Messaggi e commenti per Maurizio Landini - pagina 7

Messaggi presenti: 640

Lascia un messaggio o un commento per Maurizio Landini utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Maurizio Landini

Nota bene
Biografieonline non ha contatti diretti con Maurizio Landini. Tuttavia pubblicando il messaggio come commento al testo biografico, c'è la possibilità che giunga a destinazione, magari riportato da qualche persona dello staff di Maurizio Landini.

Giovedì 21 ottobre 2021 10:28:49

Proroga opzione donna 2022


Buongiorno segretario,
In questi giorni seguo con apprensione la questione delle pensioni e leggo su diversi blog e quotidiani online che la proposta più probabile di quota 102 dovrebbe affossare la possibilità di accedere alla pensione anticipata da parte di noi donne del 1963, parlo nello specifico di opzione donna. Mi auguro di cuore che il sindacato, TUTTO, si opponga fermamente a questa che ritengo una gravissima mancanza di attenzione nei confronti delle donne. Dopo aver lavorato e contemporaneamente aver svolto in toto i lavori di cura per crescere i figli, seguire i genitori e aver dato un grandissimo contributo al welfare di questa nazione, ci vediamo sottrarre la possibilità di un'uscita anticipata, oltre tutto come ben sa, altamente penalizzante. La prego di portare le nostre istanze al governo e di non cedere di fronte a questa che a mio avviso sarebbe un'ulteriore ingiustizia perpetrata nei nostri confronti. Si fa tanto parlare di donne, lavoro, salari inferiori a quelli percepiti dai maschi, lavoro di cura che andrebbe riconosciuto e nel momento in cui si può fare qualcosa per riequilibrare un pochino la situazione ci vediamo sfumare quella che per tante di noi è una possibilità ma spesso una scelta obbligata per via dei posti di lavoro persi, anche a causa della pandemia che ancora una volta ha penalizzato maggiormente il genere femminile.
Mi auguro che sarete dalla nostra parte e darete voce alle istanze di migliaia di donne che uscendo dal mondo del lavoro anticipatamente daranno comunque sempre un grande contributo alla società aiutando i figli e i nipoti come hanno sempre fatto.
Buona giornata
Enrica

Giovedì 21 ottobre 2021 10:16:13

Opzione Donna 2022


Gent. mo Segretario Landini
sono molto sconcertata e rattristata per la decisione del Governo di non inserire nella Legge di Bilancio 2022 la forma di pensionamento anticipato Opzione Donna. Ritengo che sia un'importante opportunità per noi donne che tra l'altro accettiamo un taglio anche pesante della pensione che è calcolata interamente col sistema contributivo. Spero che Lei posso intervenire per tempo per evitare che venga esclusa dalla Legge di Bilancio anche in ossequio al principio di riservare maggior tutela previdenziale alle lavoratrici nel nostro Paese.
Grazie e con tutta la mia stima Le giungano i miei più cordiali saluti
Simonetta Gardin

Giovedì 21 ottobre 2021 00:34:46

Cara Maura ti sbagli... non hai buona cultura scientifica


Cara Maura Scrivi a Landini: [[ Non sono d'accordo con il Greenpass per poter lavorare e guadagnarsi da vivere. Si sa che anche i vaccinati possono infettarsi e infettare, i non vaccinati non sono fuorilegge, pagare i tamponi per lavorare è fuori da ogni principio democratico]]... questo ragionamento semplifica troppo l'azione del vaccino Mrna e porta a conclusioni errate... I vaccinati possono infettarsi e infettare ma lo fanno in misura molto molto inferiore ai non vaccinati e questo aspetto fa la DIFFERENZA... NON SI PUO IGNORARE CHI SOSTIENE CHE [[LAVorare con o senza green paas è la stessa cosa]] è un IGNORANTONE come il terrapiattista... E' come affermare che il guidatore di un auto che abbia la patent o meno è la stessa cosa. NON si può barare con la scienza dovrebbe vergognarsi di quello che scrive perché semina il falso in tema sicurezza sul lavoro.. Se tutti sono vaccinati il rischio di infezione è molto molto inferiore. perché la carica virale complessiva tra vaccinati è altamente ridotta dagli anticorpi e antigeni virali prodotti dall'azione vaccinale...

