Messaggi e commenti per Gianrico Carofiglio - pagina 5

Messaggi presenti: 168

Lascia un messaggio o un commento per Gianrico Carofiglio utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Lunedì 30 marzo 2020 16:36:54

Prego. mo Dott..
sono la moglie di Franco Cataldi gia' Presidente dei Netini di Roma, credo che questa dicitura Netini gli rammenti qualcosa. ! Quando mio marito ricevette l' incarico di fare il Presidente di questa associazione, i famigliari del defunto amatissimo generale Toselli gli passarono tutta la documentazione. Ora purtroppo mio marito si e' ammalato di Alzaimer e ha dovuto lasciare. Nel mettere in ordine alcuni documenti mi sono accorta di avere tra le carte una lettera della sua mamma. L'avrei anche cestinata se fosse stata solo una lettera di saluti, ma nel leggerla mi sono talmente commossa e toccata dai sentimenti che la mamma confida al suo amico e conterraneo Piero.. che vorrei tornasse ai suoi legittimi proprietari. Rimango in attesa e la saluto cordialmente Rita Cataldi

Domenica 29 marzo 2020 19:35:16

Gentile signor Carofiglio,
Sono un assiduo lettore dei suoi libri.
Poco fa ho iniziato a leggere il suo ultimo libro, “La misura del tempo” e mi sono accorto che ha chiamato il Presidente della Corte d’assise d’appello “Marinelli”.
Prima che iniziassi a leggere il suo libro avevo terminato di leggere il libro “Cerco te” di Mauro Mogliani, dove anche un protagonista del libro aveva lo stesso cognome del suo, cioè “Marinelli”, anche se in quel caso era un Questore.
Mi ha meravigliato la coincidenza e gliela segnalo
Cordiali saluti
Salvatore Lo Balbo

Domenica 29 marzo 2020 12:33:02

Sono il responsabile di Videomnia, società multimediale e direttore artistico di Videomnia Academy. Con i miei studenti l'ultima cosa che abbiamo fatto, prima del blackout è stata la sceneggiatura di un Corto sul Coronavirus. La stimo moltissimo per quello che sostiene e per la forza di un libro come "La misura del Tempo". Vorrei coinvolgerla con una piccola intervista da inserire nel film per dare spazio anche al suo pensiero. Ho chiesto la stessa cosa a Paolo Giordano. Mi contatti per email in modo da poterle spiegare meglio il nostro lavoro e la sua utilità nel sostenerlo
Grazie Angelo de Arcangelis

Venerdì 20 marzo 2020 08:30:35

Ho notato che nel libro "il bordo vertiginoso delle cose" utilizzi una frase tratta da "Buffalo Bill" canzone di De Gregori. siccome questa citazione non viene menzionata nella lista apposita volevo chiederti se si tratta di una dimenticanza...
in ogni caso romanzo ottimo!

Giovedì 19 marzo 2020 11:50:37

Salve mi vergogno un po nell'asserire che nella mia vita ho letto sin'ora pochissimi libri. Uno di questi ovviamente è uno suo.
Devo necessariamente ringraziarla, per avermi fatto riscoprire in questo momento particolare per noi tutti, il piacere di una sana e quantomai costruttiva lettura. Siamo coetanei nonché conterranei e la cosa per me è molto gratificante.
Il titolo del libro: Il passato è una terra straniera.
Congratulazioni e buon lavoro.

Martedì 17 marzo 2020 22:47:17

Ho letto due suoi romanzi e mi sono entusiasmato. Meravigliosa scrittura che evince un trascorso di livello e una oceanica cultura letteraria.
Grazie di farmi trascorrere con gioia questo triste momento.
P. s. ho comprato tutti i suoi libri. A breve saranno tutti nella mia mente.
Grazie mille.

Lunedì 16 marzo 2020 16:34:17

Sentire i nostri conduttori rai dire: "e' un fake".. al posto di un falso.. e' deprimente... usano fake, come altre parole inglesi, con la massima disinvoltura... in realta' e' un termine in uso da poco di un anno, di cui gli italiani si sono innamorati... come per altri termini come check-facking, endorsement, sold out, ashtag, ranking, check point, compound smart-working... questo ultimo entrato a soppiantare telelavoro... il tutto senza il minimo di amore per la nostra lingua, nonostante le ventilate manifestazioni di italianita', senza senzo estetico e neanche del ridicolo----buffi poi i termini latini o italiani: rumors al posto di voci, penalty... orienteering... e chi ne ha piu' ne metta... persino le urla di plauso sono state copiate: il famoso uuh, uuh, uhh... anglosassone e, si consenta, anche mezzo gay ha soppiantato il nostro: eih. --per non parlare di whow... ok poi sta rimpiazzando totalmente "va bene"... insopportabile... che poi l'inglese e' gradevole nelle canzoni veloci... ma parlato, soprattutto nella versione americana e' orribile... si prega di fare qualcosa in difesa della lingua italiana---- lei forse ha qualche possibilità di fare qualche intervento in proposito a quanto su scritto- grazie

Venerdì 13 marzo 2020 13:37:01

Buongiorno, ho letto "La misura del tempo". Mi chiedo: alla fine che cosa avrebbe da festeggiare l'avvocato protagonista, visto che nulla è andato come avrebbe voluto e visto che la sua fiducia è stata pesantemente tradita? Forse è un limite mio, ma non riesco a capire. Grazie e saluti, Guido

Martedì 3 marzo 2020 18:39:58

Buongiorno, sono una sua appassionata lettrice. Nel suo ultimo libro (La misura del tempo) a pag. 134 si legge: "... ma ricordo bene che pensai quanto fosse esaltante quella vita bohémien... ". Mi ha stupito l'uso dell'aggettivo bohémien al maschile anche se riferito a un sostantivo femminile. Non sarebbe preferibile "vita bohémienne" oppure " vita di bohème"?
La ringrazio per l'attenzione.
Cordiali saluti
Annalisa Berto

Venerdì 21 febbraio 2020 07:17:59

Ciao, ho fatto un intervento al cervello nel 2015. Sono in provincia di Napoli (terra dei fuochi). L'ho fatto a Milano, ma purtroppo sono rimasto disabile è non riesco proprio ad accettarlo. Ho scritto degli appunti che sarei lieto di darli ad un vero scrittore, così potrei vedere su un libro la mia Storia e quella di molti altri. Ho anche un pdf o word.

Commenti Facebook