Messaggi e commenti per Maurizio Landini - pagina 4

Messaggi presenti: 227

Lascia un messaggio o un commento per Maurizio Landini utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Venerdì 19 giugno 2020 12:15:12

Mi sto chiedendo chi è il responsabile all'interno della CGIL, di cui ho fatto parte in passato quando ero lavoratore dipendente per molti anni, per la gestione dei Caff nel Veneto. Mi sono basato su questa organizzazione sempre per tutte le mie esigenze di invalido civile, ma trovo che da un po' di tempo a questa parte la gestione dei Caff nella mia zona è causa di problemi e disguidi. Inoltre gli impiegati sono estremamente scortesi e trattano coloro che si rivolgono a loro in maniera inadeguata e burocratica. Un esempio? Ieri ho inviato al Caff di Bassano del Grappa la richiesta di un documento che loro hanno fatto. Mi è stato risposto oggi di prendere un appuntamento, cosa che non potrà avvenire entro giugno, scadenza del termine per le richieste di Reddito di Emergenza. Da più parti mi giungono informazioni di persone che hanno avuto problemi di questo tipo e che mi raccontano esperienze disarmanti per questo servizio che, essendo parte del progetto CGIL, dovrebbe essere più di ogni altro rivolto ai lavoratori ed ai più deboli. Grazie per l'attenzione Andrea Luigi Meneghini

Mercoledì 17 giugno 2020 14:41:12

Gentile Segretario, sono un iscritto spi e prima ancora alla filt cgil. Le scrivo in relazione alle notizie apparse sui giornali riguardo le riduzioni dei coefficienti per i futuri pensionati e addirittura sull' ipotesi di allungare l'età pensionabile. Caro Landini quando i nostri politici capiranno che la soluzione non è inasprire le regole per la pensione ma creare lavoro per avere gente che versa i contributi, ma soprattutto separare assistenza e previdenza, in modo che l'Inps eroghi le pensioni e tutto il resto sia competenza della fiscalità generale. Grazie per l'attenzione e buon lavoro. Mario Quaglio

Martedì 16 giugno 2020 18:09:25

Caro Maurizio! I nostri tre sindacati confederali sono nati anni fa in un clima politico e sindacale molto diverso da quello dell'immediato dopoguerra, che invece aveva richiesto una forte unità dei lavoratori ed un’unica confederazione. Ecco un pizzico di storia, che conosci meglio di me! Prima dell’avvento del fascismo esisteva la Confederazione Generale del Lavoro (CGdL), fondata a Milano nel lontano 1906. Che poi fu soppressa dal regime fascista, che dette vita alle cosiddette “corporazioni sindacali” che “dovevano contribuire al conseguimento prioritario dell’interesse nazionale”. Così si legge sui documenti istitutivi che seguirono agli “accordi” di Palazzo Vidoni del 1925. Le quali però, in regime di dittatura sostenevano di fatto gli interessi dei padroni. E non poteva essere diversamente.
In seguito, con la vittoria sul nazifascismo ed il ripristino della democrazia, con il Patto di Roma del 1944, i lavoratori italiani ridettero vita al loro sindacato e costituirono la CGIL, Confederazione Generale Italiana del Lavoro, guidata dal grande Giuseppe Di Vittorio. Con il correre degli anni, il clima politico di grande unità e collaborazione antifascista entrò in crisi. E l’unità confederale si ruppe. E nel 1950 dalla CGIL, considerata troppo vicina al PCI, uscì la corrente – diciamo così – vicina alla DC, e nacque la CISL; nello stesso anno uscì anche la corrente – diciamo così – vicina al Partito Socialista, e nacque l’UIL. Fatti che tu conosci meglio di me, ma…
Sappiamo che oggi l’orizzonte politico del nostro Paese è profondamente cambiato. DC, PCI e PSI, per non dire dei socialdemocratici, dei liberali, dei repubblicani, che tutti insieme, ai tempi della “Prima Repubblica”, davano luogo al cosiddetto esarcato, non esistono più. Com’è noto, oggi esistono il PD, la Lega, i Ciquestelle, Forza Italia, i Fratelli d’Italia e un Peppe Conte che, pur non eletto da nessuno e che non ha neanche un suo partito, come si suol dire, “comanda”. Una stranezza tipica dell’Italia di oggi? Senz’altro! E i partiti afferibili alle cosiddette grandi ideologie del secolo scorso non esistono più. Lontani anni luce, come i Guelfi e i Ghibellini! Come i patrioti delle Cinque Giornate di Milano e il feldmaresciallo Radetzky!
Ma oggi rilevo – e lo rilevi anche tu – che lo scenario politico che ha condotto alla rottura dell’unità sindacale è profondamente cambiato! Per cui, mi chiedo: stante la situazione socioeconomica del nostro Paese, a fronte del profondo disagio dei lavoratori e di tanti inoccupati e disoccupati, a fronte di un contesto internazionale assai complesso, non sarebbe opportuno che i tre sindacati ricostituissero la preziosa unità di un tempo? Oppure la cosa è resa difficile perché – come spesso accade in politica ed anche a volte nella politica sindacale – non è facile che tre “poltrone” possano dar luogo ad una sola? In effetti, chi dovrebbe rinunciare alla sua? Tu non credo! E forse neanche Annamaria Furlan e neppore Carmelo Barbagallo.
Eppure, sai meglio di me che mai come oggi, con questo capitalismo sempre più internazionalizzato, aggressivo e subdolo, i lavoratori necessitano di un sindacato forte. E non solo nel nostro Paese! Perché, come dice un vecchio proverbio, è l’unità che fa la forza. Ed una volta c’era pura la testata di un grande partito che ogni mattina ci ricordava la necessità dell’unione continua e attiva di tutti i lavoratori! Il quotidiano “l’Unità”, appunto, fondato nel lontano 1924 da Antonio Gramsci. L’unità! Oggi è solo un ricordo! Ma anche un auspicio!