Giovedì 21 ottobre 2021 00:05:17

Delocalizzazione progettazione auto Torino


Buonasera Sig. Landini
La sto seguendo nel suo intervento a Porta a Porta. Ha detto giustamente che la gente non è è andata a votare perché non si sente rappresentata dalla politica.
Restando sul tema di non essere rappresentati, le porto all'attenzione che è in atto da parte di Stellantis la disgregazione della progettazione auto Italiana (interna ed esterna a Stellantis) a favore di quella Francese e dei paesi dove il costo del lavoro è bassissimo.
Altro punto collegato: molti Progettisti hanno dai 50 anni in su.
Non ci sono politiche di riconversione per loro.
Penso che non ci sia stata grande attenzione e non ci sia stato un portare all'attenzione del governo e del pubblico, della questione, da parte del sindacato.
Le faccio presente che molti over 50 hanno famiglia ed hanno bisogno almeno di riconvertirsi. Quindi, se me lo consente, visto che gli over 50 sono lontani dal discorso delle pensioni, la invito a puntare verso il sostegno economico per un tempo che consenta la riconversione al lavoro e non alla cassa integrazione ad oltranza per realtà che manifestamente vanno a morire.
Grazie

Mercoledì 20 ottobre 2021 23:15:54

Invito alla riflessione sul Greenpass per poter lavorare


Caro Maurizio, chi ti svrive è una pensionata iscritta alla Cgil da 60 anni. Non sono d'accordo con il Greenpass per poter lavorare e guadagnarsi da vivere. Si sa che anche i vaccinati possono infettarsi e infettare, i non vaccinati non sono fuorilegge, pagare i tamponi per lavorare è fuori da ogni principio democratico, i vaccini sono pagati dallo Stato che siamo Noi per cui chi non è vaccinato ha pagato il vaccino a chi lo vuole fare per cui i tamponi devono essere pagati dallo Stato che siamo sempre noi. !
Sono stata delegata sindacale e se lo fossi mi batterei contro la scelta del pass per chi lavora. Per i pensionati non vaccinati legalmente idem. Per i ricchi 15 euro non sono un problema.
Ascoltate la gente, a parte pochi esaltati la maggioranza che non si vaccina non è delinquente o egoista crede di avere il diritto di non farlo per legge dello Stato.
Con stima verso la Cgil e versi di te, cordialmente saluto.

Mercoledì 20 ottobre 2021 22:11:45

Quota 104


Buonasera !
Sono iscritto alla CGIL da 40 anni e purtroppo sono pronto a disdire la tessera, qualora non ci si mobiliti ad oltranza, contro la vergognosa quota 102 inserita nelle legge di bilancio ! E' una VERGOGNA consentire di innalzare di altri 2 anni (rispetto a quota 100) l'età anagrafica per accedere alla pensione !!! Tanti, come il sottoscritto, sono molto indignati dal silenzio sindacale di fronte a questa ingiustizia !!! Il sottoscritto, come tanti altri, nel 2022, precisamente a marzo (sempre se campo...) compirà 62 anni con ben 42 anni di contributi, dunque ha maturato quota 104 ! Nonostante cio', si vede negato il sacrosanto diritto di accedere alla pensione !!! Ma vi rendete conto ??? E' ora e tempo di insorgere contro questa ingiustizia, soprattutto dopo tante chiacchiere di sostegno alla quota 41 (senza limiti anafrafici) o perlomeno potere andare in pensione a 62 anni con almeno 40 di contributi !!! Invece no !!! Il banchiere strozzino con tutta la sua maggioranza vezzeggiata da personaggi indicibili come la Fornero e Giuliano Cazzola, sostengono quota 102 ponendo il vergognoso paletto anagrafico di 64 anni di età !!! ALZIAMO LA TESTA ALMENO UNA VOLTA !!!

Mercoledì 20 ottobre 2021 17:54:38

Ma dove siete???. .. per le manifestazioni inutili siete sempre in prima fila, per la gente (PENSIONI-LAVORO) dove siete??? Avete dato a DRAGHI una autostrada su TUTTO!!!

Mercoledì 20 ottobre 2021 11:29:20

Non vi e' scalone per i nati nel 1960 con proposta Franco


Egr. Segretario, la proposta indecente del ministro Daniele Franco: in pensione nel 2022 a 64 anni e 38 contributi (quota 102) e nel 2023 in pensione a 65 anni e 39 di contributi (quota 106) e successivamente aumentando gli anni.
Per i nati nel 1960 allora non vi sarà alcun scalone!!! Fate i calcoli...

I nati nel 1960 compiono 62 anni e 38 di contributi nel 2022 (quota 100 non verrà applicata poichè scadrà 31/12/2021 e non verrebbe applicata la quota 102 perchè avranno 62 anni e non 64;
Gli stessi nel 2023 compierebbero 63 anni e 38 anni di contributi (non verrebbe applicata la quota 102 (64 anni) e nemmeno la quota 104 (65-66 anni di età e 38-39 di contributi perchè avranno 63 anni e e via via così si arriverebbe a 67 anni di età con la vecchiaia senza poter andare prima in pensione con la predetta riforma.

