Messaggi e commenti per Gianrico Carofiglio - pagina 6

Messaggi presenti: 356

Lascia un messaggio o un commento per Gianrico Carofiglio utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Gianrico Carofiglio

Venerdì 5 marzo 2021 11:27:42

Richiesta di contatto


Sono Enzo Iannelli, ex magistrato. Vorrei parlarti di un caso giudiziario - Why Not? -, che mi ha veduto protagonista, emblematico dei rapporti malati tra magistratura e politica. Ritengo che possa interessarti anche come trama di un tuo impegno nella sfera pubblica, quella delineata da Habermas per intenderci. Di recente Giletti in Non è l' Arena del 7.. 2. 2021 ha consentito che Palamara e De Magistris asserissero di un coinvolgimento di Napolitano e della Procura generale di CZ nel disegno criminoso di delegittimazione dell' oggi aspirante Presidente della regione Calabria.
Malgrado le mie richieste, Giletti non ha consentito ad un mio intervento per poter replicare alle dichiarazioni dei due, P. e D.
Ringrazio della eventuale attenzione. IN attesa di un riscontro comunque..

Giovedì 4 marzo 2021 18:23:10

Buona sera Carofiglio, sono un elettore del PD ed assistendo alla puntata di otto e mezzo dell'1 marzo e mi sono trovato d'accordo con lei quando, a fine trasmissione, ha detto che il suo problema principale è quello di non avere un senso identitario chiaro e definito.
Per questioni familiari, ho avuto il "privilegio" di vivere in anteprima questo disorientamento degli organi dirigenti all'inizio degli anni novanta, quando il PCI decise di trasformarsi in un altro partito.
Mio padre, Cesarino Catellani, aveva partecipato alla ronda durante la quale venne ucciso Don Pessina che, insieme ad altri casi del dopoguerra, aveva dato il via al "chi sa, parli" di Otello Montanari. Adesso, in questo contesto, è troppo lungo entrare nel merito dei fatti, ma quello che le voglio raccontare sono i contatti che personalmente ho avuto con i dirigenti provinciali del PCI di allora, per capire cosa pensassero del caso e come intendessero muoversi. Dico la verità, temevo di incontrare dei cinici personaggi, pronti a buttare a mare tutto quello che era scomodo ed ingombrante (e la storia di mio padre poteva esserlo), ma mi sono trovato davanti a degli esseri disorientati: prima ancora che politicamente, disorientati culturalmente. Avevano ben chiaro che dal porto in cui si trovavano dovevano salpare, ma per andare dove e cosa portarsi dietro, nebbia assoluta. Forse erano anche cinici, ma prima di tutto erano confusi. E tali, temo siano rimasti.
E' vero che un senso identitario troppo forte rischia di alzare steccati (che ai tempi del PCI in effetti c'erano), ma ci dovrà pur essere una via di mezzo fra il troppo di prima ed il niente di adesso.
Grazie, Giorgio Catellani.

Martedì 2 marzo 2021 22:19:59

Segnalazione


Gentile dottor Carofiglio,
In merito al viaggio di Renzi (a scopo di lucro) sento che non viola nessuna legge.
Perché è Senatore (Senatore semplice, diceva lui).
Sento anche che, come deputato, non avrebbe potuto farlo perché la legge lo vieta.
Fatto che l'informazione sia corretta, chiedo a lei che, avendo un passato da magistrato avrà una visione ampia e informata:
Stando così le cose (se vero, ovviamente) non pensa che qualcuno dovrebbe occuparsi di rattoppare questo buco legislativo?
Grazie comunque e buon lavoro

