertà di cura, peraltro condiviso dalla maggioranza, dovrebbe essere “ventilata” la minaccia di “rinchiuderle in casa”, “confinarle nelle zone rosse”, nonostante il vaccino non immunizzi nessuno (nemmeno chi lo fa) ?
Si ipotizza addirittura di privarle della necessaria assistenza sanitaria, nonostante anche loro la finanzino in eguale misura…

E’ normale tutto questo? E’ giusto?
Cari lettori, riflettiamo seriamente su quanto sta accadendo e recuperiamo tutti quell’umanità che dà valore alle nostre vite! Rifiutiamoci di seguire chi ci sta strumentalizzando!

Chi governa ha persino stabilito una versione tutta italiana del lasciapassare verde (green pass) per limitare ulteriormente i nostri diritti fondamentali.
Di questo passo potrebbero arrivare ad isolare chi si oppone ai loro diktat, in campi (allestiti in ogni regione d’Italia) che, con cinismo, potrebbero essere denominati: “Strutture ricettive per bisognosi di cure”, al fine di giustificare con motivi sanitari l’ennesimo sopruso!

E domani, a chi toccherà la stessa sorte? Ai dissenzienti di turno?
A coloro che oseranno criticare le scelte politiche messe in campo dal governo, rivendicando l’importanza della sanità pubblica e della scuola statale, massacrate da anni di “tagli”… ?

Sentiamo la vostra preoccupazione, cari lettori, ma una parte di voi ancora si rifiuta di credere che il male sia tanto profondo, così esteso.
Avete tutta la nostra umana comprensione, ma non ci basterà se non lotteremo insieme per salvare la nostra vita e quella dei nostri cari, perché è solo attraverso l’intervento di ognuno di noi che potremo invertire il corso degli eventi che si prospettano.
Proseguiamo insieme, con fiducia, cari lettori!

Un gruppo di cittadini italiani

Domenica 3 ottobre 2021 23:12:50

Buona sera Dott. Paragone, volevo un suo parere su questa ennesima idiozia: come è possibile che un genitore senza green-pass non possa entrare nella scuola per accompagnare suo figlio mentre in questi giorni TANTA GENTE ENTRA NELLE STESSE SCUOLE PER VOTARE ma non gli viene richiesto nulla ??? Confido in lei GRAZIE

Sabato 2 ottobre 2021 22:14:23

Non ci sono più parole per descrivere il clima di caccia alle streghe sempre più inquisitorio nei confronti di chi non si vaccina. Addirittura si fanno le pulci sul costo economico nell'elargire le cure ai non vaccinati ma lo stato (volutamente minuscolo) quanto spende per curare le pat0logie derivanti dal fumo, dall'alcolismo, dalle droghe ecc ? Viceversa il rogo imbastito dal nanopensiero unico è destinato esclusivamente ai non vaccinati, autentica testimonianza di quanto la realtà a volte superi la più inimmaginabile fantasia.

Venerdì 1 ottobre 2021 14:53:59

Buongiorno Gianluigi, cosa ne pensi di creare un partito no vax e cavalcare l'onda per conquistare più libertà?

Venerdì 1 ottobre 2021 10:54:35

Ho visto l'ultima pubblicita' di buondi motta, dove anche attraverso la pubblicita' denigrano il pensiero di chi non si vaccina o ha idee discordanti dall'operato del governo... (complottisti) cosa ne pensate? ? ! ! 🥺

Giovedì 30 settembre 2021 17:37:29

Madre disperata


Buon pomeriggio, sono una madre disperata, mia figlia ha iniziato il suo primo anno accademico alla Iulm, lei non è vaccinata, purtroppo però sente una sorta di pressione o stress psicologico a dover fare ogni 48 ore il tampone. Purtroppo sa che in fondo non abbiamo nemmeno una grande possibilità economica per poterli fare entrambi. Lei mi dice spesso che vuole vivere liberamente l'università, io non so più cosa fare se non pregare che Lei possa diventare Sindaco alle prossime elezioni, ma poi mi chiedo cosa cambierà per gli studenti universitari? ? La prego mi aiuti non voglio che lei faccia quella "terapia genica " il mio numero di cellulare è 338-------. Aspetto con ansia che mi contattiate. Buona serata

Giovedì 30 settembre 2021 12:11:14

Prot. 205_2021 AIB e gestione Green Pass in Biblitoeca


Gentilissimi,

vi scrivo in quanto ho trovato discrepanza tra quanto dichiarato nel Prot. 205/2021 del 30/7/2021, redatto dal Presidente Nazionale AIB, Dottoressa Rosa Maiello, in merito ai prestiti bibliotecari che avvengono su materiale prenotato on line, qualora l'accesso in biblioteca sia unicamente per il tempo necessario al ritiro di tale materiale prevede la NON ESIBIZIONE del Green Pass, e quanto invece si verifica in ogni Biblioteca Comunale di Milano e che ho avuto modo di sperimentare nella Biblioteca Comunale Chiesa Rossa di Milano, dove invece tale esibizione viene richiesta.

Il testo, che cito, recita:

"Una distinzione comunque da farsi è tra l’accesso con sosta prolungata nelle sale della biblioteca (ad esempio, per attività di lettura, consultazione,
reference, programmi specifici) e l’accesso ai servizi di base, più “di sportello” (ad esempio, il prestito, o la consegna di fotocopie, magari su
prenotazione), che comportano soste assai brevi in spazi dedicati e per le quali hanno funzionato bene i protocolli preesistenti all’avvio della
campagna vaccinale: le attività di mera consegna e restituzione di materiali ci sembra che possano e debbano essere assicurate come avveniva precedentemente al Decreto-Legge, senza necessità di esibire il Green pass, sia che avvengano in sede (questo è il caso comune), sia che
avvengano (come sono riuscite a fare alcune biblioteche) in modalità domiciliare o con altre modalità"

Ho inviato una mail alla Dottoressa Laura Ricchina, responsabile di tale biblioteca, ma non ho ottenuto alcuna risposta.

L'assurdità di tutto ciò è che il tempo di permanenza in biblioteca per esibire il green pass e farlo "leggere" correttamente dall'addetto, nel caso della Biblioteca Chiesa Rossa un'anziano che non riusciva nemmeno ad inquadrare correttamente il QR code, è di gran lunga superiore al tempo necessario per il ritiro dei libri ordinati. Siamo davvero all'assurdo.

Grazie per l'attenzione,

Erica

Commenti Facebook