Orbene. lo SCALONE per i nati nel 1960 non c'è. e nessuno se ne è accorto. Per chi è nato a gennaio 1960 per pochi giorni si vedrebbe aumentare l'età pensionistica di 5 anni. Fate i calcoli.
Peggio della Fornero. E il ministro del lavoro cosa fa?
Non è democrazia.

Mercoledì 20 ottobre 2021 10:50:13

Modifica normativa pensioni


Vorrei proporre una soluzione di facile attuazione per risolvere almeno parzialmente e in modo secondo me abbastanza equo il problema del diritto alla meritata pensione. Partendo dal presupposto che la pensione serve a garantire una vita dignitosa a quelle persone che avendo raggiunto una certa età (o nel caso di impedimenti fisici) non sono più in grado di svolgere il proprio lavoro con la massima produttività anche perchè viviamo in un epoco di veloci cambiamenti tecnologici e le generazioni più avanti con gli anni fanno fatica a stare al passo con l'evoluzione digitale e tecnologica nel mondo del lavoro. Questa evoluzione porta anche ad una riduzione della disponibilità di posti di lavoro nonostante la creazione di nuovi lavori. Il lavoro che un volta era svolto da 10 persone oggi magari basta una persona che controlla una macchina per svolgerlo e lo stesso vale per i cosiddetti lavori concettuali. Ora in questa situazione mi sembra assurdo tenere in servizio persone fino a quasi 70 anni mentre i giovani, anche molto qualificati, faticano a trovare spazio per entrare nel modo del lavoro. Nella mia carriera professionale ho visto passare molte riforme pensionistiche che hanno ingenerato anche molta confusione fra i lavoratori. Avendo letto della proposta avanzata dei sindacati e avendo visto le proposte che attualmente girano sui mezzi di comunicazione mi permetto di suggerire questa soluzione che deriva anche dalla mia esperienza lavorativa nel settore:
Collocamento a riposo flessibile a partire dai 63 anni di età (età attualmente prevista per l'APE SOCIALE) con un minimo di 20 anni di contributi e con una penalizzazione sulla sola QUOTA RETRIBUTIVA della pensione che potrebbe essere quantificata in una percentuale che va dall' 1% all 1, 5 % per ogni anno che manca al raggiungimento dei 67 anni di età (requisito pensione di vecchiaia). La quota contributiva non può essere penalizzata in quanto è già calcolata in rapporto all'età con cui una persona va in pensione e quindi prima vado e più basso è il coefficente di di trasformazione del montante che sarà anch'esso più basso non continuando a versare ulteriori contributi. Ciò permetterebbe un uscita flessibile dal lavoro su base volontaria senza scaloni che per un giorno di differenza fanno lavorare una persona fino a 5 anni di più. I requisiti potrebbero poi essere soggetti a revisione sulla base dell'andamento dell'aspettativa di vita ma su periodi abbastanza lunghi (ogni 5 anni) per dare modo ai lavoratori di programmare la propria vita sia lavorativa che come pensionati. Non mi dilungo oltre. Spero che questi spunti possano essere utili. Con stima.

Mercoledì 20 ottobre 2021 10:07:10

Macelleria sociale sulle pensioni


Buongiorno sig. Landini
sono veramente deluso dalle ultime proposte del governo sulle pensioni. Ma soprattutto sono delusissimo dal silenzio assordante dei sindacati sull'argomento. Sono mesi che questo governo vi prende in giro, non vi riceve e non vi ascolta. Non dico di fare come in Francia dove hanno bloccato il paese ma almeno mobilitarsi, organizzare manifestazioni di protesta e perchè no anche scioperi se necessario.
Le vostre proposte di 41 anni e 62 anni per tutti non verranno mai prese seriamente in considerazione purtroppo..
Mi permetto di dare dei suggerimenti che a mio avviso sarebbero molto utili:
- Se non riusciamo ad ottenere 41 anni per tutti alla peggio anche 42 anni sarebbe meglio di niente
- 62 anni per tutti anche eventualmente con piccola penalizzazione di 1-2 % per ogni anno mancante non solo alla pensione di vecchiaia ma anche a quella anticipata
- Possibilità di riscattare i buchi contributivi anche ANTE 96. Perchè viene negata questa opzione? basterebbe considerare questi riscatti come contribuitivi e non retributivi ed il problema sarebbe risolto. Se poi i riscatti fossero agevolati ancora meglio.
- Sgravi fiscali importanti per le aziende che faranno esodi incentivati per i dipendenti.
Ci sarebbero molte atre cosa da fare ma voi dove siete?
Sto pensando di stracciare la mia tessera sindacale, ma voglio aspettare ancora un po' nella speranza di un vostro improbabile risveglio
Cordiali saluti

Commenti Facebook