Martedì 2 marzo 2021 09:23:07

La disciplina di Penelope


Buonasera,
mi chiamo Giuseppe Napoletano, sono un lettore dei suoi libri ed in genere dei gialli, dei polizieschi o di quelli a tematiche investigative.
Le devo fare i complimenti per i libri che scrive e soprattuto per “La disciplina di Penelope” (appena finito di leggere).
La storia è stata avvincente e oggettivamente verosimile (pur essendo un caso che si definirebbe “eclatante” per l’evoluzione dell’indagine e la sua improvvisa svolta).
Solo un appunto, se posso permettermi: a pag. 52 l’ispettore “Barbagallo” viene contattato da Penelope per la prima volta nella narrazione.
Lei gli chiede di vederlo, dopo tanto tempo che i due non si sentono. Lui le dice che potrebbero incontrarsi il giorno dopo in Tribunale (senza dire quale ma si capisce che è quello di Milano), in quanto è stato citato come testimone per un processo relativo ad una rapina a Cinisello Balsamo (“Sono di testimonianza. Un cornuto rumeno che avevo arrestato per una rapina, quando ero al commissariato di Cinisello Balsamo”).
Credo che il dato errato sia quello di un processo, per un reato accaduto a Cinisello Balsamo (come si intende), che si svolge a Milano, mentre la competenza per il territorio di Cinisello B. è del Tribunale di Monza.
È balzato alla mia attenzione questo particolare e mi è sembrato corretto scriverLe per esporlo (anche se può sembrare superfluo).
Ma soprattutto ho scritto per manifestare il mio apprezzamento per i suoi libri che continuo a leggere.
Saluto cordialmente.
Giuseppe Napoletano.

Lunedì 1 marzo 2021 11:25:49

Cerco dei riferimenti


Gentile signore,
credo di aver letto, con piacere, una discreta parte delle sue opere ma non le scrivo per questo.
Sto cercando una piccola casa editrice pugliese (o almeno meridionale) e non saprei a chi rivolgermi.
Cerco una piccola casa editrice che possa essere interessata alla pubblicazione di una storia dei primi anni del Novecento, nata e sviluppatasi nella campagna veneta e conclusasi nello splendido mare di Puglia.

E’ una storia vera, di persone qualsiasi, in piccola parte romanzata, che copre tragiche vicende storiche vissute “dal basso”; non si tratta di qualcosa di epico ma della semplicità di vite come tante. Allego l’indice, per consentirle di capire di cosa si tratta.
Credo che lei, per la sua storia e per la sua esperienza, potrebbe essere la persona giusta per suggerirmi qualche riferimento.
La ringrazio vivamente,
Paola Levada

Allegato:
INDICE
Questa è una storia... pag. 1
Parte prima: Primavera 1916
- Capitolo Primo (un paese così). .. pag. 4
- Capitolo Secondo (il merlo del lenzuolo). .. pag. 116
- Capitolo Terzo (il mondo, dall’altra parte). .. pag. 298
- Capitolo Quarto (giorni difficili) … pag. 424
- Capitolo Quinto (portello dell’orto). .. pag. 596
- Capitolo Sesto (San Giuda) … pag. 725
Parte seconda: 7 - 12 giugno 1916
- La Posta Militare … pag. 864
- Di ritorno, verso nord, forse … pag. 876
- Tra cielo e mare … pag. 918
- Un'ombra, per finire … pag. 923
- Missione compiuta. … pag. 927
- Vittorio … pag. 930
Parte terza: Estate 1924: un giorno qualsiasi.
- Il prima. E il dopo. … pag. 953
Glossario … pag. 1. 074

Giovedì 18 febbraio 2021 21:05:04

La disciplina di Penelooe


Desidero esprimere la mia delusione e la mia amarezza per aver letto un suo libro così banale e ordinario da sembrare scritto da un altro (che è quello che spero sia avvenuto)

Giovedì 18 febbraio 2021 19:57:26

Il racconto di una storia.


Salve sono una signora originaria della provincia di Potenza. Mi piacerebbe riferirle una storia che, se ho capito qualcosa leggendo molti dei suoi libri e ascoltandola in televisione, potrebbe avere piacere ad ascoltare. Se crede mi contatti all'indirizzo mail. Altrimenti buon lavoro e io continuerò in ogni caso a leggerla cosa che faccio volentierifaCordialmente. Lidia Pace

Mercoledì 17 febbraio 2021 18:29:49

Siamo ancora credenti di ideologie politiche?