Lunedì 15 giugno 2020 21:41:36

Buona sera, mi permetto di scriverle perché la reputo una delle poche persona capaci di apportare un cambiamento a questo paese in tema di lavoro subordinato.
La mia stima anche nei confronti del premier Giuseppe Conte che di trova a dover fronteggiare una delle più gravi crisi del dopoguerra.
Mi presento, mi chiamo Cesare e ho 48 anni, dipendente settore privato da oltre 25 anni. In questi anni ho vissuto in prima persona perdita di lavoro e conseguente difficoltà a ricollocarmi. Tra i tanti problemi incontrati anche quello di non aver spazio sufficiente anche perché occupato da pensionati/lavoratori.
È qui il mio suggerimento, il lavoratore giunto a pensione deve definitivamente lasciare il lavoro e fare spazio ai più giovani.
Parliamo di lavoratori e non soggetti apicali, uomini e donne che potrebbero trasmettere il loro sapere e la loro arte. Loro sono provvisti di paracadute economico, molti padri di famiglia no ! !
Con stima le porgo i miei saluti, se ne avesse tempo gradirei una vs riscontro.

Domenica 14 giugno 2020 11:40:18

EMENDAMENTI URGENTI ALL'ART. 103 DEL D. L. N. 34/2020 IN SEDE DI CONVERSIONE IN LEGGE. (EMERSIONE DI RAPPORTI DI LAVORO).
N. 1) Nel primo comma la regolarizzazione del lavoratore straniero è subordinata al pagamento di cinquecento euro da parte del datore di lavoro, il quale deve anche dimostrare un proprio adeguato reddito. Ma chi pagherà veramente questa somma? E quanti datori di lavoro dichiareranno il proprio reddito a questo scopo?
N. 2) Nel secondo comma è prevista una "sanatoria" personale (previo pagamento di 130 euro) unicamente per gli stranieri che abbiano un permesso di soggiorno
"scaduto dal 31 0ttobre 2019, non rinnovato o convertito in altro titolo di soggiorno". Che senso ha questa data? Restano fuori dall'emersione almeno il novanta per cento degli stranieri! E poi, perchè limitare la sanatoria a tre sole categorie (v. terzo comma n. 3) ed escludere l'edilizia, la ristorazione, il commercio e il lavoro autonomo?

Sabato 13 giugno 2020 22:44:02

Occorrono pensioni flessibili quota 100 non e poi cosi male sta aiutando molto un iscritto cgil

Sabato 13 giugno 2020 13:32:12

Le scrivo per manifestare la mia profonda frustrazione nel constatare che ad oggi i contratti Oss regione Veneto delle cooperative sociali sono i piú svalutati a livello nazionale. Nonostante abbia appreso che é stato firmato un preaccordo per parificare i contratti privati a quelli pubblici ho anche appreso che le coop. Non sono incluse. Solo il settore privato AIOS e istituti religiosi.
Perché noi delle cooperative non siamo forse un settore privato?
Noi siamo facilmente ricattabili e ci hanno diviso. Stipendi da fame e se fai un corso non sei nemmeno pagato.
Nessuno protesta per paura di essere escluso e nonostante facciamo lo stesso lavoro degli statali e molto spesso anche di piú perché dobbiamo sottostare ad orari impossibili nessuno ci aiuta. Nessuno si accorge di questa ingiustizia o fa finta di non vedere perché le coop. Fanno risparmiare soldi alle RSA. Perché ci hanno divisi in compartimenti stagni? Il nostro lavoro é importante fatto di responsabilità e supportato da un corso regionale pagato oltre 1500 euro.
Che razza di Eroi siamo se nessuno ci da ascolto? A noi basterebbe essere presi in considerazione come i nostri fratelli Statali! ! Lo so che bisognerebbe scendere in piazza ma gli Oss delle coop non lo faranno mai proprio per quella paura di essere buttati su una strada attraverso il mobbing. Non dite che non lo sapete.
Aiutateci ! Vi prego. Io sono una piccola voce di tanti di noi che hanno perso la speranza di una vera giustizia sociale.
Spero anche che dopo questo periodo pandemia il nostro lavoro sia riconosciuto per l'importanza che riveste.
Grazie.
Stefano Facco.

