Messaggi e commenti per Gianrico Carofiglio - pagina 7

Messaggi presenti: 168

Lascia un messaggio o un commento per Gianrico Carofiglio utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Sabato 11 gennaio 2020 11:01:17

Gentile Dottore Carofiglio,
sono un'assistente sociale in servizio presso l'Azienda Servizi Sociali di Bolzano.
Ho recentemente letto il suo saggio "Con parole precise" e l'ho trovato ricco di spunti interessanti anche per la mia professione.
Mi piacerebbe organizzare mezza giornata di formazione, tenuta da Lei, per assistenti sociali e magistrati, dedicata proprio all'uso corretto della scrittura nelle rispettive professioni.

Nella speranza che questa mia richiesta le venga recapitata, Le porgo cordiali saluti,
Valentina Vivarelli

Venerdì 10 gennaio 2020 17:35:05

Sono uno degli organizzatori delle Sardine di Bolzano e come tali stiamo organizzando un convegno con il tema "La politica dell'odio: creare anticorpi contro una politica che ci vuole divisi e rancorosi". Ci farebbe piacere avere Carofiglio tra i relatori. Il convegno si terrà nel mese di marzo. Carofiglio potrebbe essere disponibile?

Venerdì 10 gennaio 2020 11:14:07

Buongiorno,
sono la responsabile della sede associata dell'Istituto Alberghiero di Polignano a Mare, precisamente della sede associata di Noicattaro.
Sarebbe un onore per noi, ospitarLa per la presentazione del libro presso la nostra sede di Noicattaro: potrebbe essere l'occasione per inaugurare l'iniziativa del Caffè letterario, che fa parte dei nostri progetti formativi.
In attesa di gentile riscontro, saluto cordialmente

Lunedì 6 gennaio 2020 21:41:53

Buonasera, ho visto la puntata odierna di 8 e mezzo con la spiacevola partecipazione di Francesco Borgonovo che, come i redattori de "la verità", sono sempre onnipresenti. Alla domanda della Gruber sul futuro del razzismo in Italia al di là di generiche affermazioni di speranza in un futuro migliore nessuno ha sollevato un fatto molto importante, che La pregherei di sottolineare in prossime trasmissioni: attualmente ci sono sul mercato, oltre a Salvini, almeno 4 o 5 testate giornalistiche che hanno come obiettivo primario la diffusione del razzismo e una propaganda martellante di destra (meglio definirla fascista). Mai nel passato, come oggi, schiere di giornalisti si propongono al pari di politici, quali sostenitori acritici di idee non solo conservatrici, ma apertamente di destra estrema. E' un problema molto serio non adeguatamente preso in considerazione. Chi li finanzia? perchè hanno tanto spazio soprattutto in televisione? chi sono i loro editori? La ringrazio per l'attenzione e Le auguro una buona serata. Cordiali saluti. Mario Pacchiardo

Domenica 5 gennaio 2020 12:09:26

Buon giorno
Ho letto tutto d un fiato NON ESISTE SAGGEZZA.
Scrivo semplicemente per ringraziarla.
Condivide la sua arte regalandoci momenti di puro piacere.
Lei ci rende avidi di lettura.
Grazie.

Giovedì 2 gennaio 2020 18:15:37

El libro "La misura del tempo" si parla del testimone conoscente di Jacopo che di lavoro fa il carrozziere la definizione giusta è carrozzaio perché il carrozziere è quello che disegna e costruisce le carrozzerie come Bertone Pininfarina ecc. Franco

Giovedì 26 dicembre 2019 19:45:30

Ho letto il libro " La misura del tempo"e ho letto altri suoi libri
Sono sempre TUTTI bellissimi e mi danno la sensazione di "vedere" un film, non di leggere
Grazie
Roberto Cannavo'
Roma

Venerdì 20 dicembre 2019 17:22:23

Leggo i suoi libri da ormai tanti anni, e apprezzo sempre il suo modo di scrivere ed il ragionamento sotteso.
Per questo, trovo inspiegabile abbia voluto omaggiare il sindaco di Parma Pizzarotti, di una prefazione al suo ultimo libercolo.
Se lei avesse avuto modo di constatare quanto la teoria di Pizzarotti sia difforme dal suo governo reale della mia città, sono convinto non avrebbe fatto questo errore.
Se vuol saperne il perché, lo spazio qui non mi basterebbe, ma la frase di Dumas che "preferiva i mascalzoni agli imbecilli, perché almeno ogni tanto i primi si concedono una pausa", calza a pennello.

Mercoledì 18 dicembre 2019 14:09:17

Egregio dr Carofiglio,

La seguo con molto interesse ed oggi su La 7 ;  si rinnova la mia meraviglia sulla esclusione, nelle trattazioni sul tema della prescrizione, di una legge che nacque per ridurre il contenzioso civile in Italia.

Con la legge 28/2010 e successive, in ordine alla mediazione obbligatoria, si auspicava una notevole riduzione del contenzioso civile.

Purtroppo, come spesso accade, le lobby che difendono gli interessi di categoria, a dispetto degli evidenti benefici per la collettività, sono riuscite, anche in questo caso nel loro intento.

Gli avvocati, che vedono nella mediazione uno strumento che avrebbe ridimensionato il loro ruolo nella società, hanno praticamente affondato, con mezzi giuridici e politici, lo strumento che inciderebbe significativamente sulla diminuzione del contenzioso e le ovvie conseguenze positive.

Se ritiene, mio figlio Riccardo, Presidente dell'Ente MEDI' con sede nel Tribunale di Napoli, sarà a Sua disposizione.

Con stima

Antonio Izzo

Via ---  80077  ISCHIA  (Na)

---

Tel/fax  081. ---   333. ---

Sabato 14 dicembre 2019 01:43:30

Un tal ministro insiste con le foto
in cui si ingozza di malsani cibi
e sfida chi a lui si oppone in toto.
Non è un ministro al mare con gli anfibi
che senza faccia interpreti il buffone,
del nostro mondo il problema vero.
Ognuno il proprio stile a se stesso impone.
Ma mentre questi dice: "sul Paese impero! ",
la nostra Italia di delitti è piena
ed i Pompieri per calamità aggiustare
stan con i cittadini a rompersi la schiena
(reinterpretando in versi il pensiero di G. Carofiglio)

"Un tal ministro insiste con le foto in cui si ingozza di cibi malsani e sfida l'opposizione. Chiariamo: il tema non è che un ministro faccia il buffone. Ognuno ha il suo stile. Il problema è che faccia il buffone mentre il Paese è turbato da gravi delitti e calamità naturali" (G. Carofiglio)
Dicembre 2018 (era il periodo dei lenzuoli bianchi fatti rimuovere dai Vigili del Fuoco)

Commenti Facebook