Salute a tutte/i voi. È finalmente stato dimostrato un teorema: il voto del" ciuoto" vale tanto quanto quello che" ciuoto" non viene ritenuto. Traslato dalla matematica al"pensiero": tutti gli esseri sono candidabili, non tutti, e noi italiani lo sappiamo bene, meriterebbero di rappresentare altri cittadine/i. La competenza e conoscenza in qualsivoglia specializzazione da' un valore aggiunto, positivo. Il non sapere, vedi molti politici, e perché no, tanti SEGRETARI, PRESIDENTI DI REGIONE, porta ad esplicitare sciocchezze che in Terronia causano "la cadute di case". Lo stesso prof. CONTE, perché conoscente e competente nella sua professione lo ha dimostrato. Il presidente Draghi è riuscito a fare meglio (grazie al presidente Mattarella). Il problema molto serio è che è l'Europa in serie difficoltà anche dal punto di vista politico. I politici in giro hanno perso di spessore politico. Nella prima repubblica c'è stata la possibilità di creare debito pubblico, adesso bisognerebbe onorare i debiti. COME? Tutti sperano che i 209 mld risolveranno i problemi della patria. Se gestiti da tutti, tranne BERLUSCONI, che per sua fortuna non ha bisogno di soldi nostri, e adesso da uno dei più bravi del PIANETA-DRAGHI- dicevo, se gestiti da tutti questi uomini che rappresentano la nazione, i 209 mld non arriveranno neanche in Italia. Si fermeranno in Olanda (paradiso fiscale). L'ho già scritto: DIVENTI L'ITALIA UNA SPA, AVREMMO MENO DANNI. Nella VERA Politica dopo che si è amministrato per un quinquennio, chi lo ha fatto va in piazza e dice io ho fatto tutto ciò e a tant'altro ho dato inizio ma necessita di più tempo. In Italia quasi tutti i programmi politici sono gli stessi dei 5 anni precedenti. Per chiudere: nessuno è in grado di portare un consuntivo. E siamo ancora credenti di ideologie politiche? PS. AMO COSÌ TANTO LA POLITICA, CHE SOFFERENZA.

Sabato 13 febbraio 2021 12:10:26

Buongiorno. Un Deficiente come me, per via della meningite che ho avuto a 15 anni e che mi ha portato a perdere COLPI cerebrali, aveva previsto quasi tutto di come sarebbe andata la situazione politica, cosa deve pensare di tutti i commentatori di politica televisivi. Dare zero ai giornalisti e politici (quasi tutti), per la loro assoluta incapacità significa essere molto generosi. Il Pd è costituito da menti annacquate, gli uomini del giorno dopo, i 5 stelle non comprendono più se il presidente Draghi sia candidato come presidente del consiglio e non come presidente della repubblica, la Meloni guarda al CERN (particella di Higgs) sperando che tutto finisca. I giornalisti parlano di successo per Salvini e non hanno capito che vi è stato un ammutinamento da parte di Zaia e degli amministratori veneti che vogliono fare parte dei giocatori per i 209 mld. (praticamente allo stato attuale è la testa di legno della lega veneta).

Dr Carofiglio, pur comprendendo che lei mette fieno in cascina quando partecipa a talune trasmissioni televisive, ma non le capita di risentirsi CULTURALMENTE dell' inutilità dei contenuti espressi dai suoi interlocutori, però in perfetta lingua italiana (congiuntivi compresi). Leggere che il dr Scanzi e Travaglio dicano che è meglio perdere che vincere con questo governo, mi porta a domandarmi: ma hanno per davvero compreso che sono stati spazzati via, perché politicamente somari, dall'asse Berlusconi- Bonino - Calenda - Renzi? Ordine alfabetico.

Non sempre esprimersi in perfetta lingua italiana è sinonimo di intelligenza, comprendere il pensiero umano e numeri lo è di sicuro. Mi auguro che Matteo Renzi diventi il segretario DELL'ONU. Il Pd capirà che esiste il gioco degli scacchi e che non potrà mai partecipare ad alcun torneo.

Giovedì 11 febbraio 2021 19:30:06

La disciplina di Penelope


Negli "Amici miei" di Monicelli la voce fuori campo chiedeva "Cos'è il genio? ".

La trovata geniale della "disciplina" è, secondo me (fedelissimo lettore di G. C.) il fatto che NON si spieghi quale sia stata la causa della fine della carriera di Penelope. Un caro augurio di buon lavoro.

Ugo Abbondanno

Commenti Facebook