Sabato 13 giugno 2020 12:30:29

Carissimo,
Non so più cosa fare e chi rivolgermi ho mandato email all Inps ai Patronati senza risposte certe.
Sono andata in pensione il 1 Maggio non ho ancora ricevuto la pensione.
Mi sono separata da mio marito vivo da sola non ho più un euro per pagare l affitto e quello che ne consegue
LA PREGO MI AIUTI LEI SONO SEMPRE STATA ISCRITTA AL SINDACATO MA ADESSO CHE JO BISOGNO DI AIUTO NESSUNO MI DA RISPOSTE.
Mi chiamo ROSA ATTANÀ NATA IL 22 GENNAIO 1954..
L unica speranza è lei per ricevere la pensione che mi spetta è Lei.
La liquidazione mi arriverà tra 2 anni perché sono un dipendente pubblico.
Grazie un caro saluto
Rosa

Martedì 9 giugno 2020 10:04:55

Ho trovato questo appunto scritto non so dire quando e mi sembra il caso di parlarne a proposito della burocrazia che non dovrebbe essere eliminata, ma rigenerata per renderla funzionale a far funzionare la società.

Spunti per idee

A) In una biblioteca vaticana chips per reperire manoscritti. Perché non si fa la stessa cosa per reperire più facilmente le cartelle dei processi nei tribunali? Gli impiegati potrebbero man mano che si presenta l’eventualità di prendere una cartella che non ha ancora inserito il meccanismo di ricerca cogliere l’occasione per inserirlo nella stessa e rendere così le volte successive automatico il reperimento.
B) Regolamentare i “call center” obbligando gli operatori degli stessi a:
1) gestire il contatto con gli utenti in modo coerente e cioè con l’obbligo di tener presenti nei colloqui che si succedono tutti i contatti che l’interlocutore ha avuto in precedenza per il problema del quale ha inteso chiedere spiegazioni.
2) informare gli uffici competenti in modo che gli stessi non appaiano slegati da quanto l’operatore ha comunicato e non possano prendere decisioni in modo completamente diverso e senza alcun preavviso di modifica dell’informazione trasmessa in precedenza, ritenendo che la stessa non sia stata mai data.
C) Tutti i politici affermano che la priorità delle azioni da espletare per migliorare le condizioni della società siano rilanciare lo sviluppo e l’occupazione. Secondo me qualsiasi cosa venga fatta deve rispondere prima di tutto ad un’esigenza fondamentale e cioè: promuovere la maggiore giustizia sociale possibile.
D) Aggiungo oggi questa nuova considerazione. Anche il Sindaco di Bergamo Gori si inventò qualcosa del genere per l’amministrazione del comune; la bacheca delle idee; peccato che non ha funzionato nel caso dell’epidemia. Forse il difetto è stato di non essere riuscito ad allargarlo a tutta la cittadinanza; infatti, il caso del morbo investiva tutta la cittadinanza fra i quali i più interessati, quelli che meglio gli avrebbero potuto dare consigli se interpellati, sarebbero stati proprio i cittadini contaminati.

Venerdì 5 giugno 2020 20:22:24

Ci siamo. arriva dl rilancio.
Mio marito stagionale villaggio vacanze si e 'visto rigettare domanda inps x bonus 600 euro xche codice ateco azienda datore lavoro aveva codice ateco non turismo.
Spero solo visto che ora si e' allargata platea a tutti stagionali che inps non rigetti istanza bonus che abbiamo ripresentato xche' considera il contratto estivo di 6 mesi non come stagionale ma cone contratto a tempo determinato.
sarebbe una barzeletta da far piangere pero'. risultato io sono cassa integrata covid 19. Mio marito senza reddito e gli aiuti (buoni pasto li danno a chi ha reddito zero cioe' lavoratori in nero ed extracomunitari. Ma io dico in che paese viviamo?

Commenti Facebook