Messaggi e commenti per Giovanni Floris

Messaggi presenti: 422

Lascia un messaggio, un suggerimento o un commento per Giovanni Floris.
Utilizza il pulsante, oppure i commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Giovanni Floris

Nota bene
Biografieonline non ha contatti diretti con Giovanni Floris. Tuttavia pubblicando il messaggio come commento al testo biografico, c'è la possibilità che giunga a destinazione, magari riportato da qualche persona dello staff di Giovanni Floris.

Domenica 30 ottobre 2022 21:44:49

Il Gioco


Gentile Giovanni Floris, ho letto IL GIOCO, veramente in parte, perché, dopo aver tentato di resistere, a pag. 144 la noia ha avuto la meglio. Mi sono dovuta interrompere per le ossessionanti citazioni e una storia che si trascina troppo lentamente. Essendo un giallo, però, non potevo perdermi il finale e così sono saltata direttamente alle ultime quaranta pagine.
Delle continue citazioni, contenute in ben quattrocento pagine, e che possono, in parte (senza contare un certo compiacimento culturale da parte dell’autore), avere un loro senso nel contesto, a testimonianza della preparazione letteraria dei due professori protagonisti chiave, a volte resta fumoso il legame con il concetto al quale fanno riferimento. Risulta quasi una forzatura, crea confusione e costringe ad una lettura faticosa che, per avvenimenti intersecati fra loro e complicati, non si giova neanche di una narrazione chiara.
Purtroppo, altro motivo di distanza dal testo, è che non mi sono affezionata a nessuno dei personaggi del libro, ne sono rimasta distante, nulla è riuscito a coinvolgermi.

Caro Giovanni, a dispetto della mia, forse eccessiva?, sincerità (mi dirà: ma chi gliel’ha chiesta! ?) nel commentare il Suo testo, Lei, invece, come giornalista mi piace molto. Molto La condivido. Ha una conduzione dei dibattiti intelligente veloce incisiva, mai offensiva ma che sa esprimere autorevolmente e senza riserve il Suo punto di vista. La spengo solo quando compare con le sue faccette, ospite fisso, l’eterno arrogante e supponente Alessandro Di Battista. Perché, montato dai genitori che lo trattavano da ‘genio’, era così anche all’età di cinque anni, quando, nella loro casa al mare, papà Vittorio mostrava orgoglioso, ad amici e conoscenti, il mezzo busto di marmo di Mussolini che accoglieva all’ingresso gli ospiti, un vero biglietto da visita.

Caro Giovanni, Lei come persona è simpatica, gradevole in tutto: nell’aspetto, nel timbro della voce. E poi ha alle spalle una bella famiglia. Ho conosciuto i Suoi meravigliosi genitori, con i quali ho avuto un interessante colloquio, di cui ho ancora memoria dopo anni, alla presentazione di un libro di Bachisio, all’Associazione Culturale Il Gremio nella quale il Presidente Antonio Maria Masia mi avrebbe voluto coinvolgere come consigliere (non sono sarda, ma pur sempre vicina di isola: metà del mio sangue è siculo normanno). E’ stata l’unica occasione nella quale ho intravisto Lei di persona, invece che sul piccolo schermo.

Per finire, il contrario di quanto mi è successo leggendoLa, mi è capitato con un altro giornalista: Gad Lerner.
Non condivido nulla di quello che pensa dice fa come giornalista. Non è affabile come persona a cominciare dal timbro della voce.
Ho letto il suo “Scintille” tutto d’un fiato, mi sono arricchita culturalmente, ho imparato conoscendo storie di un mondo a me ignoto, mi sono commossa (cum-movere). Gli ho voluto bene. E’ un testo di emozioni e sentimenti scritto dallo spazio e dal tempo dell’IO.

E’ proprio strana la vita, singolari le sensazioni che ciascuno di noi si crea con personalità note e con le quali non ha frequentazioni. Rapporti i più vari, silenziosi, che il più delle volte rimangono inevitabilmente nascosti, a volte imperscrutabili.
Questa un’occasione per renderli palesi e della quale, personalmente, La ringrazio.

Luciana Vasile

Martedì 20 settembre 2022 22:04:10

Continue interruzioni di applausi


Caro Floris, la trasmissione che conduci sarebbe molto più interessante e ascoltabile se non ci fossero continue interruzioni di applausi, non spontanei, fastidiosi ed inutili, che intervengano ad ogni battuta degli ospiti, rendendo l'ascolto insopportabile. PECCATO!

Sabato 27 agosto 2022 11:23:02

Il presidente ucraino è furbo come i politici italiani, è disposto a trattare con la russia solo quando questa si sarà ritirata da tutti i territori occupati. A quel punto cosa c, è da trattare.

Martedì 26 luglio 2022 20:14:22

La liderscip


Tutti i partiti cercano di fare alleanze nella speranza di vincere le elezioni, però litigano ancora prima di avere fatto l, accordo, perche ogniuno vuole essere il capo.

Mercoledì 18 maggio 2022 20:45:23

L'italia si vanta di essere uno dei sette paesi più industrializzati del mondo. Ma i nostri governanti non sanno che il mondo non è solo l'occidente, ma comprende anche l'Asia, l'Affrica, il sud America, quindi per fare un esempio, la cina da sola supera tutti quanti.

Venerdì 13 maggio 2022 14:56:03

Mi rivolgo ai dirigenti del PD


Mi rivolgo ai dirigenti del PD, e chiedo loro, per quale ragione un cittadino italiano deve votare PD, quando questo si è spostato più a destra della destra tradizionale. Scusatemi, ma se deve votare destra voto quella autentica.

Martedì 3 maggio 2022 22:14:22

Le sembra questa una trasmissione seria?


Caro Floris non si vergogna ad invitare un ospite, chiunque sia, e poi non permettergli di rispondere alle domande e quindi non poter esprimere il suo parere liberamente, nonché venire continuamente ridicolizzato dagli altri suoi ospiti che ridono ad ogni frase che pronuncia. Le sembra questa una trasmissione seria? Si parla di guerra e già questo e un motivo per cui nessuno dovrebbe ridere e prendere in giro gli altri, per non parlare degli applausi del pubblico in studio a comando. Io ho cambiato canale dopo 5 minuti e spero che la giornalista russa nel frattempo abbia lasciato il collegamento.

Martedì 26 aprile 2022 23:38:13

Floris sta perdendo la bussola


Devo constatare purtroppo che Giovanni Floris sta diventando sempre meno un conduttore televisivo obbiettivo e sempre piu' un propagandista. Nella puntata di Di Martedi di questa sera 26 Aprile 2022, a seguito di un intervento del giornalista Grimaldi, ho dovuto sentire Floris dire ai presenti che stavano applaudendo, "non applaudite, perche' di quello che ha appena detto Grimaldi non condivido nulla"!!! ??? Veramente Floris, decidi tu quando gli ospiti devono applaudire, a seconda che tu sia daccordo o meno con l'opinione espressa?

Mercoledì 30 marzo 2022 13:22:34

Perseverare è diabolico


Imperterrito LEI continua a commentare solo GLI ALTRI. LE chiedo ancora una volta. IL FATTO QUOTIDIANO ha scritto, nell'articolo che LE ho già segnalato, che il miglior amico di Putin, più di Berlusconi, è stato PRODI. LeI anche ieri sera RIPETUTAMENTE, MONOTONAMENTE. DIABOLICAMENTE ha continuato a parlare della maglietta di Salvini. e MAI della VALUTAZIONE CHE FA PRODI DI PUTIN. Con una differenza: I fatti, quelli concreti, vedono Salvini votare contro Putin le sanzioni, e NON VEDONO PRODI CORREGGERE GLI ELOGI FATTI A PUTIN. Ed allora è evidente che LEI fa solo propaganda, come a Mosca, e si aggiunge alla stampa ed alle TV di PARTE che vedono: Rai 1-Rai 2 e 3-, La SETTE e quasi tutti i Giornali Italiani SFACCIATAMENTE SCHIERATI A SX, In una proporzione BULGARA di 9 ad 1. VERGOGNA

Martedì 29 marzo 2022 23:18:43

Tutti con l'elmetto


Egregio Floris, mi vergogno per parte sua che, da sardo, abbia dimenticato come la nostra democrazia sia una parodia della stessa. La realtà è complessa e contradditoria. Avere la verità piegata in tasca, senza affondare nei gorghi della complessità e dei dubbi, della storia e delle storie, è squallido, è liberista, è epicamente demagogico. Putin è un autocrate illiberare e guerrafondaio, ma sorvolare sui presupposti di questa guerra è un arruolamento volontario al libero mercato, delle armi e delle idee. Le differenze sono il sale. Dell'aggressione all'iraq, basata su fandonie, non vi è rimasto niente, con le sue centinaia di migliaia di civili morti? Provi, come Francesco, a cambiare paradigma, ci vuole coraggio e onesta' intellettuale.

Commenti Facebook